Ospitalità

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sull' ospitalità.

Modi di dire[modifica]

Essere come quelli di Orbassano, che dicono sempre «Adesso andiamo», e non vanno mai.
Variante: Esse come coi 'd la Volvera, ch'a dio sempre: «Adèss andoma», e a dàn mai la buonasera.
Essere come quelli di Volvera, che dicono sempre: «Adesso andiamo»e non danno mai la buonasera.

Proverbi[modifica]

L'ospite raro è sempre benvenuto.

Italiani[modifica]

  • A chi ha lardo e pane, non gli mancano ospiti.
  • Casa che ospita, divorata o denigrata.
  • Casa ospitale caccia fuori il suo padrone.
  • Cattivo quell'ospite che caccia di casa il padrone.
  • Chi ama l'ospite, invita anche il suo cane.
  • Chi dà spesa, non dia disagio.
  • Chi va ospite in casa di poverelli, porti con sé cibi o quattrinelli.
  • Come tratterai gli ospiti in casa tua, sarai trattato in casa altrui.
  • Cucina piena non teme ospiti improvvisi.
  • Gli ospiti della povera gente se ne tornano presto a casa.
  • Il primo giorno ospite, il secondo indiscreto, il terzo sfacciato, il quarto via da casa mia.
  • Intrattieni gli ospiti, ma senza trattenerli.
  • L'ospite e il pesce in tre giorni puzza. (proverbio toscano)
  • L'ospite non invitato se ne parte svergognato.
  • L'uomo si riceve secondo la vesta, e si accomiata secondo la testa.
  • Lascia partir l'ospite prima che scoppi la tempesta.
  • Non accoglier l'ospite è vergogna, cacciarlo è crudeltà.
  • Non è mai si piena la casa, che non vi resti posto per un forestiero.
  • Non è profitto spigolare, e non è danno ospitare.
  • Non tutti amano ospiti in casa.
  • Ospite raro, ospite caro.
  • Più caro l'ospite, più squisite le vivande.
  • Più pusillo è l'ospite, più spicce sono le accoglienze.
  • Pomo bacato non si pone davanti all'ospite.
  • Si riceve l'ospite secondo l'abito, e si accomiata secondo il discorso.
  • Spicciati ospite mio, se non vuoi che ti mandi con Dio.
  • Una rondine e un ospite recano fortuna in casa.
  • Verso il diavolo puoi violare il diritto di ospitare.

Note[modifica]

  1. Questo modo di dire e la relativa variante si riferiscono a quegli ospiti che indugiano troppo nel togliere, come si suol dire, il disturbo, pur proclamando di tanto in tanto di volerlo fare. I comuni di Orbassano e Volvera ci stanno solo per la rima: qualunque località il cui nome termini in –ano o, rispettivamente, in –era, può andare bene.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]