Il Libanese

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Il Libanese
Francesco Montanari interpreta il Libanese nella serie
Francesco Montanari interpreta il Libanese nella serie
Universo Romanzo criminale
Alter ego

Pietro Proietti

Autore Giancarlo De Cataldo
Interpretato da

Il Libanese, ovvero Pietro Proietti, personaggio di Romanzo criminale.

Citazioni del Libanese[modifica]

Romanzo criminale[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Dividiamo oggi. E domani e dopodomani stiamo daccapo a quindici. Le macchine se fanno vecchie, la coca se consuma, la fica si secca per mancanza di liquidi... e dico liquidi, soldi, Fierolo'... ma se invece questi due miliardi e mezzo noi non li dividiamo... se li teniamo uniti... se ci teniamo uniti noi... avete idea di cosa possiamo diventare? Invece di avere poco, abbiamo tanto. E più abbiamo, più avremo... ti ricordi il prete, Satana? Chi più ha più avrà... e noi così dobbiamo fare: avere di meno oggi per avere tutto domani.
  • Facciamo finta... solo finta di riconoscere la sua autorità, gli diciamo che il numero uno è sempre lui... ce lo teniamo buono il tempo che ci serve... due.. tre mesi... quando il carico è piazzato... tutto piazzato... ne facciamo venire un altro... e gli offriamo il venti... a quel punto lui è sicuro, sicurissimo... dorme sul velluto... è allora che dobbiamo beccarlo. Con calma. Quando decidiamo noi. Come decidiamo noi. Dove decidiamo noi!
  • È la legge della domanda, compagni. Li teniamo a secco per trenta-quaranta giorni. Intanto, tagliamo non al trentacinque per cento, ma al cinquanta-sessanta per cento. Quando sono tutti, ma proprio tutti con la lingua di fuori, gli rovesciamo in strada l'intero carico. A prezzo doppio...
  • No, stammi a sentire tu: forse noi abbiamo bisogno di voi, ma non quanto voi avete bisogno di noi. Voi avete i palazzi, noi la strada. È questo che mi interessa: la strada. Perché senza la strada i vostri palazzi non valgono una sega! Be', non c'è nessuno che sa tenere la strada come il Freddo. Nessuno. Il Freddo è la strada. Perciò... senza il Freddo non si fa nessun accordo!

Romanzo criminale (film)[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • E tu, zitto e catena! Pure se manco come cane vali na lira, t'ho ammazzato il padrone e non hai detto "a", t'ho tirato un osso ed eccote qua. [rivolto a Gemito]
  • Semo già morti mille volte noi. Al minorile, tutte le volte che abbiamo dovuto dì "sì, sì, sissignore" a chi c'ha trattato come 'e merde. Non se po' ammazza' n'omo du' volte. [rivolto a Freddo e a Dandi]
  • Le manie de grandezza ce l'hanno avute tutti quelli c'hanno cambiato a storia... [a Freddo]
  • 'Sta gamba vale! 'Sta gamba! È pe' sempe! Io m'a so' giocata pe' difendeve, a te e ar Dandi, hai capito? Hai sentito quello che t'ho detto, eh? Hai capito, a' Giuda? [rivolto a Freddo che vuole uscire dalla banda]
Pierfrancesco Favino interpreta il Libanese nel film
  • Gemito: Da che mondo è mondo, i debiti li pagano tutti!
    Libanese: L'imperatori, no! [Ultime parole]

Romanzo criminale - La serie[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Forse è venuto er momento de guardarse 'n faccia. Quanno volemo tira avanti a tira' su i sordi cor cucchiaino? Come stanotte che per poche mijaia de lire ce semo spaccati er culo... [rivolto alla sua batteria iniziale[1], dopo aver proposto il rapimento del barone Rosellini] (stagione 1, episodio 1)
  • Pijamose Roma e pijamosela mò, prima che 'o faccia quarcun'artro! (stagione 1, episodio 1)
  • Allora, questa è l'ultima occasione, si nun v'a sentite, è mejo che ve pijate 'a stecca vostra e ve ne annate. Perché se restate, c'avrete 'n mese d'inferno, dovrete usa' le mani e pestà parecchi piedi, guardavve le spalle e dormì co li occhi aperti, ma alla fine nun basterà sta borsa pe' tutti li soldi che ve resteranno. (stagione 1, episodio 2)
  • Il Terribile: No. So' venuto a fatte 'na proposta. Quel mijardo e mezzo de robba t'a passo io. Ma invece der settanta me pijo er sessanta. Senza tante artre storie, tanti artri cazzi. Che dici?
    Libanese: [rutta] T'è chiara come risposta? Perché sinnò t'a posso pure ripete'. (stagione 1, episodio 2)
  • Come fai a dì che te piace se manco sai che dice? 'A canzone a devi capì, Dandi. Nun è che pija e canti... (stagione 1, episodio 3)
  • [Semo padroni] de mezza Roma, Buffo'... L'artra mezza sta ancora a' finestra pe' capì se famo sul serio o se semo fasulli, e se 'na pulce come Shangai ce tiene testa, è capace che ji artri je vanno dietro e l'accordo col Sardo va a puttane e questo nun può esse'... Tocca da' n'esempio, 'na cosa che se ricorda! [verso Ruggero Buffoni che vuole lasciare la zona di Val Melaina a Shangai [2]] (stagione 1, episodio 3)
  • C'hai ragione, va. Anzi, mo je compro tutto er negozio, no 'a vojo più vede' co' quela faccia spenta, mi' madre deve campa' da gran signora! Tutti se devano gira' a guarda' la madre der Libanese, devono vede' quanto sta bene. [verso il Dandi in un negozio di abbigliamento] (stagione 1, episodio 4)
  • [A Ricotta che guardava il telegiornale] Spegni 'n pò 'sto citofono! (stagione 1, episodio 5)
  • Quelli stanno a ricerca' i comunisti con le armi, mica gente perbene come noi... Per cui mo basta co' le cazzate, dite a quei quattro morti de fame de torna' al lavoro, perché artrimenti dopo lo sciopero arriva il licenziamento. E fateje entra' bene in testa 'na cosa: la liquidazione noi la famo cor piombo![3] (stagione 1, episodio 5)
  • Lo sai nonne', in fondo noi quarcosa in comune c'avemo: a noi due nun ce viene a trova' nessuno! [al compagno di cella] (stagione 1, episodio 6)
  • Mo 'o senti quer maiale, quello lo appendono e lo aprono sotto, proprio come me piacerebbe vede' fini' er Teribile! [a Scriocchiazeppi e Dandi, mentre stanno scegliendo il porco da ammazzare per il matrimonio] (stagione 1, episodio 7)
  • [Al padre di Angelina, che non vuole far dormire il Dandi (ricercato) in casa sua] Stamme a senti' bene! Se tu' fija c'ha 'n futuro è merito mia e d'amici mia e a noi ce piace esse' trattati co' rispetto, esse' ringraziati! [L'uomo annuisce] Bravo, vedo che ragioni. L'amico mio o fai sta qua quanto cazzo me pare, artrimenti al matrimonio invece de servì carne de porco, faccio servì te, intesi? (stagione 1, episodio 7)
  • Libanese: E tu chi saresti?
    Giulio Brega: Brega, Giulio Brega!
    Libanese: E che voresti dal Libanese?
    Giulio Brega: N'alloggio! Giù ar Trullo, so vent'anni, tra roulotte e baracche nun ce la famo più! Nun c'avemo manco l'acqua pe' lavarce!
    Maurizio Gemito: E perché lu chiedete a noi, scrivete al sindaco!
    Giulio Brega: Me so finiti i francobolli a furia de scrive' lettere! Po lui è morto più d'en sindaco, lui è il re! Tu sei el re de Roma!
    Libanese: Famme capi', quanti sareste voi baraccati?
    Giulio Brega: 'Na quarantina de famije.
    Libanese: Quaranta?! A Brega, me sa che hai fatto 'n giro a voto, a voi nun ve serve 'n re ma 'n miracolo! (stagione 1, episodio 9)
  • Si nun l'hai capito, noi a Roma nun pijiamo ordini, li damo! [rivolto al Professore[4]] (stagione 1, episodio 9)
  • Su una cosa però c'hai ragione... Stavo a pensa' a quello che m'hai detto a' bisca, forse se semo allargati troppo, troppa gente attorno a dirce quello che dovemo fa': professori, spioni, fascisti, a che ce servono? Qua ce semo arrivati da soli, no? E da soli che dovemo resta'! Damme 'na mano, mannamoli tutti affanculo! [rivolto al Freddo] (stagione 1, episodio 9)
  • Eccoli qua, Cip e Ciop! V'aggrada la stanzetta? È abbastanza grande? Luminosa ar giusto? Bene, mo c'avete vista, sparite! Tornate nella fogna da dove siete usciti e non fateve più vede'! [rivolto a Zeta e Pigreco] (stagione 1, episodio 9)
  • Allora la prossima vorta che ve viene voja de brinda' a la nostra morte, ricordateve che è il Libanese che v'ha lasciato vive'... [rivolto a due carcerati] (stagione 1, episodio 10)
  • Pigreco: Noi lo chiediamo a te! Sei tu il capo, o no?
    Libanese: Non ci so' capi ne la banda nostra, se decide tutti assieme.
    Zeta: Quindi se uno della banda non fosse d'accordo, tu ti faresti dieci anni...
    Libanese: Io p'a banda me farei ammazza'!
    Pigreco: Chissa' se il Freddo si farebbe ammazzare con te...
    Libanese: Te ce puoi gioca' i cojoni! Sempre si ce l'hai... (stagione 1, episodio 10)
  • No Fre', lo vojo fa io, perché mo me fido solo de li occhi mia! Solo de questi! Me fido solo de questi, Fre'! (stagione 1, episodio 11)
  • [Rivolto ai fratelli Buffoni, che stavano per spacciare un carico alle spalle della banda] No, ma io ve capisco. Mica è facile arriva' a fine mese, no? È corpa mia, è corpa mia perché so' n'egoista! Ho ridotto la batteria alla fame e manco me n'ero accorto! Ma mo rimediamo subito... [Inizia a picchiarli] Perché mo me so rotto er cazzo! È chiaro? Da adesso se cambia musica! (stagione 1, episodio 11)
  • [Rivolto ai fratelli Bordini, che stavano per aprire un traffico di droga alle sue spalle] Potevate bussa', no? V'avrei aperto! E invece no, avete voluto fa de testa vostra... Tutto de nascosto e c'è pure scappato er morto [5], Bordì! Er problema è che mentre ve stavo a cerca' ho scoperto tante cose brutte: la gloriosa banda del Libanese è diventata 'na manica de' paraculi! Pe' questo v'ho chiamato, Bordì, pe' ringraziarve! [Li spara] M'avete fatto capì 'na cosa... Che è finito er tempo der perdono e è venuto er tempo der giudizio... (stagione 1, episodio 11)
  • È mejo farse guarda' le spalle dai traditori nati che da un falso amico. (stagione 1, episodio 12)
  • Te adesso je prendi i soldi, je li porti e je fai l'inchino! Perché il Freddo può esse' stronzo e ingrato, ma è gigante 'mpetto a te! [rivolto al Secco] (stagione 1, episodio 12)
  • Allora nun hai capito... Io nun abbozzo du' volte! Perché in finale voi chi cazzo siete? Pure 'e spie c'hano 'na casa, pure voi dovete chiude li occhi, hai visto mai che poi no li riapri più! [rivolto a Zeta e Pigreco] (stagione 1, episodio 12)
  • Libanese: Perché te dovrei paga' che sei n'omo te? Te sei 'n cane, anzi peggio perché i cani almeno so' fedeli e te a tradì er Terribile nun c'hai messo un cazzo!
    Maurizio Gemito: Libanè...
    Libanese: S'a volemo vede' all'antica? [prende il coltello con cui ha ammazzato il Terribile] Eccolo il vecchio amico, t'o ricordi? Eccolo qua! E 'sto ricamino, te lo ricordi sto ricamino qua? [mostrando il taglio sul braccio] Ce stavi pure te quanno me l'hanno fatto, no? No, i cani nu' ricordano, so' buoni solo a pijarsela coi ragazzini! (stagione 1, episodio 12)
  • Pe' 'na vorta sarai contenta de me, ma'! T'ho dato retta, me so rimesso a posto, ma'... Davero! St'artri l'ho messi tutti in riga, tutti sott'al Libanese! E la casa, ma', la casa, ma', 'a devi vede', mo è 'na reggia, degna de te, de la regina de Roma! Nun te dovrai più vergogna' de me! Ma', apri 'sta cazzo de porta! Daje, ma'! [urlando verso la finestra della madre] (stagione 1, episodio 12)
  • E te che cazzo vuoi? [ultime parole rivolto al suo assassino] (stagione 1, episodio 12)

Citazioni sul Libanese[modifica]

  • Il Dandi osservava e imparava: il Libano era un capo nato. Sapeva come tenere a bada i sanguinari e ringalluzzire gli infiacchiti. (Giancarlo De Cataldo)
  • Il Libanese aveva un sorriso obliquo che nessuna pressione riusciva a cancellare. Era algido e tosto. In carcere aveva mandato affanculo un boss della 'ndrangheta. Aveva carisma. Un capo nato. L'idea del sequestro non poteva che essere stata sua. Fierolocchio e i Buffoni lo guardavano come i bambini al catechismo guardano il Sacro Cuore di Gesù. Era lui che li teneva uniti, il cemento. Il Libanese era una pista morta, investigativamente parlando. Troppo duro. (Giancarlo De Cataldo)

Note[modifica]

  1. Quella formata dallo stesso Libanese, dal Dandi, dal Bufalo e da Scriocchiazeppi.
  2. L'uomo che controllava lo spaccio nella zona di Val Melaina prima dell'arrivo della banda.
  3. Le strade di Roma infatti sono piene di polizia per via del rapimento di Aldo Moro e gli spacciatori per la paura non vogliono lavorare.
  4. Una guida del movimento neofascista
  5. I fratelli Bordini hanno ucciso Angioletto, nipote del Puma.

Altri progetti[modifica]