Luciano Salce

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Luciano Salce

Luciano Salce (1922 – 1989), attore, paroliere, regista e sceneggiatore italiano.

Citazioni di Luciano Salce[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [Sulla concorrenza delle televisioni private al cinema] Dare diciotto film al giorno è troppo facile, e darli a bassissimo costo non dovrebbe essere lecito. Chiedere una legge in proposito non mi sembra che sia fare del protezionismo, quanto invece cercare di difendere il lavoro di moltissimi.[1]
  • La Rai dovrebbe impegnarsi a investire il cinquanta per cento dei suoi introiti direttamente nella produzione di film. Oppure potrebbe lasciar stare il cinema e creare serie di telefilm. Non lo ha mai fatto.[1]
  • Mi considerano un narratore e ne sono lieto, ma mi rimane più facile esprimermi attraverso la forma del racconto.[2]

Da Viva o morta la "commedia all'italiana"

Intervista di Laura Gabbiano, Stampa Sera, 28 dicembre 1982.

  • Purtroppo autori come Festa Campanile, Castellano e Pipolo, stanno facendo delle commedie fuori dalla realtà, mentre la commedia all'italiana di prima era una trasformazione del nuovo realismo.
  • L'apparato produttivo e distributivo del cinema italiano pensa solo a incassare e non vuole rischiare.
  • Il regista oggi conta meno, la macchietta che prima era in serie B oggi è passata in A.

Note[modifica]

  1. a b Citato in Salce come anti-Vitti, Stampa Sera, 10 novembre 1980.
  2. Dall'intervista di Cintia Paladini, Che "cattivo soggetto" questo nuovo scrittore, Stampa Sera, 16 novembre 1981.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]