Nikola Tesla

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Ritratto di Nikola Tesla

Nikola Tesla (1856 – 1943), fisico, inventore e ingegnere serbo naturalizzato statunitense.

  • La teoria [della relatività] è come un mendicante vestito color porpora che la gente ignorante scambia per un re. (dal New York Times dell'11 luglio 1935, p. 23)
  • Se Edison deve cercare un ago in un pagliaio procede con la diligenza dell'ape nell'esaminare paglia per paglia fino a quando trova l'oggetto della sua ricerca. Ero testimone dispiaciuto di tale comportamento, sapendo che un po' di teoria e di calcoli avrebbero evitato il novanta per cento del suo lavoro. (da New York Times, 19 ottobre 1931)
  • La scienza non è nient'altro che una perversione se non ha come suo fine ultimo il miglioramento delle condizioni dell'umanità. (citato in Massimo Teodorani, Tesla Lampo di Genio, Macro Edizioni, p. 13)
  • Il progressivo sviluppo dell'uomo dipende dalle invenzioni. Esse sono il risultato più importante delle facoltà creative del cervello umano. Lo scopo ultimo di queste facoltà è il dominio completo della mente sul mondo materiale, il conseguimento della possibilità di incanalare le forze della natura così da soddisfare le esigenze umane. (incipit di My Inventions, Electrical Experimenter, 1919)
  • Lasciamo che il futuro dica la Verità, e giudichiamo ciascuno secondo la propria opera e gli obiettivi. Il presente è loro; il futuro, per il quale ho realmente lavorato, è mio.
Let the future tell the truth and evaluate each one according to his work and accomplishments. The present is theirs; the future, for which I really worked, is mine. (citato in Tesla, Master of Lightning, p. 73)
  • I nostri pregi e i nostri difetti sono inscindibili, proprio come la forza e la materia. Quando si separano, l'uomo non è più. (Sull'Incremento dell'Energia Umana: con un riferimento particolare all'energia solare, Piano B, p.27)
  • La trasmissione economica dell'energia senza fili è di importanza fondamentale per l'uomo. Gli permetterà infatti di dominare incontrastato sull'aria, sul mare e sui deserti. L'uomo sarà libero dalla necessità di estrarre minerali o petrolio, trasportare e bruciare combustibili, abolendo così molteplici cause di inquinamento. Il glorioso sole diventerà il nostro servo ubbidiente. Pace e armonia si diffonderanno sulla Terra. (Nikola Tesla in Electrical World and Engineer 7 gennaio 1905)
  • Le lotte fra individui, come fra governi e nazioni, derivano invariabilmente da incompresioni, intese nel senso più ampio del termine. (citato in Assassin's Creed II da affermazioni vere)
  • Le incompresioni sono sempre causate dall'incapacità di comprendere il punto di vista altrui. Il miglior modo per combattere l'ignoranza è quello di diffondere la conoscenza in modo sistematico. Con questo obiettivo in mente, è fondamentale favorire gli scambi di idee e le relazioni umane. (citato in Assassin's Creed II da affermazioni vere)
  • Il denaro non ha tutto quel valore che gli uomini gli hanno attribuito. Tutto il mio denaro è stato investito in esperimenti, permettendomi di giungere a scoperte che hanno contribuito a migliorare la vita dell'uomo. (citato in Assassin's Creed II da affermazioni vere)
  • Mi ero profondamente interessato ai fenomeni elettrici grazie alla stimolante influenza del mio professore di fisica, un uomo ingegnoso che spesso ci dimostrava i principi mediante strumenti di sua invenzione. Tra questi ricordo un dispositivo a forma di lampadina, libera di ruotare su se stessa e rivestita con fogli di alluminio, che iniziava a ruotare più velocemente appena veniva collegata a una macchina elettrostatica. È impossibile per me esprimere adeguatamente l'intensità delle sensazioni che provavo assistendo alle dimostrazioni di questi misteriosi fenomeni. Ogni effetto produceva migliaia di eco nella mia mente. Volevo saperne di più di questa meravigliosa forza; desideravo sperimentare e investigare. (da Le mie invenzioni, op. cit., pp. 45-6)
  • Sono considerato da tutti un lavoratore instancabile, e se vogliamo considerare il pensiero e la riflessione come un lavoro, allora lo sono davvero, perché ho dedicato loro tutte le mie ore da sveglio. Se il lavoro invece è considerato come una prestazione eseguita in un determinato tempo e in base a un ruolo ben definito, allora io sono il peggiore degli scansafatiche. Ogni sforzo eseguito sotto costrizione esige un grande sacrificio in termini di energia vitale. Non ho mai pagato un tale prezzo. Al contrario ho prosperato grazie ai miei pensieri. (Ivi, pp. 5-6)

Bibliografia[modifica]

Altri progetti[modifica]