Ignoranza

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sull'ignoranza.

  • Bisognerà però che l'Italia cominci col persuadersi che v'è nel seno della nazione stessa un nemico più potente dell'Austria, ed è la nostra colossale ignoranza, sono le moltitudini analfabete, i burocrati macchina, i professori ignoranti, i politici bambini, i diplomatici impossibili, i generali incapaci, l'operaio inesperto, l'agricoltore patriarcale e la rettorica che ci rode le ossa. Non è il quadrilatero di Mantova e Verona che ha potuto arrestare il nostro cammino, ma è il quadrilatero di 17 milioni di analfabeti e di 5 milioni di Arcadi. (Pasquale Villari)
  • Da quando l'ignoranza è diventata un punto di vista? (Scott Adams)
  • Figli miei, penso spesso che la maggior parte dei cristiani che si dannano, si dannano a causa della loro ignoranza. (Giovanni Maria Vianney)
  • Gli ignoranti non possono non odiare, e temere insieme, coloro che si occupano delle cose ch'essi non capiscono. (William Somerset Maugham)
  • Il vero stolto, quello che gli dei scherniscono o riducono in rovina, è colui che non conosce se stesso. (Oscar Wilde)
  • L'ignorante è non solo zavorra, ma pericolo della nave sociale. (Cesare Cantù)
  • L'ignorante non si conosce mica dal lavoro che fa ma da come lo fa. (Cesare Pavese)
  • L'ignoranza è beata, amico mio. Non farti carico di segreti pericolosi di gente temibile. (Batman Begins)
  • L'ignoranza è la notte della mente, ma una notte senza luna né stelle. (Confucio)
  • L'ignoranza è la palpebra dell'anima. Le cali, e puoi dormire e anche sognare. (Ugo Ojetti)
  • L'ignoranza è la madre dell'industria come della superstizione, la riflessione e l'immaginazione possono incorrere in errori; ma l'abitudine di muovere la mano o il piede in una data maniera non dipende né dall'una né dall'altra di esse. Per questo le manifatture van più a gonfie vele laddove si adopera di meno il cervello, cosicché si può considerare l'officina alla guida d'una macchina che abbia uomini per parti. In effetti intorno alla metà del XVIII secolo in alcune manifatture s'impiegavano preferibilmente per certe operazioni semplici dei mezzi idioti, cosa che però costituiva un segreto di fabbrica. (Karl Marx)
  • L'ignoranza è per noi la madre dell'errore. (Vangelo secondo Filippo)
  • L'ignoranza non sarebbe l'ignoranza, se non si riputasse da più che la scienza. (Arturo Graf)
  • La cultura, si sa, costa, mentre l'ignoranza è gratis (ecco perché è così diffusa). E io non mi sono lasciato sfuggire l'occasione. Ma, attenti, non sono ignorante in un settore specifico, la mia ignoranza spazia in vari campi: io non so un po' di tutto. Ho, insomma, quella che si dice una ignoranza enciclopedica. (Pino Caruso)
  • La ignoranzia non avendo né fine, né regola, né misura, procede furiosamente e dá mazzate da ciechi. (Francesco Guicciardini)
  • La mia ignoranza è finita verso i tre o i quattro anni e certe volte ne sento la mancanza. (Romain Gary)
  • Non appena l'esilio mi astrinse a lasciare l'Italia e fui spettatore d'altro ordine di civiltà e uditore d'altri maestri, subito mi si aprì dentro l'animo l'occhio doloroso della coscienza, ed ebbi della mia ignoranza una paura ed una vergogna da non credere. (Terenzio Mamiani)
  • O dei immortali, non vi è di peggio che un ignorante,
    che non riconosce nulla giusto se non quello che piace a lui. (Publio Terenzio Afro)
  • O sant'asinità, sant'ignoranza, | Santa stolticia e pia divozione, | Qual sola puoi far l'anime sí buone, | Ch'uman ingegno e studio non l'avanza. (Giordano Bruno)
  • Quando ero ragazzino il mio vecchio parroco mi insegnava che i sacramenti sono otto: l'ottavo è l'ignoranza. (Gabriele Amorth)
  • Viviamo in una società dove nessuna legge proibisce di guadagnare denaro diffondendo ignoranza o, in qualche caso, stupidità. (Tom Hanks)

Proverbi italiani[modifica]

  • Chi male intende, peggio risponde.
  • Chi non ha imparato nulla, vivrà di pan stentato.
  • Chi non sa leggere la sua scrittura, è un asino per natura.
  • Di tutte le malattie, l'ignoranza è la più pericolosa.
  • E bella cosa il sotto in su in pittura, ma per chi non capisce è storpiatura.
  • Il cuore del sapiente cerca la dottrina e la bocca dello stolto si pasce d'ignoranza.
  • Il dotto molto pensa e poco parla, non pensa l'ignorante e sempre ciarla.
  • Il saggio ha occhi in testa, l'ignorante cammina al buio.
  • L'ignorante fra i dotti è come la bestia fra gli uomini.
  • L'ignoranza è ingiusta verso tutti.
  • L'ignoranza è la madre della miseria.
  • L'ignoranza è la madre dell'impudenza.
  • L'ignoranza è la notte dell'intelletto, senza luna né stelle.
  • L'ignoranza è la peggiore delle povertà.
  • L'ignoranza è una brutta bestia.
  • L'ignoranza è volontaria sciagura.
  • L'ignoranza spesso nuoce più della malizia.
  • Mascherarsi non può l'uomo ignorante, se parla, è conosciuto al primo istante.
  • Meglio mendicante che ignorante.
  • Non accettar progetti né consigli, da chi educar non seppe i propri figli.
  • Non c'è nessuno più intrattabile d'un ignorante.
  • Per i ciechi non è mai giorno.
  • Tre asini e un ignorante fanno quattro bestie.
  • Un ignorante trova sempre un altro più ignorante che lo ammira.
  • Vi sono tre specie d'ignoranza: saper niente, saper male, saper ciò che non serve sapere.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]