Pregiudizio

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sui pregiudizi.

  • Cacciate i pregiudizi dalla porta, rientreranno dalla finestra. (Federico il Grande)
  • Essere prevenuti è un atteggiamento che mi sento di consigliare a tutti, si risparmia un sacco di tempo. Io lo sono stato e lo sono tuttora, con risultati davvero soddisfacenti. [...] Perché perdere tempo a cercare di comprendere una persona, quando ti dà immediatamente, chiara e splendente, la sensazione di essere un cretino? Con ogni probabilità lo è davvero. Di esseri umani da conoscere e di pietanze da mangiare ce n'è a bizzeffe, non è il caso di sprecare energie con tutto ciò che, al primo impatto, non ci ha fatto una buona impressione. (Marco Presta)
  • I pregiudizi han più sugo, talvolta, dei giudizi. (Gesualdo Bufalino)
  • Il Pregiudizio è una malattia. Così come la moda. Ma non voglio indossare pregiudizi. (Lady Gaga)
  • Il pregiudizio può essere iniquo, ma risponde a una necessità di difesa. (Riccardo Bacchelli)
  • Il pregiudizio si vince con le idee. (Arrigo Sacchi)
  • Il pregiudizio ti sballa più degli acidi che assumi. (Caparezza)
  • La mia anima è sopra il pregiudizio: non credo di averne. (Klemens von Metternich)
  • Mi considererei il più fortunato dei mortali se riuscissi a guarire gli uomini dai loro pregiudizi. Pregiudizio io chiamo non già il fatto di ignorare certe cose, ma di ignorare se stessi. (Montesquieu)
  • Per conquistare la Terra non sono necessarie armi come le bombe o il raggio della morte. Le armi possono anche essere pensieri, atteggiamenti, pregiudizi che si trovano nella mente degli uomini. I pregiudizi possono uccidere. Il sospetto può distruggere. La ricerca insensata di un capro espiatorio può travolgere come una catastrofe adulti, bambini e anche bambini non ancora nati. L'aspetto terribile di tutto ciò è che queste cose non accadono solo ai confini della realtà. (Ai confini della realtà (serie televisiva 1959), prima stagione)
  • Ritenere di non avere pregiudizi è il più comune dei pregiudizi. (Nicolás Gómez Dávila)
  • Uno scrittore è un uomo che con una musica gentile si tira vicino un lettore poi gli appiccica una frustata in faccia e questa frustata è salutare perché o fracassa una menzogna convenzionale o schianta in due un pregiudizio... (Mario Mariani)

Altri progetti[modifica]