Ramzan Kadyrov

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Ramzan Kadyrov, 2011

Ramzan Achmadovič Kadyrov (1976 – vivente), politico ceceno.

Citazioni di Ramzan Kadyrov[modifica]

  • [Sulla vicenda del matrimonio forzato della diciassettenne Louisa Goilabiyeva] Ho mandato delle persone a controllare se [la sposa] sia favorevole o meno [al matrimonio]! Sua madre ha detto che lo è! E anche il nonno paterno ha dato il suo permesso! E il problema è stato risolto! Questo è quello che mi hanno detto! Ho mandato a controllare la persona di cui mi fido di più, e abbiamo ottenuto una risposta e una spiegazione![1]
  • [Sulla persecuzione l'internamento di 100 omosessuali in un campo di prigionia in Cecenia] Non si possono detenere e perseguire persone che semplicemente non esistono nella Repubblica Cecena. Se ci fosse gente simile in Cecenia le forze dell'ordine non avrebbero bisogno di avere a che fare con loro, perché i loro parenti li manderebbero in un luogo da cui non c'è più ritorno.[2]
  • Noi non abbiamo gente di questo tipo qui. Non ci sono gay in Cecenia. E se anche ci fossero, li eliminiamo, li mandiamo in Canada. ... Allah è grande! Portateli via da noi, in modo tale che non li si abbia a casa nostra. Per purificare il nostro sangue, se ce ne sono, prendeteveli! ... I gay sono dei demoni. Si tratta di gente che si vende. Sono delle non-persone. Dovranno rispondere al Signore per questo.[3]
  • La persona che viene infettata [dal COVID-19] e crea questo problema, se me lo chiedi, dovrebbe essere uccisa. Non solo si ammala, [ma infetta anche] la sua famiglia, le sue sorelle, i fratelli, i vicini.
Человека, который сам себе создает и создавшего эту проблему, если бы спросить меня, следовало убить. Не только сам заболевает, [но и заражает] свою семью, своих сестер, братьев, соседей[4]

Note[modifica]

  1. Da una dichiarazione riportata da Novaya Gazeta, 2 maggio 2015; citato in Il problema del presidente ceceno con le donne che usano Whatsapp, il Post.it, 21 maggio 2015.
  2. Citato in Elena Tebano, «In Cecenia i gay rinchiusi in un campo di concentramento», Corriere.it, 11 aprile 2017.
  3. Citato in Il leader ceceno Kadyrov: «I gay sono non-persone», Il Manifesto.it, 15 luglio 2017.
  4. Citato in Два жителя Чечни заразились коронавирусом во время хаджа, Кавказский Узел, kavkaz-uzel.eu, 24 marzo 2020; tradotto in inglese in People with COVID-19 who won't self-isolate should be killed, says president of Chechnya, Mitch Prothero, 25 marzo 2020.

Altri progetti[modifica]