Vittorio Alfieri: differenze tra le versioni

Jump to navigation Jump to search
*''Eccoli al teso canape schierati | con altri assai: ma in lor possanza alteri, | né badan pure a que' minor corsieri, | sol l'un l'altro emulando in vista irati.'' (da ''Sonetto LXXIII'', nelle ''Rime'')
*Far tacere un [[vecchiaia|vecchio]] è cosa difficile. Far poi tacere un vecchio autore è cosa impossibile. (dalla prefazione alle ''Chiacchiere'')
*''Gli sia concesso il non vedervi almeno''. (da ''Sofonisba'', I, 1)
*''Havvi tormento al mondo | che al mio s'agguagli?'' (da ''Mirra'', III, 2)
*''Il gran Prusso tiranno {{NDR|[[Federico II di Prussia]]}}, al qual dan fama | Marte e Pallade a gara, or su la sponda | sta di Cocito, oltre alla cui negr'onda | fero Minosse ad alta voce il chiama. [...] | costui, macchiato di assoluto regno, | non può d'uomo usurpar nome, né loda; | ma, di non nascer re forse era degno.'' (da ''[[s:Rime (Alfieri)/CXVIII - Il gran Prusso tiranno, al qual dan fama|Sonetto CXVIII]]'', nelle ''Rime'')
*Non perdo mai occasione d'imparare a morire; il più gran timor ch'io abbia della morte è di temerla. (dai ''Giornali'', 26 aprile 1777)
*''O gran padre Alighier...'' (da ''A [[Dante]]'', citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, Milano, 1921, p. 412)
*''O Morte. Morte | Cui tanto invoco, al mio dolor tu sorda | Sempre sarai?'' (da ''Mirra'', V, 2)
*''Ove son leggi | tremar non dee chi leggi non infranse.'' (da ''Virginia'', atto II, scena II)
*''Sia pace ai frati | Purché sfratati: | E pace ai [[preti]] | Ma pochi e quieti: | Cardinalume | Non tolga lume: | Il maggior prete | Torni alla rete: | Leggi o non re, | L'Italia c'è''. (epigramma citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', U. Hoepli, Milano, 1921, p. 443)

Menu di navigazione