Sergio Cofferati

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Sergio Cofferati

Sergio Cofferati (1948 – vivente), politico italiano.

Citazioni di Sergio Cofferati[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [...] i fumetti, un po' per snobismo, forse per superficialità letteraria oppure per semplice qualunquismo vengono sempre considerati una roba di serie B, un passatempo per la massa, un'arte povera e quindi troppe volte bistrattata. Ebbene, lo ripeto, per me è un giudizio sbagliato. Esempio: Dino Battaglia ha interpretato grandi classici da Melville a Maupassant a Rabelais e il suo lavoro è stato veramente un capolavoro unanimemente riconosciuto, una opera magnifica.[1]
  • Il personaggio di Bonelli ha scandito generazioni, resistito a mode e cambiamenti, mandato messaggi positivi ed educativi per i ragazzi. Tex, infatti, è un positivo: sta dalla parte dei giusti - non dico dalla parte dei buoni, termine inflazionato, di questi tempi... -, ha coraggio e dignità, è un bianco, ma è anche il capo degli indiani. Leggendo le avventure mi ha sempre colpito la rappresentazione dello spirito di gruppo, il legame con il figlio, con l'indiano, con l'amico Carson. Il messaggio è quello che conta, in tutte le cose: i cartoni animati e i fumetti giapponesi sono pieni di violenza e morti, Tex è pieno di scazzottate e morti, anche, ma è l'avventura, con la maiuscola, è la fantasia che va.[1]
  • Bisogna essere rigorosissimi nel perseguire i reati, e altrettanto rigorosi nel non lasciare che i reati vengano strumentalizzati.[2]
  • Quella di Stefano Rodotà è una candidatura di alto profilo, in grado di rappresentare adeguatamente il Paese anche a livello europeo e internazionale. Il lavoro e i diritti che gli danno dignità, il valore della cittadinanza e i fondamenti della Costituzione sono da sempre parte rilevante della sua cultura.[3]

Note[modifica]

  1. a b Citato in Cofferati: "Basta maltrattare Tex", Repubblica.it, 24 febbraio 1998.
  2. Citato in Corriere della Sera, 22 giugno 2005.
  3. Da una comunicazione congiunta con Maurizio Landini; citato in Fabrizio Barca, poi Landini e Cofferati: nuovo partito a sinistra nato da un tweet?, Blitzquotidiano.it, 20 aprile 2013.

Altri progetti[modifica]