Gianluca Vialli

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Gianluca Vialli (2017)

Gianluca Vialli (1964 – 2023), calciatore, allenatore di calcio e dirigente sportivo italiano.

Citazioni di Gianluca Vialli[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [Riferito ai calciatori, «ma siete un po' tutti dei ragazzi viziati, non le pare?»] Io non sono né buono né santo, però credo che ognuno ottiene dalla vita ciò che merita per le doti che ha avuto. Certo, per me può essere facile dirlo: ma il lavoro paga. [«Nel vostro caso lo fa così bene da rendervi mercenari. [...] Che ne pensa?»] Dico che «loro», cioè i giornalisti e i dirigenti e i tifosi che ci giudicano senza sapere, ci vorrebbero sentimentali quando ne hanno la convenienza. Ma quando andiamo in campo pretendono che siamo professionisti senza sentimenti, mai condizionati dai problemi di tutti i giorni o dal fatto di affrontare una situazione psicologica molto particolare.[1]
  • Difendo l'idea che in area l'attaccante è il padrone e va cercato con insistenza. Va servito anche 30 volte a partita, marcato o no. Poi sta a lui sfruttare le occasioni.[1]
  • Giocare a Milano è splendido. San Siro è eccitante, ti stimola, tutto lì dentro assume un colore diverso. È giusto che esistano soltanto stadi come San Siro, costruiti esclusivamente per il calcio. Le piste lasciamole a quelli dell'atletica.[2]
  • [Dopo il passaggio dalla Sampdoria alla Juventus] Mi mancheranno i "vaffanculo" che prendevo non solo nelle settimane di vigilia del derby...[3]
  • [Su Arrigo Sacchi] Non ci siamo mai capiti [...]. Lui se ne frega che un giocatore segni una montagna di gol, perché privilegia il sistema di gioco agli uomini.[4]
  • Ti credevamo invincibile. In questi undici mesi sei stato un esempio per noi, per come hai saputo affrontare problemi veri, non quelli legati a semplici vittorie o sconfitte, con coraggio e serenità, forza e determinazione. Ti abbiamo voluto bene, ti portiamo nel cuore. Onore a te, fratello Andrea Fortunato.[5]
  • [Nel 1999] Le dichiarazioni di Zeman sul doping? Coglionate di un terrorista.[6]
  • [Nel 1999] Lippi è stato il mio messia, il mio modello sotto tutti i punti di vista.[6]
  • Il golf è più difficile del calcio perché la pallina sta ferma: così la guardi, cominci a pensare a tutto quello che ti hanno insegnato e finisci quasi sempre per sbagliare.[7]
  • [Antonio Conte è] un tecnico con le idee chiare. Magari non complicatissime, ed è una fortuna, ma molto efficaci. Soprattutto è un martello. E di solito la combinazione tra l'avere le idee chiare ed essere un martello, risulta vincente. La cosa che più mi ha colpito è stata la capacità di trasmettere in modo sincero e genuino il suo senso di appartenenza, la juventinità, che unita all'effetto stadio ha creato una miscela esplosiva. È da tanto che non vedevo un rapporto così intenso.[8]
  • Zeman è una persona molto intelligente ma è anche un grandissimo paraculo, combatte le battaglie che gli convengono e le altre se le dimentica. Io, tra l'altro, non l'ho mai perdonato quando ha gettato un'ombra sulla carriera mia e di Del Piero e non mi ha ancora chiesto scusa.[9]
  • Pirlo è un direttore d'orchestra, detta i tempi, fa giocare la squadra ma negli ultimi 30 metri mette degli assist... Avessi avuto io un centrocampista così avrei fatto il doppio dei gol. Essendo un giocatore determinante, però, quando gira a un cilindro in meno rispetto al solito, ne risente tutta la squadra.[10]
  • Tévez è un campione con un'indole molto proletaria, non una star. Gioca per la squadra, è umile, si sacrifica. Dove lo metti sta, segue le consegne e lo fa nel migliore dei modi. È un grande giocatore, non ti lascia mai in dieci e mi hanno detto che è anche un professionista serio, uno che non dà problemi.[10]
  • [Su Massimiliano Allegri] Non era facile, il suo arrivo dopo Conte [alla Juventus] poteva essere paragonato al post-Mourinho all'Inter. Max ha dimostrato di essere capace di costruire uno splendido rapporto con i giocatori. Ha fatto quello che è riuscito a Capello dopo Sacchi al Milan.[11]
  • [Ultime parole famose, sulla Juventus nel 2015] La squadra che ha vinto lo Scudetto, ha cambiato 3-4 giocatori importanti e avrà bisogno di un po' di tempo per tornare a certi livelli. Lo farà alla svelta perché la squadra del futuro è già stata costruita, però credo che quest'anno la Juventus non possa vincere lo Scudetto.[12]
  • La Juve è una filosofia. Può piacere o non piacere ma è qualcosa di unico. Per me è stato un privilegio far parte della storia di quella società. Non è una società perfetta ma ha un dna vincente. Quando indossi quella maglia, ne senti il peso.[13]
  • Cosa si mangia di speciale a Torino? Esiste un ambiente di lavoro molto particolare, sei contagiato: un'atmosfera che serve nella vita e in panchina. La principale caratteristica alla Juve è la testa bassa. L'umiltà rispetto a quello che si vince, che è sempre tanto. Il club ti in­segna l'importanza degli one­ri: ti mette nelle condizioni giuste per dimostrare quanto vali, ma poi tu devi dare il mas­simo. A quel punto vinci e ti go­di gli onori. Ma per poco per­ché devi rivincere subito dopo. Ecco, il successo è spesso un sollievo più che una gioia [...]. Certo, al Barcellona predili­gono l'estetica, la bellezza o anche solo il divertimento, mentre la Juventus è meravi­gliosamente pratica. Confesso che nei miei anni in biancone­ro non è mai entrato un diri­gente a dirci: "Mi raccomando, oggi giochiamo bene". Più e più volte, la frase era: "Mi rac­comando, oggi vinciamo".[14]
  • Un grande allenatore deve essere lui stesso leader, ma deve crea­re altri leader che in campo ri­producono idee, valori, carat­tere.[14]
  • Io credo che la vita (e non l'ho detto io ma lo condivido) è per il 20% da quello che ti succede, ma per l'80% dal modo in cui tu reagisci a quello che ti succede.[15]
  • Alla Juventus la vittoria non dà felicità, ma sollievo. È il completamento di un dovere, non il raggiungimento di una vetta.[16]

Le sue frasi celebri

Citato in Guerin Sportivo nº 42 (816), 17-23 ottobre 1990, p. 23.

  • Probabilmente sono così simpatico a tutti perché vinco poco. [maggio 1988]
  • A due cose non potrei rinunciare: alla salute e alla possibilità di fare quello che voglio. [agosto 1989]
  • Io e Mancini abbiamo litigato una sola volta. Il giorno dopo, per me era tutto normale; lui invece è più permaloso e ha smaltito l'arrabbiatura in una settimana. [agosto 1989]
  • Se un calciatore gioca al di sotto delle proprie possibilità, viene punzecchiato; nel mio caso, invece, usano l'accetta. [marzo 1987]
  • Il calcio oggi insegna a farsi furbi, ad essere esigenti, duri. [agosto 1988]

Senti chi parla

Intervista di Renzo Parodi, Guerin Sportivo nº 21 (846), 22-28 maggio 1991, pp. 36-40.

  • Il momento dei bilanci arriva spesso: alla fine di ogni stagione, persino alla fine di una partita o di un impegno importante come un Mondiale o un Europeo. Quindi sono abituato ai bilanci, agli esami di coscienza. Cerco di tirar fuori quello che non è andato e, possibilmente, di migliorare.
  • Credo che la mia felicità derivi dal fatto che posso fare un lavoro che mi piace in mezzo a gente che mi vuole bene. E poi sono un ragazzo sereno, equilibrato. Credo anche abbastanza educato. Ho tutte le possibilità di essere felice, sarei stupido a non esserlo. Vorrebbe dire che avrei qualche problema psicologico.
  • [...] mi sono stancato di vedere il mio nome sui giornali accostato a fatti esclusivamente tecnici, ai riscontri delle partite. Domande tipo "Cosa farete domenica?" o "Come ti pare l'avversario?" mi hanno stufato. Dover per forza dire qualcosa di irrilevante è diventato fastidioso. Per me è importarte fare gol, giocare bene [...]. Quello cheSenti chi parla|Itervista di si dice dal lunedì al sabato non mi interessa più.
  • [...] sono un calciatore che dà tutto, che gioca col cuore e non si tira mai indietro. È vero, sono un generoso; magari non sono bravo ma sono sicuramente forte.
  • [Dopo la vittoria del campionato di Serie A 1990-1991, «la Sampdoria finalmente ce l'ha fatta. Che cosa c'è di tuo in questo successo?»] [...] senza falsa modestia penso che ci sia moltissimo di mio, come di altri colleghi, del presidente, dell'allenatore. Sicuramente ho dato tutto. Ho lasciato che molti per sette anni parlassero di un Vialli immaturo. Ho lasciato complicare i discorsi azzurri, per me e per Roberto [Mancini], perché avevamo addosso questa maglia. Ho giocato per tre anni in uno stadio ridotto a metà [per la ristrutturazione del Ferraris di Genova in vista del mondiale 1990], posso dire di aver guadagnato meno di quello che avrei preso altrove. Tutto questo l'ho fatto perché sono innamorato della maglia blucerchiata e perché ho sempre sperato di raggiungere un traguardo prestigioso con la Sampdoria. Ho dato tutto alla causa e mi prendo molti meriti, al di là di quelli strettamente guadagnati sul campo.
  • [Ultime parole famose, sul futuro] Non farei l'allenatore, comunque. Farei più volentieri il dirigente esecutivo con i soldi degli altri...

"Un rigore parato è uno scacco matto"

Intervista di Simone Battaggia, gazzetta.it, 20 agosto 2008.

  • [Parlando del suo legame con gli scacchi] È stato uno zio a farmi conoscere gli scacchi e la dama. All'epoca non c'era la playstation, al massimo avevamo i puzzle. Quei pomeriggi in casa mentre fuori pioveva compensavano tutta l'attività fisica che facevo.
  • Quando ho iniziato a fare l'allenatore, ho capito che gli scacchi mi sarebbero potuti essere utili. [...] Perché hai bisogno di una strategia, devi sempre cercare di essere una mossa avanti all'avversario. Ti serve ragionare sul gioco delle mosse e contromosse, tentare di portare l'avversario fuori strada. Preparare un attacco e un po' come preparare una partita. L'unica differenza è che in mano hai dei pezzi, e non delle persone. Da questo punto di vista, il mestiere di allenatore è ancora più difficile.
  • [Rispondendo alla frase di Kasparov, secondo cui gli scacchi sono lo sport più violento del mondo] È un modo interessante per far capire cosa si viva a certi livelli. Io mi sono fatto più male giocando a calcio, ma credo che gli scacchi siano la cosa che si avvicina di più alle scelte che deve fare un generale davanti a un campo di battaglia.
  • Potenzialmente alcuni allenatori sono grandi scacchisti: penso ai vari Mourinho, Lippi, Capello. In panchina una delle cose più difficili è mantenere la mente fredda senza poter scaricare la tensione, e loro ci riescono. Sarei curioso di vederli davanti a un tavolino. [...] I portieri. Anche quando tiri un rigore, alla fine, si sviluppa un sottile gioco psicologico tra te e chi cerca di fermare il tiro. Tutti i portieri che in carriera mi hanno parato un rigore, è come se mi avessero battuto a scacchi.

«Un maglione sotto la camicia per nascondere la malattia»

Intervista di Aldo Cazzullo, corriere.it, 25 novembre 2018.

  • Io sono cresciuto all'oratorio, come tutti. Non c'era la PlayStation, la tv aveva un solo canale. Sono della generazione di Carosello. E come tutti ho imparato dai preti a giocare a pallone; a patto di frequentare anche il catechismo.
  • [«A Genova trovò Mancini. Siete ancora amici?»] Fratelli. Quando hai la stessa età e hai condiviso per tanti anni il campo di battaglia, puoi stare molto tempo senza sentirti, ma il rapporto rimane per sempre».
  • [Su Giampiero Boniperti] Duro, esigente, ma giusto.
  • [«Com'è giocare nella Juve?»] Un onore, e un onere. Senti il peso della maglia, il dovere di riconsegnarla piegandola per bene e riponendola un po' più in alto di dove l'avevi presa.
  • [Sulla battaglia contro il cancro] Sapevo che era duro e difficile doverlo dire agli altri, alla mia famiglia. Non vorresti mai far soffrire le persone che ti vogliono bene [...]. E ti prende come un senso di vergogna, come se quel che ti è successo fosse colpa tua. Giravo con un maglione sotto la camicia, perché gli altri non si accorgessero di nulla, per essere ancora il Vialli che conoscevano.
  • L'importante non è vincere; è pensare in modo vincente.

Citazioni su Gianluca Vialli[modifica]

  • Gol classico, alla Vialli: gol di potenza e di violenza, uno strappo negli ultimi sfiniti minuti di partita, quando gli altri ansimano e lui, Vialli, estrae gli artigli atletici per confezionare la prodezza. (Carlo Felice Chiesa)
  • [«Se Roberto Baggio è Raffaello e Del Piero Pinturicchio, Vialli chi è?»] Mi faccia pensare. Direi il Michelangelo della Cappella Sistina. Lo scultore che sa trasformarsi in pittore. (Gianni Agnelli)
  • Mi telefona Vialli da Torino: "Presidente come faccio qui a trovar casa con vista al mare?". "Cerca bene, vedrai che ci riesci". (Paolo Mantovani)
  • Nell’abbraccio di Wembley 2021 quel che tutti possono vedere è un uomo arrivato nel nucleo esatto della felicità. Il viaggio è stato lungo, il pedaggio alto, ma la precisione imposta dal destino è stata superiore a quella di qualunque aggiornato navigatore. Bisognava tornare lì, di fianco a fratello per elezione e giocare oltre ogni tempo. Il dettaglio chiave è questo: la finale del 1992 [Barcellona - Sampdoria 1-0] finì ai supplementari, quella del  2021 ai calci di rigore [Inhilterra - Italia]. Come fosse stata una preghiera esaudita: giocare ancora un po’ per far succedere quella cosa che mette a posto tutto, prima di andare. Vivere, per dare un senso alla fine, è: riparare un torto, completare un’opera, regalare l’ultimo desiderio. Nella sequenza conclusiva dell’abbraccio, Roberto Mancini ha gli occhi aperti e la testa eretta, Gianluca Vialli ha gli occhi chiusi e gli posa il capo sulla spalla. È bello, ma ancor più è giusto, pensare che, come il Giobbe di Joseph Roth, si stia riposando, “dal peso della felicità e dalla grandezza dei miracoli”. (Gabriele Romagnoli)
  • Nessuno potrà mai far dimenticare Vialli alla Sampdoria, però io spero che sostituibile lo sia. (Paolo Mantovani)
  • Oltre ad essere un grande giocatore è un caro ragazzo. È il classico collante da spogliatoio. [...] Soffriva quando le cose giravano storte, non ci sta mai a perdere, è un vincente insomma. Ammirevole nel mascherare ciò che gli ribolle dentro. E così non turba il morale dei compagni di squadra. (Pietro Vierchowod)
  • Punta vera nel senso più moderno del termine. In viaggio continuo, movimento e potenza da destra a sinistra, al centro, un incubo per i difensori. Vedevi gli occhi dei nostri avversari e capivi che Luca li aveva sconfitti prima di entrare in campo. Il più feroce attaccante che ho mai visto. [«Da preferire anche a Van Basten?»] Sicuro. Van Basten era molto più statico. Rispetto a Vialli aveva solo il gioco aereo, come qualità superiore. Fossi obbligato a scegliere, terrei sempre Luca. [«La maggioranza dei suoi colleghi pensa il contrario.»] Peggio per loro. (Vujadin Boškov)
  • Signori si nasce e Gianluca lo è sempre stato, in campo e fuori. [...] un piccolo lord cremonese, cresciuto nel maniero di famiglia, educato al bon ton della ricca borghesia padana, ma con un cuore generoso e popolare che ricordava i suoi inizi calcistici come quelli dell'ex ragazzo dell'oratorio del Cristo Re, nel paese di Grumello Cremonese. Più giù, a Jesi, in quegli stessi pomeriggi dell'infanzia, all'oratorio di San Sebastiano stava sbocciando il talento del suo "gemello del gol", Roberto Mancini, con il quale insieme, dal 1984 al 1992, avrebbero reso grande e ancora insuperata la Samp del presidente Paolo Mantovani. (Massimiliano Castellani)
  • Una forza della natura, ma soprattutto una persona vigorosa sotto tutti i punti di vista. A livello psicologico era uno straordinario motivatore, ed è stato sostenuto nelle sue scelte dalla famiglia. Sapevano che sarebbe diventato un campione, ma hanno voluto che prendesse un diploma, che diventasse un uomo prima ancora che un calciatore. (Emiliano Mondonico)
  • Vialli in Inghilterra è una Ferrari che corre su una strada sterrata. (Pasquale Bruno)
  • Vialli mi dà del paraculo perché combatto le battaglie che mi convengono? Sbaglia, pensavo avesse smesso con i farmaci. Io per le mie convinzioni sono rimasto fuori dal grande giro per più di dieci anni. (Zdeněk Zeman)
  • Vorrei avere l'inventiva di Baggio, i piedi di Mancini, la potenza di Vialli. (Attilio Lombardo)

Note[modifica]

  1. a b Dall'intervista di Marco Ansaldo, Vialli, il senzatetto tra i vip, La Stampa, 30 agosto 1992, p. 29.
  2. Citato in 'Maledetta atletica', la Repubblica, 3 aprile 1995.
  3. Da Il Secolo XIX, 30 ottobre 1992; citato in AA.VV., Quelli che il baciccia, Fratelli Frilli Editori, Genova 2002.
  4. Da un'intervista a Planete Foot; citato in Vialli, un'intervista che fa discutere, La Stampa, 23 marzo 1995, p. 31.
  5. Durante il discorso pronunciato in occasione del funerale del calciatore, svoltosi il 26 aprile 1995 nella cattedrale di Salerno; citato in La Juventus ricorda Andrea Fortunato, tuttosport.com, 25 aprile 2012.
  6. a b Citato in Marco Tarozzi, Robe di Luca, Calcio 2000, n. 11 [24], novembre 1999, p. 57.
  7. Citato in Carolina Durante, Da Jordan a Kakà Lo sport in buca, La Gazzetta dello Sport, 14 marzo 2009.
  8. Citato in Gianni Lovato, Vialli: «Juve, prendi Cavani. Conte vale Mourinho», tuttosport.com, 16 maggio 2012.
  9. Citato in Vialli: «Zeman è un parac... Juve, un grande mercato», tuttosport.com, 10 settembre 2012.
  10. a b Citato in Stefano Semeraro, My name is Gianluca, Hurrà Juventus, gennaio 2014, p. 63.
  11. Da un'intervista di Stefano Scacchi; citato in «Toro non t'illudere la Juve è spietata», Tuttosport, 23 aprile 2015, p. 8.
  12. Da un intervento a Sky Sport; citato in Vialli: "La Juve non può vincere lo Scudetto", tuttojuve.com, 30 agosto 2015.
  13. Da un'intervista a Calcio2000; citato in Vialli: "La Juve è una filosofia. Può piacere o non piacere ma è qualcosa di unico. Vincere la Champions è stato un sollievo", tuttojuve.com, 16 marzo 2016.
  14. a b Da un'intervista a La Gazzetta dello Sport; citato in Vialli: "Juve club speciale, non ci chiedevano di giocare bene, solo il successo. Lippi il maestro. Allegri adattissimo a mentalità bianconera", tuttojuve.com, 26 novembre 2016.
  15. Dall'intervista di Alessandro Cattelan, Una semplice domanda, Netflix, 2021; citato in Stefano Dolci, Morte Gianluca Vialli, le frasi indimenticabili che tratteggiano un campione unico in campo e fuori, eurosport.it, 6 gennaio 2023.
  16. Citato in Guido Vaciago, Juventus, vincere è l'unica cosa che conta?, tuttosport.com, 23 novembre 2022, p. 2.

Altri progetti[modifica]