Elio e le Storie Tese

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Studentessi)
Jump to navigation Jump to search
Elio e le Storie Tese, 2007

Elio e le Storie Tese è un gruppo musicale italiano di Milano, fondato da Stefano Belisari (in arte Elio) nel 1980; i suoi componenti sono Elio (Stefano Belisari), Faso (Nicola Fasani), Jantoman (Antonello Aguzzi),Cesareo (Davide Civaschi), Rocco Tanica (Sergio Conforti), Feiez (Paolo Panigada, deceduto), Christian Meyer.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi: Elio (cantante).

Elio Samaga Hukapan Kariyana Turu[modifica]

Etichetta: Psycho/CBS, 1989, prodotto da Otar Bolivecic.

  • Senti come grida il peperone. (da Piattaforma)
  • Accidenti alla donna volante e al pericolo costante. (da Carro)
  • Tra il dire e il fare c'è di mezzo "e il" e una rondella non fa primavera. (da Carro)
  • Me l'avevan detto che donne, buoi e motori son gioie e dolori. (da Carro)
  • Seduto nella vasca, | emetto certe bolle che, salendo a galla, | corron sulla schiena fandomi felice; | giunte in superficie non mi piaccion più. (da Nubi di ieri sul nostro domani odierno (abitudinario))
  • Cara ti amo | Mi sento confusa | Cara ti amo | Devo stare un po' da sola | Cara ti amo | Esco da una storia di tre anni con un tipo | Cara ti amo | Non mi voglio sentire legata. (da Cara ti amo)
  • Ho rilanciato il film muto | perché sono muto | e se fossi stato cieco | avrei lanciato il film cieco | e se fossi stato m | avrei lanciato il filmm. (da John Holmes (una vita per il cinema))
  • Trenta centimetri di dimensione artistica. (da John Holmes (una vita per il cinema))
  • C'è un dirigibile marrone senza elica e timone dentro me! (da Nubi di ieri sul nostro domani odierno)
  • Rimani in casa | Voglio essere libera | Esci allora pure con chi ti pare | Non ti interessi mai di quello che faccio | Vorrei palparti le tette | Porco! | Mai non ti toccherei neanche con un fiore | Finocchio! (da Cara ti amo)
  • Ditemi perché se la mucca fa mu il merlo non fa me. (da Nubi di ieri sul nostro domani odierno (abitudinario))

Italian, Rum Casusu Cikty[modifica]

Etichetta: Hukapan/Sony Music, 1992, prodotto da Otar Bolivecic.

  • Siamo tutti servi della gleba | e abbiamo dentro il cuore una canzone triste | Servi della gleba a testa alta | verso il triangolino che ci esalta. (da Servi della gleba)
  • Mi fanno ridere quando sono triste, che mi fanno ridere quando sono felice, che mi fanno ridere quando sono medio; in pratica mi fanno ridere sempre, quel fottio di animaletti inventati da me. (da Il vitello dai piedi di balsa)
  • Nel boschetto della mia fantasia ora c'è un vitello senza più i piedi, che invoca pietà, quand'ecco che un piccolo amico si avvicina... "Mi presento son l'orsetto ricchione, e come avrai intuito adesso t'inculo." (da Il vitello dai piedi di balsa)
  • L'occhio spento e il viso di cemento, lei è il mio piccione io il suo monumento. (da Servi della gleba)
  • Probabilmente non mi accoppio, | ma le tue trombe di Falloppio suonerò. (da Essere donna oggi)
  • Come faranno | 4 elefanti a stare in una Cinquecento? | Due davanti e due di dietro. (da Cinquecento)
  • Come farò | a far l'amore in Cinquecento? | Con te davanti e il cambio dietro. (da Cinquecento)
  • Cinquecento, | coi tuoi problemi di avviamento, | [...] | sei la vettura del momento. (da Cinquecento)
  • Ruotate le dita. Unite le falangi. | Bene, ora ripetete con me | più umano più vero | È un ballo straniero. | Qui l'atmosfera sa di PIPPPERO. | Se in discuteca balli u Pippperupippero. (da Pipppero)
  • Ma raga', io lavoro tutto il giorno, tiro il carrello, scarico la frutta dentro nel verziere, mi arriva il primo fesso con la moto a scurreggetta e mi sveglia? (da Supergiovane)
  • – Hai messo l'antigelo col freddo che fa? |– L'hai messo colà? |– Sì. |– Hai visto se il livello è fra min e max? |– mmmhh... Sì. |– Ma il mio vano motore è troppo vano e poco motore: lo illuminerò! |– Sei forte Papalli! |– Con una candela di cera. |– Evabeh. |– Che non c'era?! (da La vendetta del fantasma formaggino)
  • – Mah, mi ha detto il medico che ho le papille gustative interrotte... | – Eh? |– Sì, poi ci ho un gomito che mi fa contatto col piede... |– Cosa? |– Mio padre che è rimasto chiuso nell'autolavaggio... |– Prego? |– No no, è che ho delle storiacce con la tipa... |– Aaaah! Lei ti ha dato il due di picche! (da Servi della gleba)
  • – Ma non starai mica piangendo? |– No, è che mi è entrata una bruschetta nell'occhio! (da Servi della gleba)
  • Che cosa devo fare? Mi vuoi mettere una scopa in culo così ti ramazzo la stanza? (da Servi della gleba)
  • La morte viene silenziosa come un alce | dai vivi ci separa con il taglio di una falce. (da Urna, n. 14)
  • Ma mentre parlo | tu non mi ascolti | I casi sono due | o non mi ami più o sei morta | Propenderei per la seconda ipotesi | perché emani un fetore nauseabondo. (da Urna, n. 14)
  • Niente marijuana né pasticche | noi si assume solo il due di picche. (da Servi della gleba)
  • Per mano d'inglese, stavolta cadrai. Per man di francese scherzato verrai. Permani pure della tua opinione, ma su quel panino non mi spalmerai. (da La vendetta del Fantasma Formaggino)
  • C'è un amore in ogni borsello | se il tuo è proprio in quello che sfoggia lui | ritorna al Parco Capello, lo troverai là | ma in quel capannello di uomini col borsello | lui solo lo avrà in budello e gli altri | in finto bue. (da Uomini col borsello (Ragazza che limoni sola), n. 5)
  • Sono un ragazzo e mi alleno come un pazzo | con le ragazze di tutte le stazze | Pratico l'anal e l'arte del bondaggio come si vede nel mio cortometraggio.. (da Cartoni Animati Giapponesi)
  • Quella dove un orologio vien gettato da una torre e si fa a gara a chi lo prende prima ch'esso tocchi terra spaccandosi. | E allora l'italiano te lo porta un'ora indietro, poi raggiunge il marciapiede sottostante in largo anticipo, raccoglie al volo l'orologio ed in sostanza vince. (da La vendetta del Fantasma Formaggino) [barzelletta]

Not Unpreviously Unreleased'nt[modifica]

Etichetta: 1993.

Esco dal mio corpo e ho molta paura (Gli inediti 1979-1986)[modifica]

Etichetta: Hukapan/Sony Music, 1993, prodotto da Roberto Monguzzi/Imagic.

  • E del resto sarà capitato anche a voi | di trovarvi in una cameretta in un terrapieno | a 60 metri di profondità | e di sentirvi demotivati e depressi. (da La saga di Addolorato).
  • Ricordo bene | quando ti dissi | con grande calma | come Giucas Casella | ... ma vaffanculo! (da Faro)
  • Oh cavo, cavo, cavo, cavo, cavo | non dissaldarti, non dissaldarti | sono bravo, sono bravo come Uri Geller | ma vado in merda | se mi si dissalda il cavo. (da Cavo).
  • Come sono Felice Gimondi. Lo so che non è facile nella vita scoprire che c'è anche Eddy Merckx, ho quasi paura. (da Sono felice).
  • L'amico poliziotto ti aspetta, | ti invita sulla camionetta, | non respinger la sua carica di simpatia, | un balzo, sali a bordo e via! (da Amico Uligano).
  • Sono andato in un centro di allevamento di cinghiali in Lunigiana e ti ho comprato un cinghialino. | L'ho arrostito e l'ho riempito con un tacchino di terracotta, ripieno di un piccione, vivo, con il verme in bocca. | Ho arrostito tutto insieme, te l'ho portato, oh, non l'hai mangiato! | Eri immersa in una vasca di catalogna! Non si fa così! (da Catalogna).
  • Siamo cresciuti mangiando verdura | voglio morire con te (da Catalogna).
  • Aborto, aborto, smaliziato dove vai? | Aborto, aborto, travisato tu che fai? | Aborto, aborto, sai di stupida ironia, ma l'aborto sa anche farti compagnia. (da (Gomito A Gomito Con L') Aborto).

Eat the Phikis[modifica]

Etichetta: Aspirine/Bmg, 1996, prodotto da Otar Bolivecic.

  • Parcheggi abusivi, applausi abusivi, villette abusive, abusi sessuali abusivi; tanta voglia di ricominciare abusiva. (da La terra dei cachi)
  • Appalti truccati, trapianti truccati, | motorini truccati che scippano donne truccate; | il visagista delle dive è truccatissimo. (da La terra dei cachi)
  • Vi saluto con l'altra mano. (da Burattino senza fichi)
  • Sai, la scritta che hai scritto, sai, mi piace assai. Sai... (da T.V.U.M.D.B)
  • Se non è amore dopo il seme c'è la fuga. (da Lo stato A, lo stato B)
  • Vivo come voi, soffro come voi, rido come voi, lo prendo in culo come voi... ma amo più di voi. (da Omosessualità)
  • Mi ha detto mio cuggino che una volta ha trovato un cane in spiaggia e invece era un topo. (da Mio cuggino)
  • Mi ha detto mio cuggino | che da bambino una volta è morto. (da Mio cuggino)
  • Perché nessuno mi dice a cosa serve la milza? (da Milza)
  • Brufolazzi, tapparella giù e bottiglia, più ascella purificata... ti ricordi che meraviglia la festa delle medie? (da Tapparella)
  • ...chiedo Fonzi e mi danno avanzi. Cristo, perché?... (da Tapparella)
  • Non c'è amicizia, non c'è convenienza, non c'è cortesia e arrivando non ho visto neanche l'ampio parcheggio all'ingresso. (da Tapparella)
  • –Oh, ma... mi fa piacere che sei venuto, perché sai chi ti saluta un casino? | –Chi? | –STO CAZZO! (da Tapparella)
  • "No, continuo a sognare il bomba dei Take That" "che..." "Non dirlo | Tu non puoi" "Gli mancano tre buchi nel sedere" "Non è vero e lo sai" "Per essere ciccio bombo cannoniere... e andare ad abitare in Francia" (da T.V.U.M.D.B.)

Del meglio del nostro meglio Vol. 1[modifica]

Etichetta: Aspirine/Bmg, 1997, prodotto da Otar Bolivecic.

  • India, India, | quante volte ti ho vista sulla cartina | e ti ho sottovalutata! (da L'eterna lotta tra il bene e il male, n.° 6)
  • India, terra di santi indiani, poeti indiani, navigatori indiani. (da L'eterna lotta tra il bene e il male, n.° 6)

Peerla[modifica]

Etichetta: Aspirine/Bmg, 1998, prodotto da Otar Bolivecic.

  • Meglio adesso che sei un mito, da domani sarai un peto. (da Sunset Boulevard)
  • Appendi le scarpe al chiodo [...] | No, non le appenderò. | Ho provato ogni chiodo, | ho forato ogni muro. | Non so se ci riuscirò: | ho la casa in cartongesso | e non son pratico di bricolage. (da Sunset Boulevard)
  • La donna nuda. | Si depila col bic. | Tenta l'uomo dall'autobus. | Lo colpisce col cric. | La donna nuda. | Non rispetta gli stop. | Io le mostro la tessera. | Ma lei mi dice : non ti faccio salire perché non suoni nei Litfiba! (da La Donna Nuda)
  • I'm in the room | Waiting for Santa and for Claus | Suddently by night | They will arrive | Can't you feel the tipical cling cling cling ? | Presents for the good | Coal for the bad | Proprio come diceva mia mamma! | Christmas with the yours | Easter what you want | [...] | Panettone is on the table | And everybody is drinking Moscato | Go to buy a tree | But not a true tree | Because otherwise it will die die die! | Panettone is on the table | But it is another one | Infatti è quello senza canditi! (da Christmas With The Yours)
  • E infine Luca di Montezuma [Luca Cordero di Montezemolo] dal suo elicottero azteco gli incassi devolverà! (da Giocatore Mondiale)
  • Fondamentalmente agli americani non interessano | i mondiali di calcio americani. (da Nessuno allo stadio)
  • Confidiamo che la faglia non esiga il tuo tributo di sangue | ai mondiali di calcio americani. (da Nessuno allo stadio)
  • Nessuno sugli spalti, nessuno in panchina | nessuno palleggia, nessuno che moviola | nessuno allo stadio, nessuno bagarino | nessuno realizza, nessuno fluidifica: | nobody at the stadium. (da Nessuno allo stadio)
  • Se Agbonavbaré difenderà la propria porta | nei mondiali di calcio americani, | forse la Nigeria vincerà questi famosi campionati di calcio | mondiali americani. (da Nessuno allo stadio)
  • Trama giocator nell'ombra sai, lo spacciatore di doping! Primo lui giocator te lo dona sai, dopodiché entri nel tunnel! | Ma il tunnel, giocatore mondiale sai, non è quello che ti porta in campo, ma bensì, giocatore mondiale, quello delle iniezioni di marijuana! (da Giocatore Mondiale)
  • La serie B si basa sul concetto di banana | di piede | la squadra retrocede | E il mister silurato si ritira e fa una fine tipo Agroppi. (da Il concetto di banana)
  • Ti amo, ti amo campionato perché non sei falsato | Anche se inizialmente eri sembrato ma in realta' non sei falsato | L'ha detto Umberto Agnelli l'han detto tanti critici di calcio | L'ha detto tanta gente, insomma : non sei falsato | Anche se sarebbe sembrato | Ad esempio mi era sembrato, che in Juventus – Roma | Dell'8 febbraio '98, quando l'arbitro Messina non ha dato un rigore su Gautieri | E ad esempio anche in Brescia – Juve dell'8 febbraio '98 | Quando il signor Bettin non ha dato un rigore a Hubner un rigore grosso cosi' (da Ti amo campionato)

Craccracriccrecr[modifica]

Etichetta: Aspirine/Bmg, 1999, prodotto da Otar Bolivecic.

  • Maledetto rock and roll, tu | spacchi gli alberghi e orini sul mondo. (da Il rock and roll)
  • Mi manca la canzone d'altri tempi, | ingenua e piena di malizie, | che cementava le amicizie | e poi si andava tutti a capinere. | Invece la canzone d'oggigiorno | la fanno utilizzando i macchinari, | non te la levi più di torno | con la sua cassa rotterdam. (da La Bella Canzone Di Una Volta)
  • L'uomo moderno è nervosetto. | La vita media s'è allungata. | L'uomo moderno passa più tempo nervosetto, | nel letto. | La medicina per ballare, | la medicina per gli approcci, | la medicina per invitarti a casa mia, | nel letto. (da Farmacista)
  • Mi sogno libera in un mondo senza cacchio, | dove l'amore non voglia dire: "cacchio". | Guardo in tasca e trovo solo pochi euro, | ma cosa importa, c'ho l'amore senza cacchio. | Per cui mi prendo sottobraccio il mio ragazzo, | la gggitarella fuori porta ce facciamo | e amoreggiando senza cacchio ci scoppiamo | 'sti quattro euro de felicità. (da Nudo e Senza Cacchio)
  • Mi piace la bi, mi piace la bi | mi piace la bicicletta | ci faccio dei gi, ci faccio dei gi | ci faccio dei giri; | incontro la fi, incontro la fidanzata | le mostro il mio ca, le mostro il mio ca | le mostro il mio cambio | le mostro il mio ca, le mostro il mio cagnolino; | le mostro il mio ca, le mostro il mio cappellino; | e infine il mio ca, e infine il mio caro amico | nel senso del caz, nel senso del caz, | nel senso del kazoo. (da Evviva)
  • Passano i secoli, passano i millenni, | passano gli uomini che si alternano ai governi. | Passa la palla ché il gioco è bello in tanti, | ma quello che non passa è l'arroganza dei potenti; | non conoscono pudore, non conoscono vergogna, | per questo il loro verbo è solo squallida menzogna. | E prego madre terra con lo sguardo al cielo: | illumina la strada in questo buco nero. (da La visione)
  • Piove, piove, il gatto non si muove, | si accende la candela, mi appare Mandela | mi dice buonasera poi mi fa le menate | perché per molto meno ha sclerato in cella. | Ma quante candele avrà consumato Mandela? | Perché uno è presidente non può essere stato in prigione? | Lo vedi sorridente e non ci pensi, coglione. | Sei proprio un coglione. (da La visione)
  • Il traffico peggiora quando c'è la pioggia | e tutti si trasformano in guidatori stanchi, | guidatori funky, fanculo a tutti quanti. (da La visione)
  • Mi tagliano la strada mentre sono in moto, | li mando affanculo, gli mostro lo scroto. | Non scruti lo scroto perché sei discreto, | lo scroto è di creta e lo metto nel forno, | un crotalo è di creta e lo metto nel forno. | Un crotalo di carattere? Lo metto nel forno. | Insomma, io tutti i crotali li metto nel forno. | Cosa ci volete fare? Io ho paura dei crotali. | Accendo il forno, mi guardo un porno, | un porno di crotali che fanno sesso, | in che senso, odore d'incenso, saluto dj Cenzou. (da La visione)
  • Discomusic, discomusic, | col volume l'autoradio mi distruggi. | Sulla macchina ho un impianto | che è costato dei milioni e me ne vanto. | Io non capisco tutto questo rock and roll, | io non capisco la si do re mi fa sol; | io non capisco, non capisco, non capisco | e allora ballo la discomusic. (da Discomusic)
  • Dieci baronetti come te si trovarono un giorno convocati da Bob Dylan, il quale disse loro: "Che ne dite di formare un complesso e di chiamarci Bob Dylan?". Prese la parola John, disse: "Non ti seguirò. Presto, Ringo, Paul e George, costituiamo i Beatles. Presto, Ringo, Paul e George, cantiamo Yesterday". (da Beatles, Rolling Stones e Bob Dylan)
  • Caro 2000, quanto tempo è già passato dal lontano 0 | proprio non te l'aspettavi che toccasse a te | ma la lista d'attesa è finita. (da Caro 2000, n. 12)
  • Nel 100000 l'uomo si sarà evoluto ed avrà fatto tutto | la natura si sarà rimboschita un po' | e volare non sarà un problema || Con un filo d'erba salverò l'umanità | con le branchie salveremo chi non sa nuotare | e voleremo con facilità. (da Caro 2000, n. 12)

Tutti gli uomini del deficiente[modifica]

Etichetta: Aspirine/Bmg, 1999, prodotto da Otar Bolivecic.

  • Psichedelia, ti fai gli acidi e poi sei in acido. | Psichedelia, ti fai le basi e poi sei basico.(da Psichedelia)
  • Un signore entra in un caffè, splash. (barzelletta da Risate a denti stretti)
  • Un tale si reca all'aeroporto, e nota fra i vari distributori automatici una macchinetta molto particolare, con sopra la scritta "Sostituisce la donna" e un foro circolare. Quel signore si chiede: "Sostituisce la donna? In che senso?". Comunque, incuriosito ma anche circospetto, infila prima i soldi poi il membro nel foro. Passano alcuni istanti, poi prorompe in un urlo lancinante: "Aaaah!". Estrae il membro e c'è cucito sopra un bottone. (barzelletta da Risate a denti stretti)
  • Come fanno quattro elefanti a stare in una 500? Quattro davanti. (barzelletta da Risate a denti stretti)
  • Non uscire col ministro senza portafoglio | perché il conto poi pagare ti fa. (da Presidance®)

Cicciput[modifica]

Etichetta: Aspirine/Bmg, 2003, prodotto da Otar Bolivecic.

  • "Aspettate, questo è un equivoco!" ci provò Gimmi a discolparsi, ma gli tapparono la bocca, e sangue, poi bastonate, sputi, pugni e calci. Giustizia è fatta, pensò la gente, ma in verità non era stato giusto. Perché okay, sì, Gimmi Ilpedofilo, ma "Ilpedofilo" era il cognome. (da Gimmi I.)
  • La follia della donna | quel bisogno di scarpe che non vuole sentire ragioni | Cosa sono i milioni | quando in cambio ti danno le scarpe? (da La follia della donna (parte 1))
  • Fossi figo guiderei una grande jeep | fino in disco attesissimo in zona V.I.P., | il mio nome sarebbe sempre incluso nella lista, | non dico proprio il primo della lista | ma neanche l'ultimo degli stronzi. (da Fossi Figo)
  • Io per piacervi | mi epilerei per tutto il santo giorno | come le balle di un attore porno. (da Fossi figo)
  • C'est la chanson du garçon ancien | qui 'ne va plus à la discothèque. | Mais les garçons veulent les jeunes filles | et les jeunes filles sont à la discoteque. | Mais le jeunes filles ne dansent pas | avec un homme de quarante ans, | elles dansent seulement | avec garçons de vingt ans. | Je voudrais des fiches pour moi. | Pas de boirnarde! | "Bonsoir, voilà, | nous sommes les fiches de bois, | monsieur regarde notre boirnarde! | Viens chez nous, vous êtes un vieux garçon | mais vous avez beaucoup d'argent, | la voiture et la maison." | Voilà, le garçon ancien c'est moi. | Barman, je bois caipiroska. | Okay, je suis comme Johnny Halliday, | mes dames acceptent ma superbaguette. (da La chanson)
Questa è la canzone del ragazzo anziano | che non va più in discoteca. | Ma i ragazzi vogliono le ragazze giovani | e le ragazze giovani sono in discoteca. | Ma le ragazze giovani non ballano | con un uomo di quarant'anni, | danzano solamente | con ragazzi di vent'anni. | Vorrei delle fighe per me. | Niente figa! | "Buonasera, eccoci, | siamo le fighe di legno, | signore guardi la nostra figa! | Venga a casa nostra, siete un ragazzo vecchio | ma avete un mucchio di soldi, | l'automobile e la casa." | Eccomi, il ragazzo anziano sono io. | Barman, io bevo caipiroska. | Okay, sono come Johnny Halliday, | le mie signore accettano la mia superbaguette.
  • Grazie, Giulio, di questa dritta per il ponte | Della dritta per il ponte | Mi precipito a costruirne uno qui di fronte | Costruirne uno qui di fronte | per unire sponde prima d'oggi irraggiungibili | come sullo stretto di Messina. (da Pagano)

Studentessi[modifica]

Etichetta: Hukapan, 2008, prodotto da Elio e le Storie Tese e MC Costa.

  • [Riferito a L'esorcista] In panciolle me ne sto, | visiono un film magnifico, | quello dove c'è la ragazzina posseduta dal demonio | con il prete che alla fine va giù, | la sua mamma è preoccupata | perché dice parolacce e manda tutti a fancù, | poi c'è quella scena che il prete si avvicina | e lei gli spara del vomito verde che aveva nel Gargaroz (da Gargaroz)
  • Hai sentito la novità? | lo squalo bianco si estinguerà. | Sì, però Lo squalo | quello di Spielberg | mi ha rovinato il piacere del bagno in mare. | E per forza mangiava motoscafi, barche, pontili e bomboloni del gas | e con questa dieta | ricca di legname | ti s'incastra qualcosa nel Gargaroz. (da Gargaroz)
  • Giù nel gargaroz | sento il diavoloz | datemi un rimedio per le mie tonsille rosse | caramelle pa' a tosse. (da Gargaroz)
  • Sedicimila firme | niente cibo per Rocco Tanica | però il bosco l'hanno rasato | mentre la gente era via per il ponte | se ne sono battuti il cazzo | ora tirano su un palazzo | hanno distrutto il Bosco di Gioia | questi grandissimi figli di troia. (da Parco Sempione)
  • Pulci giganti ammantate di mistero | mi hanno dato un buon lavoro | e mi pagano anche in nero. (da Supermassiccio)
  • Mi ricordo di un ricordo | spero che non me lo scordo | un ricordo di fanciullo | che mi dona sicurezza | e per non dimenticarlo | io mi alleno a ricordarlo. (da Effetto Memoria (Inverno))
  • Balliamo l'Heavy Samba | in piedi su una gamba. | Se una sola ti risulta stramba | danza pure con entramba. (da Heavy Samba)
  • Pochi sanno che ascoltando all'incontrario il Death Metal | scopriranno dei messaggi che ascoltati all'incontrar | sono uguali al Death Metal che avevi prima di girarli. (da Suicidio a Sorpresa)
  • Dart Fener: You don't know the power of the dark side...
    Christian Meyer: Eh sì, ciao ciao! (da Suicidio a Sorpresa)

L'album biango[modifica]

Etichetta: Hukapan/Sony Music, 2013, prodotto da Elio e le Storie Tese e MC Costa.

  • La musica balcanica ci ha rotto i coglioni | è bella e tutto quanto ma alla lunga rompe i coglioni. (da Complesso del primo maggio, n. 15)
  • Il Primo Maggio è fatto di gioia ma anche di noia. (da Complesso del primo maggio, n. 15)

Incipit di Animali spiaccicati[modifica]

Caro Manitù,
non so se capisci la mia lingua
ma se sei una divinità come dici dovresti capirla
se invece non la capisci organizzati, tonto.
Io mi chiamo... [inserire proprio nome]...
ma il mio nome indiano è Alce Che Cammina
[oppure Alce Che Sta Fermo, Orso Grigio, Topo Cane, Aquila Della Notte,
Rinoceronte Che Ride, Lama Che Sputa, Bisonte Gay, Volpe Astuta,
Volpe Rincoglionita o altro nome indiano a scelta]
e non ti parlo con lingua biforcuta.

Bibliografia[modifica]

  • Elio e le Storie Tese, Animali spiaccicati, ovvero Il Nuovissimo Metodo per entrare alla grande nel mondo dei grandi, Einaudi, 2004. ISBN 8806170236

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]

Collegamenti esterni[modifica]