Cuba

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Bandiera cubana

Citazioni su Cuba e i cubani.

  • Accade forse a Cuba qualcosa di così importante da interessare un servizio segreto? (Graham Greene)
  • Com'è Cuba? Un paradiso completamente rovinato dal barbone comunista! (Selvaggi)
  • Con Cuba è stato un colpo di fulmine, ma certo quando sono arrivato non pensavo di rimanere tutto questo tempo. Quattordici anni. [...] Io amo Cuba e la gente cubana, li considero parte integrante della mia famiglia. [...] Sono un popolo coraggioso e dignitoso. (Ernesto Bazan)
  • Credo che grazie agli accordi con gli Stati Uniti e con l'Unione europea, Cuba si aprirà finalmente alla democrazia e ai diritti umani. E lo farà attraverso delle porte tecnologiche, economiche e attraverso gli scambi tra le persone. Questo presuppone che il socialismo cubano incorpori al suo interno le regole della democrazia. (Ramón Jáuregui)
  • Cuba è la prossima nella ramazzata della democrazia. E lasciatemi dire direttamente a Fidel Castro: tu sei finito. (Ronald Reagan)
  • Da Cuba la verità non esce mai. (Alina Fernández)
  • Il turismo a Cuba oggi è un male necessario, perché insieme con i dollari arrivano i vizi capitalisti e la Rivoluzione, in parte, è stata fatta proprio per eliminare questi vizi. L'apertura dovrebbe cercare di approfondire la spiritualità della gente. Essere rivoluzionari significa essere i protagonisti di un processo sociale, di giustizia e di distribuzione dei beni. Soggettivamente, questo mi preoccupa, perché Cuba oggi non è in grado di promuovere una situazione economica migliore per tutto il popolo. (Manuel Vázquez Montalbán)
  • L'amor proprio identifica i cubani. [...] Siamo un Paese che, per fortuna o per disgrazia, è piccolo. Ma nelle avversità sappiamo essere un Paese grande. (Wilfredo León)
  • L'unico lusso a Cuba è il tempo. (Juan Pablo Villalobos)
  • «Perché proprio Cuba?»
    «Perché è un paese molto interessante in questo momento», così rispondevo agli amici che mi rinfacciavano di essere un nostalgico della rivoluzione o di essere irrimediabilmente attratto dall'immagine sdolcinata di quel paese. «Perché Fidel Castro si è dimesso e questo segna un cambiamento in uno degli ultimi avamposti del socialismo, una spina nel fianco del Nord America.» Inoltre, il nome ha sempre avuto per me un suono accattivante: sapeva di avventura, nostalgia di paesi lontani, gioco d'azzardo, declino. Ma questo preferivo tenerlo per me. (Reinhard Kleist)
  • Prima della guerra vivevamo in una condizione di semi-isolamento, peggio che al culmine della guerra fredda. Almeno ai tempi di mio padre potevi contare sull'appoggio economico dell'Unione Sovietica e dei suoi pupazzi del ComEcon, per quel che valeva. Dalla caduta del blocco comunista, però, la nostra diventò un'esistenza di privazione costante. Cibo razionato, carburante razionato... il paragone più azzeccato che mi viene in mente è con la Gran Bretagna dei bombardamenti aerei; anche noi, come quell'isola assediata, vivevamo sotto la nuvola scura di un nemico onnipresente. (Max Brooks)
  • Quelli che hanno i catenoni d'oro, fumano i sigari e vanno a nuoto in Florida. (Orange Is the New Black)
  • Sarebbe bello se avessimo, come Cuba, abbastanza medici anche per esportarli in altri paesi! È meglio di quello che fanno i paesi ricchi, come esportare soldati o lanciare bombe contro le comunità povere. Da parte sua, Cuba esporta vita, amore, salute. (Luiz Inácio Lula da Silva)
  • Se volete davvero aiutare il popolo cubano toglietegli questo embargo vergognoso che lo stritola da 60 anni. (Fiorella Mannoia)
  • Solo a Cuba il gelato è un affare di stato. (Jason Motlagh)
  • Su Cuba la nostra posizione è diversa da quella degli alleati. Io difendo l'esperienza cubana che viene attaccata non perché c'è privazione della libertà, ma perché è un Paese che da oltre 40 anni resiste all'America. (Oliviero Diliberto)
  • Ueh Nixon! Giù le mani da Cuba! (Romanzo popolare)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]