Differenze tra le versioni di "Le ali della libertà"

Jump to navigation Jump to search
+1, amplio, +immagini
(+4, amplio e sistemo, terminato)
(+1, amplio, +immagini)
*[[Pietro Biondi]]: procuratore distrettuale
*[[Franco Chillemi]]: guardia Mert
|note=*Tratto dal racconto di [[Stephen King]] ''"Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank"''.
}}
'''''Le ali della libertà''''', film statunitense del 1994 con [[Tim Robbins]] e [[Morgan Freeman]], regia di [[Frank Darabont]].
{{cronologico}}
*Lei mi ha colpito per la sua freddezza e per la sua incapacità di provare rimorso, signor Dufresne. Mi si gela il sangue soltanto a guardarla. ('''Giudice''')
*Uno come me lo trovate in tutte le prigioni. Vi serve qualcosa? Rivolgetevi a me. Sigarette, spinelli, se è questo il vostro genere, una bottiglia di whisky per festeggiare il diploma di vostro figlio; qualunque cosa, nei limiti del ragionevole. Sissignori, io sono i "grandi magazzini" di questo schifo di posto. Così quando Andy Dufresne venne da me nel 1949 e mi chiese se potevo portargli [[Rita Hayworth]] lì in prigione, io gli dissi: «Vediamo che si può fare.» ('''Red''') {{NDR|voce narrante}}
[[File:Hayworth-Yank-Magazine.jpg|thumb|upright=1.2|Un poster di Rita Hayworth simile a quello appeso nella cella di Andy. Proprio dal poster prende il nome il romanzo di King da cui il film è tratto, ''Rita Hayworth e la redenzione di Shawshank'']]
*Devo ammettere che Andy non mi colpì particolarmente la prima volta che lo vidi, aveva l'aria di uno che sarebbe caduto al primo soffio di vento. ('''Red''') {{NDR|voce narrante}}
*La prima notte è la più dura. Su questo non c'è dubbio. Ti fanno restare nudo, come il giorno in cui sei nato, con la pelle bruciata e mezzo accecato da quella merda anti-pidocchi che ti sparano addosso. E quando ti mettono nella tua cella e senti sbattere il cancello, allora capisci che è tutto vero. L'intera vita spazzata via in quel preciso istante. Non ti resta più niente, soltanto una serie interminabile di giorni per pensare. Molti novizi danno quasi i numeri la prima notte e ce n'è sempre qualcuno che si mette a piangere. Succede ogni volta. L'unica domanda è: chi sarà il primo? È una cosa buona su cui scommettere, come ogni altra, credo. Io avevo puntato su Andy Dufresne. ('''Red''') {{NDR|voce narrante}}
 
*'''Red''': Posso farti una domanda? Perché hai ucciso?<br /> '''Andy''': Sono innocente, Red, come tutti quelli che sono qui.<ref>Riferimento a una [[#Innocenti|precedente battuta]] di Red.</ref> Tu perché sei dentro?<br /> '''Red''': Perché ho ucciso, come te.<br />'''Andy''': Innocente?<br />'''Red''' {{NDR|scuotendo la testa}}: L'unico colpevole di Shawshank.
[[File:Gilda trailer hayworth1.JPG|thumb|upright=1.6|«C'è la scena che mi piace. Non capisco più niente quando fa quella mossa con la testa!»]]
*{{NDR|Red insieme ad altri detenuti sta guardando il film ''[[Gilda]]'' con [[Rita Hayworth]]. Andy entra nella sala per chiedere un favore a Red}}<br />'''Andy''': Red...<br />'''Red''': Aspetta, aspetta, aspetta! C'è la scena che mi piace. Non capisco più niente quando fa quella mossa con la testa! {{NDR|riferito a Rita Hayworth}}<br />'''Andy''': Hai ragione, l'ho già visto tre volte questo mese.<br />{{NDR|Arriva la scena del film in cui compare Rita Hayworth e tutti i detenuti esultano}}<br /> '''Red''': Ah!! Dio, che sogno!<br />'''Andy''': Era solo per dire o puoi procurare veramente tutto?<br /> '''Red''': Fidati Andy, di solito non ho mai deluso nessuno, tu che cosa vuoi?<br />'''Andy''': Rita Hayworth!<br />'''Red''': Che?!<br />'''Andy''': Puoi trovarla? [...]<br />'''Red''': Ci vorrà un mese.<br />'''Andy''': Un mese?<br />'''Red''': Sì, anche di più. Non ce l'ho già pronta, infilata nei pantaloni, mi dispiace dirtelo. Ma te la trovo, tranquillo.<br />'''Andy''': Grazie!
 
*'''Bogs Diamond''' {{NDR|tirando fuori un cacciavite}}: Adesso, mi sbottono la patta... e tu metterai in bocca quello che ti darò da mettere in bocca. E dopo che hai finito con me, farai lo stesso con Rooster: gli hai rotto il naso, credo che gli devi qualcosa.<br /> '''Andy''': Qualunque cosa mi metti in bocca, la perdi.<br /> '''Bogs Diamond''': No, forse non hai capito; se fai una cosa del genere, questo {{NDR|il cacciavite}} te lo infilo tutto in un orecchio.<br /> '''Andy''': Va bene, ma dovresti sapere che con una lesione improvvisa al cervello, la vittima si mette a mordere con più violenza. Il riflesso del morso a volte è così forte che bisogna aprire le mascelle della vittima con un piede di porco.<br /> '''Bogs Diamond''': Come sai queste stronzate?<br /> '''Andy''': Le ho lette. Tu sai leggere, pezzo di merda? <br /> '''Bogs Diamond''': Non dovevi... dire così. {{NDR|prende a pugni Andy}}<br /> '''Red''' {{NDR|narrando}}: Bogs non mise niente nella bocca di Andy e nemmeno i suoi amici. Quello che fecero fu ridurlo quasi in fin di vita. Andy passò un mese in infermeria, Bogs passò una settimana nel buco.
*'''Tommy''': Direttore?<br />'''Samuel Norton''': Tommy! Tommy, devo chiederti di non parlare con nessuno della nostra conversazione. Eh, non è un caso se ti ho fatto venire qui. Oh... {{NDR|offre a Tommy una sigaretta e da accendere}} Abbiamo un grosso problema. Credo che tu te ne sia reso conto.<br />'''Tommy''': Sissignore. La capisco perfettamente.<br />'''Samuel Norton''': Ti assicuro, figliolo, che questa è una cosa a cui penso in continuazione. La notte non riesco a dormire, è così, davvero. La cosa giusta da fare... certe volte... è difficile capire quale sia. Mi comprendi? Ho bisogno del tuo aiuto. Devo prendere una decisione ma non lo posso fare finché mi resta l'ombra di un dubbio. Devo sapere se quello che hai detto a Dufresne è la verità.<br />'''Tommy''': Sissignore. È la verità.<br />'''Samuel Norton''': E sei pronto a ripeterlo davanti al giudice e alla corte, ponendo la tua mano destra sulla Bibbia e giurando di dire il vero dinnanzi all'Onnipotente?<br />'''Tommy''' {{NDR|[[ultime parole dai film|ultime parole]]}}: Me ne dia l'opportunità, signore!<br /> '''Samuel Norton''': Mmm, è quello che pensavo. {{NDR|butta la sigaretta e la pesta, poi guarda in alto, dando così il segnale al Capitano Hadley di sparare a Tommy dalla torre di guardia, ammazzandolo}}
 
*'''Andy''': Mia moglie mi diceva sempre che ero un uomo difficile... un libro chiuso. Si lamentava continuamente. Era bellissima. Dio, quanto la amavo! Solo che non riuscivo a dimostrarglielo. L'ho uccisa io, Red! Non ho premuto il grilletto, ma l'ho tenuta lontana ed è per questo che è morta: per colpa mia, per come sono io.<br />'''Red''' {{NDR|si siede per terra accanto a Andy}}: Sì, ma non puoi considerarti un assassino. Un cattivo marito forse. Puoi sentirti in colpa se vuoi, ma non hai premuto il grilletto.<br />'''Andy ''': No, infatti. È stato un altro ad ammazzarla e sono finito io qui dentro. Mmh, questione di sfortuna!<br />'''Red''': Già.<br />'''Andy ''': La [[sfortuna]] vola nell'aria e ogni tanto piomba su qualcuno; è toccato a me quella volta. Mi trovavo lì e mi ha beccato! Ah... quello che non mi aspettavo è che la tempesta potesse durare così a lungo. Tu credi che uscirai mai da qui?<br />'''Red''': Io? Sì... un giorno quando avrò una lunga barba bianca e qualche rotella fuori uso nel cervello mi lasceranno andare.<br />'''Andy ''': Sai io dove andrei? A [[Zihuatanejo]]!<br />'''Red''': Zihu... cosa?<br />'''Andy ''': Zihuatanejo. È nel Messico, un piccolo porto sull'Oceano Pacifico. Sai che dicono del [[Oceano Pacifico|Pacifico]] i messicani?<br />'''Red''': No.<br />'''Andy''': Dicono che non ha memoria. È lì che voglio vivere il resto della mia vita: in un posto caldo senza memoria. Voglio aprire un piccolo hotel, davanti alla spiaggia, prendere una vecchia barca senza valore e rimetterla a nuovo e farla usare ai clienti che vogliono pescare.<br /> '''Red''': Mm... Zihuatanejo.<br />'''Andy ''': In un posto così ho bisogno di uno a cui piace far felice gli altri. {{NDR|volge lo sguardo a Red}}<br />'''Red''': Non credo che ci riuscirei fuori di qui, Andy. Insomma... qui ho passato gran parte della mia vita. Sono istituzionalizzato ormai, proprio come Brooks.<br />'''Andy''': Secondo me ti sottovaluti.<br />'''Red''': No, io non credo. Vedi, qui dentro io sono quello che... che ti procura le cose ma... fuori basta andare in giro per negozi. Non è vero che hai bisogno di me. L'Oceano Pacifico... che cazzo, chi ci sa convivere con una cosa così grande?<br />'''Andy''': A me non fa paura! Non ho ucciso mia moglie e non ho ucciso il suo amante... e qualunque errore abbia commesso ho pagato più del dovuto. L'albergo, la barca... non sto chiedendo troppo mi sembra.<br />'''Red''': Secondo me tu così ti fai del male, Andy. Questo è un sogno irrealizzabile. Insomma il Messico è più lontano della luna, tu sei qui, così stanno le cose.<br /> '''Andy''': Sì, hai ragione; le cose stanno così. Il Messico è lontano e io sono qui dentro. Alla fine la scelta è molto semplice, davvero: {{Ancora|vivereVivere|o fai di tutto per [[vita e morte|vivere]]... o fai di tutto per [[vita e morte|morire]].}} {{NDR|Andy si alza da terra e fa per andarsene}}<br />'''Red''': Andy!<br />'''Andy''' {{NDR|fermandosi}}: Red... se uscirai mai di qui fammi un favore.<br />'''Red''' {{NDR|alzandosi}}: Certo, Andy. Qualunque cosa.<br />'''Andy''': C'è un piccolo campo vicino a Buxton. Sai dov'è Buxton?<br />'''Red''': Certo, ma... ci sono un sacco di campi laggiù.<br />'''Andy''': Ce n'è uno in particolare che ha un lungo muro di pietra e una grande quercia sul lato nord. Sembra uscito da una poesia di [[Robert Frost]]. È lì che ho chiesto a mia moglie di sposarmi; eravamo lì per un picnic, abbiamo fatto l'amore sotto la quercia. Io gliel'ho chiesto e lei ha detto sì. {{NDR|si avvicina convinto a Red}} Devi promettermi, Red, che se mai uscirai da qui cercherai quel posto.<br />'''Red''': Mm.<br />'''Andy''': Alla base del muro troverai una pietra che non ha niente a che fare con un campo del Maine. È un grosso pezzo... di roccia vulcanica nera. Se scaverai sotto quella pietra, troverai una cosa.<br />'''Red''': Di che si tratta? Cos'hai messo là sotto?<br />'''Andy''': Se proprio lo vuoi sapere... Vacci!
 
*'''Responsabile della riabilitazione''': Ellis Boyd Redding, lei è stato condannato all'ergastolo nel 1927. Dopo quarant'anni si sente riabilitato? <br /> '''Red''': Riabilitato? Dunque, mi lasci pensare. A dire il vero, non so cosa significa questa parola.<br />'''Responsabile della riabilitazione''': Be', vuol dire essere pronti a rientrare nella società e contribuire...<br /> '''Red''': Lo so cosa significa per lei, figliolo. Ma per me è solo una parola vuota. Una parola inventata dai politici, in modo che un giovane come lei possa indossare un vestito, una cravatta, e avere un lavoro. Che cosa volete sapere? Se mi dispiace per quello che ho fatto?<br />'''Responsabile della riabilitazione''': Sì, certo. <br /> '''Red''': Non passa un solo giorno senza che io provi rimorso. Non perché sono chiuso qui dentro o perché voi pensate che dovrei. Mi guardo indietro e rivedo com'ero allora. Un giovane, stupido ragazzo che ha commesso un crimine terribile. Vorrei parlare con lui. Vorrei cercare di farlo ragionare, spiegargli come stanno le cose. Ma non posso. Quel ragazzo se n'è andato da tanto e questo vecchio è tutto quello che rimane. E nessuno può farci niente. Riabilitato? Non significa un cazzo. Quindi scriva pure quello che vuole nelle sue scartoffie, figliolo, e non mi faccia perdere altro tempo. Perché, a dirle la verità, non me ne frega niente.

Menu di navigazione