Gaston Vuillier

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Gaston Vuillier (1846 – 1915), scrittore e disegnatore francese.

  • Un oceano di verzura scendeva impetuoso l'erta che noi salivamo e si distendeva sulla pianura, fino alle rive lontane, dove Palermo scintillava in un polverio luminoso. Dai boschi presso di noi, venivano fuori luccicori smeraldini e le sfaccettature rilucenti delle foglie scintillavano come pietre preziose. Le arance dorate ed i limoni gialli, residui dell'inverno, rilucevano attraverso il fogliame, tutte le masse verdeggianti formavano sfumature d'una delicatezza infinita, perdendosi poi nello spazio. Le ville sparse nella pianura mettevano dei punti d'una marmorea bellezza in tutto quel verde, e gli aranceti fioriti si svolgevano in lontananza come immense sciarpe ricamate d'argento. Palermo sonnecchiava laggiù, presso il monte Pellegrino mostruoso dalle fenditure sanguinanti. L'antica città sovrana era bella, facendo così mostra di sé, sotto quel sole d'oro, dinanzi ai flutti mormoranti, cinta di fiori e coronata di edifizi, con la basilica di re Ruggero, che lanciava nell'aria infiammata, le sue guglie ardenti.[1]
  • Solaeis o Soluntum, fondata, si dice, dai Sicani del XV secolo avanti Cristo, fu occupata in seguito dai Fenici, sotto nome di Saphara.
    Secondo Tucidide è uno dei tre luoghi che i Fenici conservano in Sicilia, dopo che l'isola fu invasa dalle colonie greche. Al tempo di Dionisio era alleata ai Cartaginesi, ma nella prima guerra punica, si mise dalla parte dei Romani, che la ricostruirono. Dopo tante peripezie, Solunto fu saccheggiata e distrutta dai Saraceni.[1]
  • Le rovine di Solunto sono state studiate con grande amore dal prof. Cavallari che ha cercato di ricostruire un vasto edificio ornato di colonne da lui chiamato Gimnasium.
    Dalla cima della collina dove si trovano queste rovine, la veduta è mirabile; l'occhio dove Palermo riposa a pie' del Pellegrino, andando dalla Conca d'oro a Monreale, al mare infinito dove le isole Eolie innalzano verso il cielo un fumo azzurrognolo. Ai piedi dello spettatore, lo strano capo Zafferano, specie di mostro in pietra, si schiaccia sulla riva. Il golfo di Termini si distende come un immane lago cinto di sabbie d'oro, ove rifulgono le case bianche di Porticello e Salunto; i suoi monti dalle tinte calde sono sempre dominanti dall'Etna prodigiosa, perennemente biancheggiante di neve e coronata di fumo.[1]

Note[modifica]

  1. a b c Citato in Rina La Mesa, Viaggiatori stranieri in Sicilia, Cappelli, 1961.