Angoscia

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sull'angoscia.

  • Angoscia (s.f.). Malattia che si contrae davanti allo spettacolo continuo della prosperità di un amico. (Ambrose Bierce)
  • L'angoscia è il primo riflesso della possibilità, un batter d'occhio, e tuttavia possiede un terribile incantesimo. (Søren Kierkegaard)
  • L'angoscia non è un prodotto delle strutture ma è nella natura dell'uomo. [...] La stessa psicanalisi così orgogliosa, alla fine, ammaina le sue bandiere di fronte a questa disperazione di esistere senza sapere e senza conoscersi. (Francesco Grisi)
  • L'angoscia vera è fatta di noia. (Cesare Pavese)
  • L'«angoscia» si può definire come una specie di stato di attesa o di preparazione al pericolo, anche se ignoto. (Sigmund Freud)
  • L'angoscia si può paragonare alla vertigine. Chi volge gli occhi al fondo di un abisso, è preso dalla vertigine. Ma la causa non è meno nel suo occhio che nell'abisso; perché deve guardarvi. Così l'angoscia è la vertigine della libertà [...]. (Søren Kierkegaard)
  • Quasi la metà di tutte le nostre angosce e le nostre ansie derivano dalla nostra preoccupazione per l'opinione altrui. (Arthur Schopenhauer)
  • Se l'angoscia viene definita la coscienza di essere finiti, Dio lo dobbiamo chiamare il fondamento infinito del coraggio. (Paul Tillich)
  • Sotterranea, l'angoscia avanza con il suo lavoro di trincea. La sua voce non si può completamente imbavagliare. (Amélie Nothomb)
  • Vi è un'azione del pensiero nel tempo e un'azione del corpo nello spazio. Il minimo squilibrio fra queste due azioni, proprie della vita, genera l'angoscia. (Marino Piazzolla)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]