X-Files

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

X-Files

Serie TV

Immagine The X-Files logo.svg.
Titolo originale

The X-Files

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 1993 - 2002
Genere fantascienza
Stagioni 9
Episodi 201
Ideatore Chris Carter
Rete televisiva Fox
Interpreti e personaggi

X-Files, serie televisiva di fantascienza nata nel 1993 e prodotta dalla Fox.

Tagline
La verità è là fuori.

Indice

Ricorrenti[modifica]

  • Non fidarti di nessuno. (Gola profonda)

Stagione 1[modifica]

Episodio 1, Al di là del tempo e dello spazio[modifica]

  • Scully: No, a rigor di logica no, vista la distanza tra la Terra e gli altri corpi celesti, l'energia necessaria sarebbe superiore alle capacità di qualunque veicolo spaziale.
    Mulder: Per la scienza ufficiale... sai che la ragazza dell'Oregon è la quarta vittima di una scuola dove sono già morti tre studenti in circostanze misteriose? Ora... visto che la scienza non riesce a darci delle risposte... perché non consideriamo finalmente plausibile quello che sembra fantastico...
    Scully: La ragazza ovviamente è morta per qualche ragione... se è morta per cause naturali è PLAUSIBILE che l'autopsia non sia stata accurata e se è stata uccisa è PLAUSIBILE che le indagini siano state superficiali. Quello che trovo fantasioso è accettare l'idea che esistano delle risposte al di là della scienza. La scienza offre tutte le risposte, basta sapere dove cercare.
    Mulder: Ci vediamo domattina Scully... partiamo per il plausibile stato dell'Oregon.

Episodio 2, Il prototipo[modifica]

  • Mulder: Sono già qui, vero?
    Gola Profonda: Signor Mulder, sono già qui da molto, molto tempo.

Episodio 4, Ricomparsa[modifica]

  • È un procedimento scientifico elementare: fa una domanda non pertinente ed arriverai ad una risposta pertinente. (Mulder)
  • C'era una specie di rito che compivo da bambino. Tutte le sere prima di entare nella mia stanza chiudevo gli occhi: speravo che un giorno riaprendoli avrei rivisto mia sorella lì nel suo letto come se non fosse successo niente. Continuo a entrare in quella stanza, giorno dopo giorno... (Mulder)
  • Diminuzione dei linfociti ed eccesso di glucosio sono effetti della prolungata assenza di gravità. Gli astronauti presentano le stesse alterazioni di valori. (Mulder)

Episodio 10, Caccia all'alieno[modifica]

  • Come posso ribattere a menzogne ufficiali scritte e ratificate? Voi potete negare tutto quello che ho visto, tutto quello che ho scoperto, ma non per molto tempo perché troppa gente sa cosa sta succedendo e nessuno, nessun ente governativo ha giurisdizione sulla verità. (Mulder)
  • Si tenga vicino gli amici sig. Mc Grath, ma soprattutto si tenga vicino i nemici. [riferendosi a Mulder] (Gola Profonda)

Episodio 12, Bruciati vivi[modifica]

  • Scully: Avevo dimenticato cos'è una giornata in tribunale...
    Mulder: Anche per questo preferisco dare la caccia ad alieni e omini verdi con le antenne... Non si fanno trascinare in tribunale...
  • [Scully indica una audiocassetta misteriosa] Scommetto che non è discomusic. (Mulder)

Episodio 17, E.B.E.[modifica]

  • Una bugia si nasconde meglio se è nascosta tra due verità. (Gola Profonda)

Episodio 18, Miracle Man[modifica]

  • Gli uomini desiderano i miracoli così disperatamente da vedere ciò che vogliono vedere. (Mulder)

Episodio 21, Creatura diabolica[modifica]

  • Mulder: Se c'è del tè freddo in quel sacchetto, Scully, ti sposo.
    Scully: Dev'essere destino, Mulder... è birra!

Stagione 2[modifica]

Episodio 1, Omini verdi[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • [Durante la dimostrazione di un'autopsia a degli studenti] Quello che quest'uomo immaginava, i suoi sogni e speranze, quello che ha amato, quello che visto e sentito, i suoi più bei ricordi e anche le sue paure...in qualche modo è tutto quanto racchiuso in questa piccola massa di tessuti e fluidi organici. (Scully)
  • [Concerto brandeburghese n. 2 di Johann Sebastian Bach ] Questo è il primo brano della selezione musicale che si trova a bordo della Sonda Voyager. Il primo. Fra quattro miliardi e mezzo di anni quando il Sole, esaurito il suo combustibile, si ingrandirà fino ad inghiottire la Terra questi splendidi suoni saranno ancora là fuori, in viaggio, fra quattro miliardi e mezzo di anni. Questo se il Voyager non verrà intercettato. Tu pensa Fox, se un altra civiltà là nello spazio sentisse questa musica. Non potrebbero non pensare che la Terra fosse un posto meraviglioso. Mi piacerebbe se questo potesse essere il nostro primo contatto con una forma di vita. (Senatore Richard Matheson)
  • [Durante una intercettazione ascoltata da Mulder] C'era lei sul palco e ballava quella canzone di Springsteen, Come out and play![1]
  • Non fidarti di nessuno. (Password del computer di Mulder)
TRUSTNO1

Episodio 2, L'ospite in corpo[modifica]

  • Prendiamo tutti ordini da qualcuno, agente Mulder. (Skinner)
  • Si dice che dal pianeta scompaiano tre specie al giorno. Mi chiedo quante nuove specie vengano create. (Mulder)

Episodio 3, Fobie assassine[modifica]

  • La paura è il più antico strumento di potere. Se hai paura di quello che accade intorno a te, non controlli quello che fa chi sta sopra di te. (Mulder)

Episodio 5, Ostaggi[modifica]

  • A volte si finisce per credere una cosa semplicemente perché si vorrebbe che fosse vera. (Scully)

Episodio 7, Giochi di sangue[modifica]

  • Noli tangere quam in perpetuum vivit. (Vampiro)
Nessuno può toccare chi vive in eterno.

Episodio 8, L'ultimo respiro[modifica]

  • Langley: Sembri un po' giù, Mulder! Perché non fai un salto qui, sabato sera? C'è in programma un'incursione su internet per far tana agli svarioni spaziali di Star Trek!
    Mulder: Devo fare due lavatrici...
  • [Riferendosi ad un omicidio avvenuto all'ospedale]
    Skinner: Gira voce che ci sia stato un'incidente all'ospedale, ieri sera...
    Mulder: Si riferisce al dente trovato nel budino di fragole a mensa?
  • I presidenti passano, io resto. (L'uomo che fuma)
  • Melissa: Come mai è così buio qui dentro?
    Mulder: Perché le luci sono spente.

Episodio 12, Il gene del male[modifica]

  • I sogni sono risposte a domande che non siamo ancora in grado di formulare. (Mulder)

Episodio 13, Irresistible[modifica]

  • La morte come la vita stessa è un evento drammatico con un princicpio, uno svolgimento e una fine. (Scully)
  • Il dominio della paura si concretizza nel momento della sua accettazione, nella consapevolezza che ciò che ci spaventa di più è quello che ci appare più comune, più normale. (...) La paura dell'ignoto è una risposta irrazionale ad un eccesso di immaginazione, ma il nostro timore di tutti i giorni, dello sconosciuto in agguato, del rumore dei passi sulle scale, la paura di una morte violenta e il primario impulso di sopravvivenza, sono più inquietanti di qualunque x files, e sono reali quanto la consapevolezza che potrebbe accadere anche a noi. (Mulder)

Episodio 14, La pelle del diavolo[modifica]

  • [A Scully, dopo che lo sceriffo ha ridotto i satanisti ad ascoltatori di heavy metal] Se sapesse che ti piacciono i Megadeth... (Mulder)
  • Scully: Chi ha commesso l'omicidio si sta astutamente mascherando dietro al folclore locale, non c'è niente di strano in--
    [Cominciano a piovere rane addosso a entrambi]
    Mulder: Sai che ti dico? Ho fame.
    Scully: Mulder, sono piovute rane dal cielo!
    Mulder: Si saranno dimenticate il paracadute. Pensi ancora che non ci sia niente di strano?

Episodio 17, L'ultimo alieno[modifica]

  • Scully: Sei riuscito a trovare quello che cercavi?
    Mulder: No, ma ho capito che c'è una sola cosa importante da fare: continuare a cercare.
  • Si vince la guerra solo scegliendo le battaglie giuste, e questa non puoi vincerla, agente Mulder. (Mr. X)

Episodio 18, Voli nella luce[modifica]

  • [Durante una video telefonata tra Mulder e i Lone Gunman]
    Mulder: E dov'è Langly?
    Frohike: Lui è eticamente contrario all'idea di far rimbalzare su un satellite la sua immagine...

Episodio 21, Il gemello dannato[modifica]

  • Non bastano l'innocenza ne la cautela a proteggerci dalla minacciosa presenza del demonio. (Mulder)

Episodio 25, Anasazi[modifica]

  • Il rimpianto è una conseguenza inevitabile del vivere. (L'uomo che fuma)
  • Niente svanisce senza lasciare traccia. (Albert Hosteen)
  • Nel deserto le cose trovano il modo di sopravvivere, la stessa cosa succede ai segreti, si aprono una strada tra le sabbie degli inganni, perché gli uomini possano conoscerli. (Albert Hosteen)

Stagione 3[modifica]

Episodio 1, Il rituale[modifica]

  • Secondo un antico detto indiano una cosa vive solo finché vive l'ultima persona che la ricorda. Il mio popolo si fida più della memoria che della storia. La memoria come il fuoco è radiante è immutabile mentre la storia serve solo a quelli che si sforzano di controllarla. A quelli che vorrebbero estinguere il pericoloso fuoco della verità: «Attenti a questi uomini perché sono pericolosi e incauti. La loro falsa storia è scritta col sangue di coloro che cercano la verità.» (Albert Hosteen)
  • Noi prediciamo il futuro. Il miglior modo di predire il futuro è inventarlo. (Primo Anziano)
  • All'inizio ero colpito dall'assenza del tempo, da cui dipendevo così completamente per avere la misura di me stesso e della mia vita. Mi sono mosso dal profondo della notte perpetua che consuma i propositi e gli atti, che annulla tutte le passioni e i desideri. Mi sono mosso per venire da te, vecchio amico, con l'ottusa chiarezza della morte non per chiamarti, ma per sentire il fuoco e l'intensità che ancora vive in te e il grave peso del fardello che una volta portavo anch'io. C'è la verità, è vero amico mio, se è questo ciò che tu cerchi, ma non c'è nè giustizia nè giudizio, senza i quali la verità non è che un grande morto baratro. Torna indietro, non guardare nell'abisso e non lasciare che l'abisso guardi dentro di te. Desta la ragione dal suo sonno e combatti i mostri dentro e fuori di te. (Gola Profonda)

Episodio 4, Previsioni[modifica]

  • Clyde Bruckman: Stai guardando in basso. Hai messo il piede su una torta caduta sul pavimento. Il killer si avvicina da dietro e... Crema al cocco.
    Mulder: Cosa??!
    Clyde Bruckman: La torta... eh, crema al cocco... o è meringa al limone? Non lo so, non... sono sicuro... Mentre continui a guardare giù, si avvicina col coltello e... crema di banana! Decisamente crema di banana.

Episodio 6, Liposuzioni[modifica]

  • Chi muore non è più solo, e la morte uccide la solitudine. (Virgil Incanto)

Episodio 7, Fuori dal corpo[modifica]

  • La reazione contro un mondo pazzo può essere proprio la pazzia. (Mulder)
  • Tu non sai che inferno è stato. Tu te ne stavi stravaccato a casa a guardare la guerra in televisione, per te la guerra è stata come un videogame. Che ne sai di quei ragazzi che cadevano arrossando la sabbia di sangue? È brutto quando ti sparano addosso, sai. Ma tanto a te non te ne frega niente, vero? Quando hai saputo che il petrolio era salvo hai cambiato canale, giusto? Gli assassini hanno festeggiato in TV, il tenente colonnello ha avuto le sue belle medaglie, e adesso guarda come sono ridotto... Che cosa ho ottenuto io!? Nessuno può capire come mi sento. Loro mi hanno derubato della vita. (Leonard Trimble)

Episodio 9, Autopsia di un alieno I[modifica]

  • Scully: Non capisco, Mulder. Che cosa faceva un diplomatico giapponese in una casa dove c'era un morto con la testa infilata in una federa?
    Mulder: Certo non tesseva delicati rapporti diplomatici.
  • Un buon giocatore di scacchi sa sempre quali pezzi gli conviene sacrificare. E quando. (Senatore Richard Matheson)

Episodio 10, Autopsia di un alieno II[modifica]

  • Non sarà la nazione con i più grandi soldati, ma quella con i più grandi scienziati che dominerà il mondo. (Primo Anziano)

Episodio 11, Miracoli[modifica]

  • Scully: Ho imparato al catechismo che esistono gli incorruttibili, persone i quali corpi non si decompongono normalmente ed emettono un profumo di fiori: S. Francesco, S. Cecilia...
    Mulder: ...e lui secondo te sarebbe S. Owen?
  • Mulder: E chi ti ha chiesto di proteggerlo?
    Uomo Misterioso: Dio!
    Mulder: Eheh... con una chiamata interurbana scommetto.
  • Spero in un miracolo tutti i giorni, ma ciò che vedo mette a dura prova la mia pazienza, non la mia fede. (Mulder)
  • A volte bisogna chiudere il cerchio per arrivare alla verità. (Prete confessore) [a Scully]
  • [Dopo un lungo discorso filo-religioso] Dopo mi chiedono perché la domenica mattina preferisco dormire... (Mulder)
  • Ho paura che Dio ci stia parlando ma che nessuno lo ascolti! (Scully)

Episodio 12, Scarafaggi[modifica]

  • Questo non è un posto per entomologi. (Scully)
This is no place for an entomologist.
  • Scully: Io penso che l'unico elemento più fortuito dell'emergere della vita sul nostro pianeta sia che attraverso leggi puramente casuali dell'evoluzione biologica ne sia derivata un'intelligenza complessa come la nostra. Eh, vedi, l'idea stessa di un'intelligenza aliena non è solo astronomicamente improbabile, ma, a un livello più intrinseco, decisamente anti-darwiniana.
    Mulder: Hmmm... come sei vestita, Scully?

Episodio 14, Il volto del maligno[modifica]

  • Lavoriamo nel buio, facciamo quello che possiamo per combattere il male che altrimenti ci distruggerebbe; ma se il fato di un uomo è nel suo carattere questa lotta non è una scelta, ma una vocazione; eppure a volte il peso di questo fardello ci fa vacillare, apre una breccia tra le fragili mura della nostra mente, permettendo ai mostri che l'assediano di entrarvi. E così ci ritroviamo a contemplare l'abisso, il volto ghignante della Pazzia! (Mulder)

Episodio 16, L'ufo degli Abissi II[modifica]

  • La coscienza non è che la voce dei morti che cercano di salvarci dalla nostra dannazione. (Com.te Christopher Johansen)
  • Si è sempre soli a New York City! (Mulder)

Episodio 19, Estrazioni macabre[modifica]

  • Mi sento più minacciato dalle rate del mutuo che dagli spiriti (Detective Choo)

Episodio 20, Dov'è la verità?[modifica]

  • La verità è soggettiva, come la realtà. (Jose Chung)
  • Perché, anche se forse non siamo soli nell'universo, su questo pianeta siamo tutti, irreparabilmente, soli! (Jose Chung)

Episodio 21, Visite in sogno[modifica]

  • Alcuni credono di avere diritti su altri solo perché li vedono soli (Walter Skinner)

Episodio 22, Il mistero del lago[modifica]

  • [Di fronte alla metà inferiore di un cadavere mutilato che galleggia nel lago]
    Scully: Ha la chiusura lampo aperta.
    Mulder: E allora? Che vuol dire?
    Scully: È tipico degli annegati: nel sangue tasso alcolico a mille e chiusura lampo aperta. Spesso urinano in piedi sulle barche, lungo le banchine, perdono l'equilibrio e finiscono dritti in acqua.
    Mulder: Questo però non spiega perché ne manca metà... Qualcuno gli ha dato un gran bel morso.
    Scully: O tanti morsettini.
    Mulder: Cioè?
    Scully: I pesci si nutrono di materia decomposta: un corpo che rimane immerso nell'acqua per tanto tempo è un bel bocconcino, non credi? Noi mangiamo i pesci e loro mangiano noi.
    Mulder: Ti risulta anche che in genere ne conservino metà per la cena?

Episodio 24, Il guaritore[modifica]

  • Tutto cambia al di fuori del mare (L'uomo che fuma)
  • L'uomo che fuma: Credi di essere un dio? Tu sei un automa fatto in serie, un oggetto.
    Il guaritore: Però hai paura che loro credono che io sia dio?
    L'uomo che fuma: Non c'è questo pericolo, hanno smesso quasi tutti di credere in dio.
    Il guaritore: E perché?
    L'uomo che fuma: Dio non fa miracoli per guadagnarci la loro fede.
    Il guaritore: E quindi secondo te l'uomo non crede in dio perché non fa più miracoli?
    L'uomo che fuma: Ma certo!
    Il guaritore: Eppure voi governate in nome di dio.
    L'uomo che fuma: Gli uomini non credono in lui, ma hanno ancora paura. In fondo gli uomini hanno paura della libertà.
    Il guaritore: Invece voi date loro la felicità.
    L'uomo che fuma: Noi plachiamo la loro coscienza. Chiunque sappia placare la coscienza di un uomo può togliergli la libertà.
    Il guaritore: Se non riuscite a placare le loro coscienze, li uccidete vero? Ma non potete ucciderli tutti! Non potete uccidere l'amore che è l'elemento che rende gli uomini migliori di noi, migliori di te.

Stagione 4[modifica]

Episodio 3, Spiriti albini[modifica]

  • A volte occorre cominciare dalla fine per trovare l'inizio (Scully)
  • Ogni nuova verità comincia come eresia e finisce dome superstizione (Mulder)
  • Nessuna scienza potrà essere in grado di spiegare la nostra indefinibile paura di ciò che è diverso da noi, paura che spesso non ci porta a cercare di comprendere, ma ad ingannare, accecare e confondere, a occultare la verità non solo agli altri, ma anche a noi stessi. (Scully)

Episodio 4, Inquietudine[modifica]

  • Per dare veramente la caccia ai mostri dobbiamo capirli, dobbiamo avventurarci nelle loro menti, ma nel farlo non rischiamo che loro si avventurino nelle nostre? (Scully)

Episodio 5, Vite precedenti[modifica]

  • A volte è come un sogno. Io vivo come tutti cercando di seguire le orme dei saggi, percorrendo sentieri una volta familiari. Ma in una precedente epoca... sono morto, mentre arrogante confidavo in me stesso. In quell'istante ho pregato fervidamente per avere un'altra possibilità. L'istinto illuminato dalla consapevolezza della morte diceva che non si può cancellare completamente una vita, perché sparsi frammenti restano in fioche memorie, come ora... quando sembra che ancora una volta la meta sia in vista. (Mulder)

Episodio 7, I segreti del fumatore[modifica]

  • Preferisco leggere il peggior romanzo mai scritto che vedere il miglior film mai girato. (L'uomo che fuma)
  • La vita... è come una scatola di cioccolatini. Un regalo di poco prezzo e di poco conto che nessuno si sognerebbe di chiedere, che in cambio promette soltanto un'altra scatola di cioccolatini, e ti resta il sapore di quell'indefinibile cremino alla menta che ti sei sbafato perché non c'era nient'altro da mangiare. Certo ogni tanto trovi una pralina ripiena, o un fondente viennese, ma finiscono in fretta e il loro gusto... svanisce; così non ti rimane altro che qualche pezzetto stantio e noccioline che si incastrano tra i denti. Se sei così disperato da mangiartele, poi c'è soltanto una scatola vuota e degli inutili pezzetti di carta stagnola dorata. (L'uomo che fuma)

Episodio 17, Tempus fugit I[modifica]

  • Quello che ti hanno detto che metteranno nel rapporto sarà l'opposto dei fatti, una proclamazione di ignoranza. Proclamata con risolutezza, l'ignoranza diventa accettabile quanto la verità. (Mulder)
  • Credo che tu abbia la convinzione che ci siano uomini e donne straordinarie al mondo; E momenti straordinari in cui la storia, per avanzare, balzi sulle spalle di questi individui; E che quello che può essere immaginato può essere anche raggiunto; E che bisogna osare sempre ma che nulla può mai sostituire la perseveranza e la tenacia e il lavoro di squadra perché da soli non si arriva da nessuna parte; E che, mentre celebriamo la grandezza di certe conquiste e degli uomini che le hanno ottenute, non possiamo dimenticare il sacrificio di coloro che hanno reso possibile queste conquiste e questi passi avanti. (Scully)

Episodio 18, Tempus fugit II[modifica]

  • Un uomo se è davvero un uomo sa che deve essere disposto a sacrificare se stesso per quello che è più grande di lui. (Scott Garrett)

Episodio 19, Viaggi nel tempo[modifica]

  • Sebbene la multidimensionalità suggerisca infinite soluzioni ed un infinito numero di universi, ogni universo è in grado di produrre soltanto una soluzione. (Scully)

Episodio 21, Somma zero[modifica]

  • Un uomo che scava una buca rischia di caderci dentro. (L'uomo che fuma)

Episodio 22, Visioni[modifica]

  • Cos'è un presagio di morte se non la visione della nostra mortalità. (Mulder)

Stagione 5[modifica]

Episodio 2, Redux II[modifica]

  • Tutti noi crediamo in qualcosa, ed io credo nella verità. (Mulder)

Episodio 8, L'ideogramma[modifica]

  • [Interrogando la vedova di Nathan Bowman, pubblico ministero affogato in della vernice blu]
    Linda Bowman: Perché aspettare quando è vero amore? Non si sa mai quanto è lunga la vita.
    Mulder: No, ha ragione.
    Linda Bowman: Guardi che Nathan non era un superficiale o un impulsivo, non vorrei averlo dipinto così.
    Mulder: Meglio così che blu.

Episodio 9, Schizofrenia[modifica]

  • La rabbia se non risolta, segue il proprio corso. (Mulder)

Episodio 10, Chinga[modifica]

  • Scully: Mulder, io sono in vacanza. Il tempo è una favola e non vedo l'ora di macinare chilometri aspirando a pieni polmoni l'aria del New England.
    Mulder: Hai affittato una decapottabile? Ti sei informata sulle statistiche delle decapitazioni?
    Scully: Mulder, dimmi ciao, perché riattacco e spengo il telefono, sarò introvabile fino a lunedì.

Episodio 14, Il rosso e il nero[modifica]

  • Krycek: Mi deludi Mulder, ti ho steso con una mano sola!
    Mulder: Be', si vede che la tieni in allenamento...

Episodio 17, Angeli caduti[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Scully: Mi benedica padre perché ho peccato. Sono passati molti mesi dalla mia ultima confessione.
    Prete: Hai un peccato da confessare?
    Scully: Padre, sono un'agente dell'F.B.I. Considero mio dovere difendere la legge a tutti i costi. Salvare delle vite.
    Prete: E ora il tuo lavoro è entrato in conflitto con la tua fede?
    Scully: In un certo senso. Ero qui per la funzione pasquale la scorsa settimana e Padre McCue ha approfittato per rivolgersi a me.
    Prete: Per quale motivo?
    Scully: Perché c'era una famiglia che lui riteneva avesse bisogno del mio aiuto. Ma c'era anche più di questo. Padre, vede, io ho perso una figlia. La mia bambina è morta improvvisamente mesi fa.
    Prete: Padre McCue pensava che aiutando quelle eprsone avresti potuto aiutare te stessa a fartene una ragione.
    Scully: Sì.
    Prete: Ma non ci sei riuscita?
    Scully: Padre, le ho detto prima che avevo un peccato da confessare. Ma dal peccato di cui sono colpevole non credo che lei mi possa assolvere.
    Prete: E qual è il peccato?
    Scully: Una ragazza innocente è morta per colpa mia. Avrei potuto salvarle la vita, ma l'ho lasciata morire.
    [...]
    Scully: La signora Kernof parlava di suo marito, ma mi sembrava quasi che parlasse di me.
    Prete: Anche tu eri in collera con Dio?
    Scully: Mi sentivo attratta da quelle persone, padre. E in un modo molto personale. Ero determinata ad aiutarli a capire perché gli era stata portata via la figlia.
    Prete: E ci sei riuscita?
    Scully: Per quanto sia un persona di fede, padre, sono anche una scienziata che cerca le prove, l'evidenza. Ma la scienza ci dice soltanto "come", non "perché".
  • Mulder: Scully, vieni a dare un'occhiata. I vangeli gnostici, il libro di Enoch, vangeli apocrifi...una bella raccolta. Mi sorprende che non ci sia niente da Jesus Christ Superstar.
    Scully: Che razza di chiesa è questa?!
  • Avevo coinvolto l'agente Mulder perché mi aiutasse a temperare i miei sentimenti, perché non offuscassero la mia razionalità. (Scully)
  • [Parlando di Padre Gregory] Be', certo non dovrei essere io a scagliare la prima pietra, ma...quel tizio è paranoico! (Mulder)
  • Mulder: Perché capitano cose brutte a persone buone? La religione si è mascherata con le vesti del paranormale sin dall'alba dei tempi solo per giustificare alcuni dei più orribili atti della storia.
    Scully: Sono stata educata a credere che Dio ha le sue vie, per quanto misteriose.
    Mulder: Avrà anche le sue vie ma usa una quantità di squinternati psicotici per eseguire i suoi ordini.
  • [In confessionale Dana Scully racconta al prete di aver visto Emily, sua figlia morta]
    Scully: Mi sono detta e ripetuta che era soltanto nella mia testa. Un'allucinazione provocata dal mio forte coinvolgimento emotivo con il caso.
    Prete: Questa sembrerebbe una spiegazione ragionevole.
    Scully: Ma non era stata una semplice allucinazione. Se mi era stata fatta vedere Emily era per uno scopo preciso.
    Prete: E qual era?
    Scully: Salvare quelle ragazze.
  • Lo sa, si dice che quando tu parli con Dio è preghiera, ma quando Dio parla con te è schizofrenia. (Mulder)
  • Capita che i più svitati siano i più persuasivi. (Mulder)
  • [Nel confessionale]
    Prete: Eri convinta di consegnare a sua anima la paradiso.
    Scully: Ne ero sicura, sì.
    Prete: Ma non sai conciliare questa tua convinzione con il dato fisico della sua morte.
    Scully: No. Credevo di potere, padre. Ma non riesco.
    Prete: Tu pensi che ci sia un'altra vita dopo questa?
    Scully: Sì.
    Prete: Ci credi fermamente? Ti è venuto in mente che forse anche questo era parte di ciò che avevi bisogno di comprendere?
    Scully: Comprendere la mia perdita, forse?
    Prete: Soprattutto accettarla.
    Scully: Può darsi che questa sia la fede.

Stagione 6[modifica]

Episodio 1, Il principio[modifica]

  • Un uomo puoi ucciderlo ma non puoi uccidere quello che rappresenta. Devi riuscire a piegargli lo spirito. (L'uomo che fuma)

Episodio 10, Vita eterna[modifica]

  • Io penso che la morte ti prenda solo quando cerchi di sfuggirla. (Mulder)
  • L'amore dura 75 anni se sei fortunato, finito quello finisce tutto. (Alfred Fellig)

Episodio 13, Agua mala[modifica]

  • È bello avere una reputazione, altrimenti come potrebbe essere messa in dubbio? (Arthur Dales)

Episodio 18, Milagro[modifica]

  • Un delitto è tanto perfetto quanto la mente dell'uomo che lo commette. (Scully)
  • Il dolore comprimeva il suo cuore fragile come un guscio d'uovo, pronto ad andare in mille pezzi, spargendo il suo contenuto come promesse infrante nei luoghi desolati che l'amore di lui aveva riempito. Come poteva sapere che quella pena sarebbe finita? Che l'amore, a differenza della materia e dell'energia, è inesauribile nell'universo. Un germe che cresce dal nulla. Che non può essere sdradicato, neppure dal più oscuro dei cuori.e lo avesse saputo, e chissa se avrebbe potuto crederlo, non si sarebbe arrischiata a restare su quella sua tomba dolente fino a quella tarda ora e così non avrebbe dovuto apprendere per prima la seconda verità, che avere amore è portare un calice che può essere perso o rubato o peggio, può versare al suolo sangue purpureo. E che l'amore non è immutabile, può diventare odio, come il giorno diventa notte, e la vita diventa morte. (Scully)

Episodio 19, L'innaturale[modifica]

  • Non voglio essere un uomo famoso, voglio essere un uomo e basta. (Josh Exley)
  • Mio caro Mulder forse dovresti cominciare a porre un po' meno attenzione al cuore del mistero, e un po più attenzione al mistero del cuore. (Arthur Dales)
  • Se vuoi metterti a caccia di segreti, devi essere sicuro di cercare quelli giusti. (Josh Exley)
  • Quello che sa affascinarci è per definizione vero, parlando metaforicamente. (Arthur Dales)

Episodio 20, Tris[modifica]

  • Puoi portare una cavalla all'acqua, ma non puoi farla bere. (Frohike)

Stagione 7[modifica]

Episodio 2, La sesta estinzione II[modifica]

  • Anche quando il mondo va in pezzi tu sei la mia costante, la mia pietra di paragone. (Mulder)
  • Molto spesso gli uomini straordinari sono tentati dalle cose ordinarie. (L'uomo che fuma)

Episodio 15, Un amico[modifica]

  • Quando è condannato un uomo tira le somme della propria vita per vedere cosa gli sopravviverà (L'uomo che fuma)
  • Nessun sacrificio è puramente altruistico, noi diamo in attesa di ricevere. (L'uomo che fuma)
  • Ciò che compie miracoli, può anche causare grandi mali. (L'uomo che fuma)

Episodio 17, Tutte le cose[modifica]

  • Scully: Mulder noi non facciamo altro che correre, sempre a caccia del grande evento, insomma perché qualche volta non stai tranquillo?
    Mulder: Perché non so cosa potrei perdermi.
  • Il tempo è fatto di momenti, momenti che scorrendo velocemente definiscono il sentiero di una vita e la conducono inesorabilmente verso la sua fine. Quante volte ci soffermiamo ad esaminare quel sentiero, a capire le ragioni per cui tutte le cose accadono, a considerare se il sentiero intrapreso nella vita sia una nostra creazione, oppure semplicemente qualcosa in cui vaghiamo ad occhi chiusi. Ma se potessimo fermare il tempo per valutare ogni momento prezioso prima che passi, e riuscissimo a vedere le altre infinite possibilità di percorso che si sono presentate nella nostra vita, sceglieremmo un altro sentiero ? (Scully)

Episodio 19, Hollywood A.D.[modifica]

  • Anche se fermo, un orologio ci azzecca settecentotrenta volte all'anno. (Mulder)
  • Può darsi che la una fede autentica sia una forma di follia. (Scully)

Stagione 8[modifica]

Episodio 2, Partire[modifica]

  • Viviamo avvolti nelle tenebre che ci siamo creati intorno, serrando gli occhi davanti a un mondo che ci rifiutiamo di vedere. Un mondo di esseri che viaggiano nel tempo e nello spazio, e che in noi evocano atmosfere da fantascienza. Chi sono questi esseri che ci sforziamo di dipingere e che temiamo di accettare. Quali oscuri misteri attendono in quelle macchine impossibili che forze incorporee celano al nostro sguardo? E se conoscono i nostri segreti, perché a noi non è dato conoscere i loro? (Scully)

Episodio 6, Viceversa[modifica]

  • Il passare del tempo ci imprigiona in una cella non fatta di calce e mattoni, ma di speranze infrante e di tragedie non evitate. Quanto preziosa è l'opportunità di tornare indietro, anche solo per scoprire che al cospetto del passato si deve affrontare se stessi, che infrangere la barriera del tempo non significa liberarsi dalla prigione della propria indole... da questa non c'è via di scampo. (Martin Wells)

Episodio 17, Connessioni[modifica]

  • Siamo tutti convinti di saperlo dominare il male, e in linea di massima, è vero, riusciamo a soffocare ogni impulso che ci grida di uccidere, è quasi come se avessimo una specie di immunità. Ma esistono fattori imprevisti, meteore che ci devastano l'esistenza, tragedie, disgrazie, e ci rendono vulnerabili, indeboliscono l'immunità al male... Così tutto a un tratto, con le barriere naturali logori e sfibrate, il male attecchisce e prende il sopravvento. (Mulder)

Episodio 20, Essere[modifica]

  • Seminare nervosismo fa parte del gioco Ag. Doggett, soprattutto nell'FBI. (Mulder)

Stagione 9[modifica]

Episodio 2, Niente da segnalare (seconda parte)[modifica]

  • Le rivoluzioni corrono e quando si concludono niente è più come prima, ed anche un Re rischia di lasciarsele sfuggire se non sta più che attento. (Kersh)

Episodio 7, John Doe[modifica]

  • Se ho dei bei ricordi, accetto anche quelli cattivi. (John Dogget)

Episodio 15, Modifica genetica[modifica]

  • Quelli che non si arrendono mai non muoiono mai. (Langley)

Episodio 18, La verità[modifica]

  • Forse c'è speranza. (Mulder)
Maybe there's hope.
  • La verità è stata sempre là fuori, signor presidente, solo che nessuno ha mai voluto crederci. (Alieno)
  • Qual è il vostro obiettivo? Sconfessare un uomo che cerca la verità o sconfessare la verità per mantenerla segreta? (Monica Reyes)


Scritte[modifica]

Alla fine della sigla iniziale degli episodi di X-Files compare la scritta: "The Truth Is Out There." (La verità è là fuori), ma in alcuni episodi, nel corso della serie, la scritta cambia nei seguenti modi:

  • Trust No One (Non fidarti di nessuno) – nell'episodio "The Erlenmeyer Flask"
  • Deny Everything (Nega ogni cosa) – nell'episodio "Ascension"
  • Éí 'AaníígÓÓ 'Áhoot'é ("La verità è lontana da quì" in Navajo) – nell'episodio "Anasazi"
  • Apology is Policy – nell'episodio "731"
  • Everything Dies (Ogni cosa muore) – nell'episodio "Herrenvolk"
  • Deceive, Inveigle, Obfuscate (Persuadi, Seduci, Offusca) – nell'episodio "Teliko"
  • E Pur Si Muove – nell'episodio "Terma"
  • Believe the Lie (Credi alla bugia) – nell'episodio "Gethsemane"
  • All Lies Lead to the Truth (Tutte le bugie portano alla verità) – nell'episodio "Redux"
  • Resist or Serve (Resistere o servire) – nell'episodio "The Red and the Black"
  • The End (La fine) – nell'episodio "The End"
  • Die Wahrheit Ist Irgendwo Da Draußen ("La verità è la fuori da qualche parte" in Tedesco) – nell'episodio "Triangle"
  • In the Big Inning ("Nel grande inning" ma anche "In Principio"... gioco di parole) – nell'episodio "The Unnatural"
  • Amor Fati ("L'amore del Fato" in Latino) – nell'episodio "Sixth Extinction II: Amor Fati"
  • Believe to Understand (Credere per capire) – nell'episodio "Closure"
  • Nothing Important Happened Today (Niente di importante è accaduto oggi)– nell'episodio "Nothing Important Happened Today II"
  • erehT tuO si hturT ehT ("La verità è la fuori" – "The truth is out there" scritto al contrario) – nell'episodio "4D"
  • They're Watching (Stanno guardando) – nell'episodio "Trust No One"
  • Dio ti ama – nell'episodio "Improbable"

Note[modifica]

  1. Nessuna canzone di Bruce Springsteen si intitola così. Tale errore riscontrato anche nell'audio originale.  Serve fonte ulteriore Serve fonte ulteriore

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]