Seinfeld (terza stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Seinfeld.

Seinfeld, terza stagione.

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Episodio 9, La plastica al naso[modifica]

  • Che fine farebbero i rapporti umani se tutti dicessero apertamente quello che in quel momento passa loro per la mente? Quanto durerebbe un incontro galante? Io credo all'incirca 13 secondi. "Mi dispiace, hai il sedere troppo grosso." "Tu hai l'alito cattivo." "Ci vediamo." "Non c'è problema." "Addio." "D'accordo." "Va a quel paese." "Cia'." (Jerry)
  • Dobbiamo per forza insultare questa povera gente che ha deciso di farsi una bella plastica al naso? Loro lo sanno di avere un naso grande, per questo si operano. Che bisogno c'è di essere paragonati anche a un rinoceronte? È una cattiveria del tutto gratuita. Quando uno vuole farsi un trapianto di capelli non dicono "Useremo la tecnica della palla da biliardo, signor Johnson." [...] (Jerry)

Episodio 4, Il cane[modifica]

  • Gavin: Lei ha degli animali?
    Jerry: Sì, l'inquilino accanto a me.
    Gavin: Oh, ascolti. Avere un animale, come per esempio un cane, significa avere un rapporto che gli arricchirebbe la vita più di quanto non possa immaginare.
    Jerry: Quando deve raccogliere la pupù con la paletta si sente arricchito di qualcosa?
  • Nel mio quartiere c'è parecchia gente che porta a spasso il proprio cane e tutti escono con il sacchetto per la pupù. Per me non c'è cosa più deprimente nella vita di un uomo. Se un marziano potesse vedere la scena attraverso un telescopio penserebbe che i veri padroni sono i cani. "Se analizziamo queste due forme di vita vediamo che una delle due fa la cacca e l'altra gliela porta in un sacchetto! Quale delle due secondo voi è la più privilegiata?" (Jerry)

Episodio 5, La biblioteca[modifica]

  • Jerry: Questa è davvero incredibile: la New York Public Library dice che io ho preso Tropico del Cancro nel 1971 e non l'ho più restituito!
    Kramer: Hai la vaga idea di quanto ti verrà a costare? Sono cinque centesimi al giorno per vent'anni: in tutto fa cinquantamila dollari!
    Jerry: Naaaa, non funziona così.
    Kramer: Se sono dieci centesimi sono centomila dollari!
  • [La New York Public Library] Quello è un posto pieno di spilorci, ad ogni modo! Vanno lì, si siedono e si mettono a leggere un giornale attaccato a quei lunghi bastoni di legno per risparmiare venticinque centesimi! (Kramer)
  • Il Sistema decimale di Dewey:[1] che grossa fregatura è stata! (Kramer)
  • L'agente investigativo della biblioteca si chiama davvero Bookman? È sorprendente! È come se un gelataio si chiamasse Chocolate! (Kramer)
  • [Parlando degli scherzi del liceo]
    Elaine: Perché la chiamano sgrufolata?
    George: Perché le mutande vengono tirate verso sopra da dietro finché si sgrufulano in mezzo.
    Jerry: Poi c'è anche la sgrufolata atomica. L'obiettivo in questo caso è distendere l'elastico dalla vita fino a sopra la testa.
    Elaine: I ragazzi sono cattivi.
    Jerry: E voi ragazze cosa fate?
    Elaine: Tuttalpiù infastidiamo una compagna fino a farla diventare anoressica.
  • Ciò che sorprende a proposito delle biblioteche è che puoi entrare e prendere tutti i libri che vuoi. L'unica cosa che ti senti dire è "Riportali quando hai finito." Mi ricordano l'amico patetico che tutti avevamo da ragazzini, quello che ti dava in prestito qualsiasi cosa avesse purché tu restassi suo amico, ricordate? Ecco cos'è una biblioteca: un amico patetico finanziato dal governo. Nessuno prende seriamente una biblioteca, giusto? "Lo riporterò in tempo" "Tranquillo, niente orecchie alle pagine" "Come? L'ultima volta era macchiato di cappuccino?!" (Jerry)

Episodio 11, Il lato opposto[modifica]

  • Questi tarallucci mi fanno venire sete! (Kramer)
These pretzels are making me thirsty![2]

Episodio 13, La metropolitana[modifica]

  • Elaine: A che ora hai il tuo colloquio, George?
    George: Nove e quarantacinque.
    Jerry: E non fischiettare in ascensore!
    George: Perché no?
    Jerry: È quello che aveva detto Willy Loman a Beef in Morte di un commesso viaggiatore.
    George: Ehi, mi stai paragonando a Beef Loman? Molto incoraggiante: il più grande perdente in tutta la letteratura americana!
  • Jerry: A che ora hai il matrimonio lesbico?
    Elaine: Nove e mezza.
    George: Strano matrimonio. Chi decide chi è lo sposo e chi la sposa? Tirano una moneta?
  • Quando una lesbica mi guarda ho la sensazione che pensi: "Ecco perché non sono eterosessuale!" (George)
  • Io non sono lesbica! Odio gli uomini...ma non sono lesbica! (Elaine)

Episodio 18, Il nuovo amico (parte 1)[modifica]

  • [George deve provare di aver provato a cercare un lavoro affinché il sussidio di disoccupazione gli venga protratto]
    Signora Sokol: Le faccio presente che fra due settimane il sussidio le verrà tolto.
    George: Lo so. E mi chiedevo...ecco, è possibile prolungarlo per altre tredici settimane?
    Signora Sokol: Ha visto se c'è lavoro per lei?
    George: Sa cos'ho scoperto, signora Sokol? Non si tratta tanto di vedere, quanto di ascoltare. Ho ascoltato se c'è lavoro, ho visto e ho ascoltato. Ho anche visto, eh, non lo sottovaluto, è una combinazione. Vedere e poi...ascoltare. Ascoltare e vedere. Bisogna ascoltare.
    Signora Sokol: Mi può specificare a quale società si è rivolto?
    George: Specificare? Ehm...specifichiamo...ho fatto avanti e indietro da una marea di uffici, ho una tale confusione in testa.
    Signora Sokol: Mi dia almeno un nome.
    George: Un nome, molto volentieri...Ecco sono stato alla Vandelay S.p.a. Ehm, non mi hanno assunto per il rotto della cuffia.
    Signora Sokol: E cosa tratta questa società?
    George: Lattice. Sì, prodotti in lattice, signora Sokol.
    Signora Sokol: E lei ha avuto un colloquio là?
    George: Sì, volevo fare il rappresentante. Un rappresentante di lattice deve vendere lattice e... derivati del lattice. Ovviamente...

Episodio 19, Il nuovo amico (parte 2)[modifica]

  • La morte è proprio questo alla fin fine: sì, è l'ultimo grande trasloco della tua vita. Il carro funebre è il furgone, i becchini sono i tuoi cari amici, gli unici a cui puoi chiedere aiuto per un trasloco così impegnativo e la cassa da morto è la grande comoda scatola che hai sognato per tutta la vita, solo che quando l'hai trovata ci sei dentro. (Jerry)
  • Un mio amico ha una bimba. "Devi vedere la bimba! Devi venire al più presto a vedere la bimba!" Non capita mai che ti chiedano di vedere il nonno, giusto? "Devi vedere mio nonno! Sì, devi vederlo subito! È così dolce! Pensa, pesa novantasette chili e mezzo! È un tesoro, sono adorabili a quell'età! Ha mille mesi! La mattina è un periodo veramente straordinario per i vecchietti, credimi devi vederlo, è andato al bagno da solo ieri! (Jerry)

Note[modifica]

  1. Cfr. Classificazione decimale Dewey.
  2. Una delle frasi rese famose dalla sitcom. Cfr. Catchfrases di Seinfeld.

Altri progetti[modifica]