Valentina Cortese

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search
Valentina Cortese

Valentina Cortese (1923 – vivente), attrice italiana.

Citazioni di Valentina Cortese[modifica]

  • [Su Giorgio Strehler] La sua ex diceva che lui amava incontri erotici di gruppo: che strano, quando stava con me gli bastavo io.[1]

Da Cortese: "La mia avventura a Hollywood finì con un whisky in faccia al re della Fox"

Intervista di Antonio Gnoli, Repubblica.it, 18 maggio 2014.

  • [Su Alda Merini] Alda era innamorata della vita. Di fronte all'amore non capiva più niente. Mi manca la sua ricchezza interiore. Si è lasciata spremere. Non dava importanza alle cose materiali.
  • [Sul suo rapporto con Giorgio Strehler] Giorgio fu letteralmente un'altra cosa. Da lui aspettavo una bambina che persi nella gravidanza. Il nostro legame si rafforzò. Al di là delle incomprensioni, burrasche, litigi, che pure ci furono. Credo che nessuno mi abbia arricchito spiritualmente e umanamente come ha fatto lui. Mi sorprendo ancora quando penso al modo in cui sapeva farmi crescere, anche nella sofferenza che pure era capace di infliggermi.
  • [Sulla morte di Giorgio Strehler] Giorgio se ne è andato una notte di Natale. È curioso che nel grande evento della nascita lui ci abbandonasse. Non c'era tristezza in lui, ma la convinzione che la sola cosa che può salvarci è il teatro. Era la sua fede.
  • Gli errori sono come i versi mai letti di una poesia.
  • I grandi amori portano spesso grandi dolori.
  • [Su Marlene Dietrich] La donna meno costruita che abbia conosciuto. Era intelligente, brava, schietta. Ma anche furba. Non nascondeva nulla di sé, ma al tempo stesso dava a volte l'impressione di una donna che aveva dovuto lottare ferocemente per affermarsi.
  • [Sull'incontro con Greta Garbo] Lo stomaco si chiuse per l'emozione. Lei parlò pochissimo. Guardavo il suo volto lunare e pensai che le leggende non sono il passato, ma il presente che irrompe e sconvolge.
  • [Su François Truffaut] Lui era un genio al servizio della gentilezza, un uomo che aveva provato la sofferenza del riformatorio e l'ebbrezza del successo.
  • [Su Marilyn Monroe] Mi colpì la sua pelle chiarissima. Sembrava una nuvola di panna montata. Mi sembrò una donna insicura, fragile e spaventata.
  • Un attore deve prendere il divino dal fondo di se stesso. Se lo ha, si lasci pure possedere.

Note[modifica]

  1. Da Valentina Cortese e Enrico Rotelli, Quanti sono i domani passati, Arnoldo Mondadori Editore, 2012.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]

donne Portale Donne: accedi alle voci di Wikiquote che trattano di donne