Proverbi napoletani

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Indice
0-9 · A · B · C · D · E · F · G · H · I · J · K · L · M · N · O · P · Q · R · S · T · U · V · W · X · Y · Z · ?
Citazioni sui proverbi napoletani · Note · Bibliografia · Voci correlate
Costumi del Reame di Napoli, stampa di Bartolomeo Pinelli

Raccolta di proverbi napoletani.

A[modifica]

  • Ad arvolo caduto, accetta, accetta.[1]
Ad albero caduto, accetta, accetta.
Tutti infieriscono su chi è caduto in disgrazia.
  • Â altare sgarrupato nun s'appicciano cannele.
Ad altare diroccato non si accendono candele.[2]
  • 'A bizzoca è diavulo senza fuoco.[3]
La bigotta è diavolo senza fuoco.
  • A casa d''o 'mpiso nun parlà 'e corda.[4]
A casa dell'impiccato non parlare di corda.
A cavallo magro Dio manda mosche.
Le disgrazie si sommano alle disgrazie.
  • A chi pazzèa cu' 'o ciuccio nun le mancano 'e càuce.[5]
A chi gioca con l'asino non gli mancano i calci.
  • A ccuóppo cupo poco pepe cape.[6]
In un cartoccio stretto entra poco pepe.[7]
È fatica e tempo sprecato farsi capire dagli stupidi.
Contro la stupidità gli stessi dei lottano invano. (Friedrich Schiller)
  • «Acquajuo', ll'acqua è fresca?» «Manc' 'a neve!»[8]
«Acquaiolo, l'acqua è fresca?» «Neppure la neve (lo è altrettanto)!»
Come chiedere all'oste se il suo vino è buono.
  • Add'amice e add' ‘e pariente nun ce' accatta' e nun ce vennere niente.[9]
Da amici e da parenti non comprare e non vendere niente.
  • Addo' i' metto 'a prora, llà n'jèsce 'o viento [10]
Dove io drizzo la prua, di la esce il vento.[11]
Non me ne va bene una.
Proverbio di Sorrento.[12]
  • 'A fatìca d'a fémmena s'a màgna 'o ciùccio.[13]
Il lavoro della donna se lo mangia l'asino.
  • 'A femmena bona, si tentata, resta onesta, nun è stata bona tentata.[14]
Se una brava donna resta tale pur se tentata, allora non è stata ben tentata.
  • 'A femmena ciarliera è 'na mala mugliera.[14]
La donna chiacchierona è una cattiva moglie.
  • 'A femmena comme nasce accussì pasce.[14]
La donna come nasce così vive.
  • 'A femmena è 'a canzone d' 'a casa.[15]
La donna è la canzone della casa.
  • 'A femmena è cumme 'a campana: si nun 'a scutuleie nun sona.[16]
La donna è come la campana: se non la scuoti non suona.
  • 'A femmena è comm' 'o mastrillo[17] aparato.[18]
La donna è come la trappola pronta per essere impiegata (innescata).
  • 'A femmena è comme 'o tiempo 'e marzo: mò t'alliscia e mò te lascia.[16]
La donna è come il tempo di marzo: ora ti accarezza ora ti lascia.
  • 'A femmena nun se sposa 'o ciuccio pecché le stracce 'e lenzòle.[16]
La donna non sposa l'asino perché le strapperebbe le lenzuola.
  • 'A femmena senza pietto è 'nu stipo senza piatte.[16]
Una donna senza seno è come una credenza senza piatti.
  • 'A femmena tène 'e malizie 'nfilate a ciento comme granatelle p' 'ogne capillo d' 'a capa.[19]
La donna ha malizie infilate a cento come granati per ogni capello della testa.
  • 'A fissazióne è pèggio d'a malatìa.
La fissazione è peggio della malattia.[20]
  • 'A gatta d' 'e tittole, fotte e chiagne[21].[22]
La gatta dei tetti, fa l'amore e, poi, piange.
Ostentare in modo ipocrita miserie, difficoltà per ottenere vantaggi.
  • Allonga la via, e va a la casa.[1]
Allunga la strada e vai a casa.
Sii innanzitutto prudente.
  • A lo besuogno se canoscene l'ammice.[23][24]
Nel bisogno si conoscono gli amici.'
  • Ama l'amico co lo vizio sujo.[23]
Ama l'amico con i suoi difetti.
  • Amice e vino hann' ‘a essere viecchie.[23]
Amici e vino devono essere vecchi.
Devono essere provati col tempo.
  • Amico pruvato vale cchiù ‘e ‘nu parentato.[25]
Amico provato vale più di un parente.
  • Ammico mio cortese, comme aje le ntrate, accossì fa le spese.[1]
Amico mio cortese, come hai (sono le tue) le entrate, così (in proporzione) fai le spese.
  • 'A mugliera è cunfessore 'e notte.[26]
    La moglie è il confessore di notte.
Come il sacerdote, la persona con cui potersi confidare certi della sua lealtà.
  • A ‘o mumento d' ‘o besuogno ‘e meglio amice so' ‘e denare.[9]
Nel momento del bisogno i migliori amici sono i soldi.
  • 'A pànza è de pellécchia, cchiù ce miétte e cchiù se stennécchia.[27]
Lo stomaco è molto elastico: più lo riempi e più si dilata.
  • A sante viecchie nun s'appicciano cchiù lampe.[28]
A santi vecchi non si accendono più lampade.
Chi da giovane era rispettato perché potente e influente da vecchio – divenuto inutile – verrà trascurato.
  • Amice 'a luntano se vasano 'e mane.[9]
Amici da lontano si baciano le mani.
La vicinanza può essere causa di contrasti.[29]
  • Amico trase e penza ca cca' nun se fa credenza, ‘a facette na' vota, perdette l'amico e nun fuie pavate.[9]
Amico, entra e considera che qui non si fa credito, lo feci una volta, persi l'amico e non fui pagato.
  • Ammore 'e mamma nun te 'nganna.[30]
L'amore di una madre non può ingannare.
Amore e rogna non si possono nascondere.
  • Ammore de patrone e vino 'e fiasco a sera so' buono e 'a matina so' sciacqua.[30]
L'amore del padrone e il vino del fiasco: la sera sono buoni e la mattina sono guasti.
  • Ammore nun vo' bellezza, appetito nun vo' sauze, l'accattare nun vo' amicizia.[9]
L'amore non vuole bellezza, l'appetito non vuole salse, il comprare non vuole amicizia.
Il vero amore prescinde anche dalla bellezza, l'appetito non richiede salse o condimenti sofisticati, il comprare non è compatibile con un rapporto di amicizia.[31]
  • Aùrie sènza canìsto, fà abberé ca nun l'é vìste.[32]
Auguri senza canestro, fingi di non averli visti.
Un augurio non accompagnato da un regalo va ignorato.

B[modifica]

  • Bizzoche e spingule 'nganna: marito quanno, marito quanno?[33]
Bigotte e "spille alla gola" (inaccessibili, di austeri, severi costumi): quando, quando il marito?
Possono far credere come vogliono di pensare solo a Dio e all'anima! Anche le donne che affettano il più assoluto disinteresse per gli uomini, non pensano ad altro che a trovar marito.
  • Bona maretata, né socra né cainata.[34]
Per un buon matrimonio, né suocera né cognata.
  • Buono è l'amico, caro è 'o parente, ma povera 'a sacca toja si nun c'è stace . niente.[35]
Buono è l'amico, caro è il parente, ma povera la tua tasca se non c'è niente.
È giusto voler bene ad amici e parenti, ma attenti a non rovinarsi per loro.
  • Buono sì, ma fesso no.[35]
Sono buono, non però sprovveduto.
Ho capito chiaramente che mi si vuole imbrogliare.
  • Buonu tiempo e malu tiempo nun durano tutto 'o tiempo.[35]
Buon tempo e cattivo tempo non durano tutto il tempo.
Nulla dura per sempre, tutto passa, le buone come le cattive cose.

C[modifica]

  • Carcere e malatie, se vede ‘o core ‘e ‘ll'amice. [9]
Carcere e malattie, (è lì che) si vede il cuore degli amici.
  • С'o vino рurе 'o saputo addiventa animale.[36]
Col vino anche una persona colta diventa un animale.
  • Càrte e ddònne fànno chéllo che vvònno.[37]
Carte e donne fanno quello che vogliono.
  • Chella ca l'aiza 'na vota l'aiza sempe.[38]
La donna che l'ha fatto una volta, lo farà sempre.
  • Chi chiagne fotte a chi rire.[39]
Chi piange "la spunta" su chi ride.
Ottiene molto di più chi si lamenta continuamente di chi si accontenta.
  • Chi fa 'nu bene pe' ricavarne male, è peggio 'e n'animale.[40]
Chi fa una buona azione pur sapendo che ne otterrà del male, è peggio di un animale.
  • Chi mosta, gosta; e chi vede schiatta.[41]
Chi ostenta, gode; e chi vede crepa.
Contro gli invidiosi.
  • Chi non mette esca a ll'ammo, non piglia maje pesce.[42]
Chi non mette esca all'amo, non prende mai pesce.
Se non porgi sotto mano, Ottener pretendi invano.[43]
  • Chi se cocca cu' 'e criature se sose 'nfuso.[44]
Chi dorme coi bambini si risveglia bagnato.
L'amaro risveglio di chi ha dato fiducia a chi non lo merita.
  • Chi se cunfida cu' ‘n'amico se trova cu' nu nemico.[23]
Chi si confida con un amico si ritrova con un nemico.
L'amico che conosce i nostri più intimi segreti potrebbe proprio per questo trasformarsi nel più temibile nemico se l'amicizia finisce.
  • Chi t'è amico te parla ‘nfaccia, chi no te parla arreto.[23]
Chi ti è amico ti parla in faccia (apertamente), chi no ti parla (parla di te) indietro (alle spalle)
  • Chisto è 'o munno: chi naveca e chi va a funno.[45]
Questo è il mondo: chi naviga e chi va a fondo.
  • Chi tròppo vo' magnà s'affòca.[46]
Chi è troppo avido nel mangiare si strozza.
  • Co lo tiempo e co la paglia s'ammaturano le nnespola.[47]
Con il tempo e con la paglia si maturano le nespole.
Dar tempo al tempo, Aver pazienza, Attendere, per veder cosa perfetta.[43]
  • Cunvegno 'e volpe, ramaggio 'e galline.[5]
Convegno di volpi, disgrazia di galline.

D[modifica]

  • Designo de poverommo maje non riesce.[48]
Il progetto del poveruomo non va mai a buon fine.
  • Dice 'o tiempo all'uommene: tengo fretta, me ne vaco.[49] [wellerismo]
Il tempo dice agli uomini: ho fretta, me ne vado.
Il tempo passa via rapido senza curarsi di noi, senza aspettarci.
  • Dicette 'a monaca 'e Sant'Anna: 'a copp' 'e panne nun fa danno. Ricette 'a monaca 'e Santa Rosa: 'a sott' 'e panne fa quaccòsa![50] [wellerismo]
Disse la suora di Sant'Anna: sopra le vesti non fa danno. Disse (rispose) la monaca di Santa Rosa: sotto le vesti fa qualcosa!
Immaginaria disputa fra due religiose sulla liceità e sull'efficacia della... "manomorta".
  • Dicette 'o pappavallo: chi vo' campà felice vere 'o stuorto e nun adda ricere.[51] [wellerismo]
Disse il pappagallo: chi vuole vivere felice vede ciò che va male e non lo deve dire.
Meglio far finta di non accorgersi di quello che non va se si vuol vivere felici.
  • Dicette 'o scarrafone: po chiovere 'nostra: chiù niro 'e chello ca songo nun pozzo addiventà.[51] [wellerismo]
Disse lo scarafaggio: può anche piovere inchiostro: più nero di quello che sono non posso diventare.
Le cose non possono andar peggio di così.
  • Dicette 'u riccio 'a serpa doppo ch'era trasuto dint' 'u nido: mo ca staje astrinto, jesce fora.[52] [wellerismo]
Disse il riccio al serpente dopo che era entrato nel suo covo: ora che stai stretto, esci fuori.
Meglio non fidarsi di chi ci spinge ad abbandonare ogni prudenza.
  • D' 'o denaro d' 'o carucchiaro se ne vede bbene 'u sciampagnone.[53]
Del denaro dell'avaro gode lo scialacquatore.
  • Doje femmene e 'na papara faceno 'no mercato.[54]
Due donne e un'oca fanno un mercato.
Due donne appena ed un'oca bastano per fare un chiasso paragonabile a quello un mercato.
  • Dòpp 'a strazzióne ògne ffésso è prufessóre.[55]
Dopo l'estrazione ogni fesso è professore.

E[modifica]

  • 'E ccarte so' 'e pezza e fanno chiagnere l'uommene senza mazze.[56]
Le carte sono di pezza e fanno piangere gli uomini senza (adoperare) bastoni.
Le carte da gioco, così leggere, possono essere dare più dolore di pesanti bastonature.
  • 'E denare d' 'a capera so' denare ca sanno 'e fèle.[57]
I soldi della pettinatrice sono soldi che sanno di fiele.
Le pettinatrici a domicilio erano celebri per essere infaticabili, implacabili divulgatrici di pettegolezzi.
  • 'E denare fanno veni' a vist'ê cecate.[58]
I soldi fanno venire (ritrovare) la vista ai ciechi.
  • 'E denare so' 'a voce 'e ll'ommo.[58]
I soldi sono la voce dell'uomo.
  • 'E femmene tèneno 'e lacreme 'int' 'a burzetta.[59]
Le donne hanno le lacrime nella borsa. (sempre pronte)
  • È mutto de scrivere a llettere de catafarco ca maje lo stace zitto fece nozimiento a nisciuno.[60][61]
È proverbio da scrivere in lettere di catafalco (gigantesche) che mai lo stare zitti fece danno a nessuno.
Il silenzio è d'oro.
  • È 'na gran cosa da vera quanno facimmo burro lu cunto che da la stisso ligno rescano statale d'idole e travierze de forche, segge d' 'mperatore e cupierchie de cantare.[62][63]
È davvero una grande cosa pensare che dallo stesso legno si possono trarre statue d'idoli e traverse di forca, troni d'imperatori e coperchi di vasi da notte.
  • 'E pariente so' comm' 'e scarpe, cchiù so' estritte e cchiù te fanno male.[62]
I parenti sono come le scarpe, più son stretti e più ti fanno male.
  • È meglio dint'ô pevo puorto, ca 'nfunn'ô mare muorto.[64]
È meglio nel peggiore porto, che in fondo al mare morto.
Proverbio di Sorrento.
  • 'E pparole d' 'e femmene se teneno pe' serenata.[62]
Le parole delle donne devono considerarsi come serenate.
Non bisogna tenerne conto.
  • È sentenzia antica ca lu babbiano è comme a la vescica.[65]
È sentenza antica che il pallone gonfiato è come la vescica.
Basta pungerlo per afflosciarlo.
  • È trasuto 'e sicco e s'è avutato 'e chiatto[66]
È entrato "di secco" (umilmente) e si è girato "di grasso" (con superbia).
È entrato timidamente ed ora vuole spadroneggiare.
  • 'E viécchie lle próre 'o cupiérchio..[67]
Ai vecchi prude il sedere.
Con la vecchiaia non si spengono le voglie.
  • È vierno e malo tiempo fa: ha da ascì 'nu raggio 'e sole pe 'mme fa scarfà.[68]
È inverno ed fa mal tempo: deve pur uscire un raggio di sole per scaldarmi.
Anche se i tempi sono cattivi, prima o poi dovrà anche per me venire il momento buono.

F[modifica]

  • Femmena aggraziata vole essere pregata.[69]
Una donna graziosa desidera essere corteggiata.
  • Femmene 'e chiesa, diavule 'e casa.[70]
Donne di chiesa, diavole a casa.
  • Fernesce tutto a tarallucce e vino.[71]
Finisce tutto a tarallucci e vino.
Tutto finisce a tavola con un pranzo; cioè senza prender veramente le cose sul serio.
  • Fernute 'e suone, fernesce 'o ballo; e, senza denare, l'ommo nun canta.[71]
Finiti i suoni, finisce il ballo; e, senza soldi, l'uomo non canta.
Così come non si può ballare se non c'è musica, senza soldi l'uomo non può essere contento.
  • Foemina nulla bona, sed si bona est, pìgliala e vóttala p'a fenesta.[72]
Nessuna donna è buona, ma, se (pure) lo fosse, prendila e buttala dalla finestra.'
Scetticismo sistematico, dubbio iperbolico applicato alla bontà delle donne.
  • Friddo e famme svacantano 'e lupare.[73]
Freddo e fame svuotano le tane dei lupi.
La fame costringe ad agire.

G[modifica]

  • Giesucristo fa 'a cafettera e po' dice: «Tròvate 'o cupierchio.»[74] [wellerismo]
Gesù Cristo fa la caffettiera e poi dice: «Trovati il coperchio.»
Così ci si riferisce a due persone dal carattere (specialmente se negativo) affine.
  • Giorgio se ne vò ì e 'o vescovo 'o vò mannà![75]
Giorgio vuole andarsene e il vescovo vuole licenziarlo.
Due che si trovano d'accordo sul proprio disaccordo.
  • Guaie e maccarune se magnane caure.[76]
Guai e maccheroni si mangiano caldi.
A nulla serve rammaricarsi; meglio porre prontamente rimedio.
  • Guallere[77] e denare niscuno sape si ne tene.[78]
Ernie e soldi, nessuno sa chi ce l'ha.

H[modifica]

  • Habere accanto mulièra bella, sine Cerere et Bacco frjiatélla![79]
Avere accanto una bella moglie senza Cerere (buon cibo) e Bacco (buon vino), friggitela! (te la puoi far fritta).
  • Hanno fatto aummo aummo, Aummaria.[80]
Hanno fatto tutto in gran segreto, di nascosto.
  • Haje truvato 'a forma d' 'a scarpa toja.[81]
Hai trovato la forma della tua scarpa.
Hai trovato chi ti mette in riga.

I[modifica]

  • I' dico ca chiove, ma no che diluvia.[80]
Io dico che piove, ma non che diluvia.
Siamo sì in una situazione molto difficile, ma non irreparabile.
  • Iere facive 'o guappo a mare e mo faje 'o strunzo 'int' 'a spasella.[82][83]
Ieri facevi tanto lo smargiasso a mare ed ora stai rigido e immobile nel cestino.
Il pesce, tanto audace nel suo elemento, finisce miseramente nel cesto del pescivendolo. Così certi vanagloriosi che, messi alla prova, dimostrano tutta la loro inconsistenza.
  • I' so' de poche parole: bufunchiaje 'o pappavallo. [83] [wellerismo]
Io sono di poche parole: bofonchiò il pappagallo.
Riferito a chi parla troppo: in manifesta contraddizione con la sua loquacità, il pappagallo vanta una dote che è ben lontano dal possedere.
  • Iette pe' se fa' 'a croce e se cecaje n'uocchio.[80]
Andò per farsi la croce e si accecò un occhio.
Una persona incredibilmente sfortunata.
  • Iì a fa' 'o battesimo senz' 'a criatura.[84]
Andare a fare (celebrare) il battesimo senza il bambino.
Imbarcarsi in un'impresa senza avere le idee chiare.
  • Io me sparagno a muglierema e l'ate s' 'a fottono.[79]
Io mi risparmio mia moglie e gli altri "ci fanno l'amore".

J[modifica]

  • Jastemma senza colpa, addo' jèsce, lla se cócca[85]
Imprecazione ingiusta, dove esce, là si corica.
Ricade su chi ne è l'autore.
  • Juogo de matremmonio nun se po' tirare si le vuoje nun so' pari.[79]
Il giogo del matrimonio non si può tirare (sopportare) se i buoi non sono (avanzano) pari.

L[modifica]

  • L'amico è comme ‘o ‘mbrello, quanno chiove nun 'o truove maje.[9]
L'amico è come l'ombrello, quando piove non lo trovi mai.
  • L'amico spisso è comm‘o fungio, bello a magna', ma difficile a digerì.[9]
L'amico spesso è come il fungo, buono da mangiare, ma difficile da digerire.[86]
  • L'amico vero nun dicette, ma facette.[9]
L'amico vero non disse, ma fece.
Agisce, non parla.
  • L'ammore d' 'o lietto fa scurdà chello d' 'o pietto.[87]
L'amore dei sensi fa dimenticare quello sentimentale..
  • L'ammore è comm' 'o ffuoco, guaje a chi ce pazzea.[88]
L'amore è come il fuoco, guai a scherzarci.
  • L'ammore e lu cetrulo vanno a pparo; Doce è la ponta ma lo culo è amaro.[89]
L'amore ed il cetriolo si somigliano; dolce è l'inizio ma il fondo è amaro.
  • L'ammore è 'nu piccerillo ca nun sape cuntare.[87]
L'amore è un bambino che non sa contare.
L'amore è avventato.
  • L'ammore fa passà 'o tiempo e 'o tiempo fa passà l'ammore.[87]
L'amore fa passare il tempo e il tempo fa passare l'amore.
  • L'ammore nun va truvanno ricchezza.
L'amore non chiede ricchezza.
  • Lassa ca 'o bastimiento va 'nfunno, abbasta ca mòreno 'e zzòccole.[90]
Lascia (pure) che la nave vada a fondo, basta che (purché) muoiano i ratti.
"Mi spezzo ma non mi piego": una volontà decisa a conseguire un obiettivo con inflessibile risolutezza, costi quel che costi.
  • L'ommo adda arapi' ‘a porta cu ‘e piede.[91]
L'uomo deve aprire la porta (di casa) con i piedi.
Le mani devono essere sempre ricolme di doni per la donna amata.
  • Lo buono amico dura porzi' dapo' la morte.[23][92]
Il buon amico dura perfino dopo la morte.
  • Lo sopierchio rompe lo copierchio.[93]
Il soverchio rompe il coperchio.
Il troppo fa danno.[43]

M[modifica]

  • Mariantò, 'o terramoto! ...Mo ...Mo ... scenno.[94]
Mariantonia, il terremoto! ...Ora ...Ora ...scendo.
Canzonatura del tipo flemmatico e sempre assonnato, che neppure la paura del terremoto potrebbe scuotere.
  • Me faje l'ammico e me mpriene la Vajassa.[95]
Fai l'amico e mi metti incinta la serva.
Da te non me lo sarei mai aspettato.
  • Meglio auciello 'e campagna ca de gajola.[96]
Meglio uccello di campagna che di gabbia.
Meglio la libertà anche nell'insicurezza che senza libertà con il cibo sicuro.
  • Meglio ave' a 'cche fa cu' 'nu male pavatore ca cu 'cchi nun capisce.[96]
Meglio aver a che fare con un cattivo pagatore che con chi non capisce.
La stupidità supera ogni difetto ed è da temere perché sempre imprevedibile nei suoi effetti.
  • Meglio è marito purciello [var: sporcillo, sporcello] c'ammico 'mperatore.[97]
È meglio un marito male in arnese che un amico imperatore.
Il legame familiare è superiore all'amicizia, fosse anche l'amicizia di un imperatore.
  • Meglio è sentì rummore 'e catene ca rummore 'e campane.[98]
Meglio sentire rumore di catene che rumore di campane.
Meglio il carcere che sposarsi.
  • Meglio nu ciuccio vivo, ca nu duttore muorto.[99]
Meglio un asino vivo, che un dottore morto.
Si diceva di studenti che per l'eccessivo impegno impallidivano e deperivano.
  • Mo mo me l'aggio lavata; 'a tengo riccia riccia comm' 'a 'na 'ncappucciata!...[100]
Proprio ora l'ho lavata; ce l'ho riccia riccia come un'insalata incappucciata!...
Proposta estremamente "esplicita" di una... meretrice.
  • Musso 'e purciello, spalle d'aseniello, aurecchie 'e mercante.[101]
Muso del maiale, spalla dell'asino, orecchie di mercante.
Tre cose nello stesso modo dure ed insensibili.

N[modifica]

  • Napulitane: larghe 'e vocca e stritte 'e mane.[102]
Napoletani: larghi di bocca e stretti di mano.
I napoletani sono generosi soltanto a parole.
  • Nce capimme a sische, diceva 'o merulo â mugliera.[5]
Ci capiamo a fischi, diceva il merlo alla moglie.
  • 'Nce vo' pacienza a magna' le carcioffole.[103]
    Ci vuole pazienza per mangiare i carciofi.
    Ottenere ciò che è piacevole richiede impegno, pazienza e tenacia.
  • Ncopp'a ccuotto, acqua volluta.[104]
Sopra al cotto, acqua bollita.
Disgrazia sopra disgrazia.[43]
  • 'Né tanto doce, ch'ogn'uno te zuca, né tanto amaro, ch'ognuno te sputa.[105]
Né tanto dolce, che ognuno ti succhia, né tanto amaro, che ognuno ti sputa.
Né troppo buoni per non essere sfruttati, né tanto cattivi da essere evitati da tutti.
  • Nic-nic p'a canna jètt'ô 'Nfierno[106]
Nic-nic[107]per la gola andò all'Inferno.
  • Non puje dicere a sto surco nce voglio passà.[108]
Non puoi dire: per questo solco non ci voglio passare.
Non si può mai escludere di dovere per necessità superare la propria riluttanza a fare qualcosa o accettare l'aiuto della persona da cui meno giunge gradito.
  • 'N'uocchio cecato e l'aità toja!.[109]
Un occhio cieco e l'età tua.
Accetterei di perdere un occhio pur di avere la tua giovane età.
  • Nun c'è sabbato senza sole, nun c'è femmena senz'ammore.[110]
Non c'è sabato senza sole, non c'è donna senza amore.
  • Nun ghi' a spugliarte arret'a lanterna ca 'o meglio amico tuje t'arrobba 'e panne.[111]
Non andare a spogliarti dietro al faro, perché il miglior amico tuo ti ruba i vestiti.
Ci sono cose che bisogna custodire con il riserbo più assoluto; non tutto può essere rivelato, neppure al migliore amico.
  • Nun purta' serenata a 'a casa d' 'e sunature.[112]
Non portar serenate in casa dei suonatori.
Non può riuscirti di mettere nel sacco chi di imbrogli vive.
  • Nun se po' vennegnare e ppiglià le ffescene.[113][114]
Non si può (prima) vendemmiare e (poi) prendere i cesti.
È assurdo aspettarsi un risultato valido, agendo in modo illogico.

O[modifica]

  • 'O cane 'e buórdo: allucca assaje e nun mozzeca maje[115]
Il cane di bordo: abbaia (lett. grida) molto e non morde mai.
Proverbio di Sorrento[116]
  • 'O cummanna' è meglio d' 'o fottere.[117]
Comandare è meglio che copulare.
Il diavolo è malvagio
  • 'O diavulo sape assaje cose, pecché è viecchio[120]
Il diavolo sa molte cose, perché è vecchio.
Il diavolo è antico, quanto antico è il male nel mondo.
Non tutta l'erba è menta.
Non tutte le erbe hanno gradevole profumo: le apparenze possono ingannare.
  • 'O padrone d' 'a rezza se magna saurielle[123]
Il padrone della rete mangia piccoli sgombri.[124]
Non è raro che proprio chi produce e vende qualcosa ne resti poi privo per sé stesso.
Proverbio di Sorrento[125]
  • ‘O parla' chiaro è fatto pe ‘ll'amice.[126]
Il parlar chiaro (la sincerità) è fatto (è) per gli amici.
  • 'O rangio sulo pe' 'ffamma jèsce d' 'a caramma[127]
Il granchio solo per fame esce dalla grotta.[128]
La fame, il bisogno costringono ad agire.
Proverbio di Sorrento[129]
  • 'O sàzio nun crére a 'o diùno.[46]
Chi è sazio non crede al digiuno.
  • Ògne lignàmmo tène 'o fùmmo sùio.[130]
Ogni legno fa un suo fumo.
  • 'O pesce fete d' 'a capa.[131]
Il pesce puzza (a cominciare) dalla testa.
La responsabilità di ciò che non va bene ricade innanzitutto sull'incapacità, la disonestà di chi comanda.
  • 'O primmo miedeco è Dio.[132]
Il primo medico è Dio.
Le preghiere prima, poi la cura.
  • 'O purpo se còce cu 'll'acqua soja[133]
Il polipo su cuoce con la sua (stessa) acqua.
Imparare a proprie spese.
Sbagliando s'impara.
  • 'O regno 'e Napule è 'nu paraviso, ma è abitato da 'e diavule.[134]
Il Regno di Napoli è un paradiso, ma è abitato dai diavoli.
  • Ògne scarrafóne è bbèllo 'a màmma sóia.[135]
Ogni scarafaggio è bello per la propria madre.

P[modifica]

  • Panariello va, panariello vene, l'amicizia se mantene.[9]
Un paniere va, uno viene, l'amicizia si conserva.
L'amicizia comporta reciprocità.
  • Parrucchià, hanno rotta 'a campana. Chi l'ha rotta, 'a pava. È stato 'o nepote vuosto... Allora è stata 'na disgrazia...[136]
Hanno rotto la campana, Padre (parroco). Chi l'ha rotta, la paga. È stato il nipote vostro... Allora è stata una disgrazia...
Si è sempre inflessibili nell'esigere la dovuta riparazione dal colpevole, vero o presunto; tutto cambia però, completamente, se si tratta di una persona legata a noi...
  • Pe' despietto 'e muglierema me taglio 'o cazzo.[137]
Per far dispetto a mia moglie mi taglio il pene.
Una ben paradossale vendetta: vendicarsi di un altro danneggiando irreparabilmente sé stessi.
  • Pazzo chi joca e pazzo chi nun ghioca.[138]
Pazzo chi gioca e pazzo chi non gioca
È follia giocare (a carte o al lotto), lo è altrettanto non tentare qualche volta la sorte, non osare mai nella vita.
  • Pe' fa' ambressa 'a gatta facette 'e figlie cecate.[137]
Per fare in fretta la gatta fece (partorì) i figli ciechi.
Ciò che viene deciso o fatto in fretta non può riuscire bene.
Sul mare non ci sono taverne.
  • Pe' n'aceno 'e sale se perde 'a menesta.[140]
Per un grano di sale si perde (rovina) la minestra.
Tutto il lavoro fatto va in rovina solo per essersi risparmiati un ultimo piccolo sacrificio.
  • Perdere Filippo e 'o panaro.[141]
Perdere Filippo e il cesto.
Perdere tutto in una volta sola.
  • Pulicenella 'a coppa Sant'Elmo piglia 'o purpo a mmare.[142]
Pulcinella dalla cima di Sant'Elmo prende il polipo a mare.
Trovarsi in condizioni che rendono un obiettivo assolutamente impossibile da conseguire.
Difficilmente il polipo finirà nel piatto di questo Pulcinella onirico-surrealista che lancia la sua lenza da una collina che si affaccia sul mare da un'altezza di oltre duecento metri.
  • Pulicenella pe 'na votata 'e mente addiventaie miedico eccellente.[143]
Pulcinella per un'alzata d'ingegno diventò medico eccellente.
Un'improvvisa intuizione può risolvere i problemi più intricati.
  • Pulecenella quanno va 'ncarrozza tutte 'o vedeno, quanno tira, nisciuno 'o vede.[144]
Tutti vedono Pulcinella quando va in carrozza, quando tira, nessuno lo vede.
Tutti notano e forse criticano un povero se talvolta è vestito a festa o se si gode un momento di libertà, nessuno però si accorge di lui quando lavora duramente.

Q[modifica]

  • Quanno la formicola vo morire mette le scelle.[145]
Quando la formica vuole morire mette le ali. (lett: le ascelle)'
"Mettere le scelle, montare in superbia: una temeraria imprudenza molto rischiosa per chi è debole.
  • Quànno 'o cùlo se fa pesànte ce ne iàmmo p'e sànte.[67]
Quando il sedere diventa pesante andiamo dai santi.
Verso la fine della vita spesso ci si accosta alla religione.
  • Quanno 'o riàvule tujo jeva 'a scola 'o mio era maestro.[146]
Quando il diavolo tuo andava a scuola il mio era maestro.
Ti credi furbo, ma io, che sono più vecchio, la so molto più lunga.
  • Quanno se parte Saverio re Massa, re lampe e re truóne 'u munno s'abbissa[10]
Quando parte Saverio di Massa, di lampi e di tuoni il mondo è sommerso.[147]
Fare fiasco fin dal pricipio.
Proverbio di Procida[12]
  • Quatto li cose a 'o munno ca fanno cunzula': 'a femmena, l'argiamma, lo suonno e lo magna'... [148]
Quattro le cose al mondo che consolano: la donna, il denaro, il sonno ed il mangiare...
  • Quanno siente 'o latino d' 'e fesse, sta venenno 'a fine d' 'o munno.[149]
Quando senti il latino dei fessi, sta venendo la fine del mondo.
Quando a comandare sono gli incompetenti, è la catastrofe.

R[modifica]

  • Rafanié, fatte accattà' 'a chi nun te sape.[150]
Ravanello (stupido), fatti comprare da chi non ti conosce.
Provaci con chi ancora non ti conosce, con me affari non ne fai più.
  • Ricette Pulecenella: Magnammo, amice mieie, e po' vevimmo - 'nfino ca 'nce sta l'uoglio a la lucerna – Chi sa si all'auto munno 'nce verimmo – Chi sa si all'auto munno nc'è taverna![151] [wellerismo]
Disse Pulcinella: Mangiamo, amici miei, e poi beviamo – finché c'è l'olio nella lucerna – Chi sa se all'altro mondo ci vediamo – Chi sa se all'altro mondo c'è taverna!
  • Robba 'e mangiatorio, nun se porta a cunfessorio.[152]
I peccati di gola non si portano nel confessionale.
  • Roppo magnato e vippeto: ‘a saluta vosta![152]
Dopo (aver) mangiato e bevuto: alla vostra salute!
Una maniera arrogante, impudente di ringraziare: dopo aver mangiato e bevuto, dopo aver fatto con assoluta noncuranza il proprio comodo.

S[modifica]

  • S'accatta lo male comm'a li miedici.[153]
Va in cerca del male, come fanno i medici.
  • S'appiccecane 'e vajasse[154] e se sgravogliano 'e matasse.[155]
Litigano le comari e si sbrogliano le matasse.
Travolte dall'ira dicono verità tenute fino a quel momento nascoste.
  • Santu Mangione è nato primma 'e nostro Signore.[156]
San Mangione è nato prima di nostro Signore.
"San Mangione" è il santo protettore di ogni manifestazione dell'avidità umana, antica quanto l'uomo, antica più di Cristo.
  • Santu Tischitosco cu 'na penna 'mmano: 'o popolo fa 'e designe e isso 'e scassa; po' s'affaccia 'a dint'a 'nu fenestiello e dice: «Facìtev'ji' 'culo, puverielle!» [wellerismo][157]
San «Tischitosco» con una penna in mano: il popolo fa i progetti e lui li cancella; poi si affaccia da un finestrino e dice: «Lasciatevi buggerare, poveretti!»[158]
"San Tischitosco", santo di assai dubbia santità, è chiunque, per dispetto, intralci i progetti altrui e, come se non bastasse, dopo averli fatti naufragare si prende anche gioco dei malcapitati.
  • Se cagna 'a bacchetta, ma 'a museca è sempe 'a stessa.[159]
Si cambia la bacchetta, ma la musica è sempre la stessa.
È cambiato chi comanda, ma le cose (non gradevoli) restano come prima.
  • Se s'abbruscia la casa de lo vecino, curre co l'acqua a la casa toja.[1]
Se va a fuoco la casa del vicino, corri con l'acqua alla tua casa.
Se un evento avverso colpisce i luoghi in cui vivi, preoccupati di proteggerti.
  • Sì cchiù fetente e 'na recchia 'e cunfessore.[160]
Sei più fetente di un orecchio del confessore.
Fai più azioni malvagie di quante ne possa ascoltare un confessore.
  • Si' ghiuto a Roma e nun haje visto 'o Papa.[161]
Sei andato a Roma e non hai visto il Papa.
Ma come? Hai fatto tanta strada per raggiungere un luogo così lontano e non hai fatto la cosa più importante che dovevi fare?
  • Si 'o ciuccio nun vo' vevere, hai voglia 'e sischià.[162]
Se l'asino non vuole bere, hai voglia di fischiare.
Si usa fischiare per stimolare l'asino a bere, ma quando l'animale non ha sete, è inutile.
È fiato sprecato insistere con chi proprio non vuole fare una cosa.

T[modifica]

  • Tanta vote va la langella dinto a lo puzzo, nzi cance resta la maneca.[163]
Tante volte va la brocca al fondo del pozzo, finché ci resta il manico.
Tante volte si sfida il pericolo sin che s'incoglie in esso.[43]
  • Tene' 'e làppese a quadriglié.[164]
Avere molti assilli, preoccupazioni; essere sovrappensiero; avere un diavolo per capello.
  • Tre cose de n'a bella monaca: paraviso dell'uocchie, purgatorio della vorza, 'nfiérno dell'anima.[165]
Tre cose (sono proprie) di una bella monaca: (essere) per gli occhi un paradiso, per la borsa un purgatorio, un inferno per l'anima.
  • Tre cose nun s'annascónneno: ommo muorto, varca rotta e femmena prena.[166]
Tre cose non si nascondono: uomo morto, barca rotta e donna incinta.
Proverbio di Sorrento
  • Tre cose stanno male a lo munno: auciello 'mmano a nu piccerillo, fiasco 'mmano a nu tudisco, zita giovane 'mmano a nu viecchio.[167]
Tre cose stanno male al mondo: uccello nelle mani di un bambino, fiasco nelle mani di un tedesco, giovane ragazza nelle mani di un anziano.
  • Tre songo 'e putiente: 'o rre, 'o papa e chi nun tene niente![168]
Tre sono i potenti: il re, il papa e chi non possiede niente!
  • Tre songo le principie naturale: materia, forma e privazione.[169]
Tre sono i pricipi naturali: materia, forma e Privazione.
Metafisica aristotelico-partenopea.
  • Tre songo le sciorte de l'animale: vegetativo, sensetivo e 'ntellettivo.[170]
Tre sono i tipi d'animale: vegetativo, sensitivo e intellettivo.
  • Tre bote tre unnece cose fanno bella na femmena: azzoè tre cose longhe e tre corte, tre larghe, tre strette e tre grosse; tre sottile, tre retonne e tre piccole; tre bianche, tre rosse e tre negre: se lo bolite sapere, leìte la fràveca de lo munno...[171]
Tre volte tre undici cose fanno bella una donna: cioè tre cose lunghe e tre corte, tre larghe, tre strette e tre grosse; tre sottili, tre rotonde e tre piccole; tre bianche, tre rosse e tre nere: se volete saperle, andate a leggere la Fabbrica del mondo...'
Tre cose lunghe: il collo, il busto e le mani. Tre cose corte: il naso, la lingua e il mento. Tre cose larghe: la fronte, il petto e i fianchi. Tre cose strette: la scriminatura dei capelli, le narici e la vita. Tre cose grosse: le braccia, le cosce e le gambe. Tre cose sottili: le dita, i polsi e le caviglie. Tre cose rotonde: gli occhi, il seno e il bacino. Tre cose piccole: la bocca, le orecchie e i piedi. Tre cose bianche: i denti, le unghie e la carnagione. Tre cose rosse: le labbra, le gote e i lobi delle orecchie. Tre cose nere: i capelli, le ciglia e le sopracciglia.[172]
  • Tutta la ruggia ne porta la mola.[173]
La mola porta via tutta la ruggine.
Col tempo e la disciplina tutto si corregge.[43]
  • Tutte diceno ca l'ammore è amaro, ma ognuno vo' pruva' se po' è overo.[174]
Tutti dicono che l'amore è amaro, ma ognuno vuole provare se poi è vero.

U[modifica]

  • 'U perucchio ca care rént'â farina, aroppo dice ch'è addiventéto farinaro[175]
Il pidocchio che cade nella farina, poi, dice ch'è diventato mugnaio[176]
Si dice di chi è salito in superbia.
Proverbio di Procida.[177]
  • Una ce ne steva bona, e 'a facettero Maronna.[178]
Una (sola) donna era buona e la fecero Madonna.
  • Uocchio vasce e core cuntrito, 'a bizzoca vo' o marito.[179]
Occhio (sguardo) basso e cuore contrito, la bigotta vuole il marito.
Uomini grandi, «bubbelis est»
Le persone di costituzione alta e massiccia sono, in genere, impacciate.

V[modifica]

  • Va' chiano, ca vaco 'e pressa – dicette munzignore a 'o cucchiere.[182] [wellerismo]
Va' piano perché vado di fretta - disse monsignore al cocchiere.
Chi va piano va sano e va lontano.
  • Vérola, vìrela e ffùie.[135]
La vedova, guardala e scappa.
  • Vótta chiéna, tiéne 'mmàno.[183]
A botte piena, risparmia.
Quando c'è disponibilità economica è il momento di risparmiare.
  • Vide ‘e cammena' deritto dicette ‘o rancio ‘a figlia.[184] [wellerismo]
Vedi (cerca) di camminare diritto disse il granchio alla figlia.
Da che pulpito viene la predica...
  • Vuoje spellate maje tirano carre.[184]
Buoi spellati[185] non possono tirare carri.
  • Vide Napole e po muore.[186]
Vedi Napoli e poi muori.
Non si può prendere congedo dalla vita senza aver visto Napoli.

Z[modifica]

  • Zappa 'e femmena e surco 'e vacca, pòvera chella terra ca l'angappa.[187]
Zappa in mano ad una donna e solco tracciato da vacca, povero quel terreno che ci capita.
  • Zite e murticielle va truvanno 'o parrucchiano 'e Sant'Aniello.[188]
Matrimoni e funerali trova (come pretesto) il parroco di Sant'Aniello.
C'è chi coglie ogni occasione, lieta o triste è per andare in casa degli altri.


Citazioni sui proverbi napoletani[modifica]

  • Il lettore li riconoscerà, per quella loro filosofia inconfondibile, per il modo tutto napoletano di prendersi gioco delle amarezze e delle brutture anche se non le si sottovalutano.
    Qui il realismo, per quanto amaro, non sconfina quasi mai nel cinismo, e spesso finisce assurdamente sottobraccio con l'ottimismo. (Vittorio Gleijeses)

Note[modifica]

  1. a b c d e Citato in Partenio Tosco, p. 271
  2. Cioè: Alle donne ormai anziane non si fanno moine. (Dal Candelaio di Giordano Bruno).
  3. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 51.
  4. Citato in Rutigliano, p. 11.
  5. a b c Citato in Antonio e Leonardo, A Buon 'Ntennitore ... Proverbs of Naples, lulu.com, 2008.
  6. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 191.
  7. Traduzione di Sergio Zazzera.
  8. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 93.
  9. a b c d e f g h i j Citato in Giuseppe Galassso, L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia, Guida, Napoli, 2009, p. 372. ISBN 978-88-6042-631-4
  10. a b Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 227.
  11. Traduzione di Sergio Zazzera.
  12. a b Cfr. Proverbi e modi di dire napoletani, p. 227.
  13. Citato in Amato, p. 25.
  14. a b c Citato in I Proverbi di Napoli, p. 15.
  15. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 10.
  16. a b c d Citato in I Proverbi di Napoli, p. 16.
  17. Dal latino mus + tricŭlum, trappola per catturare topi. In senso lato, ambiente buio e molto stretto.Cfr. Dizionario napoletano, p. 192.
  18. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 11.
  19. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 13.
  20. Citato in Amato, p. 59.
  21. Il riferimento, evidentemente ironico, è al caratteristico vocalizzo di richiamo della gatta in calore.
  22. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 14.
  23. a b c d e f Citato in Giuseppe Galassso, L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia, Guida, Napoli, 2009,p. 371. ISBN 978-88-6042-631-4
  24. Il proverbio è tratto dalla Posilicheata di Pompeo Sarnelli Cfr. L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia p. 371.
  25. Citato in Giuseppe Galassso, L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia, Guida, Napoli, 2009, p. 371. ISBN 978-88-6042-631-4
  26. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 26.
  27. Citato in Amato, p. 35.
  28. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 42.
  29. Nell'opera citata Galasso propone, in aggiunta all'interpretazione corrente, questa: "[...] i veri amici si amano e si rispettano anche da lontano."
  30. a b c Citato in I Proverbi di Napoli, p. 29.
  31. L'interpretazione è di Giuseppe Galasso.
  32. Citato in Amato, p. 29.
  33. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 56.
  34. Citato in Rutigliano, p. 148.
  35. a b c Citato in I Proverbi di Napoli, p. 57.
  36. Citato in Paliotti, p. 84.
  37. Citato in Amato, p. 176.
  38. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 66.
  39. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 74.
  40. Citato in Paliotti, p. 122.
  41. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 246.
  42. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 40.
  43. a b c d e f L'interpretazione è nel Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri.
  44. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 97.
  45. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 101.
  46. a b Citato in Amato, p. 57.
  47. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 261.
  48. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 124.
  49. Citato in Rutigliano, p. 250.
  50. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 53.
  51. a b Citato in I Proverbi di Napoli, p. 128.
  52. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 130.
  53. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 124.
  54. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 133.
  55. Citato in Amato, p. 163.
  56. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 138.
  57. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 18.
  58. a b Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 87.
  59. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 15.
  60. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 147.
  61. Il proverbio è tratto da Giambattista Basile, Lo cunto de li cunti
  62. a b c Citato in I Proverbi di Napoli, p. 148.
  63. Il proverbio è tratto da Giambattista Basile, Lo cunto de li cunti.
  64. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 171.
  65. Citato in Rutigliano, p. 165.
  66. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 155.
  67. a b Citato in Amato, p. 193.
  68. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 156.
  69. in I Proverbi di Napoli, p. 172.
  70. Citato in Rutigliano, p. 135.
  71. a b Citato in I Proverbi di Napoli, p. 173.
  72. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 143.
  73. Citato in Rutigliano, p. 46.
  74. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 170.
  75. Citato in Lares, bollettino della Società di etnografia italiana, 1934, p. 110, nota 11. Cfr. Rassegna storica del Risorgimento, 1938, Volume 25, Parte 3, p. 950.
  76. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 177.
  77. Pron. 'gwallɘrɘ (arabo: hadara). Ernia. Cfr. Dizionario napoletano, p. 161.
  78. Citato in Rutigliano, p. 166.
  79. a b c Citato in La donna nei detti napoletani, p. 29.
  80. a b c Citato in Rutigliano, p. 217.
  81. Citato in Rutigliano, p. 216.
  82. Vassoio rettangolare fabbricato con liste intrecciate di materiale ligneo in cui i pescivendoli espongono i pesci.
  83. a b Citato in Rutigliano, p. 47.
  84. Citato in Rutigliano, p. 218.
  85. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 40.
  86. Traduzione di Giuseppe Galasso.
  87. a b c Citato in I Proverbi di Napoli, p. 199.
  88. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 198.
  89. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 295.
  90. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 56.
  91. Citato in Rutigliano, p. 252.
  92. Il proverbio è tratto da Giambattista Basile, Le Muse Napolitane. Cfr. L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia p. 371.
  93. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri., p. 437.
  94. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 220.
  95. Citato in Partenio Tosco, L'eccellenza della lingua napoletana con la maggioranza alla toscana in Accademici Filopatridi, Vocabolario delle parole del dialetto napoletano, che più si scostano dal dialetto toscano, tomo secondo, presso Giuseppe-Maria Porcelli, Napoli, 1789, p. 178.
  96. a b Citato in I Proverbi di Napoli, p. 223.
  97. Citato in Giuseppe Galassso, L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia, Guida, Napoli, 2009. p. 370. ISBN 978-88-6042-631-4. Il proverbio è tratto da Giambattista Basile, Lo cunto de li cunti, giornata prima, trattenimento terzo.
  98. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 224.
  99. Citato in Rutigliano, p. 50.
  100. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 239.
  101. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 242.
  102. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 245.
  103. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 249.
  104. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 15.
  105. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 251.
  106. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 96.
  107. Il nome proprio di persona è un'onomatopea.
  108. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 369.
  109. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 271.
  110. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 21.
  111. Citato in Giuseppe Galassso, L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia, Guida, Napoli, 2009, p. 371. ISBN 978-88-6042-631-4
  112. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 266.
  113. Fescina: paniere di forma conica per la raccolta di fichi ed uva. Cfr. Vocabolario napoletano lessigrafico e storico, p. 61.
  114. Citato in Vincenzio De Ritis, Vocabolario napoletano lessigrafico e storico, Dalla Stamperia Reale, Napoli, 1845, p. 61.
  115. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 22.
  116. Cfr. Proverbi e modi di dire napoletani, p. 22.
  117. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 277.
  118. Banchiere in napoletano è sinonimo di villano, screanzato Cfr. più dettagliatamente Proverbi e modi di dire napoletani, p. 171.
  119. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 171.
  120. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 172.
  121. Citato in Vincenzio De Ritis, Vocabolario napoletano lessigrafico e storico, Dalla Stamperia Reale, Napoli, 1845, p. 90.
  122. Il proverbio è tratto da Giambattista Basile, Lo cunto de li cunti.
  123. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 123.
  124. Traduzione di Sergio Zazzera.
  125. Cfr. Proverbi e modi di dire napoletani, p. 123.
  126. Citato in Giuseppe Galassso, L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia, Guida, Napoli, 2009, p. 371. ISBN 978-88-6042-631-4
  127. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 110.
  128. Traduzione di Sergio Zazzera.
  129. Cfr. Proverbi e modi di dire napoletani, p. 110.
  130. Citato in Amato, p. 87.
  131. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 293.
  132. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 294.
  133. Citato in Proverbi e modi di dire Napoletani, p. 102.
  134. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 295.
  135. a b Citato in Amato, p. 17.
  136. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 306.
  137. a b Citato in I Proverbi di Napoli, p. 309.
  138. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 308.
  139. Citato in Rutigliano, p. 233.
  140. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 310.
  141. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 312.
  142. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 156.
  143. Citato in Giuseppe Galassso, L'altra Europa, Per un'antropologia storica del Mezzogiorno d'Italia, Guida, Napoli, 2009, p. 290. ISBN 978-88-6042-631-4
  144. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 320.
  145. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 328.
  146. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 333.
  147. Traduzione di Sergio Zazzera.
  148. Citato in Renato de Falco, Del parlar napoletano, Colonnese, Napoli, 2007 [1997], p. 71. ISBN 978-88-87501-77-3
  149. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 335.
  150. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 339.
  151. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 340.
  152. a b Citato in Rutigliano, p. 237.
  153. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 8.
  154. Vajassa: serva, popolana.
  155. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 346.
  156. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 345.
  157. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 258.
  158. La traduzione è di Sergio Zazzera.
  159. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 350.
  160. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 359.
  161. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 360.
  162. Citato in Rutigliano, p. 69.
  163. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri di D'Ambra Raffaele, 1873, [1], p. 234.
  164. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 385.
  165. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 399.
  166. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 196.
  167. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 58.
  168. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 402.
  169. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 402.
  170. Citato in Rutigliano, p. 71.
  171. Citato in Renato de Falco, La donna nei detti napoletani, p. 59. Il proverbio è tratto dalla Posillecheata di Pompeo Sarnelli. Cfr. La donna nei detti napoletani, p. 56.
  172. Interpretazione proposta da Renato De Falco.
  173. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 315.
  174. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 402.
  175. Citato in Proverbi e modi di dire napoletani, p. 25.
  176. Traduzione di Sergio Zazzera.
  177. Cfr. Proverbi e modi di dire napoletani, p. 25.
  178. Citato in I proverbi di Napoli, p. 409.
  179. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 52.
  180. Onomatopea latina non traducibile per Zazzera. Cfr. Proverbi e modi di dire napoletani, p. 162. Tuttavia in Sergio Zazzera, Dizionario napoletano, Newton Compton editori, 2016. ISBN 978-88-541-8882-2, Bubbelis viene fatto risalire al vocabolo latino Babŭlus. Viene impiegato solo per questo proverbio.Cfr. Dizionario napoletano, p. 67.
  181. Citato in n Sergio Zazzera, Proverbi e modi di dire napoletani Newton & Compton editori, Roma, 2004, p. 162. ISBN 88-541-0119-2
  182. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 413.
  183. Citato in Amato, p. 137.
  184. a b Citato in Rutigliano, p. 73.
  185. Nel senso di magri, malnutriti, maltrattati.
  186. Citato in Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri, p. 252.
  187. Citato in La donna nei detti napoletani, p. 24.
  188. Citato in I Proverbi di Napoli, p. 425.

Bibliografia[modifica]

  • Bruno Amato, Anna Pardo, A Napoli si parla così, Antonio Vallardi Editore, Milano, 1999. ISBN 88-8211-316-7
  • Sergio Zazzera, Dizionario napoletano, Newton Compton editori, Roma, 2016. ISBN 978-88-541-8882-2
  • Vittorio Gleijeses, I Proverbi di Napoli, con ventiquattro litografie fuori testo di Gatti e Dura, Edizioni del Giglio, Napoli, 1978.
  • Renato de Falco, La donna nei detti napoletani. Seicento proverbi su donne, mogli, madri, sante, sorelle, suocere e..., Tascabili Economici Newton, Newton Compton editori, Roma, 1994. ISBN 88-7983-643-9
  • Renato Rutigliano, La saggezza antica dei Proverbi Napoletani (in copertina); Diceva mio nonno... Raccolta di Proverbi Napoletani, a cura di Renato Rutigliano (sul frontespizio), Edizioni Marotta, Napoli, edizione di 255 pagine, 1993?!.
  • Vittorio Paliotti, Proverbi napoletani, Giunti, Firenze, 2000. ISBN 88-09-01779-X
  • Sergio Zazzera, Proverbi e modi di dire napoletani, La saggezza popolare partenopea nelle espressioni più tipiche sul culto della famiglia e dell'ospitalità, sull'amicizia, sull'amore, sul lavoro, sulla religione e la superstizione, Newton & Compton editori, Roma, 2004. ISBN 88-541-0119-2

Voci correlate[modifica]