Governo Conte

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Foto di gruppo del governo Conte

Citazioni sul Governo Conte.

Citazioni[modifica]

  • Come gli ungheresi, anche gli italiani hanno optato per un governo decisamente euroscettico e xenofobo che, sulle questioni migratorie e di bilancio, sta cercando di sbarazzarsi degli obblighi europei. (Pierre Moscovici)
  • Dopo 90 giorni di stallo, in una situazione di crisi istituzionale senza precedenti, con gravi problemi economici, grandi rischi per la sicurezza, grandi scadenze internazionali alle porte, ho ritenuto indispensabile che un Governo nascesse. (Silvio Berlusconi)
  • È nato un mostro, che contiene anche elementi interessanti. Per questo dico che bisogna avere curiosità. Il che non vuol dire blandire il mostro, ma aspettarlo sul terreno dei fatti concreti. Nell'opera di governo. (Michele Santoro)
  • Governo Conte? Ho notato un enorme pregiudizio che non ha paragone coi governi precedenti. (Marco Travaglio)
  • Il cambiamento su quale programma? Qual è il compromesso reale di questo accordo? Non condanno mai le cose prima, ma constato che ci sono blocchi di pensiero assolutamente inconciliabili al governo assieme. Credo che questa sia una soluzione di destra. (Romano Prodi)
  • Il governo di cambiamento non è il cambiamento del governo, sono due cose distinte. Il problema è vedere cosa c'è nel cambiamento. (Romano Prodi)
  • L'opposizione attuale, Pd e Forza Italia, appare sempre più destinata a essere insignificante, sia nei numeri che nei contenuti. Un declino che diventa anche un inaspettato collante per la maggioranza che sostiene il governo Conte. E più la maggioranza è ampia e unita, come hanno dimostrato i voti di fiducia al Senato e alla Camera, più le elezioni si allontanano, più si prospetta una stagione ben difficile per quel sottobosco burocratico, finora vero potere e piaga di questo paese, che imprenditori e cittadini subiscono da tempo. (Valter Mainetti)
  • Le forze della maggioranza hanno sottoscritto un contratto che costituisce un rafforzamento dell'autonomia del presidente del Consiglio. Mi assumo la responsabilità di indirizzare la politica di questo esecutivo. (Giuseppe Conte)
  • Per ottanta giorni e passa i pallidi dirigenti del Pd ma soprattutto la stampa mainstream non hanno smesso un secondo di irridere, stigmatizzare, denunciare il pressapochismo, il dilettantismo, la "mancanza di cultura di governo" (o di cultura tout court) dei "vincitori-non vincitori", sfoderando sorrisetti di superiorità, senz'accorgersi che così non li si delegittimava ma al contrario li si rafforzava. (Marco Revelli)
  • Quello che ne è derivato è un esecutivo che naturalmente non ci rappresenta e che non rappresenta la maggioranza degli italiani, neppure gli elettori della Lega e del Movimento 5 Stelle che il 4 marzo non si aspettavano certo un'alleanza di questo tipo. (Silvio Berlusconi)

Vincenzo Boccia[modifica]

  • Il Governo deve difendere la posizione europea: questo ci dice che abbiamo bisogno di più Europa e non di meno Europa.
  • Il Governo ora è alla prova su scelte e priorità. Ora Lega e M5s sono establishment: abbiamo bisogno di scelte coerenti.
  • Si cominci a lavorare nell'interesse del Paese: abbiamo bisogno di scelte coerenti.
  • Una grande apertura del ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro [Luigi Di Maio] che crea grandi aspettative.

Tommaso Di Francesco[modifica]

  • Avremo una ripresa di statalismo accentratore di destra – dopo che la sinistra ha dismesso la questione del ruolo dello Stato in economia – per la difesa del "first", prima la nazione mia contro la tua; per una Europa che diventi baluardo degli esclusivismi: la nazione contro la finanza internazionale, i dazi contro quello che finora è stato definito libero commercio, gli interessi nazionali contro l'"invasione" dei migranti da ricacciare via dalla "civiltà occidentale".
  • La nascita del governo Conte in Italia si inscrive nell'avvento di una stagione-deriva del nazional-populismo al governo del mondo.
  • Tutti sbraitano per Savona all'economia, ma nessuno protesta per Salvini ministro degli interni.

Vittorio Sgarbi[modifica]

  • Io ho sempre pensato malissimo di Di Maio, e confermo il mio giudizio, però ora le cose sono cambiate, e Salvini farà in modo che si realizzi il nostro programma di centrodestra.
  • Questo è un Governo Salvini che ha avuto come Presidente che ha dato l'incarico il Presidente Berlusconi, che ha incaricato Salvini di fare un Governo e Salvini lo ha fatto: Salvini può essere detto un Bersani riuscito. Non avete consentito a Bersani di fare quello che invece Salvini è riuscito a farvi, riducendo l'onorevole Di Maio al prossimo Alfano [...]: ha un futuro straordinario!
  • E allora qualcuno un giorno dirà che questo è un Governo illegittimo e, proprio perché dove c'è disordine e ignoranza io prospero, darò la fiducia a questo Governo [...], una fiducia piena per vedere il vostro declino già nelle parole, nelle contraddizioni...
  • Voglio ricordare che da un dibattito democratico potevano nascere per Forza Italia suggestioni per votare Salvini alleato con loro oggi in tutte le amministrazioni comunali d'Italia in cui si vota. Lega e Forza Italia sono insieme in Italia e sono contro in Parlamento: qualcosa non funziona. Ricorderò allora che Jung diceva: il limite della Trinità è di non inglobare il diavolo facendo la quaternità. Inglobiamo i 5 Stelle e facciamoli morire.

Norma Rangeri[modifica]

  • A decidere tutto alla fine è stato Salvini, il leader leghista, capace di gestire il rischio di un'alleanza così sbilanciata nel rapporto di forza elettorale [col Movimento 5 stelle], capitalizzando ruoli chiave nell'organigramma di palazzo Chigi.
  • Di Maio con il suo partito diventato di maggioranza relativa, grazie ai voti di sinistra, esce ferito da mosse autolesioniste e da una forte contestazione interna che non digerisce l'alleanza con la destra lepenista.
  • La voce grossa di Salvini sovrasta quella dei 5Stelle sull'immigrazione, e non solo.
  • Nasce il governo gialloverde figlio del terremoto elettorale del 4 di marzo. Un esito che proietta il paese in una fase difficile e densa di incognite.

Altri progetti[modifica]