Facebook

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Un Logo di Facebook

Facebook, servizio di rete sociale.

Citazioni[modifica]

  • È gratis e lo sarà sempre.[1] (dalla schermata di accesso)
  • Facebook ti aiuta a connetterti e rimanere in contatto con le persone della tua vita.[2] (dalla schermata di accesso)
  • Stai uscendo? Rimani su Facebook.[3] (dalla schermata di accesso)

Citazioni su Facebook[modifica]

  • Chi interviene in un blog, è osservatore e osservato. I suoi gusti sono monitorati sempre. La tua personalità viene trasferita interamente in Rete, fino al caso micidiale di Facebook. (Daniele Luttazzi)
  • È una perdita di tempo in una vita già abbastanza affollata. (Alberto Pezzotta)
  • Facebook e Google e altri colossi del web conoscono di noi più dei nostri amici e in futuro sapranno ancora di più. Queste informazioni possono essere utilizzate per vari scopi, non solo per proporci dei prodotti o dei servizi, come è stato evidenziato dal cosiddetto "Datagate". È opportuno un controllo più stretto sulla gestione dei dati personali da parte dei governi, un nuovo sistema di regole. (Gianroberto Casaleggio)
  • Facebook è un ritrovo di lavativi e guardoni. (Vittorio Sgarbi)
  • Facebook. Era una piattaforma che serviva a scrivere cose coatte che nella vita vera non avresti mai avuto il coraggio di ripetere in faccia alla gente. (Zerocalcare)
  • – Ha pubblicato 'na foto mia e dâ mamma su "book".
    – Ma quale "book"?! Facebook! È 'nu social network.
    – Aggio capito. Ma m'agg' 'a preoccupa'?
    – Ma che t'hê preoccupa'! 'O teneno tutte 'e guagliune.
    – 'Sta sempe cu chillo cazzo 'e computer! Ca po' vulesse sape' ma che cazzo tene 'a scrivere?
    – Che scrive... scrive 'e cazze suoje.
    – Ma po' 'e gguardano tutte quante?
    – Tutte chille che sso' amice.
    – Embé je c' 'o faccio spari' 'stu computer, così vediamo se la finisce. (Gomorra - La serie)
  • La vera libertà è non essere costretti a pubblicare su Facebook una cosa qualsiasi ogni giorno solo per dimostrare la propria esistenza in vita. (Giancarlo Magalli)
  • Lamentarsi di violazione della privacy su Facebook è come piagnucolare se ti toccano il sedere in un'orgia. (Leonardo Pieraccioni)
  • Schiavo del tuo look di Facebook e di "Beautiful" con Brooke Logan Forrester | Dell'America in TV, MTV, pay-per-view | Di apparire e consumare, desideri da esaudire. (Ultima Frontiera)
  • Si chiama Facebook, non Facciadaculbook. (I Simpson)
  • Zuckerberg lo ha capito quando ha chiamato la bacheca «diario», ossia informare gli altri non della straordinarietà, ma della quotidianità delle proprie vite ordinarie. Mi sono svegliato, sono allegro, sono depresso, ho mangiato, ho pisciato. Non si posta una foto perché ci si sta arrampicando come Tom Cruise sul Burj Khalifa, è sufficiente mostrare lo zampone con il cotechino cucinato dalla zia per capodanno. (Massimiliano Parente)

The Social Network[modifica]

  • Bosnia... non hanno le strade però hanno Facebook.
  • Il nostro sito è fico, mentre Harvard Connection fa schifo. Guarda, non ho usato i loro codici, non ho usato proprio niente, te lo giuro. Senti, uno che costruisce una sedia non deve soldi a chiunque abbia mai costruito una sedia. Sono venuti da me con un'idea. Ne ho avuta una migliore.
  • – Non sappiamo ancora di che si tratta, non sappiamo cosa sia, non sappiamo cosa può essere, non sappiamo cosa... diventerà, sappiamo solo che è fico! E questo è un valore inestimabile a cui non rinuncio.
    – E quando sarà finito?
    – Non finirà mai. È questo il punto. Come la moda. Non finisce mai.

Note[modifica]

  1. Cfr. post su Facebook.com.
  2. Cfr. Chiara Cini, Facebook per tutti: Guida per divertirsi in sicurezza, Apogeo Editore, p. 7. ISBN 88-503-1646-1
  3. Cfr. Stefano Epifani, Alessio Jacona, Magda Paolillo e Roberto Lippi, Manuale di comunicazione politica in rete: Costruire il consenso nell'era del web 2.0, Editrice Apes, 2012, p. 190. ISBN 88-7233-061-0

Altri progetti[modifica]