Philadelphia (film)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Philadelphia

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Philadelphia

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1993
Genere drammatico
Regia Jonathan Demme
Sceneggiatura Ron Nyswaner
Produttore Edward Saxon, Jonathan Demme
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note

Philadelphia, film statunitense del 1993 con Tom Hanks e Denzel Washington, regia di Jonathan Demme.

TaglineNessuno voleva occuparsi del suo caso...
Finché un uomo non decise di sfidare il sistema.

Frasi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Signore e signori della giuria, dimenticate quello che avete visto in televisione e al cinema; non ci sarà nessun testimone a sorpresa, nessuno crollerà qui sul banco con una pietosa confessione. Vi verrà presentato un semplice fatto: Andrew Beckett fu licenziato. Vi verranno date due diverse motivazioni: la nostra e la loro. Sta a voi setacciare strato dopo strato la verità per riuscire a determinare quale versione sembri la più veritiera. Ci sono alcuni punti che devo provarvi, punto numero uno: Andrew Beckett era... è un brillante avvocato, un grande avvocato. Punto numero due: Andrew Beckett, colpito da un male debilitante, fece una scelta comprensibile e personale, la scelta legittima di non divulgare la notizia della sua malattia. Punto numero tre: i suoi superiori scoprirono la sua malattia, signore e signori la malattia alla quale mi riferisco è l'AIDS. Punto numero quattro: loro... si spaventarono. E presi dal panico fecero ciò che la maggior parte di noi vorrebbe fare con l'AIDS, cioè scaraventarlo, con tutti quelli che ne sono affetti, in un posto che sia il più lontano possibile da tutti noi. Il comportamento dei superiori di Andrew Beckett può sembrarvi comprensibile... per me lo è. Dopotutto l'AIDS è una malattia incurabile, mortale... ma non importa come giudicherete Charles Wheeler e suoi soci dal punto di vista etico, morale ed umano, l'unico fatto che conta è che quando licenziarono Andrew Beckett perché aveva l'AIDS essi infransero la legge. [arringa] (Avv. Miller)
  • Fatto: il rendimento di Andrew Beckett sul lavoro variava da competente, sufficiente, buono, fino a volte a diventare... mediocre. E, in certe occasioni, scandalosamente incompetente. Fatto: egli afferma di essere vittima di bugie e inganni. Fatto: fu Andrew Beckett che mentì, arrivando al punto di nascondere la sua malattia ai suoi superiori. Fatto: egli riuscì perfettamente nella sua doppiezza. I miei clienti della Wyant-Wheeler non sapevano che Andrew Beckett aveva l'AIDS quando lo licenziarono. Fatto: Andrew Beckett sta morendo. Fatto: Andrew Beckett è arrabbiato; perché il suo modo di vivere, il suo comportamento sconsiderato, ha abbreviato la sua vita. E nella sua rabbia, nella sua ira si scaglia contro il mondo. E vuole che qualcuno paghi. (Avv. Conine)
  • Voglio dirti una cosa, Andrew. Quando ti educano come hanno educato me e la maggior parte della gente in questo paese ti assicuro che nessuno ti viene a parlare di omosessualità oppure – come dite voi – stile di vita alternativo. Da bambino ti insegnano che i finocchi sono strani, i finocchi sono buffi, i finocchi si vestono come la madre, che hanno paura di battersi, che sono... sono un pericolo per i bambini, e che vogliono solamente entrarti nei pantaloni. Questo riassume più o meno il pensiero generale, se vuoi proprio sapere la verità. (Avv. Miller)
  • Cosa sono mille avvocati incatenati al fondo dell'oceano? Un buon inizio. (Andrew Beckett) [barzelletta]
  • Fu in quel dolore che a me venne l'amore, una voce piena d'armonia dice: vivi ancora, io sono la vita... le lacrime tue io le raccolgo. Sto sul tuo cammino e ti sorreggo. Sorridi e spera io sono l'amore... (Andrew Beckett)

Dialoghi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Avv. Miller: Da quanti avvocati è andato prima di me?
    Andrew Beckett: Nove.
  • [In un bar ritrovo per avvocati]
    Filko: Joe! Senti, ma allora... non è che stai cambiando parrocchia anche tu, amico?
    [Risata generale]
    Avv. Miller: Sì, Filko, probabilmente sto cambiando. Sono in calore... E sto cercando un fusto, non uno qualsiasi: voglio un uomo, un uomo vero, come te. Avanti, puoi dirlo a tutti... digli quello che facciamo: giochiamo ai marinai, ti ricordi? Io sono Colombo e tu sei il mozzo nel barile.
    Filko: Hei, piantala! Non è divertente!
    Avv. Miller: Lascia che ti dica una cosa: quelli mi danno la nausea. Ma è stata infranta una legge. La legge, almeno, te la ricordi?
  • Avv. Miller: Lei è omosessuale?
    Testimone: Come, scusi?
    Avv. Miller: Lei è omosessuale? Su, avanti, risponda alla domanda... Lei è una checca? Lei è un finocchio, un pederasta, un invertito, un piglia-in-culo? Lei è un apri-chiappe, un ossobuco? Avanti, risponda alla domanda... Lei è o non è un gay?!?
  • Avv. Miller: Cos'è che gli piace di più del diritto?
    Andrew Beckett: Il fatto che una volta ogni tanto, non sempre, ma a volte, diventi parte della giustizia. La giustizia applicata alla vita.

Altri progetti[modifica]