Sherlock Holmes

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Statua di Sherlock Holmes

Sherlock Holmes, personaggio principale dei gialli di Arthur Conan Doyle.

Citazioni di Sherlock Holmes[modifica]

Arthur Conan Doyle[modifica]

  • Ciò che un uomo può inventare, un altro può scoprire. (da L'avventura degli omini danzanti)
  • Da molto tempo il mio assioma è che le piccole cose sono di gran lunga le più importanti. (da Un caso di identità)
  • È un errore enorme teorizzare a vuoto. Senza accorgersene, si comincia a deformare i fatti per adattarli alle teorie, anziché il viceversa. (da Uno scandalo in Boemia)
  • È un errore confondere ciò che è strano con ciò che è misterioso. Spesso, il delitto più banale è il più incomprensibile proprio perché non presenta aspetti insoliti o particolari, da cui si possono trarre delle deduzioni. (da Uno studio in rosso)
  • Eliminato l'impossibile, ciò che resta, per improbabile che sia, deve essere la verità. (da Il segno dei quattro)
  • Il modo migliore per recitare una parte è quello di viverla. (da L'avventura del detective morente)
  • Il mondo è pieno di cose ovvie che nessuno si prende mai la cura di osservare. (da Il mastino dei Baskerville)
  • Il tocco supremo dell'artista – sapere quando fermarsi. (da L'avventura del costruttore di Norwood)
  • La mia vita non è che un continuo sforzo per sfuggire alla banalità dell'esistenza. (da La lega dei capelli rossi)
  • La prova principale della vera grandezza di un uomo è la sua percezione della propria piccolezza. (da Il segno dei quattro)
  • Nella matassa incolore della vita scorre il filo rosso del delitto, e il nostro compito sta nel dipanarlo, nell'isolarlo, nell'esporne ogni pollice. (da Uno studio in rosso)
  • Non faccio mai eccezioni. Un'eccezione contraddice la regola. (da Il segno dei quattro)
  • Non posso vivere se non faccio lavorare il cervello. Quale altro scopo c'è nella vita? (da Il segno dei quattro)
  • Non sono fra coloro che considerano la modestia una virtù. Per un uomo dotato di logica, tutte le cose andrebbero viste esattamente come sono, e sottovalutare se stessi significa allontanarsi dalla verità almeno quanto sopravvalutare le proprie doti. (da L'interprete greco)
  • Nulla è più innaturale dell'ovvio. (da Un caso di identità)
  • Quella dell'investigazione è, o dovrebbe essere, una scienza esatta e andrebbe quindi trattata in maniera fredda e distaccata. (da Il segno dei quattro)
  • Sono proprio le soluzioni più semplici quelle che in genere vengono trascurate. (da Il segno dei quattro)
  • Tutto ciò che non è noto appare straordinario. (da Il mastino dei Baskerville)
  • Una deduzione giusta ne suggerisce invariabilmente altre. (da Silver Blaze)

Enola Holmes[modifica]

  • Guarda quello che hai, non quello che vorresti avere. Presto scoprirai la verità.
  • Il portamento di una persona, può mascherare la sua natura.
  • A volte devi agitare i piedi nell'acqua se vuoi attirare gli squali.
  • La scelta è sempre tua. Ciò che la società t'impone, può essere sviato.
  • È davanti a noi la verità, bisogna saperla cercare.

Sherlock[modifica]

Benedict Cumberbatch interpretando Holmes

Prima stagione[modifica]

  • Scusate devo scappare, ho lasciato il mio frustino all'obitorio.
  • Quattro suicidi uguali e ora un biglietto, sembra Natale!
  • Quattro suicidi collegati l’uno all’altro! Sarebbe assurdo restare a casa quando c'è qualcosa di divertente.
  • Non sono uno psicopatico, Anderson, sono un sociopatico iperattivo. Informati.
  • Siete tutti così distratti; è bello non essere me, dev'essere così rilassante.
  • Anderson non parlare. Abbassi il quoziente intellettivo di tutto il quartiere.
  • La gente si riempie la testa con tanta spazzatura e questo ti distrae dalle cose che contano.
  • Guardi fuori Signora Hudson. Quiete. Calma. Tranquillità. Non è snervante?
  • Gli eroi non esistono. E se esistessero non sarei uno di loro.
  • Travestirsi vuol dire nascondersi alla luce del sole.

Seconda stagione[modifica]

  • Godersi il brivido della caccia va bene, desiderare la distrazione del gioco lo posso capire, ma i sentimenti? I sentimenti sono un difetto chimico della parte che perde.
  • Oh, John. Non sai quanto ti invidio. La tua mente è così tranquilla, praticamente inutilizzata. La mia è un motore da corsa fuori controllo, un razzo che va in pezzi nella sua rampa di lancio. Mi serve un caso!
  • Un'antica sparizione e un mastino mostruoso? Non me lo perderei per niente al mondo.
  • Io non ho mai avuto amici, eccetto uno.
  • Alcune persone non hanno il genio, ma la capacità di stimolare quello degli altri.
  • La solitudine è tutto ciò che ho. La solitudine mi protegge.
  • Forse sarò anche dalla parte degli angeli, ma non non pensare neanche per un secondo che io sia uno di loro.

Terza stagione[modifica]

  • Fammi tornare a Londra. Devo tornare a riconoscerla, a respirarla. A sentire ogni fremito dei battiti del suo cuore.
  • Ti è mancato tutto questo, ammettilo. Il brivido della caccia, il sangue che ti scorre nelle vene, solo noi due contro il resto del mondo.
  • Sono un sociopatico iperattivo con il tuo numero.
  • Billy Kincaid, lo Strangolatore di Camden, l'uomo migliore che abbia mai conosciuto. Moltissime donazioni caritatevoli, mai rese note. È riuscito a salvare tre ospedali dalla chiusura e ha gestito la casa famiglia migliore e più sicura dell'Inghilterra del Nord. E sì, di tanto in tanto ha strangolato qualcuno, ma se contiamo le vite che ha salvato e quelle che ha tolto direi che il bilancio è...
  • Tutte le emozioni, in particolare l’amore, sono all’opposto della pura e fredda ragione che io ho sempre venerato. Un matrimonio, secondo la mia opinione, non è altro che la celebrazione di tutto ciò che è di più falso, fittizio, irrazionale, e sentimentale possa esistere in questo mondo corrotto. Oggi anticipiamo la veglia funebre che è il destino della nostra società e in un tempo avvenire, quello dell’intera nostra specie.

Quarta stagione[modifica]

  • Come al solito, Watson, tu guardi, ma non osservi. Per te il mondo rimane un impenetrabile mistero, mentre per me è un libro aperto.
  • Il mondo è un tessuto formato da miliardi di vite e ogni filo s'intreccia con gli altri. Quello che definiamo "premonizione" è solo un movimento della tela. Se si potesse accedere a ogni filo di dati, il futuro sarebbe interamente prevedibile. Come un'operazione matematica.
  • Lo stress rovina ogni giorno della vita, la morte uno solo.

Sherlock Holmes (film 2009)[modifica]

  • Non c'è nulla di più fuorviante dell'ovvio.
  • I piccoli dettagli sono di gran lunga i più importanti.
  • Il mio viaggio mi ha precipitato più a fondo del previsto nella tana del coniglio, così ho sporcato la mia soffice coda bianca... ma ne sono riemerso... illuminato!
  • Non c'è niente di più stimolante di un caso in cui tutto ti è contro!
  • È un grave errore teorizzare prima di avere dati certi. Si finisce per distorcere i fatti, per adattarli alle teorie, invece di adattare le teorie ai fatti.

Sherlock Holmes - Gioco di ombre[modifica]

  • Le persone malvagie fanno cose malvagie perché possono.
  • Meglio morire da soli che vivere la vita in un eterno purgatorio.
  • Io vedo tutto, questa è la mia condanna.

Attribuite[modifica]

  • Elementare, Watson![1]
Elementary, my dear Watson!
[Citazione errata] Sherlock Holmes non ha mai pronunciato questa frase, Arthur Conan Doyle non l'ha mai scritta. Tuttavia in una pagina de Il caso dell'uomo deforme c'è uno scambio di battute che potrebbe aver generato la leggenda: Watson, dopo avere ascoltato una delle proverbiali deduzioni di Holmes, dice: «Semplice!», e Holmes risponde: «Elementare!».[2]

Citazioni su Sherlock Holmes[modifica]

  • E magari, a fumare la sua pipa su una sdraio, in disparte, c'è pure Sherlock Holmes, che per i suoi più appassionati lettori non è un personaggio letterario ma è esistito veramente alla fine dell'Ottocento ed è ancora vivo, perché ha scoperto una specie di siero dell'immortalità. (Carlo Lucarelli)

Film[modifica]

Note[modifica]

  1. Anche diffusa nella forma: «Elementare, mio caro Watson!».
  2. Cfr. Le dieci regine delle citazioni bufala, Corriere.it, 19 marzo 2009.

Altri progetti[modifica]