The Clash

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Clash)
The Clash, live ad Oslo, 1980

The Clash (1976 – 1985), gruppo musicale britannico. Composto da Joe Strummer, Mick Jones, Paul Simonon, Topper Headon. Altri membri sono stati: Keith Levene, Terry Chimes, Rob Harper, Pete Howard, Nick Sheppard, Vince White.

Citazioni tratte da canzoni[modifica]

The Clash[modifica]

Etichetta: CBS Records, 1977, prodotto da Mickey Foote, Bill Price.

  • Non si può far rumore | Non ci si può sistemare | Non si possono far soldi | Non se ne può venir fuori | Non sei tagliato per i grandi affari | Non è gradito ciò che fai | Non hai quattrini | E quindi non hai potere | Ti considerano inutile e perciò sei punk!
Can't make a noise | Can't get no gear | Can't make no money | Can't get outta here | Big business it don't like you | You got no money | You got no power | They think you're useless an' so you are punk! (da Remote Control, n.° 2)
  • Non si possono fare progressi | Non si va avanti | Non si può fermare il declino | Non voglio finire stecchito | Attento a quelle regole e a quei regolamenti | A che serve un Parlamento | Seduto tutto il giorno a fare leggi? | Sono tutti grassi e vecchi | In coda per la Camera dei Lord | Repressione... scatterà martedì | Repressione... diventerò un Dalek | Repressione... sono un automa | Repressione... obbedisco.
Can't make no progress | Can't get ahead | Can't stop the regress | Don't wanna be dead | Look out those rules and regulations | Who needs the Parliament | Sitting making laws all day? | They're all fat and old | Queuing for the House of Lords | Repression... gonna start on Tuesday | Repression... gonna be a Dalek | Repression... I am a robot | Repression... I obey. (da Remote Control, n.° 2)
  • Messaggio del dollaro americano | Ai dittatori del mondo | In realtà sta emanando ordini | E loro non possono permettersi di perdere una parola | Non ne posso più degli Stati Uniti | Ma che ci posso fare?
Yankee dollar talk |To the dictators of the world | In fact it's giving orders | An'they can't afford to miss a word | I'm so bored with the USA | But what can I do? (da I'm So Bored With the USA, n.° 3)
  • Freghiamocene delle stelle e strisce | Pubblichiamo i nastri del Watergate | Darò il benvenuto alla nuova onda | E spero che nessuno si salvi | Non ne posso più degli Stati Uniti | Ma che ci posso fare?
Never mind the stars and stripes | Let's print the Watergate tapes | I'll salute the new wave | And I hope nobody escapes | I'm so bored with the USA | But what can I do? (da I'm So Bored With the USA, n.° 3)
  • Tutto il potere è nelle mani | Di gente abbastanza ricca per comprarselo | Mentre noi camminiamo per strada | Troppo polli anche solo per provarci. | Tutti fanno | Quello che è stato detto loro di fare | E nessuno vuole | Finire in prigione! | Prendi il controllo | O prendi ordini?
All the power's in the hands | Of people rich enough to buy it | While we walk the street | Too chicken to even try it. | Everybody's doing | Just what they're told to | Nobody wants | To go to jail! | Are you taking over | Or are you taking orders? (da White Riot, n.° 4)
  • Odio e guerra...le uniche cose che ci restano oggi | E se chiudo gli occhi | Non se ne andranno | Devi fartene una ragione | Così va il mondo | Odio... odio... odio | L'odio di una nazione | A un milione di miglia da casa...
Hate and war... the only things we got today | An'if I close my eyes | They will not go away | You have to deal with it | It is the currency | Hate... Hate... Hate | The hate of a nation | A million miles from home... (da Hate & War, n.° 5)
  • Che diavolo c'è in me che non va? | Non sono ciò che vorrei essere | Ho tentato con la crema per i brufoli e le ho provate tutte | Mi sto arrampicando sui vetri | Qual è il mio nome? Nome...
What the hell is wrong with me? | I'm not who I want to be | I tried spot cream an' I tried it all... | I'm crawling up the wall | What's my name? Name... (da What's My Name, n.° 6)
  • Ora di notte mi aggiro sul retro di casa tua | Spiando dalla finestra... | Dormi sodo? | Mi faccio beffe delle tue serrature con la mia striscia di celluloide | E non saprai mai chi è entrato | Qual è il mio nome...?
Now I'm round the back of your house at night | Peeping in the window... | Are you sleeping tight? | I laugh at your locks with my celluloid strip | An' you won't know who came | What's my name...? (da What's My Name, n.° 6)
  • Londra brucia! Londra brucia! | Per tutta la città, per tutta la notte | Ognuno guida con gli abbaglianti accesi | Bianchi o neri datevi una sveglia | Affrontate la nuova religione | Stanno seduti tutti in cerchio a guardare la televisione!
London's burning! London's burning! | All across the town, all across the night | Everybody's driving with full headlights | Black or white turn it on | Face the new the religion | Everybody's sitting' round watching television! (da London's Burning, n.° 8)
  • Le opportunità di carriera sono quelle che non capitano mai | Ti offrono lavori per tenerti in alto mare | Opportunità di carriera, quelle che non capitano mai | Odio l'esercito e odio la RAF | Non voglio andare a combattere nel caldo tropicale | Odio le regole della burocrazia | E non aprirò lettere esplosive al posto vostro.
Career opportunities are the ones that never knock | Every job they offer you is to keep you out the dock | Career opportunity, the ones that never knock | I hate the army an'I hate the RAF | I don't wanna go fighting in the tropical heat | I hate the civil service rules | And I won't open letter bombs for you. (da Career Opportunities, n.° 9)
  • Imbroglia, imbroglia se non puoi vincere | Nessuno sa che stanno facendo | È fuori dal tuo controllo e il venerdì notte è un disastro | Se vuoi sopravvivere è meglio che impari a mentire | Non rispettare le regole | Non fanno per te, è roba da fessi | E sei fesso se non lo sai | Rispetta le regole allora, | fesso che sei!
Cheat, cheat if you can't win | Nobody knows what they are doing | It's beyond your control, an'Friday night's a ruin | If you wanna survive you better learn how to lie | Don't use the rules | They're not for you, they're for the fools | And you're a fool if you don't know that | So use the rule you stupid fool! (da Cheat, n.° 10)
  • Siamo una banda da garage | Veniamo dalla terra dei garage | Intanto le cose si stanno scaldando per bene nel West End | Contratti negli uffici, gruppi nella notte | Quei pezzenti sfigati dei miei amici hanno tutti stivali nuovi | E qualcuno mi ha appena chiesto se il gruppo indosserebbe abiti firmati | Non voglio sapere che cosa fanno i ricchi | Non voglio andare dove vanno i ricchi | Pensano di essere così intelligenti, pensano di essere così a posto | Ma solo i ragazzi di strada conoscono la verità.
We're a garage band | We come from Garageland | Meanwhile things are hotting up in the West End alright | Contracts in the offices, groups in the night | My bummin' slummin' friends have all got new boots | An' someone just asked me if the | Group would wear suits | I don't wanna hear about what the rich are doing | I don't wanna go to where the rich are going | They think they're so clever, they think they're so right | But the truth is only known by guttersnipes. (da Garageland, n.° 14)

Give 'Em Enough Rope[modifica]

Etichetta: CBS Records, 1978, prodotto da Sandy Pearlman.

  • Sono andato nel luogo in cui ogni viso pallido è un invito | Alla rapina | E seduto qui nella mia sicura casa europea | Non voglio più tornare là...
I went to the place where every white face is an invitation | To robbery | An' sitting here in my safe European home | I don't wanna go back there again... (da Safe European Home, n.° 1)
  • L'esercito del nuovo partito stava marciando sulle nostre teste | Bene | Eccoti là, ah, ah, ti avevo avvertito | Dicono tutti quelli che conosciamo | Ma chi ha nascosto una radio nel sottoscala | E chi è stato preso alla sprovvista? | Mentre l'esercito del nuovo partito saliva le scale a passo di marcia...
The new party army was marching right over our heads | Alright | There you are, ha ha, I told you so | Says everybody that we know | But who hid a radio under the stairs | An'who got caught out on their unawares? | When that new party army came marching right up the stairs... (da English Civil War, n.° 2)
  • Quando Johnny torna a casa marciando | Nessuno capisce che può accadere ancora | Il sole splende ed i bambini strillano | Ma dovete sapere che la luce filtra da uno squarcio fra le nubi | E le ombre cominciano a calare quando | Johnny torna a casa marciando.
When Johnny comes marching home again | Nobody understands it can happen again | The sun is shining an'the kids are shouting loud | But you gotta know it's shining through a crack in the cloud | And the shadows keep falling when | Johnny comes marching home. (da English Civil War, n.° 2)
  • Sarai morto a guerra vinta | Tommy il Cecchino... | Dovevi proprio farli fuori tutti? | Lo so, uccidere o essere uccisi | Una nazione predestinata deve avere soddisfazione | Qualunque cosa vuoi, la otterrai!
You'll be dead when your war is won | Tommy Gun... | But did you have to gun down everyone? | I can see it's kill or be killed | A nation of destiny has got to be fulfilled | Whatever you want, you're gonna get it! (da Tommy Gun, n.° 3)
  • Puoi essere un eroe in un'epoca che non ne ha Tommy il Cecchino... | Sto ritagliando la tua foto dalla prima pagina | Mi farò un giubbotto come il tuo | E darò il mio falso appoggio alla tua causa | Qualunque cosa vuoi, la otterrai!
You can be a hero in an age of none | Tommy Gun... | I'm cutting out your picture from page one | I'm gonna get a jacket just like yours | An'give my false support to your cause | Whatever you want, you're gonna get it! (da Tommy Gun, n.° 3)
  • Vedo tutti quegli innocenti | il sacrificio umano | se la morte è così a buon mercato | allora lo stesso vale per la vita.
I see all the innocents | the human sacrifice | if dead comes so cheap | then the same goes for life. (da Tommy Gun, n.° 3)
  • Ma c'è qualcuno che osserva | Dall'alto di quel versante | Perché Julie lavorava per la squadra narcotici | E sono dieci anni per te | Diciannove per te | E tu uscirai fra venticinque | Se sarai ancora vivo. | E venne infine la notte della più grande retata di sempre | Bloccarono ogni droga che era stata prodotta | Sporsero ottantadue mandati | Attraverso ottantadue porte | E smisero il travaso | Solo quando le celle furono tutte piene...
But there's someone looking down | From that mountainside | 'Cos Julie's been working for the drug squad | And it's ten years for you | Nineteen for you | And you can get out in twenty-five | That is if you're still alive. | An' then there came the night of the greatest ever raid | They arrested every drug that had ever been made They took eighty-two laws | Through eighty-two doors | And they didn't halt the pull | Till the cells were all full... (da Julie's Been Working for the Drug Squad, n.° 4)
  • C'è rock'n'roll ovunque | In ogni strada ed in ogni nazione | I ragazzi combattono come nazioni rivali | Muscoli contro cervello | Coltello contro catena | Ma è sempre sangue giovane | Che cola nei tombini.
It's rock'n'roll all over | In every street and every station | Kids fight like different nations | And it's brawn against brain | And it's knife against chain | But it's all young blood | Flowing down the drain. (da Last Gang in Town, n.° 4)
  • Si guardano tutti intorno | In cerca dell'ultima banda in città | Intanto nei quartieri neri | Si aggirano i vecchi ribelli del soul | E quando arriva qualche punk a caccia di suoni | Il rastafari va al sodo | Un tuffo nella cavità fa sussultare il cuore bianco | Perché un affilato coltello nero non fallisce mai | E non si sono mai detti l'un l'altro | Che domani potremmo ucciderci fra fratelli.
They're all looking 'round | For the last gang in town | Meanwhile down in black town | Those old soul rebels are hangin'around | An'when some punk come looking for sound | Rastafari goes to ground | The white heart flipped his pocket dipped | 'Cos a black sharp knife never slips | And they never say to one another | That tomorrow we might kill our brothers. (da Last Gang in Town, n.° 5)
  • Un sistema costruito col sudore di molti | Crea assassini per eliminare la minoranza | Prendi un luogo qualunque e chiamalo tribunale | Un posto dove non c'è giudice che tenga | Fate causa agli avvocati e bruciate tutti gli incartamenti | Togliere il lucchetto agli atti giudiziari | Una giuria con un miliardo di volti | Ha pronunciato una condanna immediata.
A system built by the sweat of the many | Created assassins to kill off the few | Take any place and call it a court house | This is a place where no judge can stand | Sue the lawyers and burn all the papers | Unlock the key of the legal papers | A jury of a billion faces | Shouted out condemned out of hand, (da Guns on the Roof, n.° 6)
  • Nessuno vuole un consumatore | Nessuno ha bisogno di un perdente | Buttalo fuori dalla porta a calci allora | E non dargli più retta | Il momento di farsi | È l'ora di Greenwich | I tuoi amici si odiano tutti fra loro e pensi | Che tanto ne hai un altro | Ma chi c'è alla porta? | Non dargli più retta..
Nobody wants a user | Nobody needs a loser | So kick him out that door | An' don't answer it no more | Drug-stabbin' time | It's a Greenwich Mean Time | Your friends all hate each other you think | You've got another | But who's at the door | Don't answer it no more... (da Drug-Stabbing Time, n.° 7)
  • Quando tutti sarete fuori | Punteremo sulla città | Cazzo se la metteremo a ferro e fuoco | Incenerita | Perché gli anni sono passati e le cose sono cambiate | Ed io vado dove mi pare | Non scorderò mai ciò che ho provato | Quando ho saputo che eri tornato a casa | E non dimenticherò mai il sorriso che avevo in faccia | Perché sapevo dove saresti finito | E se stasera sei al Crown | Bevine uno alla mia salute | Ma prendila comoda... vacci piano... | Resta libero.
When you lot get out | We're gonna hit the town | We'll burn it fuckin'down | To a cinder | 'Cos years have passed and things have changed | And I move anyway I wanna go | I'll never forget the feeling I got | When I heard that you'd got home | An' I'll never forget the smile on my face | 'Cos I knew where you would be | An' if you're in the Crown tonight | Have a drink on me | But go easy... Step lightly... | Stay Free. (da Stay Free, n.° 8)
  • Come un'orda di topi da una nave che affonda | Ci scaricate per salvarvi il culo Ma non concedetemi il beneficio | Del dubbio | Perché lo strapperei a morsi e lo sputerei via | Siamo miserabili in tutto quello che facciamo | Siamo miserabili, che altro dovremmo fare?
Like a load of rats from a sinking ship | You slag us down to save your hip | But you don't give me the benefit | Of your doubt | 'Cos I'll bite it off and spit it out | We're cheapskates anything 'll do | We're cheapskates, what are we supposed to do? (da Cheapskates, n.° 9)
  • Credete che siamo ricchi da far schifo | E che abbiamo intorno modelle | Disposte a tutto | E pensate che la cocaina scorra | Come un fiume su per i nostri nasi | E che ogni mare si apra per noi | Come quello Rosso fece per Mosè | Bè, spero che un giorno possiate farcela | Proprio come avete sempre detto che | Prima o poi dovrebbe succedere | E tirerò fuori i soldi e scommetterò | Sul fatto che ci si vede in lavanderia.
Just because we're in a group | You think we're stinking rich | 'N we all got model girls | Shedding every stitch | 'N you think the cocaine's flowing | Like a river up our noses | 'N every sea will part for us | Like the red one did for Moses | Well I hope you make it one day | Just like you always said you would some day | And I'll get out my money and make a bet | That I'll be seein' you down the launderette. (da Cheapskates, n.° 9)
  • Tutti voi giovani punk | Prendetela sul ridere | Perché non c'è molto da piangere | Voi tutte fighette | Vivetevela adesso | Perché non c'è molto per cui morire | Devi sbatterti per lavorare | Sbatterti per dormire | Morto dal collo in su | Già a metà settimana | Di fronte a te il futuro luccica | Come fosse oro | Ma vi giuro che più si avvicina | Più sembra un pezzo di carbone.
All the youngs punks | Laugh your life | 'Cos there ain't much to cry for | All you young cunts | Live it now | 'Cos there ain't much to die for | You gotta drag yourself to work | Drag yourself to sleep | You're dead from the neck up | By the middle of the week | Face front you got the future | Shining like a piece of gold | But I swear as we get closer | It look more like a lump of coal. (da All the Young Punks (new Boots and Contracts), n.° 10)

The Clash (USA)[modifica]

Etichetta: Epic Records, 1979, prodotto da Mickey Foote, Bill Price.

  • Quindi non lamentatevi del vostro inutile impiego | Mollatelo per sempre stanotte | O state zitti e fate finta che vi piaccia | Pensate a tutti i soldi che avete preso! | E voglio liquefare tutti quelli inariditi | O connettermi alle antenne che si infilano nel cielo | O bruciare le periferie con gli occhi semichiusi | Non puoi farcela se non ci provi.
So don't complain about your useless employment | Jack it in forever tonight | Or shut your mouth and pretend you enjoy it | Think of all the money you've got! | An' I wanna liquefy everybody gone dry | Or plug into the aerials that poke up in the sky | Or burn down the suburbs with the half-closed eyes | You won't succeed unless you try. (da Clash City Rockers, n.° 1)
  • Dicevano che avremmo avuto libertà artistica | Quando abbiamo firmato quel pezzo di carta | Volevano dire, facciamo un sacco di soldi | E preoccupiamocene dopo | Non capirò mai | Controllo totale | Fammi vedere l'altra mano! | Non mi fido di te | Perché dovresti fidarti di me? | Rapidamente le notizie si propagano ovunque | Sono sporchi, sono ripugnanti | Non dureranno a lungo | Questo è il discorso pubblico di Joe | Ho il corpo controllato | La mente controllata...
They said we'd be artistically free | When we signed that bit of paper | They meant let's make a lots a money | An' worry about it later | I'll never understand | Complete control | Lemme see your other hand! | I don't trust you | Why should you trust me? | All over the news spread fast | They're filthy, they're dirty | They ain't gonna last | This is Joe Public speaking | I'm controlled in the body | Controlled in the mind... (da Complete Control, n.° 4)
  • I punk rocker del Regno Unito | Comunque non se ne accorgeranno | Sono troppo impegnati a battersi | Per un buon posto sotto i riflettori | Ai nuovi gruppi non importa | Quello che c'è da imparare | Hanno i vestiti di Burton | Ah, pensate sia divertente | Trasformare la ribellione in denaro?
Punk rockers in the UK | They won't notice anyway | They're all too busy fighting | For a good place under the lighting | The new groups are not concerned | With what there is to be learned | They got Burton suits | Ha, you think it's funny | Turning rebellion into money? (da (White Man) In Hammersmith Palais, n.° 6)
  • Ovunque la gente cambia il proprio voto | Insieme al cappotto | Se Adolf Hitler fosse arrivato oggi in aereo | Avrebbero mandato comunque una limousine!
All over people changing their votes | Along with their overcoats | If Adolf Hitler flew in today | They'd send a limousine anyway! (da (White Man) In Hammersmith Palais, n.° 6)
  • Ho lasciato la mia piccola e mi sento male | La mia corsa è iniziata | Lei è la migliore ragazza che abbia mai avuto | Ho combattuto la legge e la legge ha vinto | Rubando alla gente con una sei colpi | Ho combattuto la legge e la legge ha vinto | Ho perso la mia ragazza ed ho perso la mia gioia | Ho combattuto la legge e la legge ha vinto.
I left my baby and it feels so bad | Guess my race is run | She's the best girl that I ever had | I fought the law and the law won | Robbin' people with a six-gun | I fought the law and the law won | I lost my girl and I lost my fun | I fought the law and the law won. (da I Fought the Law, n.° 8)
  • Clang -clang le porte delle galere rinchiudono le chitarre | Bang-bang gli stivali sul pavimento | Piangi figliolo per le madri rimaste sole | Clang clang, le porte della galera e dentro la chitarra...
Clang-clang go the jail guitar doors | Bang-bang go the boots on the floor | Cry-cry for your lonely mother's son | Clang-clang go the jail guitar doors... (da Jail Guitar Doors, n.° 14)

London Calling[modifica]

Etichetta: Epic, Sony Music, CBS, prodotto da Guy Stevens, 1979.

  • Londra chiama le città lontane | Ora che la guerra è dichiarata e la battaglia è in corso | Londra chiama il mondo sommerso | Fuori dal guscio, tutti voi ragazzi e ragazze!
London calling to the faraway towns | Now that war is declared and battle come down | London calling to the underworld | Come out of the cupboard, all you boys and girls! (da London Calling, n.° 1)
  • Sta arrivando l'era glaciale... il sole sta precipitando | I motori si fermano e il frumento avvizzisce | Un errore nucleare... ma io non ho paura | perché Londra sta annegando... ed io... Io vivo vicino al fiume!
The ice age is coming... the sun is zooming in | Engines stop running and the wheat is growing thin | A nuclear error... but I have no fear | 'cos London is drowning... and I... I live by the river! (da London Calling, n.° 1)
  • Londra chiama, si c'ero anch'io | E sapete cosa dicevano... | Bene, qualche cosa era vera! | Londra chiama mentre arriva l'ora decisiva | E dopo tutto questo, non potresti sorridermi?
London Calling, yes I was there too | An' you know what they said... | Well some of it was true! | London Calling, at the top of the dial | An' after all this, won't you give me a smile? (da London Calling, n.° 3)
  • Amico mio, devo vedere quel grand'uomo | Oh, mi dà qualsiasi cosa di cui ho bisogno | Qualsiasi cosa di cui ho bisogno ma non gratis | È odioso | Ed è pagato per esserlo e io sono molto grato | Di essere una nullità | Ho i nervi a pezzi | I nervi? | Che cosa ti fa sbandare? | E non riesco a guidare con mano ferma | Ho perso la memoria | La mia mente? Andata!
My friend I gotta see that mainman | Oh, anything I want he gives it to me | Anything I want he gives it but not for free | It's hateful | And it's paid for and I'm so grateful | To be nowhere | I killed all my nerves | My nerves? | What swerves? | And I can't drive so steady | I lost my memory | My mind? Behind! (da Hateful, n.° 4)
  • So che la mia condotta vi innervosisce | Ma sappiate che non posso vivere sotto padrone | Come il dottore nato con uno scopo | Rudie non può fallire | Sono andato al mercato per realizzare la mia anima | Perché mi serve proprio quello che non ho | Prima imprecano, poi mi stanno addosso fino a farmi male | Ma si dice che Rudie non può sbagliare...
I know that my life make you nervous | But I tell you that I can't live in service | Like the doctor who was born for a purpose | Rudie can't fail | I went to the market to realise my soul | 'Cause what I need I just don't have | First they curse, then they press me till I hurt | We say Rudie can't fail... (da Rudie Can't Fail, n.° 5)
  • I combattenti per la libertà sono morti sulla collina | Cantavano bandiera rossa e portavano quella nera | Ma dopo la loro morte è diventata la collina di Mockingbird | Al ritorno a casa i bus esplodevano in fiamme | Il sepolcro irlandese grondava sangue | Le bombe spagnole distruggono gli alberghi | La mia senorita Rose stroncata nel fiore degli anni...
The freedom fighters died up on the hill | They sang the red flag, they wore the black one | But after they died it was | Mockingbird Hill | Back home the buses went up in flashes | The Irish tomb was drenched in blood | Spanish bombs shatter the hotel | My senorita's Rose was nipped in the bud... (da Spanish Bombs, n.° 6)
  • Risuona sulla collina "liberate il popolo" | O sono io che sento gli echi del '39? | Trincee piene di poeti, l'armata dei pezzenti | Che innestano le baionette per attaccare la linea nemica | Bombe spagnole scuotono la provincia | Sento la musica di un altro tempo | Bombe spagnole sulla Costa Brava | Ci arrivo stanotte su un DC10.
The hillsides ring with "free people" | Or can I hear the echo from the days of '39? | With trenches full of poets, the ragged army | Fixin' bayonets to fight the other line | Spanish bombs rock the province | I'm hearing music from another time | Spanish bombs on the Costa Brava | I'm flying in on a DC10 tonight. (da Spanish Bombs, n.° 6)
  • I maneggioni trafficano ed i magnaccia coprono la zona | Monty Clift viene riconosciuto all'alba | È senza scarpe e gli abiti sono lacerati | Vedo di notte un'auto fracassata | Tagliate gli applausi e abbassate le luci | La faccia di Monty si è spaccata su una ruota | È vivo? È ancora cosciente?
Hustlers rustle and pimps pimp the beat | Monty Clift is recognised at dawn | He ain't got no shoes and his clothes are torn | I see a car smashed at night | Cut the applause and dim the light | Monty's faces is broken on a wheel | Is he alive? Can he still feel? (da The Right Profile, n.° 7)
  • Riprendi il profilo migliore | Il nembutol addormenta tutto | Ma io preferisco l'alcol | Diceva andate a prendere un fotogramma di un mio vecchio film | Andate a prendermi un altro tubetto di pillole | E allora comincio a tremare, ma non per il freddo...
Shoot has right profile | Nembutol numbs it all | But I prefer alcohol | He said go out and get me my old movie still | Go out and get me another roll of pills | There I go shaking but I ain't got the chills... (da The Right Profile, n.° 7)
  • Mi sono perso nel supermercato | Non riesco a fare la spesa felicemente | Sono entrato per quell'offerta speciale | Personalità garantita | Più che nato sono capitato | Sembrava che nessuno si accorgesse di me | Avevamo una siepe dietro casa in periferia | Oltre la quale non riuscivo a vedere...
I'm all lost in a supermarket | I can no longer shop happily | I came in here for the special offer | A guaranteed personality | I wasn't born so much as I fell out | Nobody seemed to notice me | We had a hedge back home in the suburb | Over which I never could see... (da Lost in the Supermarket, n.° 8)
  • Io non lavoro per la repressione | Nessun uomo che abbia un'anima | Può lavorare per la repressione | Abbatti il muro, fai cadere i governi | Come puoi rifiutarti? | Venga l'ora del furore, la rabbia può essere forza | Sai di poterla usare? | Le voci che hai in testa si fanno sentire | Non sprecare più tempo, nulla avverrà | Solo uno stupido penserebbe | Che qualcuno possa ancora salvarti.
I'm not working for the clampdown | No man born with a living soul | Can be working for the clampdown | Kick over the wall, cause governments to fall | How can you refuse it? | Let fury have the hour, anger can be power | D'you know that you can use it? | The voices in your head are calling | Stop wasting your time there's nothing coming | Only a fool would think someone could save you. (da Clampdown, n.° 9)
  • Quando prenderanno a calci la tua porta | Come conti di uscirne? | Con le mani in alto | O sul grilletto della pistola? | Quando irromperà la legge | Che fine farai? | Steso morto sul pavimento | O in attesa nel braccio della morte? | Potete schiacciarci | Potete pestarci | Ma dovrete rispondere | Alle pistole di Brixton!
When they kick at your front door | How you gonna come? | With your hands on your head | Or on the trigger of your gun? | When the law break in | How you gonna go? | Shot down on the pavement | Or waiting on death row? | You can crush us | You can bruise us | But you'll have to answer to | Oh the guns of Brixton! (da The Guns of Brixton, n.° 10)
  • Tu menti, rubi, imbrogli e inganni | Per una posta così insignificante | Non sai che è sbagliato | Imbrogliare un uomo navigato? | Perciò è meglio che tu smetta | È: fregarli figliolo...
You lie steal cheat and deceit | In such a small small game | Don't you know it is wrong | To cheat the trying man | So you better stop | It is the wrong 'em boyo... (da Wrong 'Em Boyo, n.° 11)
  • Gloria o Morte diventa solo un'altra faccenda | Ed ogni perdigiorno che vuole farsi notare | E cerca l'oro nel Rock'n'Roll | Afferra il microfono per dirci che morirà prima di vendersi | Ma io credo in quello che segue | E lo confermano le ricerche | Chi fotte le suore finirà per aggregarsi con la chiesa | Gloria o Morte diventa una storiella qualunque...
Death or Glory becomes just another story | And every gimmick hungry job digging gold from rock'n'roll | Grabs the mike to tell us he'll die before he's sold | But I believe in this | And it's been tested by research | That he who fucks nun will later join the church | Death or Glory becomes just another story... (da Death or Glory, n.° 12)
  • Nei lucidi corridoi del 51esimo piano | Si possono fare i soldi se davvero ne vuoi ancora un po' | Decisione esecutiva, precisione clinica | Saltando dalle finestre pieno di dubbi | Ricevo buoni consigli dal mondo della pubblicità | Trattami bene, dice la ragazza della festa | La koka dà vita dove non ce n'è | Perciò sangue freddo amico, sangue freddo | È la pausa rinfrescante nei corridoi del potere | Quando i capi hanno bisogno di rimettersi in sesto prima dell'aperitivo...
In the gleaming corridors of the 51st floor | The money can be made if you really want some more | Executive decision, a clinical precision | Jumping from the windows filled with indecision | I get good advice from the advertising world | Treat me nice, says the party girl Koke adds life where there isn't any | So freeze man, freeze | It's the pause that refreshes in the corridors of power | When top men need a top up long before the happy hour... (da Koka Kola, n.° 13)
  • Ecco un uomo solitario che grida "non mollarmi" | Lo fa solo perché è solo | Se il custode del tempo procede lentamente | Non vivrà a lungo | Se solo avesse tempo di raccontare tutti i piani che ha fatto | Con un asso nella manica cosa avrebbe ottenuto?
There's a solitary man crying hold me | And it's only because he's a lonely | If the keeper of time runs slowly | He won't be alive for long | If he only had time to tell of all of the things he planned | With a card up his sleeve what would he achieve? (da The Card Cheat, n.° 14)
  • Ci hanno offerto di tutto per ammansirci | E noi gli abbiamo ripulito le tasche | Lasciandoli ubriachi fradici | C'è ancora molta strada prima della fine | Perciò non farti distanziare | Da quei cavalieri | E ci avevano dato l'uva | Maturata nel sole | Che allenta le viti che frenano la lingua | Eppure abbiamo continuato a non rivelare | Che cosa sarebbe successo...
Well they gave us everything for bending the mind | And we cleaned out their pockets | And we drank'em blind | It's a long way to the finish | So don't get left behind | By those horsemen | And they gave us the grapes | That went ripe in the sun | That loosen the screws at the back of the tongue | But we still told nothing | 'Bout what was to come... (da Four Horsemen, n.° 16)
  • Sono stato picchiato | Sono stato scacciato | Ma non sono a terra | Non sono a terra | Sono stato svergognato | Ma sono cresciuto | E non sono a terra | Non sono a terra | Ho affrontato da solo una banda che mi aveva preso in mezzo | In strane strade | Con i nervi che pulsavano | E ho sconfitto la mia paura | Non sono scappato | Non l'hanno avuta vinta.
I've been beat up | I've been thrown out | But I'm not down | I'm not down | I've been shown up | But I've grown up | And I'm not down | I'm not down | On my own I faced a gang of jeering | In strange streets | When my nerves were pumping | And I fought my fear in | I did not run | I was not done. (da I'm Not Down, n.° 17)
  • Tutte le volte che stavamo insieme | Ecco che cosa ricorderò di più | Vedo franare tutti i miei sogni | Non posso essere felice senza averti vicina | Così solo, tengo a bada i lupi | E c'è una sola cosa che posso dire | Non mi sei stata accanto | No, niente affatto | Non mi sei stata accanto | Per niente | Devi spiegarmi perché deve essere così | Mentivi quando parlavi con me?
All the times when we were close | I'll remember these things the most | I see all my dreams come tumbling down | I won't be happy without you around | So alone, I keep the wolves at bay | And there is only thing that I can say | You didn't stand by me | Not, not at all | You didn't stand by me No way | You must explain why this must be | Did you lie when you spoke to me? (da Train in Vain, n.° 19)

Sandinista![modifica]

Etichetta: Epic Records, prodotto da The Clash, 1980

  • Lavorare per fare progressi, migliorare la posizione, | rendere sofisticata la mia ragazza | Ha visto le pubblicità, lo trova carino | Meglio lavorare sodo | Ho visto il prezzo | Non importa se è l'ora dell'autobus | Dobbiamo lavorare | E tu sei uno di noi.
Working for a rise, better my station | Take my baby to sophistication | Seen the ads, she thinks it's nice | Better work hard | I seen the price | Never mind that it's time for the bus | We got to work | An' you're one of us. (da The Magnificent Seven, n.° 1)
  • Ritorna al lavoro allora e suda ancora un po' | Usciremo dalla porta al calar del sole | Per l'uomo non è bene lavorare in gabbia | Raggiunge la città, si beve la paga | Ti agiti, stai sudando | Ma ti sei accorto che non combini nulla? | Non ti fermi mai abbastanza per ripartire? | Per far uscire l'auto da quell'ingranaggio?
So get back to work an'sweat some more | The sun will sink an' we'll get out the door | It's no good for man to work in cages | Hits the town, he drinks his wages | You're frettin', you're sweatin' | But did you notice you ain't getting? | Don't you ever stop long enough to start? | To take your car outta that gear? (da The Magnificent Seven, n.° 1)
  • Luther King e Mahatma Gandhi | Andarono al parco per giocarsela a pallone | Ma furono uccisi dalla squadra rivale | Che finì per vincere 50 a zero | Puoi essere sincero, puoi essere falso | La ricompensa sarà la stessa.
Luther King and Mahatma Gandhi | Went to the park to check on the game | But they was murdered by the other team | Who went on to win 50-nil | You can be true, you can be false | You be given the same reward. (da The Magnificent Seven, n.° 1)
  • La gente deve avere buone notizie da leggere la domenica | La moglie del capo prende un'auto del governo | Per incontrare nell'oscurità il suo ministro | Ma il capo non lascia mai la porta socchiusa | Mentre maneggia la frusta della Guerra Boera... | Indossava una maschera di cuoio per gli ospiti a cena | Completamente nudo e con profondo rispetto | Ha proposto un brindisi per i voti ottenuti | Sensazione di potere e sesso nei pensieri!
The people must have something good to read on Sunday | The leader's wife takes a government car | In the dark to meet her minister | But the leader never leaves his door ajar | As he swings his whip from the Boer War... | He wore a leather mask for his dinner guests | Totally nude and with deep respect | Proposed a toast to the votes he gets | The feeling of power and the thought of sex! (da The Leader, n.° 5)
  • Dicono che gli immigrati estorcono elemosine | Agli onorati gentiluomini | Dicono che sarebbe di nuovo tutto rose e fiori | Se l'Inghilterra ritornasse agli inglesi | Be', ho visto un soprabito sporco | Ai piedi del pilastro della strada | Avvolto dentro c'era un vecchio | Che il tempo non poteva erodere | Mentre la notte veniva lacerata dalle sirene...
They say immigrants steal the hubcaps | Of the respected gentlemen | They say it would be wine and roses | If England were for Englishmen again | Well, I saw a dirty overcoat | At the foot of the pillar of the road | Propped inside was an old man | Whom time would not erode | When the night was snapped by sirens... (da Something About England, n.° 6)
  • Il mondo era impegnato a ricostruirsi | Gli architetti non potevano preoccuparsene | Come potevamo immaginare quando ero giovane | Tutti i cambiamenti a venire? | Tutte quelle foto nei tascapane sui campi di battaglia | E adesso il terrore del sole scientifico | C'erano padroni e servi | E servi e cani | Vi hanno insegnato a fare il saluto militare | Ma tra scioperi e carestie | E guerra e pace | L'Inghilterra non ha mai colmato quel divario | Perciò lasciami stare adesso che la luna è alta | Ma ricorda: tutto ciò che ti ho raccontato | I ricordi che hai rinvangato | Stanno in lettere spedite dall'inferno...
The world was busy rebuilding itself | The architects could not care | But how could we know when I was young | All the changes that were to come? | All the photos in the wallets on the battlefield | And now the terror of the scientific sun | There was master and servants | And servants and dogs | They taught you how to touch your cap | But throught strikes and famine | And war and peace | England never closed this gap | So leave me now the moon is up | But remember all the tales I tell | The memories that you have dredged up | Are on letters forwarded from hell... (da Something About England, n.° 6)
  • Ho ballato con una ragazza sull'aria di un valzer | Scritto per essere danzato sul campo di battaglia | Ho ballato seguendo la melodia di una voce di ragazza | Una voce che diceva | "Resistiamo finché cadiamo | Noi resistiamo finché un ragazzo sarà in piedi"
I danced with a girl to the tune of a waltz | That was written to be danced on the battlefield | I danced to the tune of a voice of a girl | A voice that called "Stand till we fall | We stand till all the boys fall" (da Rebel Waltz, n.° 7)
  • Sapevamo di non poter vincere la guerra | Così danzammo con il fucile al ritmo degli spari | In una radura fra gli alberi vidi la mia amata | Poi la terra sembrò diventare rovente come il sole | I soldati morivano e dai lamenti trapelava una melodia | Era una vecchia canzone ribelle | Mentre le nostre speranze andavano in fumo su quel campo | Tra luna ed alberi la vista mi giocò uno scherzo | Dormivo mentre sognavo e vidi l'esercito sollevarsi | Una voce cominciò ad esortare "Resistete fino alla morte". | Era un antico canto ribelle.
We knew the war could not be won | So we danced with a rifle, to the rhythm of the gun | In a glade through the trees I saw my only one Then| the earth seemed to rise hell hot as the sun | The soldiers were dying, there was a tune to the sighing | The song was an old rebel one | As the smoke of our hopes rose high from the field | My eyes played tricks through the moon and the trees | I slept as I dreamed I saw the army rise | A voice began to call, "Stand till you fall". | The tune was an old rebel one. (da Rebel Waltz, n.° 7)
  • È stata forte la tentazione | Di arraffare dalla cassa | Ero molto affamato | Ma non abbastanza da uccidere | Qualcuno è stato assassinato | Non si riesce a saperne il nome | Una piccola chiazza sul pavimento | Che sarà strofinata via | Mentre si disperde la folla di giornata | Nessuno dice granché | Qualcuno è stato assassinato | E a me ne resta ben poco...
I been very tempted | To grab it from the till | I been very hungry | But not enough to kill | Somebody got murdered | His name cannot be found | A small stain on the pavement | They'll scrub it off the ground | As the daily crown disperses | No-one says that much | Somebody got murdered | And it's left me with a touch... (da Somebody Got Murdered, n.° 10)
  • Devo trovare un testimone per tutta questa sofferenza? | Non serve, fratelli, ciascuno può rendersi conto | Che è ancora una volta nel ghetto, capite | Ancora una volta se adesso vi fa piacere | Ancora una volta per l'uomo che muore | Dicono "una volta ancora", se vi fa piacere...
Must I get a witness for all the misery? | There's no need to, brothers, everybody can see | That it's one more time in the ghetto you know | One more time if you please now | One more time to the dying man | They say "one more time", if you please... (da One More Time, n.° 11)
  • Dai tuguri di Harlem alla zona degli attici | Ho bussato già a tutte le porte | Non c'è stato nessuno che io non abbia lasciato solo | Sotto ogni pietra giace qualcuno | Tutto ciò di cui un uomo ha bisogno | Nella sacca accanto al mio ginocchio | Ha un bell'aspetto, è senza semi | Più economica degli alcolici nella Bowery...
Harlem slum to penthouse block | On every door I already knocked | There wasn't anybody that I didn't leave alone | Somebody lying under every stone | Everything that a man could need | In a bag down by my knee | That looks good, this ain't got seeds | Cheaper than booze down in the Bowery... (da Lightning Strikes (Not Once but Twice), n.° 13)
  • Qui la paura è solo un altro accessorio | Ci vendono spioncini per guardare di fuori | Quando sentiamo un colpo alla porta forte e chiaro | Chi può davvero venire a vivere qui? | I bimbi giocano lontano | I corridoi sono spogli | Questa stanza è una gabbia, come stare in cattività | È mai possibile resistere in condizioni simili? | È stato detto... non solo qui: | "I dollari dell'Allianza vengono spesi | Per erigere edifici giganteschi | Destinati alle ossa esauste dei lavoratori | Per il ritorno mattutino | Per essere forti al mattino".
Fear is just another commodity here | They sell us peeping holes to peek when we hear | A bang on the door resoundingly clear | Who would really want to move in here? | The children play faraway | The corridors are bare | This room is a cage, it's like captivity | How can anyone exist in such misery? | It has been said... not only here: | "Allianza dollars are spent | To raise the towering buildings | For the weary bones of the workers | To go back in the morning | To be strong in the morning". (da Up in Heaven (Not Only Here), n.° 14)
  • La musica del bosco di Skin Rock | è stata sopraffatta dal diesel bellico dei ragazzi bellicosi? | Sangue, oro nero e la faccia di un giudice | è la musica che invoca un fiume di sangue?
In the music of grove Skin Rock | Soaked in the diesel of war boys war? | Blood, black gold and the face of a judge | Is the music calling for a river blood? (da Corner Soul, n.° 15)
  • Ti prego passa parola stanotte, Sammy | Stanno perquisendo tutte le case del bosco | Ora non andartene da solo, Sammy! | Il vento ha spazzato via il soul dell'angolo | Diffondi la notizia per me, Sammy | Stanno perquisendo ogni posto nel bosco | Ma ora non andartene via da solo Sammy! | Il vento ha spazzato via il soul dell'angolo | è la musica che invoca un fiume di sangue?
Spread the word tonight please, Sammy | They're searching every house on the grove Don't go alone now, Sammy! | The wind has blown away the corner soul | Tell the news for me, Sammy | They're searching every place on the grove | But don't go down alone down, Sammy! | The wind has blown away the corner soul | Is the music calling for a river blood? (da Corner Soul, n.° 15)
  • Eppure è meglio che tu stia attento | Devi ancora badare a te stesso | Le forze della legge sono qui, naturalmente, | Per delinquenti speciali da tribunale speciale | Ma i giovani sanno, tramontato il sole | E sopraggiunta l'oscurità, come saldare il conto | Accumulato in un anno di S.U.S. e sospetto | E uso indiscriminato della facoltà di arresto | Aspettano il calare del sole...
But you better be careful | You still got to watch yourself | The lawful force are here, of course | For special offender for the specials court | But the young men know, when the sun has set | Darkness comes, to settle the debt | Owed by a year of S.U.S. and suspect | Indiscriminate use of the power of arrest | They're waiting for the sun to set... (da Let's Go Crazy, n.° 16)
  • Dopo tutto questo tempo | A credere in Gesù | Dopo tutte quelle droghe | Pensavo di essere Lui | Dopo tutte le mie menzogne | E i pianti | E la sofferenza | Non sono buono abbastanza | Non sono puro abbastanza| Per essere | Lui.
After all this time | To believe in Jesus | After all those drugs | I thought I was Him | After all my lying | And a-crying | And my suffering | I ain't good enough | I ain't clean enough | To be Him. (da The Sound of Sinners, n.° 18)
  • Le guerre tribali | Incendiano la madrepatria | Carburante del male | Piove dal cielo | Il mare di lava | Scorre giù dalla montagna | Il tempo spazzerà via | Noi peccatori | Questuano i questuanti | Offrite ora con generosità | Fate passare il cappello per favore | Grazie Signore.
The tribal wars | Burning up the homeland | The fuel of evil | Is raining from the sky | The sea of lava | Flowing down the mountain | The time will sweep | Us sinners by | Holy rollers roll | Give generously now | Pass the hubcap please | Thank you Lord. (da The Sound of Sinners, n.° 18)
  • Lavorando per il diavolo | Dovrai pagare dazio | Vale a dire andare a trovarlo | In mezzo ai tormenti | Non credi in lui | Ma lui ti può aspettare | Fai così bene il suo lavoro | Si ricorderà di te.
Working for the devil | You'll have to pay his tax | That means going to see him | Down among the racks | You don't believe in him | But he can wait for you | You do his work so fine | He'll remember you. (da Midnight Log, n.° 20)
  • Falsificare i libri | Un'occupazione rispettabile | Ancora e fondamento delle multinazionali | Non credono al crimine | Sanno che esiste | Ma per capire | Che cos'è giusto e sbagliato | Gli avvocati fanno i turni | E a proposito del diavolo | Non lo si è visto per anni | A parte il fatto che ogni 20 minuti | Mi ronza tra le orecchie | Non credo ai libri | Ma li leggo continuamente | Per decifrarne gli enigmi| E commentarne i versi.
Cooking up the books | A respected occupation | The anchor and foundation of multi-corporations | They don't believe in crime | They know that it exists | But to understand | What's right and wrong | The lawyers work in shifts | 'N speaking of the devil | He ain't been seen for years | 'Cept every 20 mins | He zooms between my ears | I don't believe in books | But I read all the time | For ciphers to the riddles | An' reasons to the rhymes. (da Midnight Log, n.° 20)
  • No! Caposquadra no! | Non vogliamo la frusta! | Più diventi debole... più sarà dura | Perciò non essere come lui | Tieni in forza e sotto sforzo le tue ossa | Non vendergliele | Non vogliamo alcun caposquadra | Vogliamo l'equità!
No! Gangboss no! | We don't want the whip! | As you get weaker... it will get harder | So don't be like him | Keep your bones of effort and strength | Don't sell them to him | We don't want non gangboss | We want to equalize! (da The Equaliser, n.° 21)
  • Finché le due metà non si equivalgono | Molla gli attrezzi | Guarda l'auto, guarda la casa | Guarda i gioielli favolosi | Guarda il mondo che hai edificato con spalle d'acciaio | Guarda il mondo, ma non è tuo | Dice chi ha derubato Zion. | Ginevra, Wall Street | Chi li ingrassa così?
Till half and half is equalised | Put down the tools | See the car see the house | See the fabulous jewels | See the world you have built it with shoulders of iron | | See the world but it is not yours | Say the stealers of Zion. | Geneva, Wall Street | Who makes them so fat? (da The Equaliser, n.° 21)
  • Finché umanizzare significa equità | Molla gli attrezzi | Ciascun aspetto da ogni punto di vista | Getta gli attrezzi | Resta a casa | Non venire a patti con Roma | Scrivi sciopero sulla porta | Non vogliamo alcun caposquadra | Puntiamo all'equità!
Till humanise is equalize | Put down the tools | Every face on every side | Throw down the tools | Stay at home | Don't check with Rome | Paint strike on the door | We don't need no gangboss | We have to equalize! (da The Equaliser, n.° 21)
  • Sta a te non dar retta alla chiamata | E non devi agire secondo l'educazione che ti è stata impartita | Chi conosce le ragioni per cui sei cresciuto? | Chi conosce i progetti e le ragioni per cui sono stati fatti? | Sta a te non dar retta alla chiamata | Non voglio morire! | Sta a te non sentire la chiamata | Non voglio uccidere!
It's up to you not to heed the call-up | 'N' you must not act the way you were brought up | Who knows the reasons why you have grown up? | Who knows the plans or why they were drawn up? | It's up to you not to heed the call-up | I don't wanna die! | It's up to you to hear the call-up | I don't wanna kill! (da The Call-Up, n.° 22)
  • C'è una rosa per cui voglio vivere | Anche se Dio sa che potrei non averla incontrata | C'è un ballo ed io dovrei essere con lei | C'è una città diversa da tutte le altre... | Sta a te non sentire la chiamata.
There is a rose that I want to live for | Although, God knows, I may not have met her | There is a dance an' I should be with her | There is a town, unlike any other...| It's up to you not to hear the call-up. (da The Call-Up, n.° 22)
  • I pagliacci assassini, gli uomini del denaro insanguinato | Sparano ancora quelle pallottole di Washington | Come può raccontare ogni cella del Cile | Il grido degli uomini torturati | Ricordati Allende ed i giorni precedenti | Prima che arrivasse l'esercito...
The killing clowns, the blood money men | Are shooting those Washington bullets again | As every cell in Chile will tell | The cries of the tortured men | Remember Allende and the days before | Before the army came... (da Washington Bullets, n.° 23)
  • E se riesci a trovare un ribelle afghano | Scampato alle pallottole di Mosca | Domandagli se pensa di votare comunista...| Chiedi al Dalai Lama sui monti del Tibet | Quanti monaci sono stati presi dai cinesi | Ferma un mercenario qualunque in una palude straziata dalla guerra | E controlla quante pallottole britanniche ha nel suo arsenale...
And if you can find an Afghan rebel | That the Moscow bullets missed | Ask him what he thinks of voting Communist... | Ask the Dalai Lama in the hills of Tibet | How many monks did the Chinese get | In a war-torn swamp stop any mercenary | And check the British bullets in his armoury... (da Washington Bullets, n.° 23)
  • Tutti vogliono comandare il mondo intero | Deve essere qualcosa che abbiamo dentro dalla nascita | E non impareremo mai | Che i satelliti bruceranno l'universo | Ci hanno detto di tener lontani gli sconosciuti | Non ci piace averli in mezzo ai piedi | Non li vogliamo a spasso in città | Li spazzeremo via dalla faccia della terra | Il regno delle superpotenze deve finire | Tutti questi eserciti non libereranno il mondo| Presto il rock prenderà il sopravvento e tutto cambierà!
Everybody wants to rule the world | Must be something we get from birth | One truth we never learn | Satellites will make space burn | We been told to keep the strangers out | We don't like 'em starting to hang about | We don't like 'em over town | Across the world we're gonna blow 'em down | The reign of the superpowers must be over | So many armies can't free the earth | Soon rock will roll over! (da Charlie Don't Surf, n.° 26)
  • Non ho commesso a lungo l'errore del tossico! | Dicevo di non voler fare l'errore del tossico! | Già, pensavo che avrei trovato il mio ritmo nella città dei tossici | Pensavo che avrei trovato un ritmo | Mentre i tossici facevano i pazzi | Pensavo che mi sarei fatto due salti sul ritmo classico dei tossici | Bazzicando in quei bar dove i tossici si incontrano...
I wasn't going that far the junkie slip! | I said I wasn't doin' it the junkie slip! | Yea thought I'd find a rhythm in the junkie town | Thought I'd find a rhythm | When the junkies hang around | Thought I'd go out walking to the junkie kind of beat | Setting on those bars that the junkies meet... (da Junkie Slip, n.° 28)
  • Segui segui segui i tuoi amici? | Ho sentito bene, dici che ci ricascherai ancora? | È un errore da tossico! | Dove? È finita? | Ma è mai e poi mai finita? | Quando mai è finita? | Non chiedermelo di mercoledì notte | Non chiedermelo di giovedì notte | Ho detto oh? Chi diavolo sei tu? | Hai detto oh! Ecco mi hai trovato | Ho detto che posso indovinare perché.
Do ya do ya do ya follow your friends? | Do I hear you saying that you're going back again? | It's a junkie slip! | Where? Did it end? | But did it ah did it did it ever end? | When did it ever end? | Don't ask me when on a Wednesday night | Don't ask me when on a Thursday night | I said oh ? Who the hell are you? | You said oh! Well you met me | I said I can guess why. (da Junkie Slip, n.° 28)
  • In questi giorni non si trova riso | E nemmeno lamette ma puoi avere un coltello | Guarda passare la gente in questi giorni | Non hanno cibo ma il ragazzo è armato | Non tirano pietre in questi giorni | Né usano la voce, usano solo la pistola.
In these days you can get no rice | No razor blades but you can get knife | In these days see the people run | They have no food but the boy have gun | In these days they don't throw the stone | No use the voice they use the gun alone. (da Kingston Advice, n.° 29)
  • Le nazioni sono militanti in questi giorni | Sotto il governo abbiamo la schiavitù | In questi giorni nel firmamento | Cerco segni che siano permanenti | In questi giorni senza amore da offrire | Il mondo si volterà e nessuno sopravviverà | In questi giorni non so che fare | Più vedo e più sono povero | In questi giorni non so cosa cantare | Più conosco e meno la mia melodia è disinvolta.
In these days nations are militant | We have slavery under government | In these days in the firmament | I look for signs that are permanent | In these days with no love to give | The world will turn with no one left to live | In these days I don't know what to do | The more I see the more I'm destitute | In these days I don't know what to sing | The more I know the less my tune can swing. (da Kingston Advice, n.° 29)
  • Non è poi così difficile piangere | In quest'epoca infelice | Prenderò il mio cuore infranto | E ne porterò a casa i pezzi | Ma non mi annullerò mai.
It's not too hard to cry | In these crying times | I'll take a broken heart | And take it home in parts | But I will never fade. (da The Street Parade, n.° 30)
  • C'è un treno presso Version City | Che aspetta ritmo per posta | Se riesci a saltare, allora salta adesso | Lei può condurti verso giorni migliori | Che sia quello il treno di cui si parla in giro? | Quello di cui ho sentito quando ero più giovane| Tutti i grandi del blues ci sono stati sopra| Ci salto su, devo prendere quel treno!
There is a train at Version City | Waiting for the rhythm mail | If you can jump then jump right now | She can pull you throught to better days | Is that the train that the speak off | The one I heard in my younger days | All great bluesmen have rode her | I'm jumping up gonna ride that train! (da Version City, n.° 31)

Citazioni sui Clash[modifica]

  • Che elettricità, che intensità maniacale [...] Non è semplicemente "una sessione come un'altra": io odio la gente che ha questo atteggiamento. È elettricità pura. Deve essere così. Può darsi che per una casa discografica come la CBS sia difficile accettare un concetto simile, ma io potrei benissimo morire facendo un disco. È troppo importante. Ecco perché, all'occorrenza, io posso produrre chiunque. (Guy Stevens, produttore del terzo album dei Clash, London Calling)
  • Ho incontrato gente a cui il punk ha cambiato il modo di vivere. Mi sento come se avessi letteralmente incontrato ognuno di loro! Ed è la stessa storia anche per tutti loro: abbiamo cambiato il loro modo di pensare e influenzato le decisioni che hanno preso nella vita. Non è stata una faccenda di massa, la folla che assalta il palazzo. Piuttosto, un sacco di individui che hanno afferrato qualcuna delle cose che stavano strombazzando noi. Coi Clash è stato come scendere agli inferi e ritornare. Non puoi immaginare cosa abbiamo passato per fare i dischi che abbiamo fatto. Abbiamo dato il 110 per cento, ogni giorno. Ma quando incontri questa gente, persone che ti dicono che hai avuto qualche effetto sulla loro vita, allora senti che valeva assolutamente la pena. (Joe Strummer)
  • I Clash erano dei poeti. In quanto artisti che lavoravano nel campo nel campo della musica [...] erano completamente liberi di esprimere e riflettere il loro disagio nei confronti del mondo che li circondava. Esprimevano rammarico anche per il fatto che le band che li avevano preceduti – come gli Who – non erano state abbastanza militanti. (Pete Townshend)
  • Non abbiamo mai venduto tantissimi dischi. I Clash non sono come questi gruppi punk di oggi, che vendono dieci milioni di album o roba del genere. (Joe Strummer)

Altri progetti[modifica]

Opere[modifica]