Anne Applebaum

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Anne Elizabeth Applebaum

Anne Elizabeth Applebaum (1954 – vivente), giornalista e saggista statunitense naturalizzata polacca.

Citazioni di Anne Elizabeth Applebaum[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Per tutta la mia vita adulta mi sono state mostrate delle fotografie scattate in Polonia nella meravigliosa estate del 1939: bimbi che giocano al sole, donne eleganti che passeggiano per Cracovia. Ho persino visto la foto di un matrimonio avvenuto nel giugno del 1939, nel giardino di una casetta di campagna di cui adesso sono proprietaria. Tutte queste foto sono avvolte da un certo alone tragico: sappiamo cos'è accaduto dopo. Il settembre del 1939 si portò dietro due invasioni, una da est e una da ovest, e occupazioni, caos, distruzione, genocidio. La maggior parte delle persone che partecipò a quel matrimonio morì di lì a breve oppure scappò all'estero. Nessuno di loro tornò mai più alle proprie case. Col senno di poi, tutti loro ci sembrano incredibilmente ingenui. Al posto di celebrare matrimoni non potevano semplicemente mollare tutto e prepararsi per la guerra quando ancora era possibile farlo? E adesso, nell'estate del 2014, mi tocca chiedermi: non dovrebbero fare altrettanto gli ucraini? E le popolazioni dell'Europa centrale?[1]
  • I difensori di Trump – online ce ne sono molti – dicono di ammirarlo perché lui si dichiara "anti-establishment", fuori dal sistema. Sbagliano: non lo è per niente. Da uomo ricchissimo quale è, Trump vive al centro di un certo tipo di establishment. È però vero che lui è diverso dagli altri politici, almeno in un aspetto: è l'unico che usa in televisione il linguaggio che si trova nei commenti online, sui siti di gossip o nelle più aggressive discussioni di Reddit. Insulti volgari, offese razziste, rabbia esagerata e fatti inventati: tutte cose che sono all'ordine del giorno su una certa parte di Internet. Grazie a Trump tutte queste cose fanno ora parte della politica degli Stati Uniti.[2]
  • Trump ha però la particolarità di non essere né di estrema destra né di estrema sinistra: si propone come il portavoce di quelli che scrivono tweet sarcastici e pieni d'odio, dei nichilisti anti-tutto, dei complottisti che scrivono contorti commenti anonimi sui siti d'informazione. Trump ha semplicemente preso l'indignazione di queste persone, portandola da internet alla vita vera.[2]

Note[modifica]

  1. Da (EN) War in Europe is not a hysterical idea, washingtonpost.com, 29 agosto 2014; tradotto in Bisogna prepararsi a una guerra in Europa?, Il Post.it, 31 agosto 2014.
  2. a b Da (EN) Donald Trump: Spokesman for birthers, truthers, and Internet trolls, washingtonpost.com, 21 agosto 2015; tradotto in Donald Trump, l'idolo dei troll, ilpost.it, 22 agosto 2015.

Altri progetti[modifica]