Medicina

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Visita ospedaliera, olio su tela di Luis Jiménez Aranda

Citazioni sulla medicina.

  • D'un tratto vidi chiaro: la medicina era una scienza vivente! [...] vivente in Dio; giacché la vita non era pensabile per me fuori di Lui. (Adrienne von Speyr)
  • Definirò ciò che ritengo essere la medicina: in prima approssimazione, liberare i malati dalle sofferenze e contenere la violenza della malattia, e non curare chi è ormai sopraffatto dal male. (Ippocrate)
  • Della medicina, [...], tutto si può dire tranne che sia una scienza esatta. (Rosario Magrì)
  • Ho paura della stupidità umana, del crearsi i falsi dei, e la medicina è un falso dio molto, molto potente perché quando si sta in ospedale si è in balia di tutto essendo in balia del dolore [...]. (Giovanni Lindo Ferretti)
  • Il mio amore per la cura naturale e i sistemi indigeni non mi rende cieco ai progressi compiuti dalla medicina occidentale, malgrado l'abbia stigmatizzata come magia nera. Ho usato quella dura espressione ― e non la ritiro ― perché essa ha contemplato la vivisezione e tutto l'orrore connesso, perché non si ferma davanti a nessuna pratica, per quanto maligna possa essere, pur di prolungare la vita del corpo e perché ignora l'anima immortale che risiede nel corpo. (Mahatma Gandhi)
  • Il rispetto del paziente è il fondamento di un'etica medica intesa come nuova pietas finalizzata al bene altrui. (Giorgio Cosmacini)
  • Il vero miracolo della medicina moderna è di natura diabolica: consiste nel far sopravvivere non solo singoli individui, ma popolazioni intere, a livelli di salute personale disumanamente bassi. (Ivan Illich)
  • In medicina, l'incontro tra medico e paziente si attua nel corpo stesso del malato. Questo corpo che si offre al medico per essere curato, non corrisponde al "corpo vissuto", al "corpo proprio", con tutte le modalità e le implicazioni soggettive ad esso inerenti, ma viene considerato dal medico nella sua nuda materialità ed oggettualità. Che il corpo visitato dal medico appartenga al soggetto specifico che lo vive e lo significa, ciò esula dalla finalità del rapporto che viene ad instaurarsi. Il soggetto, che pur è il significato di quel corpo sofferente, non viene preso in causa in questa relazione particolare, come se fosse mantenuto ad una certa distanza. In questo senso l'incontro tra medico e malato si attua attraverso un corpo anatomico che serve, contemporaneamente, come soggetto di indagine e come secondo polo del rapporto; si tratta cioè, di un incontro tra un soggetto ed un corpo cui non viene data altra alternativa oltre essere oggetto agli occhi di chi lo esamina. Estraneo dunque a quest'ultimo quanto al soggetto che lo significa, pur essendo insieme il momento cruciale e la finalità stessa della relazione. (Franco Basaglia)
  • L'imperfetto nella medicina è che non si può prender su di sé quel dolore che tocca agli altri. (Adrienne von Speyr)
  • La biologia e la medicina nelle loro applicazioni concorrono al bene integrale della vita umana quando vengono in aiuto della persona colpita da malattia e infermità nel rispetto della sua dignità di creatura di Dio. (Donum vitae)
  • La medicina è la mia legittima sposa, mentre la letteratura è la mia amante: quando mi stanco di una, passo la notte con l'altra. (Anton Pavlovic Čechov)
  • La medicina è l'arte di accompagnare con parole greche all'estrema dimora. (Pitigrilli)
  • La medicina è la più diffusa malattia ereditaria. (Daniel Pennac)
  • La medicina è un'opinione. (Massimo Bontempelli)
  • La Medicina è una scienza sociale e la Politica altro non è che la Medicina su larga scala. (Rudolf Virchow)
  • L'arte della medicina consiste nel divertire il paziente mentre la natura cura la malattia. (Voltaire)
  • Le regole della medicina sono ancora più esposte all'errore e la loro data di scadenza è del tutto congetturale. Le leggi di oggi sono l'errore di domani. Personalmente, non ho quasi mai nutrito sufficiente fiducia per indirizzare i pazienti verso la medicina accademica. Una buona parte dei medicinali che ho dovuto imparare a memoria per superare il mio esame di farmacologia, oggi, a trent'anni di distanza, è già vietata dalla legge. Gli scandali farmaceutici rivelano con quali metodi brutali e sprezzanti dell'essere umano vengano immessi sul mercato medicinali dannosi per i pazienti ma utili al loro scopo principale: riempire le casse dei grandi gruppi industriali. In ambito medico, il denaro e gli interessi politici a esso connessi impediscono sovente lo sguardo aperto sulla verità, quindi sulla salute, e non da ultimo sulle leggi realmente efficaci. (Ruediger Dahlke)
  • Nessun ragionamento ipocrita vi deve trattenere: applicate la medicina pura e semplice. Ma agite con mano materna, con l'infinita delicatezza delle nostre mamme, quando curavano le ferite piccole o grandi prodotte dai nostri giochi o dai ruzzoloni infantili. (Josemaría Escrivá de Balaguer)
  • Quanto ai medici, tengano ben presente che, nelle supreme indecisioni, le giuste decisioni maturano sempre al di dentro delle buone relazioni di cura. [...] Le terapie sono diverse dalle cure: aver cura di un malato in fin di vita, per un medico che sia dotato della religiosità che è propria del suo mestiere, comporta la pietà del rispetto, fino in fondo, per la persona curata. Non si tratta di un gesto terapeutico, tecnico, ma di un atto curativo umano. (Giorgio Cosmacini)

Proverbi[modifica]

  • La medicina buona è amara. (Africano)

Italiani[modifica]

  • A mal mortale né medico, né medicina vale.
  • Acqua di gelsomini è buona per i bambini.
  • Febbre nervina, non vuol dottori, né medicina.
  • Il letto è una medicina.
  • In pericolo ugual la stessa tazza, di due ammalati un salva e l'altro ammazza.
  • La miglior medicina è la vita ordinata.
  • La valeriana ogni mal risana.
  • L'astinenza è la prima medicina.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]