Tennis femminile

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Il volto della King su una maglia, insieme al punteggio con cui sconfisse Riggs[1]

Citazioni sul tennis femminile.

  • [Riguardo alla situazione del tennis femminile riferito alle Williams] Abbiamo bisogno di una terza sorella. (Gianni Clerici)
  • Alle donne non dovrebbe mai essere permesso di entrare sul campo centrale. (Jack Kramer)
  • [Sui gemiti delle tenniste] C'è qualcosa di sensuale nelle loro grida, mi chiedo se si distruggano le corde vocali o se sia una espressione di pazzia, comunque bisogna ridurre questi gemiti, non si può continuare così. (Boris Becker)
  • Dopo la Hopman Cup ho cambiato idea sul tennis femminile. La Hingis e la Rubin – hanno risposto al mio servizio come fosse un pezzo di torta. È incredibile. Non sono riuscito a fare un ace. Rispondono meglio dei ragazzi. (Goran Ivanišević)
  • Gli uomini hanno il 20% di forza muscolare in più, anche più piccole e spalle più grandi, e il loro intero metabolismo è diverso. Nel tennis maschile, se un grande servitore mette la prima, il punto è finito. È un o la va o la spacca. Il tennis femminile è più un gioco di posizionamento e tattica. Possiamo comunque seguire a rete con il colpo giusto, ma naturalmente non abbiamo la potenza per essere decisive come gli uomini. È un gioco più difficile per noi, ed è per questo che lo spettatore comune può identificarsi meglio con il tennis femminile rispetto a quello maschile. (Betty Stöve)
  • Il tennis femminile è un mondo molto solo, specialmente quando sei al vertice. Non devi avere così tanti amici. C'è molta gelosia nell'ambiente. (Martina Hingis)
  • [All'inizio degli anni '70] Il tennis femminile iniziava a ottenere attenzione. Noi non ci limitavamo a giocare e basta. Abbiamo combattuto per quello che credevamo giusto. Eravamo delle militanti, organizzavamo gruppi, incontri, parlavamo incessantemente con i media. Era come un circo. (Rosie Casals)
  • Il tennis femminile sono due set di immondizia che durano appena mezz'ora. (Pat Cash)
  • Il tennis giocato dalle donne è ridicolo, le migliori non possono nemmeno battere un vecchio con un piede nella tomba![1] (Bobby Riggs)
  • In questo momento il tennis maschile è avanti rispetto a quello femminile. Al Roland Garros, gli uomini hanno trascorso in campo il doppio del tempo rispetto alle donne. Il tennis è l'unica disciplina in cui le donne guadagnano quanto i colleghi maschi. Però il tennis maschile è molto più interessante. (Gilles Simon)
  • Le donne che giocano a tennis sono di una razza inferiore.[1] (Bobby Riggs)
  • L'elemento che fa la differenza è l'interesse. In quanti guardano la finale maschile e in quanti quella femminile? Guardate quanto costano i rispettivi biglietti. (Gilles Simon)
  • Lo sforzo che uomini e donne mettono nella competizione è lo stesso. (Gabriela Sabatini)
  • Lo stesso montepremi? Noi donne ce lo meritiamo, è stata una conquista sudata: un atto dovuto. (Francesca Schiavone)
  • Mi piacerebbe vedere una tennista prendere la palla e dire "fermate questo disturbo, non riesco a sentire la palla". Sarebbe affascinante vedere che succederebbe. Stiamo ancora aspettando di vedere la prima giocatrice di questa generazione fare un tentativo serio di zittire le urlatrici. (Pam Shriver)
  • Nel tennis femminile, più giochi noioso e in sicurezza, più chance hai di vincere. (Jack Kramer)
  • [Sulla questione dei pari montepremi tra tennis maschile e femminile] Non conta quanta gente ci sia a vederci, ma conta il nostro livello di gioco. C'è lo stesso impegno, gli stessi sacrifici, lo stesso lavoro tecnico e atletico, e non è detto che i match a cinque set siano sempre migliori di quelli al meglio dei tre. (Samantha Stosur)
  • Non è una questione venale, ma di eguaglianza. Il tennis è il primo sport femminile nel mondo, rappresentiamo tutte le donne, e vogliamo vedere riconosciute le nostre ragioni.[2] (Venus Williams)
  • Non ho mai creduto che una donna potesse giocare a rete con successo. (Bill Tilden)
  • Non ne posso più di giocare con le donne, non mi diverto, sono sicura di poter battere anche gli uomini, se solo mi danno questa possibilità. (Serena Williams)
  • Non penso che sia giusto che le donne guadagnino come gli uomini, giocano molto di meno. Io ho giocato e intorno a me c'erano singolari femminili, doppi femminili che cominciavano, finivano, ricominciavano. Non c'è spettacolo, a parte le prime dieci non c'è divertimento. E poi ottanta delle prime cento del mondo sono grasse porcelle, tutte sovrappeso. (Richard Krajicek)
  • Non sempre più lungo è anche più divertente.[3] Per esempio, se in un concerto suonasse Elton John per 45 minuti e un gruppo spalla per un'ora, chi sarebbe più bello da seguire? Elton John per tre quarti d'ora o qualcun altro per un'ora? (Rosie Casals)
  • Personalmente ritengo che sia giusto che la vincitrice di un grande torneo incassi quanto il vincitore (la questione che gli uomini giocano sui cinque set, le donne sui tre a mio parere è insignificante), semmai credo sia eccessivo che le donne abbiano tabelloni di 128 giocatrici, 64 sarebbero sufficienti e garantirebbero nei primi turni un maggiore equilibrio. (Rino Tommasi)
  • Se per avere lo stesso montepremi degli uomini dobbiamo giocare tre set su cinque, siamo disposte a farlo...[2] (Martina Navrátilová)
  • Secondo me ci dovrebbero essere meno tornei femminili. Le donne nel tennis sono migliorate più che in qualsiasi sport, ma non bisognerebbe spremerle troppo. Il gioco è diventato sempre più fisico, e oggi sul campo ci si deve confrontare non solo con le difficoltà che ti procura l'avversario, ma anche da quelle che ti gettano addosso le tue stesse aspettative. Le donne non possono giocare lo stesso numero di tornei dei maschi. Lo si capisce dal numero di infortuni che si verificano, molte tenniste si accorgono troppo tardi che avrebbero dovuto ridurro il loro programma. (John McEnroe)
  • Senza rifarsi ad Adamo ed Eva si può affermare che il tennis femminile rappresenti una costola importante del movimento tennistico. Prima ancora di conquistare la stessa visibilità nelle presenze televisive, nell'ampiezza dei tabelloni ma soprattutto nella distribuzione dei premi, il tennis delle donne si era conquistato una propria credibilità tecnica e spettecolare in grado di garantire un'adeguata autonomia giornalistica. (Rino Tommasi)
  • Sono pochi i match femminili in cui un break può definirsi decisivo. Quindi il rischio di subire un break è molto meno avvertito, meno sofferto... (Mats Wilander)

Billie Jean King[modifica]

  • A Kramer semplicemente non piace il tennis femminile.
  • Montepremi diversi? Un'assurdità, e a Wimbledon non l'hanno ancora capito. Quanto all'idea di Simon, io abolirei del tutto i match a cinque set: mettono alla prova il fisico e sacrificano il divertimento, si chiede troppo ai giocatori. Le donne poi, per poter giocare, incontrano molte più difficoltà. E c'è un impegno di cui non puoi disinteressarti, ed è quello della famiglia: vediamo i casi di Justine Henin e Kim Clijsters, il loro ritiro è coinciso anche con una gravidanza, in tutto o in parte. È chiaro quindi che le carriere delle ragazze durino meno, molto meno. Non ci sono le stesse opportunità.
  • Questi uomini ricchi non capiscono quanto abbiamo bisogno dei soldi noi tenniste.

Note[modifica]

  1. a b c Dopo una serie di dichiarazioni del genere, decise a 55 anni di sfidare due delle più grandi giocatrici del tempo nell'evento poi diventato celebre come "Battaglia dei Sessi". Riggs si aggiudicò il primo incontro per 6-1, 6-2 contro Margaret Smith Court, ma perse il secondo contro Billie Jean King per 6-4, 6-3, 6-3.
  2. a b Wimbledon rimase infatti l'ultimo torneo di tennis con montepremi diversi tra donne e uomini fino al 2007.
  3. Riferita alla posizione di alcuni tennisti secondo cui il montepremi del torneo maschile di un Grande Slam debba essere maggiore di quello femminile per via della maggior durata degli incontri: 3/5 invece che 2/3.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]