300 - L'alba di un impero

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

300 - L'alba di un impero

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

300: Rise of an Empire

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2014
Genere azione, drammatico, epico
Regia Noam Murro
Soggetto Frank Miller
Sceneggiatura Zack Snyder, Kurt Johnstad
Produttore Mark Canton, Zack Snyder, Deborah Snyder, Gianni Nunnari, Thomas Tull, Bernie Goldmann
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

300 – L'alba di un impero, film statunitense del 2014 con Sullivan Stapleton ed Eva Green, regia di Noam Murro.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Le parole dell'Oracolo suonano da monito, una profezia: Sparta cadrà... la Grecia tutta cadrà. Soltanto robuste navi di legno potranno salvarla. Navi di legno... e un'onda sorta dal sangue degli eroi. (Regina Gorgo)
  • I Greci non sono obbligati dalla magnifica morte di uno Spartano [Leonida, morto alle Termopili]. Non amano la guerra, i Greci... eppure lui si è sacrificato per loro. (Regina Gorgo)
  • [Flashback] Un momento apparve [Re Dario] e Temistocle non se lo lasciò sfuggire. [Temistocle lancia il sup giavellotto e colpisce il re dei Persiani] Ma capì di aver commesso un terribile sbaglio quando vide Serse, un giovane i cui occhi avevano il sentore del destino. (Regina Gorgo)
  • [Flashback] Artemisia chiamò maghi e mistici da ogni angolo dell'Impero. Questi fasciarono il giovane re con bende cimmere imbevute di antiche pozioni, e lo mandarono a vagare nel deserto. Lì, in un delirio di calore e sete, si imbatté in una caverna di eremiti. Camminando tra i vuoti sguardi delle cupe creature che dimorano nel cuore di ogni uomo egli si abbandonò a un potere talmente malvagio e perverso che quando riemerse dell' uomo chiamato Serse non era rimasto più nulla: i suoi occhi ardevano come braci. Svestito, coperto di gioielli, glabro, purificato: Serse l'uomo era rinato dio. (Regina Gorgo)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Delios: Temistocle, vecchia serpe! Cosa ti porta quaggiù?
    Temistocle: Sono venuto a chiedere appoggio per la guerra ormai imminente.
    Delios: Anche noi siamo nella stessa situazione. Un messaggero persiano ci ha chiesto la sottomissione a Serse: un'offerta simbolica di terra e acqua! Spartani! Chi è pronto a morire a fianco del nostro re?!
    Spartani: Auh! Auh! Auh!
  • Daxos: Siamo stati traditi da un gobbo! Gli spartani sono stati trucidati! Le Termopili sono cadute!
    Temistocle: Sarà proprio il sacrificio di Sparta a unirci!
  • Serse: Ecco! Che marcino pure sui loro cadaveri e vedano che succede a chi osa sfidare il suo re! Niente potrà fermare la marcia del mio impero!
    Efialte: Mio re! Maestà!
    Serse: Tu, porta la spada del re morto ad Atene e rendi loro noto che Serse sta arrivando!
  • Temistocle: Qual è il tuo nome?
    Efialte: Efialte, Efialte di Trachis.
    Temistocle: Così sei tu! Tu che hai tradito il tuo re e ti sei tolto dalle spalle il cremisi per rimpiazzarlo con l' oro persiano: ora bisognerà bagnare questa nobile lama con il tuo sangue!
    Efialte: Avresti tutto il diritto di farlo Temistocle! C'è così poca bellezza in me... C'è così poca bellezza in quello che ho fatto...
    Temistocle: Quale messaggio ci porti?
    Efialte: Imploro te... e tutta Atene! Il dio-re raderà questa città al suolo!!! [I componenti dell'assemblea urlano]
    Temistocle: Porta questo messaggio a Serse: la flotta si riunirà per finire il nemico nella baia di Salamina!
    Efialte: Ma arriveranno morte e distruzione!
    Temistocle: Sì, arriveranno entrambe.

Altri progetti[modifica]