Malignità

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sulla malignità.

  • Che mi rilieva me, che colui che mi offende lo facci per ignoranzia e non per malignitá? Anzi, è spesso molto peggio, perché la malignitá ha e' fini suoi determinati e procede con le sue regole, e però non sempre offende quanto può; ma la ignoranzia non avendo né fine, né regola, né misura, procede furiosamente e dá mazzate da ciechi. (Francesco Guicciardini)
  • É nella natura umana una certa malignità, onde sentesi ognora inclinata ad abbassare piuttosto che a rialzare il merito altrui; ed il merito si abbassa quando si può dire che l'autore va indietro. (Giuseppe Bianchetti)
  • Il maligno dice male de' buoni; lo stolto or de' buoni, or de' malvagi; il saggio di nessuno mai. (Michele Colombo)
  • L'uomo giusto aggrotta le ciglia, ma non sorride mai d'un sorriso cattivo. Comprendiamo la collera, non la malignità. (Victor Hugo)
  • La malignità caro signore, è lo spirito della critica, e la critica è l'origine del progresso e della civiltà. (Thomas Mann)
  • La malignità è cattiveria impotente. (Iginio Ugo Tarchetti)
  • Le malignità non ci offendono come avrebbero offeso le nostre madri. (Francis Scott Fitzgerald)
  • La malignità non entra in Paradiso. (Giuseppe Marello)
  • La menzogna dello spirito maligno è al di là di qualsiasi menzogna. (Emmanuel Lévinas)
  • Niente è più maligno di una donna maligna. (Euripide)

Proverbi[modifica]

Italiani[modifica]

  • A cuor maligno non giova dottrina.
  • Al mordace tutto dispiace.
  • C'è chi vede male e vorrebbe veder peggio.
  • Chi desidera il male ad altri, il suo gli sta vicino.
  • Chi ha in bocca fiele, non può sputar miele.
  • Chi mal pensa, mal dispensa.
  • Chi mal ti vuole, mal ti sogna.
  • Chi si fa Argo dell'onore altrui, riesce talpa nel suo.
  • È conseguenza chiara e naturale che pensi male degli altri chi opera male.
  • Il ladro crede che tutti sian compagni a lui.
  • La cattiva volontà non disse mai bene.
  • Occhio maligno, anima sventurata.
  • Parla come vuoi, i tristi lo torceranno in male.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]