Il Freddo

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Il Freddo

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Vinicio Marchioni interpreta il Freddo nella serie televisiva Romanzo criminale

Universo Romanzo criminale
Alter ego Fabrizio Soleri
Autore Giancarlo De Cataldo
Interprete

Il Freddo, ovvero Fabrizio Soleri, personaggio di Romanzo criminale.

Citazioni del Freddo[modifica]

Romanzo criminale[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Se i soldi si dividono non servono più a niente. Se ci dividiamo non serviamo più a niente. Uniti si vince.
  • Io c'ho pensato una sola volta alla fine, Nero. Avevo cinque anni stavo dalle suore. M'avevano dàto una minestra schifosa, e io l'avevo gettata dalla finestra. Ma la madre superiora se ne accorse, e allora ci fece scendere giù in cortile, e a me mi disse di raccogliere la minestra col cucchiaio e di mangiarla. Lì, davanti a tutti. Fino all'ultima cucchiaiata. È stato l'unico momento che volevo morire. E ho deciso che non mi dovevo sentire mai più così...

Romanzo criminale (film)[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Bologna nun è robba de na banda... è robba vostra... invece de sta' a rompe er cazzo a me, va' a da 'na controllata ar ministero o a e stanzette qua sopra... magari ce trovi er timer co' scritto sopra "Repubblica Italiana". [a Scialoja, mentre viene interrogato sulla strage di Bologna]
  • O' vedi che è come te dico io? Lo vedi? Ce usano senza manco dacce spiegazioni. Quanno c'avranno spremuti come limoni ce butteranno dentro ar secchio. Io me ne vado prima ch'e gambe mie! Vojo mori' come dico io! Non come e quanno dicono loro. [al Libanese]
  • Ho fatto un sacco de cazzate ne la vita mia; ma tu, dalla prima volta che ti ho vista e per il tempo che me resta, sei stata la parte bella! Er mejo che uno come me poteva spera'. Tante cose di me le sai, ma tante non te l'ho dette, una di queste è che so' malato, so' molto malato e vojo stare da solo quando sarà il momento... Te vorrei risparmia', hai capito, i dolori, le cure, il sangue e tutto quello che se ne va prima ancora che se n'annamo noi. Tu devi fa il lavoro che ti piaceva e che non hai potuto fa pe' colpa mia. Me pare de vederte, sai amore, co l'occhiaie, er tuo sedere basso, in mezzo alle statue, ai quadri, ai libri, a le cose antiche, a le cose belle... Sì, me pare de vederte amore, amore mio! [in un messaggio a Roberta]
Kim Rossi Stuart, interpreta il Freddo nel film
  • Le cose sono cominciate da queste parti: dietro quel palazzo, da ragazzini, la notte rubammo 'na machina. Eravamo Libano, il Dandi, io e il Grana, el povero Andreino che ce lasciò quella notte stessa. Era una notte come questa, minacciosa, piena de nuvole. Chi lo sa, forse quella morte doveva esse 'n segnale per farce capì che dovevamo sta boni, dovevamo sta al posto nostro pe' non fa a stessa fine... E invece noi abbiamo pensato che era proprio mejo fa quela fine piuttosto che timbra' un cartellino pe' tutta la vita.

Romanzo criminale - La serie[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Soleri me ce chiamano solo 'e guardie e pe' tutti l'artri so il Freddo! [al Libanese [1]] (stagione 1, episodio 1)
  • Io ce sto! Ma a un patto: sto colpo è riuscito perché l'avemo fatto tutti insieme e così deve continua'... Un'intesa tra pari livello, tutti capi e nessun servo... (stagione 1, episodio 1)
  • Fierolocchio: E mò? S'annamo a pija' Roma?
    Freddo: Famo domani! (stagione 1, episodio 1)
  • Maurizio Gemito: Ndo' sta' Fierolocchio?
    Freddo: Nun viene, ar posto suo ve manna questi. Contateli, so' tutti, venti mijioni!
    Remo Gemito: Com'è? Pure er cravattaro te se' messo a fa' adesso?
    Freddo: Sto solo a ajuta' 'n amico se riesci a capillo. E dite al capo vostro de darse pace, che nessuno de la batteria nostra lavorerà mai pe' lui. (stagione 1, episodio 2)
  • E a me nun me va de fa' i favori a chi nun me s'è inculato pe' na vita, a chi me fa mori' de fame, e se me ribello, me sbatte pure ar gabbio! A me dello stato nun me ne frega 'n cazzo, hai capito Libano? (stagione 1, episodio 5)
  • Senti, ce so' delle cose che te devo di', un po' de cose mie, perché se stai con me, vojo che sai tutto! [a Roberta] (stagione 1, episodio 5)
  • 'E parole so' pericolose[2]... [al fratello] (stagione 1, episodio 6)
  • A me me piace freddo! [rispondendo al padre da piccolo, in un flashback] (stagione 1, episodio 6)
  • Ancora vuoi sali'? Guarda che quanno sei arrivato in cima, puoi solo scenne'! [rispondendo al Libanese] (stagione 1, episodio 8)
  • Freddo [riferito all'omicidio del giudice Donati]: Nero, perché l'hai fatto? Per i soldi, pe' l'ideale, pe' che?
    Il Nero: Perché lo so fare!
    Freddo: Allora semo diversi! A me pe' ammazza' 'na persona me serve 'n motivo. (stagione 1, episodio 9)
  • Va bene, forse c'hai ragione te, forse è ora che te ne vai da casa, ma oggi no! Oggi me serve solo che torni da mamma, che c'ha bisogno de te. [rivolto al fratello] (stagione 1, episodio 10)
  • La banda se sta a perde' i pezzi! Dentro ognuno se fa i cazzi sua e fuori nessuno ce rispetta più. Bisogna manda' un segnale in fretta, e a tutti! [rivolto al Libanese] (stagione 1, episodio 10)
  • Un infame nun è mai libero! Me dispiace commissa', ma io il Libanese non lo tradisco né mo e né mai! (stagione 1, episodio 12)
  • Volevi sape' pecché me ne vado? Pe' levarmi dar cazzo ji stronzi come te! [rivolto al Secco] (stagione 1, episodio 12)
  • Puma: Vuo' un consijo, Fre'? Passa a casa, fa' e valigge, pija a tu' ragazza e vattene!
    Freddo: Ma prima devo capì chi ha tirato er grilletto e resistuije a cortesia![3]
    Puma: Dopo c'ai fatto c'ai risorto?
    Freddo: Allora mi chiamo fuori!
    Puma: No, è qui che te sbaji, a Fre'! O te chiami fuori mo oppure qui ce rimani 'na vita! (stagione 2, episodio 1)
  • Un affare? Je puoi dire 'na cosa a Zio Carlo e dije di sentirla bene: il Libanese è morto, quarcuno lo ha ammazzato e ar paese mio il sangue si ripaga solo col sangue. Fino a allora, niente affari e niente cazzate! [a Nembo Kid [4], che voleva proporre un affare alla banda] (stagione 2, episodio 1)
  • E parlo, sì, parlo! Appunta', metta a verbale: Soleri Fabrizio dichiara che si è rotto li cojoni! È la quarta volta che mi arrestate senza averce un cazzo in mano, sembrate du' mosche c'annate a sbatte' contro 'na lampadina accesa... Ti-ti Ti-ti... E daje! (stagione 2, episodio 2)
  • È proprio brutto quando non sai chi c'hai davanti... (stagione 2, episodio 2)
  • Noi seguimo l'insegnamento de la Bibbia: è mejo Eva der serpente! La prossima volta tieni la merda tua lontana dalle zone nostre, perché se no, tu da qua dentro ce esci a piedi davanti! [rivolto al Sardo [5]] (stagione 2, episodio 2)
  • Avemo cominciato tutto 'sto macello pe' vendica' il Libano e nun l'avremo fatto finché quella merda nun sarà tera da concime! E n'artra cosa: bisogna ritorna' pe' strada, ricontrolla' er giro e ritira' i sordi! Uno de la banda sta ar gabbio e dovemo fa' capì a tutti che l'aria nun cambia! (stagione 2, episodio 3)
  • È che me so 'mparato 'na cosa, che de fratelli e deji amici è mejo nun fidarse! (stagione 2, episodio 3)
  • Sì, ma è uno della banda e quelli della banda nun se parcheggiano, perché se incominciamo a farse fuori uno coll'artro, potemo scava' 'na bella fossa e buttarce a banda 'ntera, chiaro? [parlando a telefono con il Bufalo, riferito al Dandi] (stagione 2, episodio 3)
  • Forse o forse no! La camora passa il tempo a farse la guera e quelli che comandavano ieri magari oggi stanno sottotera! (stagione 2, episodio 4)
  • Freddo: E insomma stanotte m'hai salvato a vita...
    Dandi: Mica l'ho fatto pe' te, l'ho fatto pe' 'sta cazzo de banda!
  • Ma t'u ricordi che diceva Libano, eh? 'Sta banda nun vole padroni e se Don Mimmo nun può aspetta' dieci giorni solo pe' un capriccio suo, non è più un compare nostro ma un padrone! E allora io dico vaffanculo a Don Mimmo e vaffanculo alla Camorra! [a Dandi] (stagione 2, episodio 6)
  • [Rivolto alla banda] In giro pe' Roma ce sta robba che nun è la nostra! E me sa che è la stessa che spacciava er Canna. [Poi rivolto a Sergio Buffoni] Certo che se prima d'ammazzallo lo facevate canta', magari stavamo un pezzo avanti, ma quanno uno è cojone... O magari nun sete cojoni pe' niente... (stagione 2, episodio 7)
  • Bufalo e Ricotta se stanno a fa trent'anni p'ave' voluto vendica' il Libano e forse hanno sparato alla persona sbajata! Nun te pare importante a te? Per cui mo me date 'na risposta a quella [indicando la pistola] e m'aiutate tutti! Corpevoli e innocenti, sempre che ce ne stanno qua dentro... Perché è l'unico modo pe' chiude' 'sta cazzo de storia! E pe' 'na vorta ritornamo ad esse' 'na banda vera! (stagione 2, episodio 7)
  • Se vedi er Bufalo diji che a casa mia pure i morti se fanno rispetta'. (stagione 2, episodio 8)
  • La banda è morta quando è morto er Libanese e a tutti ji artri non je n'è mai fregato un cazzo! Io me ce so mannato a puttane tutt' a vita pe 'sti stronzi! (stagione 2, episodio 8)
  • Ma lo sai come se sta qua dentro? Se passa il tempo a pensa' a quello che è stato, a quello che poteva esse' e te spegni giorno dopo giorno come 'na candela! Gn'a faccio più, me vojo rifa' 'na vita lontana da 'sta merda, costi quel che costi! [a Donatella] (stagione 2, episodio 9)

Citazioni sul Freddo[modifica]

  • Il Freddo parlava il minimo indispensabile. Non insultava. Non rivelava niente di sé. Non capivi mai cosa stesse realmente pensando. Come certi bambini che hanno sofferto troppo e non hanno mai sviluppato la capacità di esprimerla, questa grande sofferenza. Lui e il Libanese si trattavano da pari. Come se ciascuno dei due cercasse nell'altro quelle qualità che gli mancavano per divenire perfetto. (Giancarlo De Cataldo)

Note[modifica]

  1. Con questa frase viene sancito di fatto l'accordo tra la batteria del Libanese e quella del Freddo, che decidono di collaborare prima per il rapimento del barone Rosellini e poi in pianta stabile.
  2. È la stessa frase che l'amante del padre disse a Freddo, quando da piccolo li scoprì.
  3. Qualcuno ha ammazzato il Libanese.
  4. Il portavoce di Zio Carlo, un boss della mafia.
  5. Il Freddo ha deciso di affidare la zona di Trastevere, che apparteneva al Libanese prima della morte, a Donatella invece che al Sardo.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]