Archita

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Archita

Archita (428 – 360 a.C.), filosofo, matematico e politico greco antico.

Citazioni di Archita[modifica]

  • La sapienza differisce fra tutte le cose umane tanto quanto differisce la vista fra <tutti> i sensi corporei, e l'intelletto differisce dall'anima quanto il sole da <tutti gli altri> astri. La vista infatti è fra tutti gli altri sensi quello che raggiunge gli obiettivi più lontani e che assume più forme, <cosi come> l'intelletto è assolutamente superiore alla ragione discorsiva nel portare a termine il suo compito ed è visione e potenza delle cose più preziose. Il sole, da parte sua, è occhio e anima delle cose naturali; tutte queste cose infatti si vedono e si generano e si concepiscono tramite lui, e una volta che siano radicate e generate si nutrono e crescono e si accendono alla vita dei sensi.[1]
  • Tra tutti gli esseri viventi il più sapiente è l'uomo, perché è capace di contemplare gli enti e di acquisire di essi tutti scienza e prudenza.[2]

Citazioni su Archita[modifica]

  • Misuratore del mare e della terra e delle innumerevoli arene; uomo che sulle celesti sfere ardito avea di sollevarsi ed aggirarsi. (Quinto Orazio Flacco)
  • Uomo fra i primi grande e illustre. (Marco Tullio Cicerone)

Note[modifica]

  1. Da Sulla sapienza; citato in Giamblico, p. 317.
  2. Citato in Giamblico, p. 319.

Bibliografia[modifica]

  • Giamblico, Esortazione alla filosofia, in Summa pitagorica, traduzione di Francesco Romano, Bompiani, Milano, 2006. ISBN 88-452-5592-1

Altri progetti[modifica]