Modernità

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sulla modernità.

  • Fino a qualche tempo fa i conservatori erano quelli che volevano conservare lo status quo. Ma improvvisamente lo status quo è entrato in movimento e scorre come un tapis roulant verso la modernità. Così anche i conservatori si muovono con esso. E i moderni veri sono costretti a essere antimodernisti. (Milan Kundera)
  • I romantici veneravano Dante, Shakespeare e Michelangelo, che insegnavano loro il sublime; i neoclassici Omero, la scultura antica e Raffaello, che li educavano alla possente calma e alla nobile semplicità; i moderni cercano i loro classici nei primi fumetti e nelle prime fotografie. Si potrebbe dissertare a lungo sulle ragioni ultime di queste preferenze, ma forse basterà dire che quelle espressioni sono le più congeniali all'esistenzialismo, all'intensità istantanea e fuggitiva. Oggi non si costruisce più coll'illusione d'una durata secolare; come gli etruschi di D. H. Lawrence ci si soddisfa dell'effimero, e dovremmo in questo trovare (come loro?) la felicità; la troviamo? (Mario Praz)
  • Il moderno invecchia. Il vecchio torna di moda. (Leo Longanesi)
  • Il programma della modernità si inceppa proprio in quella che è, sin dall'inizio, la sua idea portante: la capacità della ragione umana. (Sergio Lanza)
  • La modernità, che a mio avviso si costituisce in un processo sostanzialmente unitario da Spinoza a Marx (passando per Kant e per Hegel), è invece caratterizzata da una consapevole ripresa del logos razionale e dialogico autosufficiente (non asservito cioè alla razionalizzazione della teologia monoteistica cristiana, ebraica e musulmana). (Costanzo Preve)
  • La modernità nasce su due paradigmi. La singolarizzazione, cioè l'individuo in sé e il funzionalismo. (Pietro Barcellona)
  • La modernità non sfugge alla tentazione di identificare il permesso con il possibile. (Nicolás Gómez Dávila)
  • La modernità risolve i suoi problemi con soluzioni ancora peggiori dei problemi. (Nicolás Gómez Dávila)
  • La modernità si è compiaciuta di mostrare che il dono gratuito è uno degli eventi più rari nella vita umana. (Pierpaolo Donati)
  • La tua modernità sta tutta nel senso dell'irrazionale. (Cesare Pavese)
  • L'operaio di una città moderna usufruisce, oggi, di un benessere materiale superiore a quello di un nobile dei secoli scorsi. (Ignazio Silone)
  • L'usanza comune a molti letterati di disprezzare il mondo moderno è una maniera dissimulata di presumersi degni di un altro migliore. (Aristide Gabelli)
  • Moderno è l'uomo che pensa con il cervello proprio, non per ispirazione e autorizzazione di un'autorità religiosa o politica. (Alberto Savinio)
  • Non possiamo fermare la modernità, ma non possiamo nemmeno subirla in modo passivo. (Giulio Tremonti)
  • Quando il Moderno si presenta come "il nuovo" assoluto, in verità è già decrepito. (Fabio Mussi)
  • Sono solo i moderni a diventare sorpassati. (Oscar Wilde)
  • Tutto ciò che è moderno viene, prima o poi, superato. (Oscar Wilde)
  • Una sola frase basterà a descrivere l'uomo moderno: egli fornicava e leggeva i giornali. (Albert Camus)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]