Euripide

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Euripide

Euripide (486 a.C. – 406 a.C. circa), poeta tragico greco.

Citazioni di Euripide[modifica]

Alcesti[modifica]

Incipit[modifica]

Apollo: Addio, casa d'Admeto, in cui dovei
piegarmi, io Nume, a servil mensa! Giove
causa ne fu, che, il vampo della folgore
vibrato in petto al mio figliuolo Asclepio,
l'uccise. Ond'io, del divin fuoco i fabbri,
i Ciclopi, a vendetta, sterminai;
e, per punirmi, mi costrinse il padre
a servire un mortale. E a questo suolo
giunto, i bovi a un estranio pasturai,
e la sua casa fino a questo di
protessi: ché in un uom pio m'imbattei,
nel figliuol di Fèrete.

[Euripide, Alcesti, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/alcesti.htm]

Citazioni[modifica]

  • [Agone verbale: Admeto e Ferete di fronte] Admeto: Vivi pure più a lungo di Zeus, così sia!
    Ferete: Imprechi contro il genitore che non ti ha fatto nulla?
    Admeto: Vedo che desideri tanto vivere a lungo!
    Ferete: Come?! non sei tu che stai sotterrando costei al tuo posto?
    Admeto: Sciagurato! questa è la prova della tua vigliaccheria!
    Ferete: Non è morta per causa mia! Questo non puoi dirlo!
    Admeto: AH! se avrai bisogno di me un giorno!
    Ferete: Procurati parecchie mogli, così saranno in più a morire!
    Admeto: è tua questa vergogna! sei tu che non hai voluto morire!
    Ferete: Il piacere di portarmi alla tomba non l'hai avuto.
    Admeto: Morirai comunque un giorno e ingloriosamente!
    Ferete: M'importa poco la mala fama dopo morto! (vv. 700 sgg., traduzione di Michela Mariani)
  • Chi deve morire è già morto. E un morto non è più niente. (527; citato in Valerio Massimo Manfredi, Idi di marzo, Mondadori, 2008)
  • Solo a parole [...] i vecchi invocano la morte, deprecando l'età avanzata e la lunghezza della vita: se la morte si presenta da vicino, nessuno vuole morire, e la vecchiaia per loro non è più un peso.
  • Ti sia lieve la terra che ti ricopre. (462-463; citato in Giuseppe Fumagalli, Chi l'ha detto?, Hoepli, 1921)
Κούφα σα χθών έπάνωθε πέροι

Explicit[modifica]

Coro: Sono molte le sorti che il Destino ci prepara
e spesso gli Dèi compiono eventi inattesi:
ciò che si riteneva possibile non accade
e ciò che nessuno s'aspetta il Dio lo dona.
Così quest'incredibile storia è terminata.

Baccanti[modifica]

Incipit[modifica]

DIONISO: Suol di Tebe, a te giungo. Io son Dioniso,
generato da Giove, e da Semèle
figlia di Cadmo, a cui disciolse il grembo
del folgore la fiamma. Ora, mutate
le sembianze celesti in forma umana,
di Dirce all'acqua, ai flutti ismenî vengo.
Dell'arsa madre a questa reggia presso
veggo la tomba: le rovine veggo
della sua casa, ove il celeste fuoco
fumiga, vivo ancor, della vendetta
d'Era contro mia madre eterno segno.

[Euripide, Baccanti, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/baccanti.htm]

Citazioni[modifica]

  • Gli dei ci creano tante sorprese: l'atteso non si compie, e all'inatteso un dio apre la via.
  • Il tempo è breve; chi insegue l'immenso perde l'attimo presente.
  • Parla da saggio ad un ignorante ed egli dirà che hai poco senno.

Oreste[modifica]

Incipit[modifica]

ELETTRA: Niuna parola v'è tanto terribile,
nessuna traversía, nessuna doglia
suscitata dai Numi, onde non debba
reggere il peso la natura umana.
Tantalo infatti, il fortunato – oltraggio
non faccio al suo tristo destino – il figlio,
come dicon, di Giove, in aria sta
sempre sospeso, e temer deve il sasso
che gli pende sul capo, e questa pena
sconta, dicon, perché della celeste
mensa, ei mortale, ebbe l'onore, e freno
alla lingua non pose: vizio turpe
quanto altro mai. Costui generò Pèlope,
e da Pèlope Atreo nacque, per cui
la Parca, quando gli tessea lo stame,
la discordia filò, ché con Tieste
venisse a lotta, col fratello suo.

Citazioni[modifica]

  • Non c'è nulla di migliore di un amico vero, non la ricchezza, non il potere: perché la folla è un contraccambio che non vale un amico nobile.
  • È nei momenti difficili che gli amici devono essere utili ai loro amici; quando la sorte è favorevole, che bisogno c'è di amici? Basta il dio, se vuole aiutarci.
  • Gli amici che nella sfortuna non si dimostrano tali sono amici solo di nome, e non di fatto.
  • Le donne sono sempre coinvolte nelle vicende degli uomini, col risultato di peggiorarle.
  • L'esitazione, fra amici, è un gran male.
  • Noi siamo servi degli dèi, qualsiasi cosa gli dèi siano.

Explicit[modifica]

CORO: O grande, o veneranda
Vittoria, non desistere
dal protegger la mia vita, dal cingere
al mio crin la ghirlanda.

[Euripide, Oreste, traduzione di Ettore romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/oreste.htm]

Incipit di alcune opere[modifica]

Andromaca[modifica]

ANDROMACA: O di Tebe città, gemma dell'Asia,
donde un giorno venni io, con molta pompa
di doni nuziali, al regio tetto
di Priamo re, legittima consorte
d'Ettore! E allor segno d'invidia fu
Andromaca, ora sventurata è come
niun'altra donna: ché per man d'Achille
spento cader vidi lo sposo, e il figlio
Astïanatte, ch'io gli generai,
scaraventato giú dai muri eccelsi,
poi che gli Ellèni la pianura presa
ebber di Troia.

[Euripide, Andromaca, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/andromaca.htm]

Ciclope[modifica]

SILENO: Passo un mondo di guai, Bacco, per te,
e n'ho passati ai miei verdi anni. Prima,
quando Giunone il senno ti rapí,
e tu lasciasti le montane Ninfe
nutrici tue. Poi, nella cruda mischia
contro i Giganti. Alla tua destra, piede
contro piede, io pugnavo; e con la lancia
forai lo scudo a Encèlado, e l'uccisi.

[Euripide, Ciclope, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/ciclope.htm]

Ecuba[modifica]

OMBRA DI POLIDORO:
I recessi dei morti, e della tenebra
le porte abbandonate, ove lontano
dagli altri Numi Ade soggiorna, io giungo
qui: Polidòro io son, d'Ecuba figlio,
che nacque da Cissèo: mio padre fu
Prìamo, che, quando su la frigia rocca
la minaccia incombé che sotto l'aste
cadesse degli Achei, dal suol di Troia
lontano mi mandò, di Polinèstore
alla magion, dell'ospite di Troia,
che il pian ferace piú d'ogni altro semina
del Chersoneso, e quelle genti amiche
di corsïeri, con la forza regge.

[Euripide, Ecuba, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/ecuba.htm]

Elena[modifica]

ELENA: Del Nilo queste le virginee belle
fluenti sono, che feconda, invece
della diva rugiada, i campi, quando
si discioglie la neve, al pian d'Egitto.
Era Pròteo signor di questa terra,
quando vivea, che l'isola di Faro
abitava, e monarca era d'Egitto;
ed una delle Ninfe, abitatrici
di questo mare, sposa ebbe, che il talamo
d'èaco abbandonò, Psamàte;

[Euripide, Elena, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/elena.htm]

Elettra[modifica]

AUTURGO: O d'Argo antica terra, e voi, dell'ìnaco
acque fluenti, onde partí con mille
navi, recando guerra al suol di Troia,
Agamènnone re! Qui, spento Príamo
dell'ilíaco suol signore, e l'inclita
città presa di Dàrdano, tornò
di nuovo ad Argo, e molte sovra i culmini
dei templi consacrò spoglie di barbari.

[Euripide, Elettra, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/elettra.htm]

Eraclidi[modifica]

IOLAO: Antica mia convinzïone è questa:
che l'uom dabbene vive per il prossimo,
ma colui che proclive al lucro ha l'anima,
alla città disutile, scontroso
è da trattare, e solo a sé giovevole.
Non per sentita dire io ben lo so:
ch'io, per senso d'onore, e per rispetto
ai vincoli di sangue, accanto ad Ercole,
quand'egli ancora vivo era, affrontai
tante fatiche; e in Argo avrei potuto
viver tranquillo.

[Euripide, Eraclidi, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/eraclidi.htm]

Ercole[modifica]

ANFITRIONE: Chi non conosce Anfitrïóne d'Argo,
ch'ebbe al talamo suo Giove partecipe,
cui die' la vita Alcèo, figlio di Pèrseo,
e che d'Ercole fu padre? Io son quello.
E in Tebe venni a soggiornare, dove
la terrigena spiga degli Sparti
un giorno crebbe, della cui progenie
Marte ben pochi lasciò salvi; e questi
per i figli dei figli popolarono
di Cadmo la città.

[Euripide, Ercole, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/ercole.htm]

Fenicie[modifica]

GIOCASTA: O tu che in ciel solchi la via degli astri,
o tu che muovi sopra il cocchio d'oro,
o Sol che sovra rapide puledre
rechi attorno la fiamma, oh, come infausto
sopra Tebe quel dí scagliasti i raggi,
quando, lasciata la fenicia terra
cinta dal mare, a questo suolo giunse
Cadmo, che sposa ebbe Armonia, di Cípride
la figlia, e Polidòro generò,
da cui si narra che nascesse Làbdaco,
e da Làbdaco Laio.

[Euripide, Fenicie, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/fenicie.htm]

Ifigenia in Aulide[modifica]

AGAMENNONE: O vecchio, vien qui, presso questo
padiglione.
VECCHIO: Son qui. Che novelli
pensieri, Agamènnone, volgi?
AGAMENNONE: T'affretti?
VECCHIO: M'affretto. è la mia
tarda età molto insonne, e ben lieve
sui cigli mi pesa.
AGAMENNONE: Che stella
è quella che in cielo veleggia?
VECCHIO: è Sirio, che, presso alla Plèiade
settemplice, in mezzo alla volta
del cielo, s'affretta.
AGAMENNONE: Non s'ode né voce d'uccello
né d'onde sciacquío. Su l'Eurípo
i venti son muti.

[Euripide, Ifigenia in Aulide, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/ifigenia_in_aulide.htm]

Ifigenia in Tauride[modifica]

IFIGENIA: Pèlope il tantalíde, a Pisa giunto
con veloci cavalle, ebbe consorte
la figlia d'Enomào. Nacque da Pèlope
Atrèo: furon d'Atrèo figli Agamènnone
e Menelao. Del primo e della figlia
di Tíndaro io son figlia, Ifigenía,
che presso ai gorghi cui mulina l'èuripo,
e insiem con le frequenti aure sconvolge
il cerulëo mar, sacrificata
fui da mio padre – ei sel credé – per Elena,
nelle famose alpestri gole d'Aulide,
d'Artèmide su l'ara.

[Euripide, Ifigenia in Tauride, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/ifigenia_in_tauride.htm]

Ione[modifica]

ERMETE: Atlante, quei che su le bronzee spalle
sostiene il ciel, dei Numi antichi albergo,
da una Dea generò Maia, che a Giove
me procreò, ministro ai Numi, Ermète.
E a Delfi or giungo, dove l'umbilico
de la terra fissò Febo, e ai mortali
pel presente e il futuro auspíci canta.
Ché fra gli Elleni sorge una città
non ignobile, ed ha nome da Pàllade
dall'asta d'oro, dove Febo a nozze
forzò Creúsa, figlia d'Erettèo,
dove sorgon le rupi a Borea volte,
cui de l'Èllade i prenci eccelse chiamano;

[Euripide, Ione, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/ione.htm]

Ippolito[modifica]

AFRODITE: Diva sono io fra gli uomini possente,
e fra i Numi del cielo: io sono Cípride:
chiaro è il mio nome. Della gente ch'abita
fra il ponto Eusíno ed i confini Atlàntici,
e la luce del sol contempla, quanti
hanno rispetto al poter mio, li onoro;
ma quelli atterro che superbo cuore
nutrono contro me: ché sin tra i Numi
è questa passïon, che degli omaggi
s'allegran dei mortali: io mostrerò
presto la verità di tal sentenza.

[Euripide, Ippolito, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/ippolito.htm]

Medea[modifica]

NUTRICE: Deh, mai varcate non avesse a volo
le Simplègadi azzurre il legno d'Argo,
verso il suolo dei Colchi, e mai non fosse
nei valloni del Pelio il pin caduto
sotto la scure, e al remo non si fossero
strette le mani degli eroi gagliardi,
che, per mercé di Pelia, a cercar vennero
il vello d'oro!

[Euripide, Medea, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/medea2.htm]

Reso[modifica]

CORIFEO:
Muova d'Ettore alcuno alla tenda
delle guardie del sire, che insonni
stanno a veglia, se udir le novelle
ei vuol delle scolte,
che la quarta notturna vigilia
per tutto l'esercito fanno.
Alza il capo, sul cúbito lèvati,
il sopore dagli occhi terribili
discaccia, dal letto di foglie
sorgi, Ettore, udir tu mi devi.

[Pseudo-Euripide, Reso, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/reso.htm]

Supplici[modifica]

ETRA: Demètra, tu che l'are occupi in questa
terra d'Eleusi, e voi, che, della Diva
ministri, i templi custodite, a me
e al figlio mio Tesèo rida fortuna,
alla città d'Atene, al suol di Pítteo.
Quivi cresciuta io sono, Etra, sua figlia;
ed egli sposa al figlio di Pandíone,
a Egèo mi die': ché cosí volle Febo

[Euripide, Supplici, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/supplici2.htm]

Troiane[modifica]

POSIDONE: Qui giunsi dell'Egèo dai salsi bàratri,
dove, danzando, le Nerèidi volgono
il bellissimo piede: io son Posídone.
Poiché, da quando Febo ed io le pietre
levammo a fil di squadra, onde le torri
sursero, in questo suolo, a Troia intorno,
mai dal cuor mio l'amor non fu bandito
per la città dei Frigi. Essa conversa
in fumo è adesso: ché le argive cuspidi
l'hanno distrutta e saccheggiata. Epèo
di Parnasso, il focese, costruí,
per consiglio d'Atèna, un gran cavallo,
pieno i fianchi d'armati, e lo sospinse,
simulacro funesto, entro le torri.

[Euripide, Troiane, traduzione di Ettore Romagnoli, http://www.biblio-net.com/lett_cla/testi/troadi.htm]

Frammenti di alcune opere[modifica]

Melanippe incatenata[modifica]

  • Molti uomini, a causa del riso,
    producono gioie illusorie: ma io
    odio i buffoni che per mancanza dei saggi
    hanno bocche senza freno, e non
    vanno verso armonia d'uomini, ma nel riso degne
    case abitano, e dalle navigazioni
    giungon salvi a casa (frammento 492)
  • È dolorosissima l'odiosa stirpe femminile:
    ché quelle corrotte a quelle non abbattute
    hanno accomunato infamia e biasimo, e
    le malvagie alle non malvagie: peraltro, quanto alle nozze,
    non sembrano ragionar sanamente verso gli uomini. (frammento 493)
  • Niente è più maligno di una donna
    maligna, e neanche di una donna nobile nulla
    giunge ad una vetta minore: ma le due nature sono diverse. (frammento 494)
  • L'avete punita: e infatti lì giaccion malate
    le cose delle donne; essi per i ragazzi
    o per la discendenza non morirono
    ritenendola malvagia: inoltre, quest'ingiustizia
    a molte cadde addosso e continua ad avanzare,
    sicché la virtù svanisce. (frammento 497)
  • A parte mia madre, io odio tutto il genere femminile! (frammento 498)
  • Dunque invano verso le donne il biasimo maschile
    punge, vano scoccar di freccia, e parla male:
    che esse siano inferiori ai maschi, lo dico io. (frammento 499)
  • Qualsiasi giovane ha un padre scorbutico
    ed odioso in casa, acquista grandi mali. (frammento 500)
  • Quanti s'occupano di nozze che non furono fissate
    faticano invano: bisogna che per un marito
    colei che è migliore ed irreprensibile venga in casa. (frammento 501)
  • Quanti si sposano o per la razza di grandi nozze
    o per molti soldi, non sanno cosa sia sposarsi:
    ché i poteri della donna in casa
    schiavizzano l'uomo, e non ce n'è uno libero.
    Ricchezza importata nelle nozze femminili
    è senza guadagno: ché i divorzi non son facili. (frammento 502)
  • Di giusti letti, di giuste nozze
    con saggezza
    godere per i mortali è l'ottimo. (frammento 503)
  • Figliolo, per certi uomini che hanno una vita
    breve essa è conforto, per altri un malo carico. (frammento 504)
  • Qualsiasi mortale sopporti bene le cose che accadono,
    mi sembra esser il migliore in saggezza. (frammento 505)
  • Vi sembra giusto far balzare i peccati verso gli dei
    con ali, e poi nei fogli del libro di Zeus
    scrivere queste cose, e Zeus che li vede
    punire i mortali? Né il gran cielo
    di Zeus che scrive i peccati dei mortali
    basterebbe, né chi osservi di
    mandare a ciascuno la punizione: ma Giustizia
    è più vicino se volete vedere. (frammento 506)
  • Perché non lasci che i morti sian morti
    e raccogli dolori troppo rapidi? (frammento 507)
  • C'è un antico proverbio: hanno potere le azioni dei più giovani,
    mentre dei più vecchi lo hanno i voleri. (frammento 508)
  • E che altro? È voce ed ombra uom vecchio. (frammento 509)
  • Ahimè, quant'è giovane e stolto l'uomo! (frammento 510)
  • Ché il nome di schiavo illustre non muore,
    e molti dei liberi sono minori. (frammento 511)
  • Quello è tanto illustre cittadino, quanto malo uomo. (frammento 512)
  • Forse non avrebbe osato uccidere i vendicatori. (frammento 513)

[Euripide, Melanippe incatenata, traduzione di Antonio D'Andria, http://www.biblio-net.com/lett_cla/traduzioni/melanippe_incatenata_(t).htm]

Epinicio per Alcibiade[modifica]

  • Or te io canterò, figlio di Clinia.
    Bella è vittoria, ma ancor più bello
    – cosa che non toccò ad altri Elleni –
    correr col carro primo, poi secondo
    ed anche terzo, ed uscirne invitto
    per ben due volte e farsi incoronare
    d'olivo e farsi proclamare a voce
    da un araldo. (frammento 3)

[Euripide, Epinicio per Alcibiade, traduzione di Antonio D'Andria, http://www.biblio-net.com/lett_cla/traduzioni/euripide_epinicio_per_alcibiade.htm]

Citazioni su Euripide[modifica]

  • Euripide è il primo drammaturgo che segue consapevolmente un'estetica. Di proposito egli cerca ciò che è perfettamente comprensibile: i suoi eroi sono nei fatti quel che sono quando parlano. Essi si esprimono totalmente attraverso le parole, là dove invece i personaggi di Eschilo e di Sofocle sono assai più profondi e più pieni rispetto alle parole che dicono: propriamente essi balbettano su di sé. (Friedrich Nietzsche)
  • Euripide dà forma ai personaggi, e nello stesso tempo li decostruisce: di fronte alla sua anatomia essi non hanno più niente di nascosto. Se Sofocle aveva detto di Eschilo ch'egli faceva il giusto pur senza averne coscienza, Euripide avrebbe dovuto dire di lui ch'egli faceva quel che non bisognava fare, poiché non ne aveva coscienza. (Friedrich Nietzsche)

Note[modifica]

  1. Da Polido; citato in Platone, Gorgia, 492e; in Platone, Tutti gli scritti, a cura di Giovanni Reale, Bompiani, Milano, 2005, p. 902. ISBN 88-452-9003-4
  2. Da Eraclidi.
  3. Da Ippolito.
  4. Citato in Stefano Rodotà, La vita e le regole, p. 136.

Bibliografia[modifica]

  • Euripide – Alcesti-­Eraclidi (1995), Mondadori, Milano, traduzione di Nicoletta Russello, introduzione di Giuseppe Zanetto.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]