Gilles Villeneuve

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Gilles Villeneuve

Joseph Gilles Henri Villeneuve (1950 – 1982), pilota di Formula 1 canadese.

Citazioni di Gilles Villenueve[modifica]

  • Non penso alla morte, ma accetto il fatto che sia parte del gioco.[1]
  • Non puoi staccare il piede dall'acceleratore mentre stai correndo veloce. L'unica speranza è che l'altro pilota ti stia guardando nello specchietto retrovisore.[1]
  • So bene che un giorno o l'altro finirò per avere un tremendo incidente.[1]

Citazioni su Gilles Villeneuve[modifica]

  • Arrivò a casa e disse: «Ho venduto la casa per comprare una macchina».[1] (Joann Villeneuve[2])
  • Con la sua capacità distruttiva che macinava semiassi, cambi, frizioni, freni ci insegnava anche cosa fare perché un pilota potesse difendersi in un momento di necessità. È stato un campione di combattività, ha aggiunto notorietà a quella che la Ferrari già aveva, gli volevo bene. (Enzo Ferrari)
  • Lui voleva correre. Correva sempre. Gli dava piacere fisico farlo. Ovunque, comunque... Lo ricordo dopo le qualifiche di Anderstorp '78. Eravamo in macchina io e lui. Per arrivare all'albergo dovevamo attraversare un bosco di betulle e lui inscenò una sorta di prova speciale di un rally: sempre in controsterzo a 180 km/h; io avevo una fifa boia mentre lui sorrideva. (Mauro Forghieri)
  • Se Villenueve potesse tornare indietro a vivere di nuovo la sua vita, penso che farebbe esattamente le stesse cose. (Jody Scheckter)

Note[modifica]

  1. a b c d Citato in Marco Pastonesi e Giorgio Terruzzi, Palla lunga e pedalare, Dalai Editore, 1992, p. 49, ISBN 88-8598-826-2.
  2. Moglie di Gilles.

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]