Seinfeld (settima stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Seinfeld.

Seinfeld, settima stagione.

Episodio 1, Voglio dormire[modifica]

  • Jerry: L'hai lasciata perché ti ha battuto a scacchi?! Ma è assurdo!
    George: Quella sconfitta avrebbe avuto ripercussioni tremende sulle mie prestazioni sessuali.
  • Kramer: Dovresti saperlo che il matrimonio è la tomba dell'amore! Quando ti svegli la mattina tua moglie è lì. La sera vai a dormire e lei è nel letto. E quando ti scappa e devi...devi andare di corsa al bagno, ci puoi scommettere la testa che otto volte su dieci è occupato!
    Jerry: Davvero?
    Kramer: Inoltre non potrai più mangiare davanti alla tv!
    Jerry: A no?
    Kramer: No! È vietato! E sai perché? Perché a cena bisogna parlare! E sai di cosa si parla?
    Jerry: Di cosa?
    Kramer: Di come è andata la giornata! "Come è andata oggi? Hai avuto una buona giornata o una giornataccia?" "Allora, che mi dici, com'è andata in ufficio?" "E tu hai fatto la spesa?" [Disgustato]
    Jerry: Mamma...
    Kramer: È triste, Jerry. Sposarsi è un grave errore.
  • Susan: Suo figlio è una persona veramente speciale. Lo amo da impazzire.
    Signora Costanza: Lo ami? Davvero?
    Susan: Sì.
    Signora Costanza: Ma l'hai visto bene in faccia?

Episodio 2, Nozze rimandate[modifica]

  • Molto spesso non riusciamo a vedere la foresta a causa degli alberi. (Rabbino)

Episodio 3, Risarcimento danni[modifica]

  • In vita mia non sono mai stato in un posto dove non ci fosse il caffè. La gente vuole sempre darti del caffè. "Prendi un caffè?" "Vuoi un caffè?" "Ti offro un caffè?" Il caffè è l'unica cosa che puoi avere e che la gente prova continuamente a offrirti. Con le cameriere è un continuo. "Posso riempirlo?" "Posso scaldarlo?" "Posso svuotarlo?" Un giorno o l'altro si aprirà il tappo della caffettiera e dirà: "L'ho appena fatto. Ne vuole un po'?" Questo succede a tutta l'umanità. Ci sono delle caffettiere che dovremmo chiamare Mr. Caffè. "Qualcuno ne vuole?" "Ehi, c'è Mr. Caffè per te!" (Jerry) [spettacolo di stand-up comedy]
  • [Kramer ha fatto causa a una catena di bar perché si è versato addosso il caffè bollente[1]]
    Jackie Chiles: È una chiara violazione dei suoi diritti di consumatore! È un sopruso dei suoi diritti costituzionali! È oltraggioso, ingiurioso, preposteroso!
    Kramer: Sì, è decisamente preposteroso![2]
  • Dove s'è mai sentita una cosa del genere?![1] Citare una ditta perché il suo caffè è troppo caldo! Si suppone che il caffè debba essere caldo! (Elaine)
  • George: Quando vai in un negozio non ti infastidisce che l'addetto alla sicurezza debba stare in piedi tutto il giorno?
    Jerry: No.
    George: Vedi, non infastidisce neanche Susan. Ecco dove io sono diverso: avverto anche la più sottile sofferenza umana.
    Jerry: E non stai avvertendo nulla ora?
  • Maestro! (Elaine) [brindando con il vino in compagnia di Bob Cob che vuole a tutti i costi essere chiamato "Maestro"]
  • Elaine: Sapevi che Mozart è morto mentre stava scrivendo il Requiem?
    Jerry: Sì, lo sanno tutti questo. Era nel film Amadeus.
  • Jerry [parlando di Bob Cob]: Allora com'è andata? i è fatto chiamare "Maestro"?
    Elaine: Sì, l'ho chiamato "Maestro".
    Jerry: Non ti ha seccato?
    Elaine: Be', un po' all'inizio. Ma poi alla fine ci ho fatto l'abitudine.
    Jerry: Ok, d'ora in avanti mi chiamerai "Jerry Il Grande".
    Elaine: Non ti chiamerò mai "Jerry Il Grande"!
    Jerry: Perché no? Se chiami lui "Maestro".
    Elaine: Perché lui è un maestro!
    Jerry: Be', io sono grande.

Episodio 4, Equivoco imbarazzante[modifica]

  • L'invenzione che a mio parere segna il vero declino della civiltà umana è la radiosveglia. Questo sistema si basa sul concetto che quando la sveglia suona noi non ci alziamo. Se non siamo già ben svegli abbiamo fatto fiasco. Chi acquista una radiosveglia dovrebbe ricevere il sussidio di disoccupazione e una bottiglia di tequila: il completo del perfetto fallito. (Jerry)

Episodio 6, Zuppe e coccole[modifica]

  • Niente zuppa per lei! (Nazista delle zuppe)
No soup for you![3]
  • Hai chiuso nazistone! Niente più zuppa per te! Un altro! (Elaine)

Episodio 7, Il codice segreto[modifica]

  • George: Perché deve essere tutto nostro? Non esiste più niente di mio? Non posso possedere qualcosa solo per me? È forse così egoista?
    Jerry: È questa la definizione di "egoismo".
  • George: Ieri abbiamo litigato. Lei vuole...vuole che le dica il mio codice bancomat. E io sono combatutto, non so se dirglielo. Ma la cosa curiosa è che io...non vedo l'ora di dirlo a qualcuno e questo mi uccide! Glielo dico. Lo vuole sapere? ...è "Bosco".[4] Lo conosce, eh? Lo sciroppo al cioccolato. Lo adoro! Lo metto sempre nel latte, è la mia bevanda preferita! Ragazzi, che sollievo!
    Mamma di Jacob Peterman: Bosco...Bosco...
    George: Sshh!
    Mamma di Jacob Peterman: Bosco...
    George: Sta zitta, è un segreto!
    Mamma di Jacob Peterman: Bosco! Bosco!
    Jacob Peterman: Parla mamma! Che cosa vuoi dire?
    Mamma di Jacob Peterman: Bosco! [ultime parole prima di spirare]

Episodio 8, Il ragazzo della piscina[modifica]

  • Elaine: Sapete una cosa, è molto triste ma non mi è rimasta neanche un'amica.
    Kramer: È naturale. Tu sei una donna da uomini: tu odi le altre donne e loro odiano te.
  • Elaine: Hai visto l'abito che indossava Susan B. Anthony al party per festeggiare il voto alle donne?
    Susan: Direi che era piuttosto scollato per una suffragetta.
  • Io ho soltanto tre amici, non ci riesco ad averne di più! (Jerry)
  • I mondi stanno collidendo! George si sta arrabbiando! (George)

Episodio 9, Segreti[modifica]

  • Ho avuto la sensazione che non valesse uno sponge.[5] (Elaine)

Episodio 10, Normalmente pazzi[modifica]

  • La gomma da masticare è davvero una strana invenzione: non è né liquido né un solido né un alimento. Che cos'è? Insomma non è niente, no? Nient'altro che ginnastica mascellare. Ma quando andavamo a scuola per gli insegnanti era un vero e proprio tormento la gomma da masticare. Io li guardavo e pensavo "ma perché tanto odio?" Più tardi l'ho capito. Perché chi ha una gomma in bocca non sembra mai molto interessato a quello che gli si dice. (Jerry)
  • Chiedo perdono vostra maestà, ma non accettiamo banconote con baffi sul volto del presidente. (Larry David)

Episodio 11, Il pane di segale[modifica]

  • [Mentre nutre un cavallo con delle polpette di manzo] Alla mia cavallina | piace la polpettina | Senti che buona polpetta | Mangia la mia cavalletta | È proprio una buona polpetta (Kramer)

Episodio 12, Il portamazze[modifica]

  • Non so perché la gente si sorprende quando qualcuno viene colpito da-da una palla da golf. Avete mai visto quei tornei in TV? Ci sono seicento eprsone che si affollano attorno a un buco così e tutti si meravigliano quando una Titleist finisce sulla zucca di qualcuno. Se uno tira una pietra contro una folla è considerato un terrorista, ma se quelloc he tira è uno a posto allora è golf. A me colpisce sempre il cameraman del golf, il cui compito è di seguire la palla da golf mentre vola in aria. Si tratta di una pallina bianca che va a cento all'ora su uno sfondo bianco. "Eccola, l'ho pre-l'ho pre-l'ho pres-l'ho..." Chissenefrega! Tantovale puntare la telecamere per terra, prendere la palla da una tasca e buttarla, tanto non si vede da dove arriva. (Jerry) [spettacolo di stand-up comedy]
  • L'ultima volta mi hai costretto a tirare un pane di segale al terzo piano,[6] ora vuoi che io vada nel Bronx a togliere i volantini dalla tua macchina! Non conosci limiti! (Jerry) [a George]
  • Jerry: Cos'hai da fare?
    Kramer: Niente.
    Jerry: Vuoi andare nel Bronx a vedere se ci sono volantini sulla macchina di George?
    Kramer [entusiasta]: Certo!
    Jerry: Avrei potuto dire qualsiasi cosa, vero?
    Kramer: Sì.
  • Una donna si aggira per la città in pieno giorno in reggiseno: è una minaccia per la società! (Elaine)

Episodio 14, La cadillac (parte 1)[modifica]

  • Elaine: Senti, chi era Pippi Calzelunghe?
    Kathy: Pippi Calzelunghe... ehm, non lo so.
    Elaine: Aveva qualcosa a che fare con Hitler?
    Kathy: Con Hitler? Può darsi.
  • George: Sai quante chance ho di essere il tipo di qualcuna? Non sono mai stato il tipo di nessuna, ma a quanto pare Marisa Tomei adora gli uomini grassi, spiritosi e calvi!
    Jerry: Lo sai che lei ha vinto un premio Oscar?
    George: E pensi che io non lo sappia questo? Con Mio cugino Vincenzo, un capolavoro! Io, George Costanza, potrei avere un appuntamento con la vincitrice di un Oscar, di un premio Oscar! Lo sai che significa? È come se cinquant'anni fa qualcuno mi avesse fatto uscire con Katharine Hepburn! Stessa cosa!
    Jerry: Ma che bella coppia tu e Katharine Hepburn...
  • Se metti del filo spinato intorno a queste case e la chiami manicomio nessuno noterà la differenza! (Jerry) [a casa dei genitori in Florida]

Episodio 15, La cadillac (parte 2)[modifica]

  • [Mentre costruiscono un'intricata rete di bugie]
    Elaine: Come si chiama il mio ragazzo? Chi è?
    George: Art Vandelay.
    Elaine: Art Vandelay?! È questo il mio ragazzo?
    George: È il tuo ragazzo.
    Elaine: E che cosa fa?
    George: È un importatore.
    Elaine: Importa soltanto? Non esporta niente?
    George: D'accordo, importa ed esporta. Va bene?
  • Marisa Tomei: Senti, George, come è possibile che un uomo come te...così calvo e così cicciotto e divertente...come mai non sei già occupato?
    George: Ecco, Marisa...Vedi, il fatto è che in realtà...Si può dire che io sia fidanzato.
    Marisa Tomei: Cosa?
    George: Sì, sono "fidanzato". Ma tra virgolette.
    [Lei lo schiaffeggia]
  • Ora capisco come vi facciamo sentire quando vi facciamo aspettare a casa. Non so perché vi facciamo aspettare per ore. Forse perché ci divertiamo ad approfittare delle persone. Ma tutto questo cambierà adesso. D'ora in poi non diremo più dalle nove alle dodici o dall'una alle cinque. vi daremo degli appuntamenti precisi! Le undici significheranno le undici esatte! E se non possiamo farcela allora telefoneremo. E lo sa perché? Santo cielo, se può farlo un dottore, perché noi no?! (Tecnico del Cable Plaza)

Episodio 16, Una visita poco gradita[modifica]

  • [Al The Tonight Show]
    Jerry: Nella mia famiglia sono tuti matti.
    Jay Leno: Davvero?
    Jerry: Sì. Mio zio Leo (ho pranzato con lui l'altro giorno) è una di quelle persone che se qualcosa va storto da la colpa all'antisemitismo. Gli spaghetti non sono al dente? È il cuoco che è antisemita!
    Jay Leno: Conosco il tipo.
    Jerry: Punta su un cavallo che perde? È il fantino che è antisemita! E anche il cavallo! Non trova posto al tempio? È il rabbino che è antisemita!

Episodio 17, La bambola[modifica]

  • Oh, mio Dio! È pazzesco! Quella bambola è uguale a mia madre! (George)
  • Wow, conoscerò quell'altro! (Elaine)

Episodio 18, Gli zingari[modifica]

  • Una cosa che adoro è quando nel bel mezzo di un sogno la sveglia si mette a suonare e uno inserisce il suono della sveglia dentro il sogno, per poter continuare a dormire. E per riuscirci modifica il sogno in qualsiasi modo. Per fare un esempio l'altra notte ho sognato Maria Antonietta. Lei era sulla ghigliottina, la lama è venuta giù e la testa è caduta nel cesto. Mentre rotolava si è messa a cantare Solitary Man di Neil Diamond. (Jerry)
  • [Parlando di Leonardo Da Vinci] Pare che il maestro dormisse solo venti minuti ogni tre ore. E così facendo risulta che si resta svegli per due giorni e mezzo in più a settimana, il che significa che se campassi fino a ottant'anni avrei vissuto l'equivalente di centocinque anni! (Kramer)

Episodio 19, Lo sconto[modifica]

  • La parrucca dal punto di vista storico: credo che la rivoluzione sia stata l'ultima guerra combattuta con una parrucca in testa. Immagino sia stata dura. Uno andava in battaglia e pensava "Ho preso le munizioni?" "Ho preso le forcine?" Dovevi essere sicuro di non aver dimenticato nulla. La preoccupazione era "E se vengo ucciso e resto con la parrucca di traverso?" Non so esattamente quando sia venuta di moda la parrucca, ma so quando è passata: quando è stato inventato lo specchio. Come fa un uomo guardandosi allo specchio mentre incipria un ciuffo di crine di cavallo che ha in testa a dire "Bene, ora si va a caccia di belle donne"? (Jerry)

Episodio 20, Peccati di gola[modifica]

  • Avete notato che in ogni posto dove andiamo c'è sempre un vaso per le mance? C'è dappertutto. Che genere di servizio paghiamo con la mancia? Vedere un cameriere che si volta al suono delle monete che cadono nel vaso. No, amici, la verità è che distribuiamo in continuazione delle mance per non essere trattati con aperta ostilità. "Grazie mille, ecco un extra per lei. È stato davvero gentile a non afferrarmi per il collo sbattendomi la faccia sul bancone. Sono molto soddisfatto del servizio." (Jerry)
  • [A proposito del dare la mancia]
    George: Mi sembra di buttare via il denaro. Se non se ne accorge a che serve?
    Jerry: Quindi non faresti l'elemosina a un cieco?
  • [Kramer mette i pantaloni nel forno]
    George: Che diavolo sta facendo?!
    Jerry: Pantaloni di velluto al forno.
  • Newman: Be' mi sono dato malato. Non lavoro quando piove.
    George: Non lavori quando piove?! Ma tu fai il postino! Con la pioggia e con la neve! È la prima regola, lo sai!
    Newman: Mi dispiace, io non seguo mai le regole.

Episodio 21, Caccia al ladro (parte 1)[modifica]

  • Lyndon Johnson lo faceva sempre con quelli del suo staff: lui al cesso faceva le riunioni per la sicurezza nazionale. Ha fatto bombardare Hanoi dopo un piatto cinese schifoso. (Jerry)

Episodio 22, Caccia al ladro (parte 2)[modifica]

  • [Andando a riciclare plastica e alluminio]
    Novemilanovecentonovantanove bottiglie e lattine! | Novemilanovecentonovantanove bottiglie e lattine! | Al prezzo di dieci centesimi l'una! | Ci faranno incassare una barca di soldi! | Novemilanovecentonovantanove bottiglie e lattine! | Novemilanovecentonovantanove bottiglie e lattine! | Benzina pagata e guadagno sicuro! | Novemilanovecentonovantanove bottiglie e lattine! (Kramer e Newman)

Episodio 24, Troppi invitati[modifica]

  • Se le partecipazioni di nozze le distribuissero gli uomini, ci limiteremmo a infilare dei volantini sotto i tergicristalli delle auto. Neanche scritti a macchina o a mano, ma solo fotocopiati o addirittura ciclostilati. "Benvenuti!" Quello che manca sono gli annunci di divorzio: "Il signor e la signora Johnson richiedono l'onore della sua presenza alla restituzione della loro figlia Paula al signore e alla signora Johnson". (Jerry)
  • Ho pensato a una grande invenzione per chi guida: un periscopio in macchina, così puoi vedere il traffico! (Kramer)
  • Finalmente so cosa cercavo in tutti questi anni: me stesso! Stavo aspettando di incontrare un altro me stesso! E ora posso spazzare via il me stesso che ero! (Jerry)
  • Che ha di speciale il brunch? Se è una combinazione tra breakfast e lunch c'è il lunch più supper: si chiama lupper. (Jeannie Steinman)
  • Non posso vivere con una persona uguale a me! Io mi detesto! (Jerry)

Citazioni sulla settima stagione di Seinfeld[modifica]

  • – Homer, com'è andato il tuo Natalino?
    – Mi hanno regalato la settima serie di Seinfeld. (I Simpson)

Note[modifica]

  1. a b Cfr. Liebeck v. McDonald's Restaurants
  2. Traduzione letterale di «preposterous», cioè «assurdo».
  3. Una delle frasi rese famose dalla sitcom. Cfr. Catchfrases di Seinfeld.
  4. Cfr. Bosco Chocolate Syrup
  5. Nel doppiaggio originale «sponge-worthy». Cfr. Catchfrases di Seinfeld.
  6. Cfr. Il pane di segale

Altri progetti[modifica]