Nascita

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sulla nascita.

  • Che delitto abbiamo commesso per meritare di nascere? (Alphonse de Lamartine)
  • Entra l'uomo allor che nasce, | In un mar di tante pene, | Che s'avvezza dalle fasce | Ogni affanno a sostener. (Pietro Metastasio)
  • Forse, in qual forma, in quale | stato che sia, dentro covile o cuna, | è funesto a chi nasce il dì natale. (Giacomo Leopardi)
  • Gli esseri umani non nascono sempre il giorno in cui le loro madri li danno alla luce, ma […] la vita li costringe ancora molte altre volte a partorirsi da sé. (Gabriel García Márquez)
  • Il termine "natura" viene da "nascere". Esser nato è aver ricevuto l'esistenza e quindi non essere l'origine del proprio essere. (Fabrice Hadjadj)
  • La nostra nascita non è altro che l'inizio della nostra morte. (Edward Young)
  • La tua nascita è un errore a cui cercherai di riparare per tutta la vita. (Chuck Palahniuk)
  • Le nascite ci hanno recato ricchezza e varietà, | altre nascite ci recheranno ricchezza e varietà. (Walt Whitman)
  • Nasciamo, per così dire, provvisoriamente, da qualche parte; soltanto a poco a poco andiamo componendo in noi il luogo della nostra origine, per nascervi dopo, e ogni giorno più definitivamente. (Rainer Maria Rilke)
  • Nell'uomo avviene una doppia nascita: una prima volta nel grembo materno e una seconda volta nella libertà: l'uomo nasce una volta per sé e una volta insieme con gli altri. (Rabindranath Tagore)
  • Noi nasciamo due volte, per così dire: nasciamo all'esistenza ed alla vita; nasciamo come esseri umani e come uomini. (Jean Jacques Rousseau)
  • Non bisogna [...] star a guardare dove uno è nato, ma come egli è costumato, né si deve considerare in quale frontiera ma in quale maniera uno ha iniziato la sua vita. (Apuleio)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]