Paolo Gentiloni

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Paolo Gentiloni

Paolo Gentiloni (1954 – vivente), politico italiano.

Citazioni di Paolo Gentiloni[modifica]

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

  • Sono convinto che l'alleanza con l'Udc [Unione dei Democratici Cristiani] sia indispensabile, se il Pd [Partito Dempocratico] vuole tornare al governo del Paese.[1]
  • [...] l'Italia è minacciata da quello che sta accadendo in Libia. Non possiamo accettare l'idea che a poche miglia di navigazione ci sia una minaccia terroristica.[2]
  • Una Gran Bretagna fuori dall'Ue sarebbe un disastro innanzitutto per la Gran Bretagna stessa, quindi sono fiducioso che con o senza referendum la posizione di Londra sarà favorevole a restare nell'Ue.[3]
  • [Sulla Guerra civile siriana.] In Siria stiamo seguendo due esercizi politici molto delicati che si intrecciano le operazioni militari. Il primo tende a mettere d'accordo i Paesi del Gruppo di Vienna su quali siano i gruppi terroristici. Il secondo, coordinato dalle Nazioni unite, deve individuare i gruppi anti-Assad che in gennario dovrano partecipare al negoziato con esponenti del regime siriano. Se effetticamente riusciremo a fare partire il negoziato, scatterà anche un cessate il fuoco che è la prima luce di speranza in quel Paese martoriato da anni di massacri.[4]
  • L'omicidio di Giulio Regeni è stato una ferita per le nostre coscienze.[5]
  • ...l'Italia resta fermamente impegnata a lavorare con tutti i partner per consolidare i risultati del passato e per garantire il più ampio sostegno alla nuova risoluzione per la moratoria universale della pena di morte.[6]
  • La diffusione dell'italiano è un pezzo della politica estera del nostro Paese. Perché la lingua è il veicolo attraverso cui passano la nostra cultura, i nostri valori, la nostra visione del mondo.[7]
  • Promuovere di più e meglio l'italiano all'estero è un impegno comune di tutto il Governo [Renzi] - a cominciare dal Presidente del Consiglio e dai Ministri dell'Istruzione e della Cultura - e richiede di coordinare iniziative e attori diversi: la nostra rete diplomatico-consolare, gli Istituti Italiani di Cultura, insieme agli altri attori che all'estero contribuiscono alla promozione culturale e linguistica (scuole italiane, lettorati di italiano) e alla Società Dante Alighieri oggi guidata dal professor Andrea Riccardi. Senza dimenticare il ruolo fondamentale che il servizio pubblico radiotelevisivo può svolgere su questi temi. Una strategia che a sua volta si lega ad altri obiettivi di sistema, come quello di aumentare la capacità di attrarre studenti stranieri nelle università italiane, ancora molto al di sotto del potenziale. E che può avere ricadute importanti anche sul miglioramento della formazione linguistica destinata agli immigrati, fattore essenziale per il successo delle politiche di integrazione.[7]
  • Piuttosto se c'è un Paese chiave per ridurre i flussi nel Mediterraneo centrale, è il Niger. E sul Niger l'Italia sta lavorando con Parigi e Berlino per un pacchetto che spero sia varato nelle prossime settimane e che può avere in dotazione diverse centinaia di milioni di euro messi dai tre Paesi coinvolti e dall'UE. Questo pacchetto è l'unico che nel breve termine può ridurre sensibilmente i flussi perché il Niger è l'anticamera della Libia e, essendo un Paese di transito senza migranti propri e senza rimesse, è pronto a collaborare.[8]
  • [Sulla nascita del Governo Gentiloni.] Dalle consultazioni è emersa l’indisponibilità delle maggiori forze delle opposizioni a condividere responsabilità in un nuovo governo. Dunque non per scelta ma per senso di responsabilità ci muoveremo nel quadro del governo e della maggioranza uscente.[9]

Citazioni su Paolo Gentiloni[modifica]

  • Comunque, Gentiloni è simpatico. È il primo premier al mondo che è riuscito a perdere delle primarie contro Ignazio Marino. Infatti, è arrivato terzo. Se si fosse presentato un cingalese con le rose, Gentiloni sarebbe arrivato quarto [...]. Il punto più alto della carriera di Gentiloni è quello di essere stato portavoce di Rutelli a Roma. Come dire portamicrofono di Zarrillo a Sanremo. Gentiloni come carisma politico, in una scala da 1 a 100, era quello che lavava la scala. Renzi ha sbagliato strategia per il referendum. Doveva finire la frase. Quando ha detto "Se perdo vado via", doveva aggiungere "E arriva Gentiloni". Avrebbe stravinto il "Chiiii"? Gentiloni comunque mi nasce conte, eh: conte Paolo Gentiloni Silverj, nobile di Filottrano, Cingoli e Macerata. Dura di più il suo nome del suo governo. Gentiloni è l'unico premier che farà tutto il suo mandato col giaccone addosso. Basta che Matteo alzi un sopracciglio e lui è già su un taxi. Da Renzi a Gentiloni, passiamo da un "Ego smisurato" a un "Ripiego esagerato". (Maurizio Crozza)

Note[modifica]

  1. Dall'intervista di Susanna Turco, «Per il Pd l'alleanza l'alleanza con l'Udc è indispensabile. E naturale», Liberal, 12 novembre 2008, p. 7.
  2. Citato in Terrorismo, radio dello Stato islamico cita Gentiloni: "Ministro dell'Italia crociata", Repubblica.it, 15 febbraio 2015.
  3. Citato in Elezioni Gb, Cameron ha la maggioranza assoluta: "ora referendum Ue", Ansa.it, 8 maggio 2015.
  4. Ciato in Siria, Iraq, Libia, terrorismo. Il ministro Gentiloni a Repubblica: "Lo Stato Islamico ora è in difficoltà", la Repubblica.it, 27 dicembre 2015.
  5. Da un intervento rilasciato alla Camera dei Deputati il 5 aprile 2016; citato in Resoconto dell'Assemblea, Camera.it, 5 aprile 2016
  6. Citato in "Moving away from the death penalty: the voices of victims" - Il Ministro Gentiloni co-presiede insieme a Ban Ki Moon l’evento sul tema della pena di morte, Ministero degli Affari Esteri, 21 settembre 2016. In occasione della 71ma Assemblea Generale delle Nazioni Unite.
  7. a b Gentiloni: "L'italiano, patrimonio da tutelare", Il Messaggero, 16 ottobre 2016.
  8. Dall'intervista Gentiloni: "Migranti e crescita. Un dialogo positivo per disinnescare le crisi, La Stampa, 28 novembre 2016.
  9. Citato in Gentiloni accetta con riserva: "Stessa maggioranza per indisponibilità opposizioni", Repubblica.it, 11 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica]