Ultime parole da I Cavalieri dello zodiaco

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Saint Seiya logo.jpg

Raccolta delle ultime parole pronunciate in punto di morte dai personaggi dell'anime I Cavalieri dello zodiaco e delle opere ad essa correlate.

Serie[modifica]

I Cavalieri dello zodiaco[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Signore Phoenix... addio. (Cigno Nero)
Episodio Pegasus e Pegasus Nero. Colpito a morte da Cristal, Cigno Nero fa in tempo a teletrasportare il suo diadema al suo capo Phoenix per poi spirare.
  • Mi spiace doverti dire che Phoenix non lo vedrai mai. [...] Già. Se ti illudi di aver vinto ti sbagli di grosso. Questo era solo l'inizio. Dopo il Fulmine di Pegasus Nero proverai... la morte atroce. (Pegasus Nero)
Episodio Pegasus e Pegasus Nero. Pegasus Nero viene colpito a morte da Pegasus con il suo Fulmine di Pegasus, ma riesce prima a infliggergli un colpo con il Fulmine di Pegasus Nero, che provocherà grandi sofferenze al Cavaliere di Atena.
  • Bè, il tuo discorso mi ha fatto un certo effetto. Mai sentite parole più belle e sincere delle tue. Sei un bravo oratore, Sirio. Aver creduto nell'amicizia mi salverà... (Dragone Nero)
Episodio Il ritorno di Dragone. Dragone Nero pronuncia queste parole dopo aver fermato lo scorrimento del sangue di Sirio, al termine del combattimento fra i due che li ha visti lanciarsi i loro colpi mortali. Colpito dalle parole di Sirio sull'amicizia, Dragone Nero decide di salvare il suo avversario, per poi spirare.
  • Ti supplico, Phoenix, fallo per me... trasformati presto in una fenice, e vola lontano da qui. [...] Ti prego, vola lontano. (Esmeralda)
Episodio Il mistero svelato. Esmeralda viene colpita da un colpo del padre Guilty schivato da Phoenix.
  • Questa è la tua seconda vita. Sei diventato Cavaliere di Phoenix. D'ora in poi, niente ti potrà far soffrire. (Guilty)
Episodio Il mistero svelato. Guilty viene ucciso dall'allievo Phoenix, in preda all'ira dopo aver visto la morte dell'amata Esmeralda ad opera dello stesso Guilty.
  • L'elmo... della Sacra Armatura. Sei tu, Pegasus, il predestinato. (Morgana)
Episodio L'isola di Morgana. Morgana, Cavaliera rinnegata e sorella di Tisifone, viene sconfitta dal Fulmine di Pegasus del Cavaliere di bronzo, e prima di spirare tra le sue braccia gli rivela che il suo destino è quello di ereditare la Sacra Armatura del Sagittario.
  • Cristal... è inutile. Per me è la fine. Non dimenticare quello che ti ho insegnato. So che non mi tradirai. Il tuo cuore è trasparente come il ghiaccio e il tuo spirito appartiene ad Atena. Non cedere mai alle forze oscure. [...] Addio. (Maestro dei Ghiacci)
Episodio Battaglia tra i ghiacci. Il Maestro dei Ghiacci, sotto il controllo mentale di Arles, viene affrontato e sconfitto dall'allievo Cristal. Prima di morire tra le sue braccia lo incoraggia a continuare e vincere la lotta contro le forze oscure.
  • Chi è costui? [Phoenix] Ha respinto il mio Pugno Rovente con sorprendente facilità. (Cavaliere della Fiamma)
Episodio Un aiuto insperato. Il Cavaliere della Fiamma scaglia il suo Pugno Rovente contro Phoenix, ma risulta sorprendentemente inefficace; il Fantasma Diabolico lanciato dal Cavaliere di bronzo, invece, sconvolge totalmente il Cavaliere della Fiamma, che cade in un burrone in preda al panico.
  • È stata Atena... a guidare i suoi occhi... [di Sirio] (Argor)
Episodio Una vittoria a caro prezzo. Sirio, che si è accecato da solo per non rimanere preda del potere pietrificante dello scudo di Argor, riesce a colpire mortalmente al cuore Argor con il Colpo segreto del drago nascente. Prima di spirare, il Cavaliere d'argento realizza che il suo avversario è riuscito nella sua impresa grazie all'intervento della dea Atena.
  • I corvi non mi ubbidiscono più... i corvi non mi ubbidiscono... Aah! I coo... Aah! (Damian)
Episodio L'ira di Tisifone. Sotto choc per aver perso il controllo dei propri corvi dopo l'intervento di Lady Isabel, Damian barcolla sul ciglio di un precipizio e vi ci cade.
  • No, non è vero... non ci credo! Tu vorresti farmi credere che quello che ho visto era un'illusione e che sto diventando un vegetale? (Agape)
Episodio Due fratelli alleati. Agape pensa di aver decapitato Phoenix, ma scopre che si trattava di un'illusione creata dal Fantasma Diabolico precedentemente lanciato dal Cavaliere di bronzo; viene quindi colpito mortalmente dai suoi stessi dischi, che non riesce più a controllare a causa del colpo subito.
  • No! La mia palla chiodata! (Vesta)
Episodio Due fratelli alleati. Le palle chiodate di Vesta vengono infrante dalla Catena di Andromeda; successivamente il Cavaliere d'argento viene colpito da una scarica elettrica lanciata dallo stesso Andromeda e, ferito mortalmente, precipita in un burrone.
  • Cosa? L'armatura si è separata. (Dedalus)
Episodio Il sacrificio di Tisifone. Dedalus, insieme a Orione e Argetti, sta per uccidere Pegasus, ma questi indossa l'armatura d'oro del Sagittario e con una scarica di energia uccide i propri nemici, rimasti paralizzati dai poteri del loro avversario.
  • Siamo... come immobilizzati. (Orione)
Episodio Il sacrificio di Tisifone. Orione, insieme a Dedalus e Argetti, sta per uccidere Pegasus, ma questi indossa l'armatura d'oro del Sagittario e con una scarica di energia uccide i propri nemici, rimasti paralizzati dai poteri del loro avversario.
  • Quale lezione ho imparato oggi... e quante altre avrei potuto impararne se il mio essere fosse stato diverso. D'altro canto ho vissuto una vita intera convinto di non aver nulla da imparare... e convinto anche di essere perfetto... che terribile... sbaglio. (Eris/Misty della Lucertola)
Episodio Il segreto di Castalia. Convinto di essere nettamente più forte di Pegasus, Eris viene sconfitto con il nuovo colpo della Spirale di Pegasus. Barcollante per le ferite, pronuncia le ultime parole di autocritica e si abbandona esanime sul campo di battaglia.
  • Oh, morte... così presto... (Moses)
Episodio Il segreto di Castalia. Con suo grande stupore Moses viene sconfitto da Pegasus con il Fulmine di Pegasus, che distrugge la sua armatura insieme al suo corpo.
  • Castalia... aiutami... Castalia... (Asterione)
Episodio In nome di Atena. Colpito a morte da Castalia con il colpo chiamato Volo dell'aquila, Asterione confessa di non essere riuscito a sottrarsi al potere mentale di Arles e implora l'aiuto dell'avversaria, prima di esalare l'ultimo respiro.
  • Il Grande Tempio di Grecia è stato profanato... un uomo con il volto mascherato ha cercato di uccidere la piccola... [...] solo a prezzo della mia vita ho potuto salvare questa bambina. I Cavalieri che erano nel Grande Tempio con me furono soggiogati alla vista di quell'uomo, nessuno di loro ha saputo reagire... ed alcuni di loro l'hanno persino aiutato. Mi rimane ancora poco da vivere. Affido a lei questa creatura. Ne abbia cura, la prego. Dalla vita di questa bambina dipendono molte altre vite, dalla sua salvezza dipende la salvezza dell'umanità. È l'incarnazione di Atena, dea della giustizia, che appare ogni volta che nel mondo compaiono uomini avidi di potere. L'unica speranza è che alcuni giovani Cavalieri si riuniscano attorno alla dea e lottino contro il male. In quello scrigno d'oro è custodita la Sacra Armatura... la Sacra Armatura del Sagittario che spetterà al più valoroso dei Cavalieri che... (Micene/Aiolos)
Episodio In nome di Atena. In un flashback viene raccontato di come Micene di Sagitter, in gravi condizioni dopo aver provato a fuggire dal Grande Sacerdote Arles e da Capricorn, sia riuscito a consegnare Atena neonata e l'armatura d'oro del Sagittario ad Alman di Thule prima di morire.
  • Atena? Ma... cosa? Quella donna emana dal suo corpo l'alone delle stelle... (Babel)
Episodio Amici o nemici?. Babel viene ferito da Cristal con la Polvere di diamanti e poi colpito a morte con l'Aurora del Nord. In punto di morte riconosce in Lady Isabel la dea Atena, e piangendo cade definitivamente a terra privo di vita.
  • Per me non c'è più tempo, Sirio, ma tu... metticela tutta per tornare il Cavaliere di una volta... fallo per me... promettimelo... Sirio... (Demetrios)
Episodio Un amico ritrovato. Demetrios viene colpito a morte dal Colpo segreto del drago nascente di Sirio durante un combattimento ai Cinque Picchi. Morendo tra le braccia del suo ex compagno di addestramento, si ravvede per il male causato.
  • E allora? Che cosa cambia, me lo spieghi? (Aracne)
Episodio L'acqua della vita. Battuta rivolta da Aracne a Pegasus quando quest'ultimo, durante il loro combattimento, riesce a indossare la Sacra Armatura e gli annuncia che fino a quel momento stava soccombendo solo perché non la indossava. Dopo questo scambio di battute un Fulmine di Pegasus del Cavaliere di bronzo colpisce letalmente Aracne.
  • Fra dodici ore esatte la freccia conficcata nel petto di Lady Isabel raggiungerà il cuore. La meridiana dello zodiaco segnerà il tempo. Dovrete passare le dodici case in dodici ore e raggiungere la stanza del Grande Sacerdote entro lo scoccare della dodicesima. La freccia... le case... Sacerd... (Betelgeuse)
Episodio Il settimo senso. Dopo aver teso un'imboscata ai Cavalieri di bronzo e Lady Isabel al Grande Tempio, Betelgeuse viene colpito a morte da Pegasus e il suo Fulmine di Pegasus. Prima di morire, però, rivela di aver colpito al cuore la dea con una freccia d'oro, che potrà essere estratta solo dal Grande Sacerdote al termine delle Dodici Case.
  • No, non ci credo! Non è possibile! Cinque draghi... sono comparsi all'improvviso alle spalle di Sirio. Devo colpirlo prima che sia troppo tardi. Strati di Spirito! (Cancer)
Episodio Una duplice vittoria. Cancer si accorge che Sirio sta diventando sempre più potente e cerca di colpirlo, ma il Cavaliere di bronzo raggiunge il settimo senso e lo investe con il Colpo segreto del drago nascente, scagliandolo nella Bocca di Ade.
  • Tisifone... (Cassios)
Episodio Nobile Cassios. Cassios si uccide di fronte a Ioria, vittima del maleficio del Demone dell'Oscurità lanciato da Arles, per farlo rinsavire e salvare così Pegasus dal Cavaliere d'oro. In punto di morte ricorda Tisifone, da lui amata senza essere ricambiato, per la quale si è sacrificata salvando Pegasus, oggetto dell'amore della donna.
  • Basta, ti prego, io capirò, ma rinuncia ai tuoi propositi, non rimarrà niente di noi, ci oscureremo in un mondo di luce! (Virgo/Shaka della Vergine)
Episodio Addio, fratello. Dopo aver acquisito il Settimo Senso grazie alla perdita degli altri cinque ad opera di Virgo, Phoenix afferra l'avversario e decide di far esplodere il suo cosmo per eliminare Virgo, sacrificandosi.
  • È riuscito a lanciare il Sacro Aquarius, l'allievo ha superato il maestro. Che cosa mi resta adesso, che cosa mi rimane? Felice di aver creato l'uomo che ha acquisito lo zero assoluto? Sono un nulla, a cui non è stato concesso di essere all'altezza del proprio allievo, che cosa mi resta, non sono degno di essere Cavaliere d'oro di Atene! È strano come ora le ambizioni di una vita mi sembrino senza senso, senza senso di fronte a quest'uomo che è ciò per cui io ho combattuto! Davanti a me vedo l'allievo che è giunto dove io non sono mai arrivato, non ho più motivi ormai per essere Cavaliere d'oro, lascerò a Cristal il dominio delle energie fredde, lui ne è degno, ben più degno di me. Ma era davvero necessario che venisse quest'uomo a farmi capire l'inutilità della mia esistenza? (Aquarius/Camus dell'Aquario)
Episodio Battaglia senza vincitori. Aquarius e Cristal si lanciano a vicenda il Sacro Aquarius, colpo che atterrerà il Cavaliere del Cigno e ucciderà il Cavaliere d'oro.
  • Potere inaudito il suo, potere che non avevo mai visto prima! È superiore a me di certo, a quest'uomo non ho saputo oppormi. La dodicesima casa comunque non sarà mai sua, la rosa bianca avrà il suo fatale effetto: me ne dispiace sinceramente. Non era suo scopo oltraggiare ed io ho capito... (Fish/Aphrodite di Pisces)
Episodio La rosa nera. Fish riesce a lanciare la Rosa Bianca contro Andromeda, il quale riesce però a contrattaccare con la Nebulosa di Andromeda uccidendo il Cavaliere d'oro.
  • Dea Atena, perdonatemi per quanto ha fatto. Io... ho tentato... perdonatelo... era... un pazzo... perdonatelo... avete... salvato... anche me... (Gemini/Saga)
Episodio Chi ha vinto?. Ormai sconfitto dai Cavalieri di bronzo, Gemini si scaglia contro Atena per ucciderla. All'ultimo momento, però, la metà buona del Cavaliere prende il sopravvento e si uccide con il bastone della dea, chiedendole perdono prima di accasciarsi e morire.
  • Lascio Atena nelle tue mani, proteggila. Hai promesso, ricordalo! Aaah! Ricordalo! (Capricorn/Shura del Capricorno)
Episodio Verso Asgard. Nei ghiacci di Asgard Sirio ripensa al combattimento alla casa del Capricorno durante la corsa al Grande Tempio. Avvolto dalla Pienezza del Dragone insieme a Sirio, Capricorn capisce che Lady Isabel è davvero la dea Atena e si pente dei suoi gesti; si spoglia quindi della sua Sacra Armatura, facendola indossare al Cavaliere del Dragone, e con un calcio lo invia nuovamente sulla Terra per proteggere la dea, mentre lui si perde nelle stelle.
  • È semplice: perché non c'era altra soluzione. Davvero credi che abbia ingiustamente colpito i tuoi genitori? Che li abbia trucidati? Che abbia salvato te per mettere a posto la coscienza? Ahahah! (Folken)
Episodio Folken e Mime. Da ragazzo Mime scopre che Folken, da sempre creduto suo padre, aveva invece ucciso i suoi genitori. Colmo d'ira gli chiede conto di quel gesto, e alla risposta di Folken lo colpisce uccidendolo.
  • Padre mio. Vengo da te ora, da te, da Folken di Asgard. Perdonami, Folken, se non ho saputo diventare il Cavaliere che speravi, perdonami se non ti ho capito, se non ho voluto ascoltare l'amore che per te era nel mio cuore, perdonami anche se non ho saputo difendere Asgard. Phoenix e i Cavalieri di Atena lo faranno al posto mio. A te la difesa di Asgard, Phoenix. Nelle tue mani, Andromeda. (Mime)
Episodio Risveglio da un incubo. Mime viene sconfitto da Phoenix e si accascia a terra morente. Prima di spirare si rivolge al padre adottivo, ucciso anni prima, chiedendogli perdono per quanto ha fatto.
  • Mi hai ingannato, Dragone... (Megres)
Episodio L'Orsa Maggiore. Megres sta utilizzando le Anime della Natura contro il suo avversario Sirio, il quale si spoglia dell'armatura per arrendersi al Cavaliere di Asgard; questi allora gli lancia la Teca Viola dell'Ametista, ma viene colpito mortalmente dal Colpo segreto del drago nascente scagliato dal Cavaliere di Atena, che aveva finto di volersi arrendere per spingere l'avversario a lanciare il suo secondo colpo, conscio del fatto che un Cavaliere non può usare due tecniche contemporaneamente.
  • Addio monti di ghiaccio, sorgenti dall'acque. Pegasus, abbi cura di Hilda, te ne supplico. Fa' che sia salva. Io raggiungo le stelle dell'Orsa Maggiore, lassù ritroverò gli amici persi in questa battaglia. Addio, Pegasus. Addio, Cavaliere della giustizia. (Orion)
Episodio Nettuno signore dei mari. Dopo aver appreso che la sua sacerdotessa Ilda è stata manipolata da Nettuno, Orion si sacrifica afferrando Syria, Generale del dio dei mari, e bruciando il suo cosmo per portarla nello spazio insieme a sé, uccidendo così entrambi.
  • No... è la verità. Non puoi farci nulla. La vittoria è mia... infine... (Cavallo del mare)
Episodio Un dono giunto da lontano. Cavallo del mare viene sconfitto dal Fulmine di Pegasus lanciato da Pegasus. In fin di vita rivela al Cavaliere di Atena che la colonna del Pacifico del nord non può essere distrutta in nessun modo, e muore pronunciando parole di soddisfazione.
  • Eri pronto a dare la vita... per abbattere quella colonna. ero pronto allo stesso sacrificio per impedirlo. In questo siamo simili. Ricorda, Andromeda: essere disposti a dare la vita per un ideale con fin troppa facilità... rende deboli e indifesi. Trova un'altra via per salvare Atena. (Kira)
Episodio La ricomparsa di Excalibur. Kira viene immobilizzato dalla catena di Andromeda, il quale scaglia le barre gemellari verso la colonna del Pacifico del sud per distruggerla; il Generale degli abissi si frappone con il suo corpo per salvare la colonna, ma non riesce a impedire la caduta del pilastro. Colpito a morte, rivela ad Andromeda di essere un guerriero simile a lui, pronto al sacrificio pur di conseguire un obiettivo.
  • Ci sei... riuscito... il mantra... è spezzato... (Crisaore)
Episodio Voci dal passato. Crisaore viene colpito dall'Excalibur di Sirio, che trafigge i punti del mantra disposti in verticale lungo il suo corpo.
  • Questa volta... davvero ho fallito... se avessi saputo prima di Esmeralda... forse avrei vinto... ma è accaduto troppo tardi. Di una cosa però, di una almeno sono contento... di aver scoperto in Phoenix un amore che persino lui credeva sopito. Sono stato... bravo... (Lemuri)
Episodio Le apparenze. Lemuri viene sconfitto da Phoenix, e solo in punto di morte si accorge del punto debole del Cavaliere di Atena, che avrebbe potuto sfruttare per sconfiggerlo.
  • Nettuno è soltanto un uomo... un uomo, ed è governato da un demone. Perché colui che ha iniziato tutto... non è altro che un demone, un uomo delle tenebre... Vieni qui, ti dirò chi... il suo nom... [rivela il nome a Cristal] (Abadir)
Episodio Una sconcertante verità. Abadir viene sconfitto dall'Aurora Boreale lanciata da Cristal, suo ex compagno di addestramento. Prima di spirare gli rivela il nome di colui che sta manipolando il dio Nettuno.

I Cavalieri dello zodiaco - Saint Seiya - Hades[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Come sarebbe? Io l'ho sconfitto, ma lui mi ha annientato? Che rompicapo è questo? Agh... agh, la mia testa, che succede? Aagh! [esplode] (Niobe)
Episodio Oltre la vita. Nonostante Niobe abbia ucciso il Cavaliere del Toro, gli viene rivelato da Mur che in realtà era stato colpito mortalmente dal Cavaliere d'oro; incredulo, lo Specter esplode per l'effetto ritardato del colpo subito dal suo avversario.
  • Ha sbaragliato tre Cavalieri d'argento... in pochi secondi... è... straordinario... (Orione)
Episodio Oltre la vita. Orione, resuscitato da Ade insieme ad Argetti e Dedalus, affronta Andromeda e viene sconfitto insieme agli altri due compagni dopo una breve lotta dalla Catena di Andromeda; prima di spirare, commenta sorridendo la grande forza del Cavaliere di bronzo.
  • Sei diventato forte. Possiamo affidarti... Atena... (Babel)
Episodio Redenzione inattesa. Babel viene resuscitato da Ade e inviato in Siberia insieme ad Eris e Moses per combattere contro Cristal, ma i tre vengono sconfitti facilmente; sul punto di morte sorride, consapevole che la forza del Cavaliere di bronzo è tale da poter difendere ancora Atena.
  • Oh, no. Anche le fairy sono rimaste intrappolate. (Papillon)
Episodio Oscura adunanza. Papillon viene bloccato insieme alle sue fairy (farfalle) dalla Trappola di cristallo del Cavaliere d'oro dell'Ariete, Mur, e sconfitto da quest'ultimo con l'Onda di luce stellare.
  • Il fiore sboccia e appassisce. La stella brilla nella notte per poi sbiadire. Ogni cosa ha una fine: la Terra, il Sole, le innumerevoli galassie e perfino lo sconfinato universo. Accanto a tutto questo, la vita umana è soltanto un fugace battito di ciglia. Ecco che in un preciso punto del tempo e dello spazio, l'uomo nasce. Lungo l'arco della vita ride, piange, combatte, soffre. È felice o in affanno, d'amore ricolmo o consunto dall'odio. Ma poi scivola come tutti nel sonno più lungo, il sonno eterno. [...] Vola con il vento, fino alla dea Atena. (Virgo)
Episodio Il colpo proibito. Virgo viene spazzato via dall'Urlo di Atena scagliato dai Cavalieri d'oro Gemini, Capricorn e Aquarius riportati in vita da Ade; il suo spirito rimane al giardino degli alberi gemelli e scrive le sue ultime parole su dei petali indirizzate ad Atena, per poi abbandonare definitivamente il mondo terreno.
  • Non capisci, Gemini? Ti ho dato questo pugnale perché tu possa finalmente usarlo contro di me. Su, fa' quello che devi fare. Coraggio, non avere esitazioni. Avanti, Gemini, è l'unico modo per liberarti del tuo tormento. Poi, sarai finalmente libero. [...] Gemini... (Atena)
Episodio Il santuario del terrore. Atena consegna un pugnale a Gemini (resuscitato da Ade e apparentemente un traditore) per essere uccisa e poter andare negli Inferi ad affrontare Ade; scioccato, l'ex Cavaliere dei Gemelli obbedisce al volere della dea e la trafigge.
  • Proteggi Atena... (Capricorn)
Episodio L'alba della decisione finale. Capricorn si dissolve perché le dodici ore di vita concessi da Ade agli ex Cavalieri d'oro sono scadute; prima di spirare, si rivolge a Sirio ricordandogli di difendere la loro dea.
  • Voi siete i nostri discepoli. Fatevi onore. (Aquarius)
Episodio L'alba della decisione finale. Come Capricorn, Aquarius si dissolve perché le dodici ore di vita concessi da Ade agli ex Cavalieri d'oro sono scadute; prima di spirare, affida la salvezza di Atena ai Cavalieri di bronzo.
  • Atena... ha bisogno di voi. Non abbandonatela mai. (Gemini)
Episodio L'alba della decisione finale. Come Capricorn e Aquarius, Gemini si dissolve perché le dodici ore di vita concessi da Ade agli ex Cavalieri d'oro sono scadute; prima di spirare, incita i Cavalieri di bronzo a difendere sempre Atena.
  • Devo avvertire Lady Pandora. Bisogna fermare quei vandali con la partecipazione del palazzo. Eh... ma cosa succede? (Zellos)
Episodio L'alba della decisione finale. Zellos cerca di scappare per avvertire Pandora della presenza dei Cavalieri di bronzo, ma viene investito dal colpo del Sacro Aquarius lanciato da Cristal, furioso per la morte del suo maestro ad opera degli Specter, e il suo corpo viene distrutto.
  • Sì, hai ragione. Sono passati 243 anni dal nostro ultimo incontro. Se siamo riusciti ad aspettare tutto questo tempo, ora non ha senso avere fretta. (Shin)
Episodio L'alba della decisione finale. Prima di dissolversi per la scadenza delle dodici ore di vita concessigli da Ade, Shin si rivolge al suo ex compagno Doko, il quale lo rassicura dicendogli che presto si incontreranno nuovamente.
  • La stessa tecnica non funziona due volte... contro un Cavaliere... maledizione... diceva dunque il vero e io non gli ho creduto... aagh... (Caronte)
Episodio Il traghettatore di anime. Caronte affronta Pegasus mettendolo in difficoltà, successivamente il suo colpo chiamato Vortice dell'Acheronte non risulta efficace in quanto lo stesso colpo non è efficace più volte contro un Cavaliere, e viene quindi ucciso dal Fulmine di Pegasus lanciato dal Cavaliere di bronzo.
  • Mi spiace, sommo Lune, era un'emergenza, io pensavo di fare una cosa a voi gradita. Le prometto che la cosa non si ripeterà. No no no no no no no no noo. Aagh! (Markino)
Episodio Il tribunale silenzioso. Markino cerca di avvisare a gran voce il suo capo Lune della presenza dei Cavalieri di Atena nell'Oltretomba, ma lo Specter non tollera i rumori forti e lo uccide avvolgendolo con la sua frusta e riducendone il corpo in pezzi.
  • Che succede? Non è Kanon ad andare in briciole, ma la mia frusta! E non solo la mia frusta! È assurdo! Va in pezzi anche il mio corpo! Aah! (Lune)
Episodio Il tribunale silenzioso. Lune cerca di uccidere Kanon di Gemini, il quale gli rispedisce indietro il suo colpo attraverso la frusta distruggendolo.
  • Lo... lo strumento che ha deliziato perfino il sommo Ade e lady Pandora è superiore al mio. Tu mi sei superiore... (Pharaoh)
Episodio Requiem doloroso per Orpheo. Pharaoh mette in difficoltà il Cavaliere d'argento Orpheo rompendogli una corda della sua arpa, ma questi riesce a tendere la corda spezzata con i denti e a uccidere lo Specter con la Melodia della Notte.
  • Orpheo, ti sono riconoscente. Il mio corpo è gelida roccia. Il calore della tua musica mi ha tenuto in vita per lunghi anni. Io ti ringrazio per ogni singolo giorno. Ma adesso sei libero di andare. Orpheo, addio, amore. Grazie. (Euridice)
Episodio Requiem doloroso per Orpheo. Euridice è stata tenuta a lungo semi-pietrificata nell'Ade insieme all'amato Orpheo, ma quando quest'ultimo riesce a sconfiggere Pharaoh e quindi a liberarsi dalla sua condizione di schiavitù, la donna lo lascia andare, spirando.
  • Io sono... Rock di Golem... voi non passerete... (Rock)
Episodio Requiem doloroso per Orpheo. Nonostante cerchi di fermare l'avanzata di Sirio, Cristal e Kanon, Rock viene sconfitto rapidamente dal Colpo segreto del drago nascente di Sirio.
  • Io appartengo alla Stella del Cielo della Sconfitta, sono Ivan... di Troll... (Ivan)
Episodio Requiem doloroso per Orpheo. Anche Ivan cerca invano di bloccare l'avanzata di Sirio, Cristal e Kanon, venendo colpito mortalmente dalla Polvere di diamanti lanciata da Cristal ancora prima di poter annunciare il suo nome.
  • Ora... devi pensare... ad Atena... proteggila... finché avrai vita... (Orpheo)
Episodio I giudici degli inferi. Il Cavaliere d'argento Orpheo blocca Rhadamante e incita Pegasus a scagliare il suo Fulmine di Pegasus contro di loro per uccidere lo Specter a costo della sua vita; colpito mortalmente dalla tecnica del Cavaliere di bronzo, Orpheo spira tra le sua braccia dopo averlo incitato a proteggere Atena.
  • Come osi? Non ti ho già detto che puoi salirci soltanto privo della vita? Prendi! Urla infernali! (Flegias)
Episodio I giudici degli inferi. Lo Specter Flegias vuole impedire a Cristal, Sirio e Kanon di utilizzare la zattera per attraversare lo Stagno delle Tenebre, e dopo aver sconfitto i due Cavalieri di bronzo scaglia il suo colpo verso Kanon; questi, tuttavia, lo investe con l'Esplosione galattica, uccidendolo.
  • Assurdo! Non è concepibile che un Cavaliere di bronzo si faccia beffe di uno dei più forti tra i 108 Specter di Ade. Io sono Eaco, uno dei tre Giudici degli inferi, e sto per porre fine alla tua esistenza! Aah! (Eaco)
Episodio L'eterna eclissi. Eaco, uno dei tre Giudici degli inferi di Ade, affronta prima Kanon e poi Phoenix, subendo da quest'ultimo prima il colpo del Fantasma diabolico e poi le Ali della fenica, che lo annientano definitivamente.
  • Pegasus... come hai fatto a battermi nel Cocito con quel tuo... misero... cosmo... (Valentine)
Episodio La vita della dea Atena. Nel Cocito Valentine trascina Pegasus fuori dal ghiaccio per impossessarsi dell'armatura di Atena, ma dopo una dura battaglia viene sconfitto dal Fulmine di Pegasus lanciato dal Cavaliere di bronzo.
  • Noo! Aagh! (Rhadamante)
Episodio Le armature d'oro. Rhadamante viene afferrato alle spalle da Kanon, ormai privo dell'armatura d'oro, il quale si lancia in aria scagliando l'Esplosione galattica, che uccide entrambi.
  • Atena... fratello... (Kanon)
Episodio Le armature d'oro. Kanon, ormai privo dell'armatura d'oro, afferra alle spalle Rhadamante e si lancia in aria scagliando l'Esplosione galattica, che uccide entrambi.
  • Atena, mostraci un raggio di luce, rischiara questa oscurità! (Cavalieri d'oro)
Episodio Addio, cavalieri d'oro!. I Cavalieri d'oro, riuniti con le loro anime e le loro armature, concentrano i loro cosmi nella Freccia d'oro lanciata da Micene di Sagitter contro il Muro del Lamento; si aprirà così un varco verso i Campi Elisi, ma i Cavalieri d'oro saranno uccisi nell'impresa.
  • Ma... cosa? Aagh! È assurdo! I Cavalieri sono salvi. Ma neanche loro sono dèi. Perché? Perchééé? (Minosse)
Episodio Destinazione: Elisio. Minosse insegue i Cavalieri di bronzo nella Superdimensione per impedire loro di arrivare all'Elisio, ma viene schiacciato dalla pressione esercitata da quel luogo ove possono passare solamente gli dèi, non rendendosi conto che le Armature dei Cavalieri sono state bagnate dal sangue della dea Atena e sono quindi immuni all'effetto schiacciante della Dimensione stessa.
  • Ora capisco. Il nobile Rhadamante ha sempre detto e ripetuto che c'era qualcosa che non lo convinceva al castello di Ade. Costoro hanno ottenuto divina protezione e libero accesso all'Elisio. Avrebbe dovuto schiacciarli allora! (Shilfield)
Episodio Destinazione: Elisio. Come Minosse, Shilfield insegue Sirio e Cristal nella Superdimensione e muore schiacciato dalla pressione esercitata dalla Dimensione ove possono passare solo gli dèi.
  • Non pensare a me. L'Elisio ti attende, Phoenix, affrettati. Ma prima, te ne prego, ascolta bene le mie ultime parole. Non abbassare mai la guardia, mai, nemmeno se tutti i 108 Specter fossero battuti. Guardati dai servitori più vicini al sommo Ade, cioè Hypnos e Thanatos. Di fronte a loro persino i Giudici dell'Inferno impallidiscono. Non sono mortali o Specter elevati a un rango speciale. Sono dèi a loro volta che hanno giurato fedeltà ad Ade, e quandanche un avversario valente non si trovi al loro cospetto, essi sono in grado di raggiungerlo e ghermirlo anche a enormi distanze, come fanno adesso. (Pandora)
Episodio Hypnos e Thanatos. Pandora tradisce Ade e chiede a Phoenix di vendicarla; tuttavia, mentre parla con il Cavaliere di Atena, comincia a soccombere per l'intervento da distanza del dio della morte Thanatos, che la punisce così per il suo tradimento.
  • Tutto questo è ridicolo! Io sono un dio, il potente dio della morte! Non posso essere battuto in questo modo da un essere umano! Non ci credo... non... (Thanatos)
Episodio La leggendaria armatura divina. Thanatos, dio della morte, viene colpito letalmente dal Fulmine di Pegasus lanciato dal Cavaliere di bronzo, in grado di ferire una divinità per effetto della kamui ottenuta grazie al sangue di Atena.
  • La vostra stoltezza vi dannerà in eterno, perché... alla fine... [...] sì... alla fine sarà l'oscurità a prevalere. Ade annienterà l'umanità intera. (Hypnos)
Episodio Il risveglio del sommo Ade. Colpito a morte dai Cavalieri di bronzo in possesso della kamui divina, Hypnos lentamente soccombe e muore, profetizzando un oscuro destino mentre Ade si sta risvegliando.
  • No... non ci credo. È illogico, assurdo, inconcepibile, sono io che amministro la morte, ne sono il dio, non può essermi inflitta qui, nel mio stesso territorio. Ma... hai fatto male i tuoi conti, Atena. Se il signore dell'aldilà muore, tutto il mondo su cui regna è destinato a scomparire, gli Inferi, perfino l'Elisio, mondo puro e incontaminato, sono condannati. Atena, sappi che la tua è una vittoria a metà, anche tu verrai risucchiata nel vuoto eterno, insieme a questo mondo in disfacimento. Questa volta non c'è vittoria di cui l'umanità che ti sta tanto a cuore possa andare fiera. Atena, tu sei una dea, ma quando, mi chiedo, lo comprenderai? L'amore non è altro che un'illusione creata dalla mente fatua dell'uomo. È invisibile agli occhi e nessuno ci fa grande affidamento. Nessuno... (Ade)
Episodio Un mondo di luce. Trafitto a morte dallo scettro della dea Atena, Ade lentamente svanisce insieme al suo regno, maledicendo l'altra divinità e l'umanità intera.

Film[modifica]

1leftarrow blue.svgVoce principale: Ultime parole dai film.

I Cavalieri dello zodiaco: La dea della discordia[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Hai già svolto il tuo compito. Imparerai a tue spese che le frecce di Lesia non sono così inoffensive. (Lesia)
Durante il combattimento contro Pegasus, Lesia riesce a colpirlo con una freccia avvelenata, ma perisce grazie ai colpi del Fulmine di Pegasus.
  • Come può un essere umano così ridotto avere una tale forza d'urto? Aah! (Ian)
Dopo aver ridotto in fin di vita Sirio, Ian viene sconfitto dal Colpo segreto del drago nascente lanciato dal Cavaliere di bronzo ormai allo stremo delle forze.
  • Straordinario, Pegasus. Sei veramente degno... di essere... Cavaliere d'oro. (Serian)
Dopo essere riuscito a fermare Pegasus e Phoenix, Serian soccombe alla Cometa lucente lanciata da Pegasus che indossa l'armatura del Sagittario.
  • La mia legione... È la fine. La fine di un sogno di dominio. Chi è causa del suo mal, pianga sé stesso. (Discordia)
Colpita a morte dalla freccia d'oro scoccata da Pegasus con l'armatura del Sagittario, Discordia svanisce dalla Terra.

I Cavalieri dello zodiaco: L'ardente scontro degli dei[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Aah! Ma che succede, cos'è stato a colpirmi? (Url)
Dopo aver sconfitto Andromeda e in procinto di dargli il colpo di grazia, Url viene investito dalle Ali della fenice lanciate da Phoenix, cadendo a terra morto.
  • Per te, Odino! Aah! (Ruhnir)
Ruhnir cade in un burrone mentre combatte contro Phoenix e Andromeda, invocando il suo dio mentre porta con sé i Cavalieri di Atena.
  • Non posso... non sono tipo da lasciarsi sconfiggere in questo modo. Aagh! Noo! (Loki)
Loki combatte contro Pegasus, venendo colpito prima dal Fulmine di Pegasus e poi dalla Spirale di Pegasus, che distruggono la sua armatura e lo lasciano a terra morto.

I Cavalieri dello zodiaco: La leggenda dei guerrieri scarlatti[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • È completamente diverso dal colpo lanciato prima! (Cancer)
Cancer, resuscitato da Apollo, combatte contro Sirio venendo sconfitto dal Colpo segreto del drago nascente.
  • Fermatevi, l'armatura della Corona mi difenderà. Basta! (Atlas)
Dopo aver sconfitto con apparente facilità tutti i Cavalieri di bronzo, Atlas soccombe all'assalto di Pegasus, Cristal e Sirio che indossano le armature d'oro.
  • Io sono... un diooo! (Apollo)
Pegasus indossa l'armatura del Sagittario e raccogliendo il cosmo dei suoi compagni lancia la freccia d'oro, la quale trafigge uno stupefatto Apollo che svanisce dalla Terra.

I Cavalieri dello zodiaco: L'ultima battaglia[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Incredibile... da dove hai preso tutta questa forza? È pazzesco! Non avrei mai immaginato che fossi capace di tanto. (Molock, doppiaggio del 1989)
    Hyoga... tu non puoi avermi... no, non è possibile... da dove prendete la forza di combattere? (Molock, doppiaggio del 2000)
Dopo aver messo in difficoltà Cristal con le sue illusioni, Molock viene ucciso dall'Aurora del Nord lanciata dal Cavaliere del Cigno, stupendosi della forza di volontà del suo avversario.
  • Sono tantissimi colpi in uno! Aah! (Belzebù, doppiaggio del 1989)
    I suoi colpi si sono uniti! Aah! (Belzebù, doppiaggio del 2000)
Belzebù riesce a bloccare tutti i Cavalieri di bronzo, ma quando Pegasus indossa l'armatura del Sagittario riesce a infliggergli un colpo mortale.
  • No, ti scongiuro, non farlo, risparmiami! Aah! (Lucifero, doppiaggio del 1989)
    Che cosa? No! Non puoi farlo, Pegasus! Aah! (Lucifero, doppiaggio del 2000)
Lucifero viene colpito dalla freccia d'oro del Sagittario scoccata da Pegasus, che lo rimanda negli Inferi.

I Cavalieri dello zodiaco: Le porte del paradiso[modifica]

  • Era inconcepibile che l'angelo Odisseo fosse sconfitto da due semplici mortali. (Odisseo)
Odisseo riesce a sconfiggere Cristal e Sirio, ma mentre si allontana dal campo di battaglia viene sorprendentemente distrutto da un colpo ricevuto durante il combattimento.

I Cavalieri dello zodiaco: La leggenda del Grande Tempio[modifica]

  • Ti prego... proteggi Atena e nascondila dai seguaci... del Grande Tempio. Tra sedici anni... i ragazzi incaricati di proteggerla diventeranno Cavalieri. Ma fino a quel momento... (Micene)
Micene di Sagitter, in gravi condizioni dopo aver provato a fuggire dal Grande Tempo con Atena neonata, consegna la bambina e l'armatura d'oro del Sagittario ad Alman di Thule prima di morire.
  • Il volere del Grande Sacerdote è legge. Che si faccia vedere o no al Grande Tempio, per lei è finita. (Betelgeuse)
Betelgeuse affronta Phoenix dopo aver colpito Atena con una freccia per ordine del Grande Sacerdote. Dopo aver pronunciato queste parole viene colpito e incenerito dalle Ali della fenice del Cavaliere di bronzo.
  • E tu mi hai superato. Ora va' da Atena... (Aquarius)
Come nella serie animata, Aquarius e Cristal si lanciano a vicenda il Sacro Aquarius, colpo che atterra il Cavaliere del Cigno e uccide il Cavaliere d'oro.
  • "Drago nascente"? Sei solo ferraglia scadenteee... (Cancer)
Cancer, dopo essere stato colpito dal "Colpo segreto del drago nascente" di Sirio, cade nel fiume infuocato degli Inferi imprecando contro il suo avversario.
  • Ero sul punto di commettere un errore che sarebbe stato irreparabile. Ringraziali da parte mia. (Gemini)
Gemini, ormai morente e sconfitto, chiede perdono ad Atena per il suo tradimento.

Voci correlate[modifica]