The Flash (serie televisiva)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

The Flash (serie televisiva)

Serie TV

Questa voce non contiene l'immagine della fiction televisiva. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Flash

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno

2014 - in produzione

Genere Azione, Avventura, Crime, Drammatico, Mistero, Fantascienza
Stagioni 1
Episodi 23
Ideatore
Rete televisiva The CW
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Flash, serie televisiva statunitense, spin-off di Arrow, sviluppata dai creatori di quest'ultima Greg Berlanti, Marc Guggenheim e Andrew Kreisberg, basata sul personaggio di Flash.

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Indice

Stagione 1[modifica]

Incipit[modifica]

Per capire quello che sto per dirvi, dovete prima fare una cosa: dovete credere nell'impossibile. Ne siete capaci? Bene. Vedete quella scia rossa? Sono io. Anche qui. Ancora io. Mi chiamo Barry Allen. Sono l'uomo più veloce del mondo. (Barry)

Episodio 1, Una città di eroi[modifica]

  • La mia storia è molto semplice: ho corso per tutta la vita. Di solito per sfuggire ai bulli. A volte mi riusciva... a volte no. (Barry)
  • Nora Allen: Dimmi cosa è successo.
    Giovane Barry: Quei ragazzi picchiavano gli altri solo perché ci provavano gusto. Non era giusto.
    Nora Allen: Lo so.
    Giovane Barry: Non sono stato abbastanza veloce.
    Nora Allen: No. Tu hai solo tanto cuore, Barry. Ed è meglio avere cuore che essere veloci.
  • Ma dopo quella notte, iniziai a fuggire da qualcosa di più spaventoso e che mai avrei potuto spiegare. Qualcosa di impossibile. (Barry)
  • Barry: Scusi il ritardo, capitano Singh.
    Capitano Singh: Ci racconti, signor Allen. Non ha regolato la sveglia? Prima che risponda, le ricordo che l'ultima scusa è stata "guasto alla macchina". Sa perché mi è rimasta impressa?
    Barry: Io non ho una macchina...
  • Caitlin: Che c'è?
    Barry: Niente. E che non ti vedo mai sorridere.
    Caitlin: La mia promettente carriera in bioingegneria è finita, il mio capo è su una sedia a rotelle a vita, l'esplosione che ti ha mandato in coma ha anche ucciso il mio fidanzato. L'inespressività rispecchia il mio sentire.
  • Devi imparare a fermarti. (Cisco Ramon) [rivolto a Barry]
  • Barry: Nell'esplosione dell'acceleratore non sono stato colpito solo io vero?
    Wells: Non ne siamo certi.
    Barry: Ha detto che la città era al sicuro, che altri pericoli non c'erano. Ma non è vero, perciò come è andata quella sera?
    Wells: Allora... l'acceleratore è stato acceso. Ci sentivamo eroi, ma ad un tratto, tutto è andato storto. La barriera dimensionale si è aperta rovesciando energie sconosciute nel nostro mondo: antimateria, energia oscura, elementi X...
    Barry: Tutte cose teoriche...
    Wells: Anche tu sei teorico...
  • [Rivolto a Barry] La cosa importante sei tu. Non io. Io ho perso tutto. Ho perso la mia azienda, ho perso la mia reputazione, ho perso la mia libertà... Ora però ho visto romperti un braccio e guarire in sole tre ore. All'interno del tuo corpo potrebbe esserci la chiave per una serie di scoperte, terapie genetiche, vaccini, medicine, tesori nascosti all'interno delle tue cellule e non possiamo rischiare di perderle tutti solo perché adesso tu vuoi giocare a fare l'eroe. Tu non sei un eroe. Sei un ragazzo colpito da un fulmine, nient'altro. (Wells)
  • Barry: Questa è la mia storia. Ho passato la vita a cercare l'impossibile senza immaginare che io stesso sarei diventato l'impossibile.
    Arrow: Perché venire da me? Non avrai corso per 900 chilometri solo per salutare un amico.
    Barry: È una vita che desidero... fare qualcosa. Essere qualcuno. Ora lo sono, però alla prima occasione che ho avuto per aiutare... ho fallito. E se avesse ragione Wells? Se non fossi un eroe? Se fossi solamente un ragazzo che è stato folgorato?
    Arrow: Quel fulmine non ti ha colpito a caso, Barry. Secondo me ti ha scelto.
    Barry: Non so se sono come te, Oliver. Non so se potrò mai essere... un giustiziere.
    Arrow: Puoi fare di meglio. Essere d'ispirazione per gli altri... cosa che non mi è mai riuscita. Vegliare sulla città come un angelo custode, lasciare un segno... salvare persone... in un flash. Tu ce la puoi fare. Indossa una maschera.
  • Ce la puoi fare Barry. Hai ragione, sono il responsabile di tutto questo. Molta gente ha sofferto per colpa mia e in te vedevo solo un'altra potenziale vittima della mia superbia. È vero, ho dato inizio io a questa follia, ma tu, Barry, tu puoi fermarla. Tu puoi riuscirci anche adesso. Corri, Barry, corri. (Wells)
  • Mi chiamo Barry Allen. Sono l'uomo più veloce del mondo. Un amico tempo fa mi ha dato un'idea per un nuovo nome. E qualcosa mi dice... che avrà successo. (Barry)

Episodio 2, L'uomo più veloce del mondo[modifica]

  • Mi chiamo Barry Allen. Sono l'uomo più veloce del mondo. Mia madre è stata uccisa quando avevo 11 anni. Vidi una sfera di fulmini, all'interno di un fulmine c'era un uomo. Uccise lui mia madre. [...] Quella sera accadde un fatto impossibile. Poi un incidente trasformò me in qualcosa di impossibile. (Barry)
  • Wells: Non vorrei sembrare un disco rotto, Barry, ma ti consiglio moderazione.
    Flash: Dottor Wells, dubito che sia diventato l'uomo che è oggi con moderazione.
    Wells: Su sedia a rotelle? Un reietto? La mancanza di moderazione mi ha ridotto così. Limitati.
  • Joe: La tua abilità nel multitasking è davvero notevole: riesci a mettere in imbarazzo me e il capitano contemporaneamente e con facilità estrema.
    Barry: Joe mi dispiace.
    Joe: "Joe mi dispiace" sta diventando il mio nome e cognome, visto quanto lo dici spesso.
    Barry: Ho molto a cui pensare in questi giorni.
    Joe: Si, lo so Barry, ma di pensieri ne ho anch'io. Ho sempre avuto convinzioni molto semplici: la gravità fa cadere le cose, l'acqua invece le bagna. E sapevo che l'uomo più veloce del mondo corre il miglio in quattro minuti, non in quattro secondi.
    Barry: Posso farlo in tre.
  • Barry: Joe, quando ho detto che non sei mio padre, io...
    Joe: Barry, lo so. So di non essere tuo padre.
    Barry: Sì, non lo sei. Sei solo l'uomo che mi ha cresciuto, dato da mangiare, che per la mia paura del buio finché non mi addormentavo mi siedeva accanto, che mi aiutava con i compiti, che mi ha insegnato a guidare e a radermi, che mi ha accompagnato al college... tutte cose che farebbe un padre
  • I bambini sognano di diventare supereroi. Avere superpoteri e salvare la gente. Ma non pensano mai a come è la vita di un supereroe quando non è in missione. Non è molto diversa da quella degli altri. L'eroe soffre, ama, desidera, spera, ha le sue paure e ha bisogno di persone che lo aiutino in queste cose. E questa forse è la parte migliore della sua vita. [...] Ma in realtà la parte migliore è questa. (Flash)
  • Simon: Wells, come hai fatto ad entrare?
    Wells: Hai dato una festa di là?
    Simon: Sono sicuro che l'hai visto alla tv. Un ex dipendente ha cercato di uccidermi.
    Wells: Un ex dipendente capace di moltiplicarsi, affrontato da un uomo che si muove a ipervelocità.
    Simon: Lo hai visto anche tu, eh?
    Wells: Si, l'ho visto.
    Simon: Straordinario. Il potere che possiede è quello... quello degli antichi dei. È Mercurio sceso sulla terra. Immagina se potessi avere quel potere, se potessi imbrigliarlo, cambierebbe la definizione stessa di essere umano. L'uomo in costume rosso ne è la chiave. E lo catturerò, vedrai.
    Wells [togliendosi gli occhiali]: L'uomo in costume rosso... si chiama Flash. O così... si chiamerà un giorno. [si alza dalla sedia a rotelle]
    Simon: Che diavolo...
    Wells [colpendolo con un coltello nello stomaco]: Perdonami Simon. Non pensare che sia un fatto personale, non lo è. Solo che l'uomo in costume rosso, l'uomo più veloce del mondo... deve essere tenuto... al sicuro.

Episodio 3, The Mist[modifica]

  • Mi chiamo Barry Allen. Sono l'uomo più veloce del mondo. Da piccolo vidi mia madre morire per mano di qualcosa di impossibile. Mio padre fu accusato del suo omicidio. Poi un incidente trasformò me in qualcosa di impossibile. Agli occhi del mondo sono un perito della polizia scientifica, ma uso in segreto la mia velocità per combattere il crimine e trovare altri come me. E un giorno scoverò chi ha ucciso mia madre e avrò giustizia per mio padre. Io sono Flash.[1] (Barry)
  • Non importa se sei il ragazzo più lento alla lezione di ginnastica o l'uomo più veloce del mondo, corriamo tutti. Essere vivi significa correre. Correre via da qualcosa, correre verso qualcosa o qualcuno. E per quanto tu sia veloce, ci sono cose che non puoi sorpassare in velocità, e cose che riusciranno sempre a prenderti. (Barry)
  • Barry [rispondendo al telefono]: Pronto.
    Cisco: Codice 237 a Way Boulevard.
    Barry: Atti osceni in luogo pubblico?
    Cisco: Aspetta... volevo dire 239.
    Barry: Cane senza guinzaglio?
    Caitlin: Criminale armato in fuga con un automobile. Corri!
  • Barry: Mio padre è chiuso in una cella di 2 metri per 3 da 14 anni per un crimine che non ha commesso. Non ho salvato mia madre, ma posso salvare lui.
    Joe: Non ti ho promesso che tireremo fuori tuo padre dalla prigione insieme?
    Barry: Mi serve il tuo aiuto, Joe. Potrei entrare ed uscire con lui senza che riescano a vedermi.
    Joe: Ok. Sì, fallo pure. E poi? Dovrebbe scappare per il resto della sua vita. E sappiamo bene che non è veloce come te.
    Barry: Non hai idea di come stia lì.
    Joe: Tu credi che non sappia quello che stai provando? Io faccio il poliziotto ad occhio e croce da quando sei nato. Dovresti saperlo, indossare quella tuta non sempre mette tutti al sicuro. Per ogni persona che salvi, ce ne è una che non potrai aiutare. La cosa più difficile da affrontare non sono quei mostri con poteri speciali, ma quel senso di impotenza quando non puoi fare un bel niente. Oppure il senso di colpa quando... commetti un errore. Ci sono cose, Barry, che non puoi combattere, cose... con cui devi convivere.
  • Barry: Mia madre è morta 14 anni fa. Pensavo che con il passare del tempo il dolore si sarebbe alleviato... invece in alcuni giorni sembra... che il dolore sia molto più forte. Con certe cose non si lotta.
    Caitlin: Da quella sera ho il terrore di scendere in quel posto maledetto.
    Barry: E se io venissi con te? [Si vede un flashback con Ronnie che rimane nell'acceleratore durante l'esplosione]
    Caitlin: Ha salvato così tante vite quel giorno, ma nessuno saprà mai cosa ha fatto.
    Barry: Io sì. È stato un vero eroe.
    Caitlin: Io non volevo che diventasse un eroe. Io volevo che diventasse mio marito.
  • Pensavo che essere l'uomo più veloce del mondo mi avrebbe reso la vita più facile, che mi avrebbe fatto superare tutto. Invece nessuno può superare il dolore. [...] La vita ha i suoi drammi... ma è anche preziosa... e dolce... e straordinaria. E l'unico modo che conosco per onorare la vita di mia madre è continuare a correre. (Barry)

Episodio 4, Capitan Cold[modifica]

  • Che cosa fa l'uomo più veloce del mondo nel suo giorno libero? Prima di essere colpito dal fulmine, se non fossi andato al laboratorio, sarei rimasto a casa a rilassarmi, ma ora i miei giorni liberi sono diversi, non sono più così solitari. Il fulmine non mi ha dato solo la velocità, mi ha dato anche degli amici. (Barry)
  • [Rivolto a Barry] Per essere così veloce, sei un po' lento nell'improvvisare. (Joe)
  • Te lo posso garantire: Internet è pieno di tipi strani... e di nerd arrabbiati. Molti nerd arrabbiati. (Felicity)
  • Ci sono quaranta banche a Central City e ognuna delle quali viene raggiunta dalla polizia in sessanta secondi: è questo il vantaggio di attaccare un bersaglio mobile. Quando il furgone blindato ha chiamato il 911 avevamo centottantadue secondi prima dell'arrivo della polizia. Nessuno avrebbe potuto raggiungerci tanto velocemente da fermarci. Ma qualcosa l'ha fatto. E tu hai perso la calma. Conosci le regole: noi non spariamo ai poliziotti, a meno che non sia necessario, non vogliamo gli sbirri alle calcagna. (Leonard Snart)
  • Ho visto con i miei occhi che cosa significa questo tipo di vita. È un percorso solitario. Non renderlo più solitario del dovuto. (Felicity)

Episodio 5, Plastique[modifica]

  • Vi capita di pensare come e perché sono nate le vostre amicizie? È stato un caso? Un disegno divino? O magari entrambe le cose? A prescindere dal motivo, voi sapete che alcuni amici vi resteranno al fianco per un bel po'. Di altri non ne siete così sicuri. E poi c'è quella amica che... beh, voi sperate che un giorno diventi qualcosa di più. Ma per adesso siete solo buoni amici. E va bene così, diciamo. (Barry)
  • Non mi ubriaco. Ho solo venticinque anni e le mie bevute in compagnia sono già finite. (Barry)
  • Un amico ha detto che mi è stata data la velocità per una ragione. Che sono stato prescelto. Non so se credergli o no, ma... sognavo di aiutare gli altri da una vita. Ne ho l'occasione. (Barry)
  • Joe: Barry, Iris poteva riconoscere la tua voce.
    Barry: No, posso distorcere la voce facendo vibrare le corde vocali. E questo è il risultato.

Episodio 6, Girder[modifica]

  • Per capire quello che sto per dirvi, dovete prima fare una cosa: dovete credere nell'impossibile. Ne siete capaci? Bene, perché tutti noi abbiamo dimenticato che esistono i miracoli, forse perché ne abbiamo visti ben pochi ultimamente. Le nostre vite sono diventate ordinarie, ma tra di noi c'è qualcuno di veramente straordinario. Non so da dove tu venga, non conosco il tuo nome, però di ho visto fare cose impossibili per proteggere la città che amo. In nome di tutti colore che credono in quello che stai facendo, ti volevo solo dire grazie. (Iris)
  • Sembra proprio che tu sia nato per prenderle. (Girder)
  • Figliolo, a volte il miglior modo per vincere un combattimento è non iniziarlo affatto, ma se dovessi affrontare qualcuno che sai di non poter battere, sii furbo, scappa dalla parte opposta. (Joe)
  • Barry: Guarirò.
    Wells: Non si guarisce da morti. Poteva ucciderti.
  • Mi disse che il segreto per combattere è la pazienza. Ecco... molti ragazzi sprecano energia tirando più pugni possibili. Ne basta uno solo, ma devi tirarlo bene. Scegli il punto e affonda il colpo come se fosse dieci centimetri dietro il bersaglio. (Eddie)

Episodio 7, Blackout[modifica]

  • Nuovo evento. Sono passati 311 giorni da quando il fulmine l'ha colpito. Sta facendo affidamento sulla sua velocità nella vita quotidiana, utilizzando i suoi straordinari poteri per risolvere problemi comuni. [...] E per svolgere mansioni di natura ordinaria. Ma il suo debole per le imprese eroiche persiste. [...] Il fatto è che a volte è un po' esibizionista. [...] E sebbene il suo desiderio di aiutare il prossimo sia ammirevole, questo gli impedisce di comprendere appieno la portata delle sue abilità. Ma, c'è ancora tempo... finché il furure resta intatto. (Wells)
  • Caitlin: Non puoi perdere i tuoi poteri così, ok? L'esplosione dell'acceleratore ha trasformato il tuo DNA, è impossibile annullare questa trasformazione.
    Barry: Già, dillo alla tassista che mi ha sfilato sessantacinque dollari. Gli ho detto che ero stato ad una festa in maschera.
  • Barry: Ho vissuto senza velocità per molto tempo, ma adesso che non c'è più è come se avessi perso una parte di me.
    Caitlin: Con o senza velocità sei sempre tu, Barry.
    Barry: Non è così. Non sono più la parte migliore di me. Io adoro essere Flash. Mi piace tutto di lui. La sensazione di correre a centinaia di chilometri all'ora, il vento e l'energia che mi sfiorano la faccia. Riuscire ad aiutare le persone. Non penso di poter vivere senza, Caitlin.
  • Capitano, lei può anche tardare, ma il tempo non lo farà [2] (Tockman)
  • Ascoltami. Di tutto quello che ho fatto nella mia vita, di tutte le cose che ho inventato, la mia creatura più importante è Flash. Barry Allen deve avere un futuro. (Wells)
  • Come se si potesse ammazzare il tempo senza ferire l'eternità.[3] (Tockman)
  • Barry: Allora perché fa tutto questo? Per quale motivo?
    Wells: Perché credo in un futuro migliore. Un futuro che vorrei tanto vedere, di cui tu sei parte integrante. Forse non mi importerà molto delle persone ma mi importa di te.
  • Barry: Ti prometto che non arriverò mai più in ritardo.
    Iris: Il mio migliore amico diceva lo stesso ma è sempre in ritardo.
    Barry: Vale la pena essere puntuali per te.
  • Nuovo evento. Sono ormai passati 312 giorni da quando il fulmine l'ha colpito. Nelle ultime ventiquattro ore il soggetto ha fatto grandi passi in avanti, portandomi a rivedere la mia tesi iniziale: io pensavo che il suo attaccamento alle persone fosse solamente una distrazione che ne rallentasse i progressi. Ora mi rendo conto che è proprio l'opposto. L'attaccamento di Barry alle persone, alle persone a cui tiene, è la chiave per aumentare la sua velocità. (Wells)

Episodio 8, Flash Vs Arrow[modifica]

  • Non c'è abitante di questo pianeta che a un certo punto della sua vita non sia stato travolto dalle emozioni. Quei giorni in cui il cuore è troppo piccolo per contenere i sentimenti che si provano. Oggi è uno di quei giorni. Pensiamo che le nostre emozioni siano fenomeni unici e personali, che nessuno abbia mai provato quello che noi sentiamo, ma c'è una spiegazione scientifica per ogni nostra emozione, che si tratti di collera o amore. Da scienziato so che non c'è niente di più magico nel processo che ci induce a provare qualcosa per un'altra persona, poi però vedo il suo sorriso... e no, non può essere solo scienza. (Barry)
  • Io ho un cugino colpito da un fulmine: è solo balbuziente. (Diggle)
  • Barry [parlando di Arrow]: Lui è un eroe, Joe.
    Wells: Tu sei un eroe, Barry. Tu offri protezione, speranza, luce. In nome della sua città attua un'oscura resa dei conti. È brutale il suo concetto di giustizia, e noi non lo condividiamo. Per te è un eroe? Pensalo pure. Non è uno così però che devi ispirarti.
  • Oliver: Sei in ritardo. Perché nonostante la supervelocità non arrivi mai in tempo?
    Barry: Scusa tanto, credo che la mia superlentezza azzeri il vantaggio.
  • Oliver: Il mese scorso hai affrontato un certo Snart.
    Barry: Lo chiamiamo Capitan Cold.
    Oliver: Dei nomi stupidi che dai ai tuoi nemici parleremo in seguito.
    Barry: Davanti a un caffè con Deathstroke e Cacciatrice?
    Oliver: Il guaio è che hai affrontato Snart su un treno di pendolari che lui ha fatto deragliare.
    Barry: D'accordo, ci sono stati dei danni ma ho compiuto la missione, un gesto eroico.
    Oliver: Barry, quando ti impegni su un nuovo campo di battaglia ne studi ogni centimetro? Potresti. Ne avresti il tempo. Ma non lo fai. Tu corri alla cieca. È questa la differenza, Barry, tra l'avere dei superpoteri e avere la precisione.
    Barry: Ti confidai che volevo aiutare gli altri e tu dicesti che potevo essere d'ispirazione.
    Oliver: Per condurre questa vita ci vuole più di una maschera, ci vuole disciplina.
  • Barry: Tu uno sbaglio non lo hai mai fatto?
    Oliver: Certo, sbaglio spesso anch'io, Barry. Ormai faccio questa vita da quasi 8 anni, ho visto cose che non puoi neanche immaginare eppure sono ancora vivo. Non ho la supervelocità per salvarmi la pelle. Sono vivo perché ho capito che dovevo imparare senza sosta, seguitare ad allenarmi, diventare più scaltro, e finché tu non accetterai questa cosa a dispetto delle tue buone intenzioni, farai più danni che altro.
    Barry: Adesso è tutto chiaro. Tu sei invidioso di me, ho ragione? Per uno come te, affascinante, ricco, uno che può avere tutte le donne che vuole, l'invidia probabilmente sarà un'emozione nuova perciò potresti metterci tanto a capire cos'è quello che senti.
    Oliver: È la tua teoria?
    Barry: Direi proprio. Tu potrai allenarti, sollevare pesi appenderti a quella sbarra finché non ti scoppieranno il cuore, ma non sarai mai e poi mai veloce quanto me, Tu non potrai mai essere uguale me. Deve essere un brutto colpo per il tuo orgoglio, Ollie.

Episodio 9, Firestorm[modifica]

  • Barry: Eri tu. Eri tu a casa mia quella sera. Hai ucciso mia madre. Perché?
    Anti-Flash: Se vuoi saperlo devi prima prendermi.
  • Non sei abbastanza veloce, Flash. (Anti-Flash)
  • Barry: Chi sei?
    Anti-Flash: Tu sai chi sono, Barry.
    Barry: No, io non so chi sei.
    Anti-Flash: Invece sì, Barry. È molto tempo che va avanti questa storia fra noi due, ma io sono sempre un passo avanti a te. È destino che tu perda contro di me, Flash. Come era destino che tua madre dovesse morire quella sera.

Episodio 10, Heat Wave[modifica]

  • Mi chiamo Barry Allen, e non sono l'uomo più veloce del mondo. Questo titolo appartiene all'uomo che ha ucciso mia madre, Ma non per molto. (Flash)
  • [Parlando dell'Anti-Flash] Non voglio che faccia di nuovo del male alle persone che amo. Se dovrò dedicare ogni istante del mio tempo libero per diventare più veloce per fermarlo, allora questo è quello che farò. Mi dispiace, ma ormai ho deciso. (Barry)

Episodio 11, Il Pifferaio[modifica]

  • Tutti hanno un eroe a cui guardare con rispetto, ammirazione o come modello da imitare. È facile credere negli eroi. Il difficile è quando i nostri eroi smettono di credere in noi. (Barry)
  • La regola numero uno per chi ha un'identità segreta è quella di non fare mai foto in costume senza maschera. (Barry)
  • Le persone che ammiriamo non sono sempre come vorremmo che fossero. (Barry)
  • Non tutti gli eroi indossano una maschera, alcuni si rivelano determinanti in maniera semplice anche solo restandoci accanto o dimostrandoci che credono in noi. Se io oggi sono una mezza specie di eroe, non è per la mia velocità, è perché ho imparato ad esserlo dalle persone che mi sono care. Da tutte loro. (Barry)

Episodio 12, Peek A Boo[modifica]

  • La curiosità è una spietata schiavista, eh? (Hartley Rathaway)
  • [Rivolto a Hartley Rathaway] Anche se parli 6 lingue, sembri un coglione ogni volta che apri la bocca. (Cisco)
  • Guarda che io non sto meglio di te. La mia vita sociale si riduce a corse veloci e film su Netflix. (Barry)
  • [Bevendo un alcolico] Beh, un brindisi al coraggio liquido. (Caitlin)

Episodio 13, L'uomo nucleare[modifica]

  • Come si prepara un supereroe per un appuntamento? Come chiunque altro. Tutti a dirti che devi essere te stesso... ma chi lo è veramente? (Barry)
  • Barry: Ah, ti prego... sono con una ragazza. Non può andarci la polizia?
    Cisco: Certo, ma quando domani leggerai sul giornale di quella povera vecchietta derubata...
    Barry: Che ne sai che è una vecchietta?
    Cisco: Per favore... centra sempre una vecchietta.
  • Senta, Einstein non era solo un genio, aveva il senso dell'umorismo. Come era? "Qualsiasi uomo che guida in maniera sicura mentre bacia una bella ragazza è un uomo che non sta dando al bacio l'attenzione che merita". Se ho imparato qualcosa nell'ultimo anno è che la vita è troppo corta per non viverla. (Firestorm)

Episodio 14, Gorilla Grodd[modifica]

  • Joe: Il velocista che cerca di fermare l'uomo in giallo...
    Barry: È Flash. Sono io.
  • Beh, se in qualche modo sono riuscito a tornare indietro fino a quella sera, allora significa che non l'ho salvata. Il mio destino è fallire. (Barry)

Episodio 15, Il Mago del Tempo[modifica]

  • Wells: Va meglio con la tua famiglia?
    Cisco: Si sta perdendo il film.
    Wells: Giusto.
    Cisco: D'accordo, sarò onesto con lei, in realtà le cose stanno andando meglio... da quando ho smesso di vederli spesso.
  • Cisco: Che succede? Cosa vedi?
    Barry: Un cadavere.
    Cisco: Barry, sei in un obitorio, devi essere un po' più preciso.

Episodio 16, Lisa Snart[modifica]

  • Barry, il tempo è estremamente fragile come struttura, qualsiasi deviazione, per quanto piccola può provocare un cataclisma, perciò ecco cosa farai: tutto quello che hai già fatto una volta. ogni parola detta, ogni passo, ogni gesto, dovrai ripetere tale e quale adesso e non dovrai dire a nessuno di questa anomalia. (Wells)
  • Qualsiasi tragedia tu credi di averci risparmiato, il tempo troverà il modo di rimpiazzarla. Credimi Barry, la successiva... sarà peggiore forse. (Wells)
  • La domanda è: quante persone devono morire affinché tua madre viva? (Wells)

Episodio 17, Trickster[modifica]

  • Trickster: La mia specialità, una città alla brace. Trickster da a tutti voi il benvenuto nel suo nuovo disordine.
    Cisco: Parla in terza persona, non è mai un buon segno.
    Caitlin: Ti secca che si sia scelto il nome.
  • Non tutti i criminali stanno nell'ombra. (Barry)

Episodio 18, Bug-Eyed Bandit[modifica]

  • [Arrestando due criminali] Sentite, eh... la mia è solo curiosità, ma... non mi conoscevate o siete temerari? (Flash)
  • Lavorano con lui da tanto tempo, ne ho vista tantissima di gente fare la scelta sbagliata per essere leali. Ti prego, tienili all'oscuro fino a che non siamo sicuri. (Joe)
  • Caitlin: Che cos'è? Un uccello?
    Cisco: Un aeroplano?
    Felicity: È il mio fidanzato.
  • Barry: Felicity lo sa.
    Eddie: Wow.
    Barry: Si.
    Eddie: Quindi lo sanno tutti tranne Iris.
    Barry: Più o meno.
  • Per stare più tranquilli ho comprato tutto il ristorante. (Ray Palmer)
  • Mai affrontato una nemesi. Gustoso. (Felicity)

Episodio 19, Everyman[modifica]

  • Sto diventando veloce, più veloce di sempre, e mi chiedo se non sia perché qualcosa mi insegue. So bene cos'è che mi perseguita: è il mio passato. Si sta avvicinando, e per quanto io corra forte, non posso ignorare il fatto che il mio passato mi abbia quasi raggiunto. (Flash)
  • La paura è una gran cosa: la paura tiene in vita. (Joe)
  • A volte mentiamo per amore. Specie quando c'è di mezzo la famiglia. (Joe)
  • Vedere è credere, Barry. (Eddie)
  • Caitlin: Barry?
    Flash: Si. Il solo e unico.

Episodio 20, La trappola[modifica]

  • [Leggendo la prima pagina di un giornale]
    Cisco: "Sparito Flash. Svanisce nella Crisi."
    Barry: "Dopo uno strenuo epico scontro per le vie della città con l'Anti-Flash, il nostro giovane velocista scarlatto è scomparso in un'esplosione di luce."
    Caitlin: Barry, guarda la data.
    Barry: 25 aprile 2024. Ragazzi, quando ho affrontato l'Anti-Flash a Natale, ha detto che lui ed io ci saremmo scontrati per secoli.
    Caitlin: Aspetta, non penserai sul serio che quello arrivi... dal futuro. Vorrebbe dire...
    Cisco: Che il Dottor Wells, o chiunque egli sia, anche lui viene...
    Barry: Dal futuro.
    Cisco: Devo ammettere però che quel rosso più acceso della tuta non mi dispiace, e neanche lo sfondo bianco del simbolo: è una ficata. Alt, un secondo: se ora decidiamo di cambiare il colore della tuta, sarà perché ci ha influenzato vedere quella foto? Siamo di fronte a un nesso di casualità? E... wow... che-che cosa da sballo, come- come Marty e la polaroid di ritorno al futuro.
    Caitlin: Non da sballo quanto l'autore dell'articolo.
    Barry: "Iris West-Allen"?
    Cisco: Mazel tov?
    Gideon: Lingua ebraica, antico idioma del popolo ebraico.
  • Barry: Tu conosci il dottor Wells?
    Gideon: Si.
    Barry: E sai anche chi è in realtà?
    Gideon: Non capisco la domanda.
    Barry: A-allora tu-tu che... che cosa fa lui qui? E perché è venuto qui? Che obbiettivo ha?
    Gideon: Uccidere lei.
  • Barry: Gideon, potresti, chessò, non dirgli che siamo stati qui?
    Gideon: Certo, accetterò qualsiasi ordine che lei mi darà.
    Cisco: Barry...
    Caitlin: Dai, è ora di uscire.
    Barry: Fermi un attimo. Perché? Perché accetterai i miei ordini?
    Gideon: Perché è stato lei a crearmi.
  • [Rivolto a Barry] Certo. Ma c'è una cosa che ho imparato dopo tutto il tempo trascorso insieme, Barry, è che... che l'unica cosa in grado di frapporsi fra te e il raggiungimento degli obiettivi che ti sei prefisso... sei tu. Non c'è un limite a quanto puoi diventare forte o a quanto puoi diventare veloce. Tutto quello che ti occorre... tu già ce l'hai. (Wells)
  • I poliziotti: una spina nel fianco, ora come fra cent'anni. (Wells)
  • Te l'ho già detto una volta: sono sempre un passo avanti a te, Flash. Permettetemi di ripresentare a tutti voi il signor Hannibal Bales e la sua incredibile capacità di trasformarsi in qualsiasi persona egli tocchi. Sapevo che questa sua dote mi sarebbe tornata utile, ma non mi aspettavo di sfruttarla così presto. (Wells)
  • Non voglio ucciderti, Barry, tu mi servi. (Wells)
  • L'ha organizzata bene. Pensavamo di tendergli una trappola e lui ci ha fatto cadere nella sua. (Barry)
  • Sei così giovane... Potrei ucciderti adesso. Sarebbe così facile. Cosa non avrei dato... tempo fa per averti in questa condizione. Così indifeso... Ma il fato... è beffardo, non trovi? Vengo qui per annientarti e invece per tornare a casa devo diventare il tuo creatore. Ah... Ma ti dirò... è stato interessante vederti crescere in questi anni tra incontri di calcio e fiere scientifiche. Nessun indizio, nessun segno, nessuna avvisaglia dell'uomo che un giorno diventerai... e per il quale nutro solo odio. E per essere chiari, niente è perdonato: avremo una resa dei conti, te lo prometto, Barry Allen... e tu morirai. (Wells)

Episodio 21, Grodd vive[modifica]

  • Pensate al vostro migliore amico, potrebbe essere vostra moglie, vostro padre, uno con cui siete cresciuti. È la persona con cui non vedete l'ora di parlare a fine giornata, la persona che sa tutto di voi, che tifa per voi. Immaginate ora di scoprire che il vostro migliore amico abbia un segreto, anzi, non uno solo, un universo di segreti, lo affrontereste? O rimarreste zitti? In un caso o nell'altro sapete già che non sarà mai più come prima. (Iris)
  • La prima regola dell'ingegneria meccanica dice mai rottamare tecnologia valida. (Cisco)
  • Ciao Barry, ma forse dovrei dire Flash. (Iris)
  • Tu sapevi che gli esseri umani sopravvivono fino a due mesi senza mangiare? (Wells)
  • Ah sì? Da dove provengo sono un genio, immagina quanto posso esserlo qui. (Wells)
  • Senti, quello-quello che cerco di dirti è che anche se non conoscevi ogni particolare della mia vita di quest'ultimo anno, questo non vuol dire che tu non ne facessi parte: tu ci sei stata dal primo all'ultimo giorno. Senza di te, non esisterebbe Flash. (Barry)

Episodio 22, Nemici[modifica]

  • Voglio che ti fermi un momento a riflettere su tutte le cose che compongono la tua vita. Tutte le persone che ami. Il tuo lavoro. I tuoi colleghi. La tua casa. E ora immagina che un giorno, in un lampo, tutto questo svanisca. Accetteresti serenamente la tua nuova vita? Andresti avanti? O faresti qualsiasi cosa... per recuperare quello che ti è stato tolto? Perché, te lo posso garantire, io recupererò tutto quello che è stato tolto a me. (Wells)
  • Dai, non è colpa tua. A volte uno non vede gli indizi anche se sono lì davanti a lui. (Eddie)
  • Noi infrangiamo le regole a fin di bene. (Barry)
  • La prima regola nel mio mondo è "prima proteggi sempre te stesso". (Capitan Cold)
  • Ma sai cosa c'è? Io sono un criminale e un bugiardo. Io uccido le persone quando non le derubo. Che cosa ti aspettavi? Che rinnegassi quello che sono? Ho visto l'opportunità di volgere facilmente le cose a mio favore e l'ho colta. Tu sei arrabbiato con te stesso in realtà, e lo sai. La colpa è tua Barry. (Capitan Cold)
  • Wells: Il solito eroe, eh Barry?
    Barry: Hai fatto del male a troppi.
    Wells: Lo so, per te sono il cattivo. Però Barry, se tu guardassi indietro ed esaminassi con cura tutto quello che ho fatto, ogni ingranaggio da me messo in moto, capiresti che ho soltanto fatto quello che dovevo. Niente di più, niente di meno.
    Barry: E l'acceleratore di particelle che ruolo ha in questo tuo grande piano?
    Wells: Perché non andiamo dentro? Ti spiego tutto.
    Barry: Oggi ho avuto una lezione e ho imparato a non fidarmi dei cattivi.

Episodio 23, Wormhole[modifica]

  • Mi chiamo Barry Allen. Sono l'uomo più veloce del mondo. Da piccolo vidi mia madre morire per mano di qualcosa di impossibile. Mio padre fu accusato del suo omicidio. Poi un incidente trasformò me in qualcosa di impossibile. Agli occhi del mondo sono un perito della polizia scientifica, ma uso in segreto la mia velocità per combattere il crimine e trovare altri come me. E un giorno scoverò chi ha ucciso mia madre e avrò giustizia per mio padre. Quel giorno è oggi. (Barry)
  • Barry: Perché hai ucciso mia madre?
    Eobard Thawne: Perché io ti odio. Non te adesso, ma chi diventerai.
    Barry: Nel futuro.
    Eobard Thawne: In un futuro, si. Siamo nemici, rivali, avversari, l'uno il contrario dell'altro.
    Barry: Per quale motivo? Perché siamo nemici?
    Eobard Thawne: Non ha importanza. Non ne ha più. Ne ha solo il fatto che nessuno di noi due era così forte da sconfiggere l'altro. Poi ho scoperto il tuo segreto, la tua vera identità: Barry Allen. E finalmente sapevo come batterti una volta per tutte: tornare indietro nel tempo e ucciderti, ucciderti da piccolo. Cancellarti dalla faccia della Terra. Poi però tu, tu dal futuro, mi hai seguito, qui nel passato e ci siamo scontrati ancora. Abbiamo entrambi messo a segno qualche buon colpo e ad un tratto tu, l'alter ego del futuro, hai messo in salvo il te fanciullo. Ero così infuriato... Poi ho pensato... "e se tu avessi subito una tragedia?" Se avessi dovuto da bambino sopportare una cosa talmente... orribile e traumatica da uno riuscire a superarla con buona probabilità non saresti diventato Flash, e così ho pugnalato tua madre al cuore. Ero libero. Finalmente potevo tornare in un futuro senza Flash, ma poi mi sono accorto che venendo nel passato, avevo perso la strada di casa. Avevo perso la capacità di imbrigliare la forza della velocità senza la quale ero arenato qui, progioniero di quest'epoca, impossibilitato a tornare nella mia, e allora la mia unica speranza era Flash. Ma Flash lo avevo neutralizzato, perciò... l'ho dovuto creare.
    Barry: Perché mi hai addestrato? Perché mi hai voluto aiutare a salvare tutte quelle persone?
    Eobard Thawne: Perché dovevi diventare veloce, veloce abbastanza da infrangere la barriera spazio temporale e creare un wormhole stabile attraverso il quale io posso ritornare a casa.
    Barry: E perché mai ti dovrei aiutare?
    Eobard Thawne: Perché, Barry Allen, se mi dai quello che voglio... ti darò quello che vuoi tu. Potrai tornare là a salvare tua madre, potrai evitare a tuo padre un'ingiusta detenzione, insomma, dopo anni, tu riunirai la famiglia Allen.
    Barry: No. No, io non ti credo. Vorrei ucciderti in questo istante.
    Eobard Thawne: Conosco quella rabbia. Un tempo quando ti vedevo provavo la stessa emozione. Ora però, per qualche ragione, so cosa provano sia Joe che Henry quando ti guardano con orgoglio, con amore.
    Barry: No. Non ti azzardare più a parlarmi così.
    Eobard Thawne: So che sei arrabbiato, ma ti offro una carta da giocare: ti sto dando la possibilità di cancellare tutto il male che ho fatto. Vuoi rinunciare a questa occasione?
  • [Rivolto a Barry] Hai salvato molte vite quest'anno, è arrivata l'ora di salvare la tua. (Joe)
  • Barry, esiste un ordine naturale delle cose. Capisci? Le cose accadono come devono accadere. Sai, certe volte noi non capiamo perché sul momento, ma c'è sempre una ragione, e io a questa cosa credo. Ho dovuto imparare a crederci. (Henry Allen)
  • Io non appartengo a questa era, a questa barbarica epoca. È come vivere tra i morti. (Eobard Thawne)

Stagione 2[modifica]

Episodio 1, L'uomo che ha salvato Central City[modifica]

  • Sono qui per fare del male solo a te. (Atom Smasher)
  • Sembra quasi che quando io vinca, io perda. (Barry)

Episodio 2, Flash dei due mondi[modifica]

  • Alla resa dei conti, niente è come sembra. (Joe)

Episodio 3, Famiglia di nemici[modifica]

  • Il proverbio lo conosci, no? Chi troppo corre, muore giovane. (Capitan Cold)

Episodio 4, La Furia di Firestorm[modifica]

  • Ognuno di noi, sotto sotto pensa di aver capito come sarà la propria vita. Ma quello che nessuno considera mai è che anche la vita ha i suoi progetti per noi, che ci piaccia o no. E così non rimane che scegliere tra accettare il cambiamento e andare avanti o opporsi ad esso restando indietro. (Barry)
  • A volte incredibili opportunità ci passano davanti e noi non le vediamo perché non vogliamo vederle. Penso che dovremmo essere aperti ed andare alla ricerca di nuovi orizzonti. (Barry)

Episodio 5, Dottor Light[modifica]

  • Mi chiamo Barry Allen. Sono l'uomo più veloce del mondo. Per tutti sono un perito della polizia scientifica, ma in segreto, con l'aiuto dei miei amici dei laboratori STAR combatto il crimine e cerco altri metaumani come me. Ho dato la caccio all'uomo che aveva ucciso mia madre, ma nel farlo ho esposto il mondo a nuove minacce. E io sono l'unico abbastanza veloce da sventarle. Io sono Flash. [4] (Barry)
  • A tutti vengono a mancare le persone care, Show. Una prova di carattere è come uno si comporta in seguito. (Wells)
  • Ti senti mai così travolta da tutto quello che devi fare ogni giorno, che alla fine l'unica cosa a cui tieni veramente è l'unica alla quale rinunci? (Barry)
  • La paura impedisce alla gente di andare incontro al proprio destino. (Patty)

Episodio 6, Zoom[modifica]

  • L'opposto di questo e siamo a cavallo. (Barry)
  • Sei tu l'artefice della tua felicità, Barry. (Joe)
  • Flash: Vuoi essere un eroe?
    Zoom: Gli eroi muoiono.
    Flash: Solo se riesci a prenderli.

Episodio 7, Il ritorno di Grodd[modifica]

  • A volte è necessario rallentare per ritornare se stessi. (Henry)

Episodio 8, Leggende di oggi[modifica]

  • Arrow: Che ti prende?
    Flash: Niente, è che di solito nei posti preferisco arrivarci correndo.

Episodio 9, Ricatto di Natale[modifica]

  • Jay: Cos'è Natale?
    Caitlin: Oh... è una festa che abbiamo qui, nella quale si tagliano abeti e si canta per festeggiare la nascita di un bambino di 2000 anni fa che gli umani hanno ucciso. E poi ci si scambia regali.

Episodio 10, Energia potenziale[modifica]

  • Flash, tutto quello che hai, sarà mio. (Zoom)

Episodio 11, Il ritorno dell'Anti-Flash[modifica]

  • Sono molte le ragioni per cui corriamo, il più delle volte per sfuggire a quello che abbiamo di fronte, una decisione da prendere, un dilemma da affrontare. Per quanto mi riguarda, negli ultimi tempi mi sembra di non fare altro che correre. (Barry)

Episodio 12, Tar Pit[modifica]

  • La severità non è cattiva, specie se deriva dall'amore. (Barry)

Episodio 13, Benvenuti su Terra-Due[modifica]

  • Caro Zoom, puoi correre, ma non nasconderti. (Cisco)

Episodio 14, Fuga Da Terra-2[modifica]

Secondo me, se la gente sapesse che c'è chi può proteggerla, avrebbe meno paura. (Iris)

Episodio 15, King Shark[modifica]

  • Fai anche tu come Oliver, Barry, ti fai carico dei guai del mondo. Smetila o ti rallenteranno. (Diggle)

Episodio 16, Trajectory[modifica]

  • Vuoi essere più veloce? Forse il rischio di morire è la motivazione che ti serve. (Cisco)
  • Ricordati questo: perderai un po' di umanità ogni volta che verrai meno ai tuoi valori. (Harrison Wells)

Episodio 17, Flash back[modifica]

  • Gli spettri del tempo odiano che i velocisti manipolino la linea temporale. Ora quello per liquidarti farà di tutto. (Harrison Wells)
  • Wells: Mi sembra che ogni decisione presa... mi si ritorca contro.
    Barry: Devi continuare a credere che alla lunga risulteranno giuste.
  • A volte l'unico modo per andare avanti è rivivere gli eventi del passato che ci frenano. Bisogna affrontarli a testa alta, non importa quanto ci facciano paura, perché dopo capiremo di poter andare più in là di quanto potessimo immaginare. (Barry)

Episodio 18, Versus Zoom[modifica]

  • A volte, da bambini, ci capitano cose orribili, cose che possono decidere cosa diventeremo, che lo vogliamo o no. Alcuni di noi diventano più forti. Le persone che mi hanno accolto il casa e che mi hanno aiutato a superare quanto mi era accaduto, sono gli artefici di quello che sono oggi. Ma io so di essere stato fortunato. Non tutti ricevono quel tipo di sostegno, senza il quale non so che fine avrei fatto, o chi sarei diventato. (Barry)
  • Joe: Perché quella farsa? Andare in giro vestito come Flash?
    Zoom: Per dare speranza, detective.
    Joe: Speranza?
    Zoom: E poi poterla portare via. È così divertente fingere di essere un eroe.
    Caitlin: Tu non sei un eroe. Non sei altro che un mostro.

Episodio 19, Ritorno alle origini[modifica]

  • Come diciamo noi scienziati, "sono cautamente ottimista". (Harrison)

Episodio 20, Rupture[modifica]

  • Nessuno andrebbe convinto a fare cose contro la sua volontà. (Henry)

Episodio 21, Il dinosauro in fuga[modifica]

  • Barry è tutto quello che mi resta. (Henry)
  • La storia si ripete sempre due volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa. (Wells)
  • Neanche Flash può sfuggire alle tragedie che l'universo gli rovescia contro. (Nora Allen)

Episodio 22, Invincibile[modifica]

  • Sarà soltanto nella notte più oscura che potremmo rivedere la luce. E sapere con certezza che non siamo soli, e non saremo mai e poi mai soli. (Iris)
  • E con l'universo come alleato, come possiamo perdere? (Barry)
  • Pensiamo tutti di essere qualcuno che non siamo finché non lo diventiamo. (Barry)

Episodio 23, Sfida finale[modifica]

  • Non sono un fan club, ma lo scopo per cui corro, il perché ti batterò. (Flash)

Stagione 3[modifica]

Episodio 1, Flashpoint[modifica]

  • Una sola cosa so sulla vita: certe cose capitano per caso... altre capitano perché le facciamo capitare. (Barry)
  • La velocità è sempre stata il mio problema. (Barry)
  • Certe persone devono far parte della tua vita, credo. (Barry)
  • La ragazza giusta per ognuno è in attesa da qualche parte, basta la fortuna di trovarla. (Barry)
  • Chi è il cattivo ora, Flash? Chi è il cattivo tra noi? (Anti-Flash)
  • Volevo tanto migliorare le cose, ma la mia felciità la pagano tutti. (Barry)
  • Barry: Voglio che uccidi mia madre.
    Anti-Flash: Con piacere.
    Barry: Ti odio.
    Anti-Flash: E io odio te. A volte mi chiedo chi di noi due abbia ragione.

Episodio 2, Dottor Alchemy[modifica]

  • Viaggiare nel tempo crea conseguenze. (Jay)
  • Non siamo dei, siamo uomini, ai quali, chissà perché, sono state date straordinarie . La domanda che invece devi fare a te stesso è: che genere di eroe vorrei essere? Rifarò una cosa dall'inizio ogni volta che commetterò un errore? O convivrò con esso e guarderò avanti? (Jay)

Episodio 3, Magenta[modifica]

  • Vi ricordate quando da bambini eravate eccitati per qualcosa e non riuscivate a concentrarvi su nient'altro? Ecco, io sto così quando penso a... [Iris] beh, a quella a cui penso sempre. [...] E vi ricordate di quando sembrava che la cosa per cui eravate eccitati non arrivava mai? Immaginate di essere un velocitsta: i giorni sembrano settimane, le ore giorni, e i secondi... insomma, avete capito. (Barry)
  • Sono stato sempre incline a perdonare me stesso, Allen, tu non lo sei mai stato abbastanza. (Wells)

Episodio 4, I nuovi nemici[modifica]

  • Come dice mia sorella, "chiunque può chinarsi, ma non raccogliere nulla". (Snart)
  • Io finalmente ho tutto quello che ho sempre voluto e non ho mai avuto in vita mia, ma per molti aspetti fa più spavento che non avere niente perché è più facile fallire che fare bene. E io voglio davvero che vada bene. (Flash)
  • Sono divertenti gli ologrammi: sono un tenue riflesso della realtà. (Flash)

Episodio 5, Il mostro[modifica]

  • Non devi avere per forza una tuta rossa per aiutare la gente. (Iris)
  • Se si tratta della famiglia, devi fare il possibile, perché arriverà un giorno in cui non potrai più fare niente. (Cisco)

Episodio 6, L'ombra[modifica]

  • Se c'è un nodo, la pazienza lo scioglierà, la pazienza riesce in tutto, chi lo sà, ci proverà. (Wells)

Episodio 7, Killer Frost[modifica]

  • Potrai anche servire la forza della velocità, Flash, ma io la governo. Tu sei solo un uomo, ma io, io sono un dio, il tuo, io sono Savitar ! (Savitar)
  • Sei solo un'ombra sotto il mio trono, tu sei il passato mentre io... io sono il futuro, Flash. (Savitar)
  • Il superpotere che possiede Barry non è la velocità. È la speranza. Quel ragazzo ne ha una scorta inesauribile, crede sempre che andrà tutto bene. (Wells)

Episodio 8, Invasione[modifica]

  • Il mondo non è diverso perché tu hai cambiato la linea temporale. I cambiamenti e le tragedie capitano, le persone fanno delle scelte, e quelle scelte si ripercuotono su tutti. Tu non sei un Dio, Barry. (Arrow)

Episodio 9, Il presente[modifica]

  • Per essere un Dio devi solo far credere che lo sei. (Savitar)

Episodio 10, Plunder[modifica]

  • Io penso che spesso incontriamo il nostro destino sulla strada che prendiamo per evitarlo. (Wells)

Episodio 11, Vivo o morto[modifica]

  • La cosa che nessuno ti dice mai del combattere contro i criminali è che niente resta sempre uguale: più fatichi duramente per sconfiggere i cattivi, più loro alzano il tiro. (Wells)

Episodio 12, Intoccabile[modifica]

  • E poi sono un poliziotto, se annullassi i miei programmi ogni volta che sono in pericolo non uscirei di casa. (Joe)
  • Per alcune cose vale la pena rischiare. (Joe)

Episodio 13, Attacco a Gorilla City[modifica]

  • Quando si tratta di amore, devi afferrarlo al volo, non esitare. Capisci? Al diavolo tutto, perché se non lo fai, finirai per diventare una persona che vive per il resto della sua vita nel rimpianto. (Wells)

Episodio 14, Attacco a Central City[modifica]

  • Già, la friendzone, la conosco: ho la residenza permanente lì. (Cisco)
  • Oliver ha ucciso: è ancora considerato un eroe. (Barry)

Episodio 15, L'ira di Savitar[modifica]

  • Mon puoi correre se ti blocca la paura. (Wells)
  • [Rivolto a Flash] Tu hai tutto ma non meriti niente. (Savitar)
  • La paura ci costringe a fare quello che non dovremmo. La mia paura ha causato tutto questo. (Barry)

Episodio 16, Dentro la forza della velocità[modifica]

  • Forse ho cambiato il futuro una volta di troppo. (Barry)
  • Ho corso come un pazzo, ma ogni maratona ha il suo traguardo: io sto per tagliare quel traguado. (Jay)

Episodio 17, Duetto[modifica]

  • È tutto così semplice quando corro. (Barry)
  • Non lasciate che l'amore che provate per qualcuno vi spaventi per le ripercussioni che potrebbe scatenare, di qualunque tipo. (Barry)
  • L'amore significa spesso lasciarsi salvare, non soltanto salvare gli altri, anche se siete dei supereroi. (Music Meister)

Episodio 18, Abra Kadabra[modifica]

  • È la terza legge di Arthur C. Clarke: "qualunque tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia". (Catlin)

Episodio 19, Flash eterno[modifica]

  • Ma un giorno lo intrappolerai [Savitar] per sempre nella forza della velocità, ma a quel punto lui avrà già vinto, perchè tutto ciò che hai sempre amato è scomparso, compreso te. (Barry Allen del futuro)

Episodio 20, So chi sei[modifica]

  • La mia ascesa è prossima, Flash. E quando io ascenderò, tu cadrai. (Savitar)

Episodio 21, Causa ed effetto[modifica]

  • Come è quel detto? Mentre l'uomo pianifica, Dio ride. (Killer Frost)
  • Il mio dolore, la mia oscurità, sono una parte di me, mi servono per stimolarmi ad essere migliore come persona e come eroe. Per non farmi dimenticare chi sono. (Barry)

Episodio 22, Infantino Street[modifica]

  • Magari è per questo che andiamo d'accordo: tu vedi il bene che c'è in me, e io vedo il male che c'è in te. (Snart)

Episodio 23, La linea del traguardo[modifica]

  • Io non permetterò mai al dolore e all'oscurità di trasformarmi. (Barry)

Note[modifica]

  1. Le frasi vengono ripetute come inizio delle puntate successive.
  2. È una citazione di Benjamin Franklin.
  3. È una citazione di Rue Henri-Turot.
  4. Viene ripetuta come incipit degli episodi della seconda stagione.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]