Paese

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sul paese.

  • Al mio paese non si contano i giorni della settimana e, non contando i giorni della settimana, si vive felici. (Carlo Perasso)
  • Esistono paesi montuosi, e terreni secchi, sprovveduti di acque, ove le stagioni hanno un cammino, e dove i loro cambiamenti seguono leggi tutte particolari. Una natura severa comunica le sue dure impronte agli abitanti. Gli uomini vi sono grandi, e vigorosi: essi nascono tali; e tutte le circostanze sembrano avere per oggetto di apparecchiarli alle più aspre fatiche. Ma simili temperamenti producono costumi selvaggi, e nudriscono inclinazioni feroci. (Ippocrate)
  • «Figliuol mio,» disse 'l maestro cortese, | «quelli che muoion nell'ira di Dio | tutti convegnon qui d'ogni paese; e pronti sono a trapassar lo rio | ché la divina giustizia li sprona, sì che la tema si volve in disìo. (Dante Alighieri)
  • Ond'io, che solo innanzi alli altri parlo, | ti priego, se mai vedi quel paese | che siede tra Romagna e quel di Carlo [Carlo II d'Angiò], | che tu mi sia de' tuoi prieghi cortese | in Fano sì che ben per me s'adori | pur ch'io possa purgar le gravi offese. (Dante Alighieri)
  • Il Paese? Con la P grande? Voi ci credete ancora? Caro mio, se voi dite, chi è, dov'è, che cosa fa, dove si può trovare questo signor Paese ve ne sarò grato. Il Paese siamo io e voi, e l'usciere che sta in anticamera, e la signorina che ricopia lettere di là. Il Paese è tutti, il che vuol dire nessuno. E tanto valgono le nostre idee quanto quelle dei nostri avversarii. (Federico De Roberto)
  • Romagna solatìa, dolce paese | cui regnarono Guidi e Malatesta, | cui tenne pure il Passator cortese, | re della strada, re della foresta. (Giovanni Pascoli)
  • Sempre un villaggio, sempre una campagna | mi ride al cuore (o piange), Severino: | il paese [la Romagna] ove, andando, ci accompagna | l'azzurra visïon di San Marino: | sempre mi torna al cuore il mio paese | cui regnarono Guidi e Malatesta, | cui tenne pure il Passator cortese, | re della strada, re della foresta. (Giovanni Pascoli)
  • Siamo diventati un Paese che non pensa, non cresce, non ha più speranza e affoga nella amoralità, che è peggio dell'immoralità. (Ciriaco De Mita)
  • Sono i paesi atei o filosofi che fanno pagar cara la vita umana a quelli che la turbano, ed hanno ragione, poiché essi non credono che alla materia, presentemente! (Honoré de Balzac)

Proverbi italiani[modifica]

  • Albero spesso trapiantato, mai di frutti è caricato.
  • Altro cielo, altra sorte.
  • Cambiando ciel si cambia sorte.
  • Chi cambia lato, cambia stato.
  • Chi cambia paese, cambia fortuna.
  • Chi cambia terra, deve cambiare usanza.
  • Chi muta paese, muta ventura.
  • Chi si muta, Dio l'aiuta.
  • Devi tu adattarti al paese, e non il paese a te.
  • È meglio conservare il proprio paese che conquistare l'altrui.
  • Il paese dove non si hanno amici, è un cattivo paese.
  • Il paese grasso fa l'uomo pigro.
  • In ogni paese si leva il sole la mattina e tramonta la sera.
  • In tutto il mondo sorge il sole.
  • In un paese di negri, i bianchi passano per brutti.
  • In un paese in cui il padrone ed i servi fanno una sola famiglia, la sorte dell'uno dipende da quella degli altri. (Anatole France)
  • La lepre non sta mai tanto bene come là dove nacque.
  • L'uomo fa il luogo, e il luogo l'uomo.
  • Nel paese degli zoppi, zoppicar non è vergogna.
  • Ovunque vai, fa come vedrai.
  • Paese aspro, gente dura.
  • Paese che vai, usanza che trovi.
  • Paesi fecondi rendon molti vagabondi.
  • Tutto il mondo è paese.
  • Va bene quel paese dove regna la legge e il buon costume.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903