Moldavia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera moldava

Citazioni sulla Moldavia e sui moldavi.

Citazioni[modifica]

  • La Moldova attuale è oltremodo incerta, nel suo complesso, e striata da numerose linee di faglia molto mobili, cioè cangianti a seconda delle pressioni e delle promesse. Oltre al fatto che ai suoi confini orientali esiste lo Stato indipendente dell'"Oltre Dnestr", paese non riconosciuto in Europa e nel mondo, ma che parla la stessa lingua della Moldova, che è "quasi russo", dal quale si è diviso dopo una violentissima guerra quasi fratricida al momento del crollo dell'Unione Sovietica. (Giulietto Chiesa)
  • La Moldavia non è una fase né un progetto temporaneo, è uno Stato. A prescindere dall'identità russa, romena, gagauz, ucraina o bulgara, siamo tutti moldavi e questo è il cammino verso l'Unione europea. (Marian Lupu)
  • Per sottrarre la Bessarabia ai romeni, Stalin inventò una repubblica moldava. Promosse, come fece Tito con la Macedonia, il dialetto locale a lingua scritta, esaltò la diversità fra Bucarest e Kišinev diventata capitale.
    La differenza sta in questo: scomparsa l'Urss naturalmente si ricompongono i legami con Bucarest e l'unificazione è solo una questione di tempo. (Demetrio Volcic)
  • Tutti i gruppi nazionali soffrivano [sotto lo Stalinismo], ma alcuni soffrivano più degli altri. Le culture di Estonia, Lettonia e Lituania - che erano state solo recentemente riconquistate - vennero distrutte. Lo stesso accadde ai moldavi di lingua rumena; nel loro caso, persino la lingua venne fatta a pezzi: dapprima fu fornita di un alfabeto cirillico poi il suo vocabolario dovette prendere a prestito parole russe, in modo da distinguerlo fortemente da quello rumeno. (Robert Service)

Igor Dodon[modifica]

  • È evidente che quando grandi forze si scontrano tra di loro, anche se lo fanno mediante sanzioni economiche, o di altro genere, i paesi minori come la Moldova di regola subiscono dei danni. I grandi litigano, i piccoli pagano.
  • La società moldava è divisa: una metà circa vuole restare vicina alla Russia; l'altra metà vuole andare nell'Unione Europea.
  • Penso che la Moldova potrà esistere come Stato solo se manterrà buoni rapporti sia con l'Occidente che con l'Oriente. Ogni tentativo di dividerci in due parti rischia di produrre una destabilizzazione, nella quale sarà impossibile trovare un linguaggio comune e la strada per andare avanti.

Maia Sandu[modifica]

  • Fin dall'indipendenza, il più grande problema del paese è dato dalla debolezza delle istituzioni. I governi sono stati quasi sempre composti da persone che avevano anche un grande potere economico.
  • La Moldova sta affrontando una seria pressione demografica. Molti cittadini giovani e istruiti stanno lasciando il Paese in cerca di una vita migliore all'estero. Questi elettori sono la principale forza che spinge al cambiamento ma la loro voce sta diminuendo, poiché nello specifico il governo ha preso parte attiva per tacitare il voto degli emigrati, sapendo che la stragrande maggioranza di quelli che hanno lasciato il paese voterebbero contro il governo.
  • Vorremmo che la Moldavia diventasse un partner stabile dell'Unione europea. Cosi, quando verremo a bussare alla porta dell'UE per aderirvi, saremo sicuri di farcela.

Nicolae Timofti[modifica]

  • I Cittadini moldavi preferiscono l'integrazione nell'UE, piuttosto che rimanere nella sfera dell'influenza russa.
  • La fortuna della Repubblica Moldova è che accanto c'è sempre la Romania, il Paese-membro dell'UE, che ogni giorno si sta affermando come un supporto importante per la stabilità e la sicurezza nella regione. La Romania ha sempre ed incondizionatamente sostenuto la Moldova nella sua ricerca di modernizzazione e integrazione europea.
  • Non possiamo negare la realtà in Moldavia. Siamo una parte di un territorio con predominio russo. [...] Ma noi siamo un paese europeo e la nostra gente ha aspirazioni europee.

Altri progetti[modifica]