Milena Bertolini

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Milena Bertolini (2018)

Milena Bertolini (1966 – vivente), ex calciatrice e allenatrice di calcio italiana.

Citazioni di Milena Bertolini[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [«Come si è avvicinata al calcio?»] In modo molto naturale nel senso che dove abitato io c'erano dei ragazzi che giocavano a calcio e ho iniziato con loro. Ma amando lo sport in generale, probabilmente se si fosse giocato a basket o pallavolo avrei intrapreso quella strada. È capitato il pallone.[1]
  • La donna nel mondo del calcio può essere solo velina o moglie del calciatore. Dico questo senza voler offendere nessuno. Non ci può essere l'opinionista tecnica o la giornalista compentente, ma nemmeno una donna nello staff tecnico di una squadra. Questa visione della donna fa sì che la nostra non sia una democrazia piena.[2]
  • Quello che trasmette un atleta non è la bellezza estetica, ma quella del gesto e dei valori sportivi.[2]
  • Mi allenavo esclusivamente con i maschi e soffrivo molto di non poter giocare con le altre bambine, ma non esistevano le squadre femminili. È stata una vera sofferenza nel fisico e nell'animo anche perché tutti mi scambiavano per un maschio per via dei miei capelli corti; penso che queste siano piccole cose che inevitabilmente lasciano una traccia indelebile nello spirito di una bambina.[3]
  • Il calcio maschile è più essenziale, lineare e potente; i calciatori vengono allenati per essere più concreti dell'avversario; l'uomo guarda più alla finalizzazione rispetto al calcio femminile dove invece c'è molta più costruzione e lavoro di squadra. Questo aspetto si può legare anche alla psicologia, che vede la donna padrona di un pensiero più circolare rispetto all'uomo. Non è un caso che il calcio di Guardiola sia stato raccontato anche come molto femminile; condivido il pensiero, quel Barcellona giocava sulla tecnica, sui fraseggi e sul gioco corto, era una squadra che arrivava al gol con tanta manovra; queste sono tutte caratteristiche che osserviamo nel calcio femminile.[3]
  • [«Quali sono i suoi punti di riferimento?»] Ancelotti perché non ha mai perso di vista la persona, Guardiola per l'idea di pallone che ha in testa, lo Zeman di Foggia per il calcio propositivo e la schiettezza.[4]
  • [«Cosa ha pensato quando al Pallone d'oro Ada Hegerberg hanno chiesto di "twerkare" in mondovisione?»] Che di fronte a una donna di potere l'uomo impallidisce. Non ha gli strumenti e, quindi, non gli resta che sminuirla.[4]
  • [Sulla ritrosia verso il calcio femminile.] Sono le madri a fare più resistenza. C'è ancora qualcuno che ha paura che il calcio faccia venire i polpacci grossi. A quelli, altrettanto tonici della ballerine, non ci pensa nessuno invece.[5]
  • I maschi hanno paura di confrontarsi con una donna sul calcio e magari di scoprire che non sono alla sua altezza. È lo stesso meccanismo che c'è dietro alla violenza contro mogli, compagne, figlie: l'uomo difende quello che crede essere il suo territorio.[5]
  • Il calcio giocato dalle donne è un calcio bello per i suoi aspetti di fair play, di gioco, di sacrificio e impegno. Il giocare per il piacere di giocare. [...] È più fantasioso armonioso, piacevole. Non a caso i giocatori più forti [...] hanno avuto movenze per così dire femminili, penso a Baggio che univa eleganza, armonia, destrezza.[6]
  • A me, come a tante mie colleghe, chiedevano sempre: "Come fai a giocare con le tette?". Ma perché questa domanda non la fanno a chi gioca a basket femminile, a tennis, a pallavolo? Perché il calcio viene considerato un ambito maschile. Se una donna decide di provarci bisogna per forza trovare qualcosa che non va.[7]

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Francesca Di Giuseppe, Milena Bertolini: "La rivoluzione nel calcio femminile? Io non la vedo", Golditacco.it, 7 aprile 2016.
  2. a b Dall'intervista di Chiara Pizzimenti, «Le "donne non possono parlare di calcio"? Italiani primitivi», Vanityfair.it, 15 aprile 2016.
  3. a b Dall'intervista di Camilla Spinelli, Il calcio femminile è una missione, intervista a Milena Bertolini, Ultimouomo.com, 1º maggio 2018.
  4. a b Dall'intervista di Gaia Piccardi, Calcio donne, il ct delle azzurre Bertolini: «È il nostro anno, l’Italia al Mondiale farà bella figura», Corriere.it, 3 gennaio 2019.
  5. a b Da un'intervista a Grazia; citato in Milena Bertolini: "La nostra cultura è arretrata. Sono allibita dalla naturalezza con cui...", Golssip.it, 27 marzo 2019.
  6. Da un forum organizzato dall'ANSA; citato in Per Milena Bertolini saranno le donne a salvare il calcio, Letteradonna.it, 3 maggio 2019.
  7. Dall'intervista di Alessia Cruciani, Il nostro calcio è una bellezza, SportWeek, nº 23 (940), 8 giugno 2019, pp. 45-48.

Altri progetti[modifica]

donne Portale Donne: accedi alle voci di Wikiquote che trattano di donne