Deng Xiaoping

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Deng Xiaoping e Jimmy Carter

Deng Xiaoping (1904 – 1997), politico cinese.

Citazioni di Deng Xiaoping[modifica]

Political power grows out of the barrel of a gun.[1]
  • Non dobbiamo aver paura dei metodi di gestione avanzati applicati nei paesi capitalisti [...] La vera essenza del socialismo è la liberazione e lo sviluppo dei sistemi produttivi [...] Il socialismo e l'economia di mercato non sono incompatibili [...] Dovremmo essere preoccupati dalle deviazioni di destra, ma soprattutto, dovremmo essere preoccupati dalle deviazioni di sinistra[2].

Citazioni su Deng Xiaoping[modifica]

  • Il vero modernizzatore del comunismo postmaoista è stato Deng. E conservo tre telegrammi di felicitazioni giunti da New York e firmati Oriana Fallaci. (Enzo Bettiza)
  • Dobbiamo correggere tutti gli errori di Deng Xiaoping. Questo è l'unico modo per aiutare veramente la visione di Deng Xiaoping. Questo è ciò che significa veramente continuare il lavoro di Deng Xiaoping. Soltanto quando riconoscono i suoi errori e correggono i suoi errori possono superare Deng Xiaoping. Altrimenti non hanno nessun diritto di dirsi successori di Deng Xiaoping. Potrebbero solo dirsi successori degli errori di Deng Xiaoping. (Bao Tong)

Zhao Ziyang[modifica]

  • [Parlando di Deng Xiaoping] Il grande vecchio che manovra i primi ministri come dei burattini.
  • Il potere è ancora nelle mani di Deng per tutte le decisioni essenziali.
  • Per Deng la democrazia era una parola vuota. Ha sempre difeso la dittatura del partito unico.
  • Deng si era sempre distinto tra gli anziani del partito come colui che sottolineava i mezzi della dittatura. Spesso ricordava alla gente circa l'utilità di questa cosa.
Deng had always stood out among the party elders as the one who emphasised the means of dictatorship. He often reminded people about its usefulness.[3]

Note[modifica]

  1. Citato in Jesse Birnbaum, Howard Chua-Eoan, La disperazione e la morte in una piazza di Pechino, Time.com, 12 giugno 1989
  2. Citato da António Caeiro in Pela China Dentro, Dom Quixote, Lisboa, 2004. ISBN 972-20-2696-8
  3. Citato in Clifford Coonan, Memoir describes failed attempt to avoid massacre, Irish Times, 5 maggio 2009

Altri progetti[modifica]