Vai al contenuto

Dmitrij Medvedev

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
(Reindirizzamento da Dmitrij Anatol'evič Medvedev)
Medvedev nel 2016

Dmitrij Anatol'evič Medvedev (1965 – vivente), politico russo.

Citazioni di Dmitrij Medvedev

[modifica]
  • Quando si parlò del Kosovo, i partner occidentali lo giustificarono come un caso particolare. La situazione era particolare in Kosovo, la situazione è particolare in Ossezia del Sud e in Abkhazia.[1]
  • L'eroismo della Russia durante la Seconda guerra mondiale non deve mai essere messo in dubbio.[2]
  • Penso che Vasilij Kljuchevskij avesse ragione: la storia non ci insegna nulla. Si limita a punirci se non impariamo le sue lezioni.[2]
  • Mi viene spesso chiesto perché i miei post sono così duri. La risposta è che li odio. Sono bastardi e imbranati. Vogliono la nostra morte, quella della Russia. E finché sono vivo, farò di tutto per farli sparire.[3]
  • Ho letto che l'Ucraina, con il sistema di affitti e prestiti, vuole ricevere Gnl dai suoi padroni d'oltremare con pagamento per la consegna in due anni, altrimenti il prossimo inverno si congelerà semplicemente. Chi ha detto che tra due anni l'Ucraina esista ancora sulle mappe mondiali?[4]
  • Agli europei, grandi mangiatori di rane, salsicce e spaghetti, piace visitare Kiev. Inutilmente. Hanno promesso l'adesione dell'Ucraina all'Ue e obici datati, si ubriacano di horilka, tornano a casa in treno, come cento anni fa.[5]
  • Se l'Ucraina attacca la Crimea allora gli ucraini conosceranno il giorno del giudizio, sarà la fine del mondo.[6]
  • Vorremmo vedere i cittadini europei non solo esprimere il malcontento per le azioni dei loro governi, ma anche dire qualcosa di più coerente. Ad esempio, che li chiamino a rendere conto, punendoli per la loro evidente stupidità. I voti degli elettori sono una potente leva di influenza. Chiamate i vostri idioti a rendere conto. E vi ascolteremo. Il vantaggio è evidente: l’inverno è molto più caldo e confortevole in compagnia della Russia che in uno splendido isolamento con la stufa a gas spenta.[7]
  • A Capodanno, tutti si dedicano a fare previsioni.
    Molti avanzano ipotesi futuristiche, come se facessero a gara per individuare le più azzardate e persino le più assurde.
    Ecco il nostro umile contributo.
    Cosa può succedere nel 2023:
    1. Il prezzo del petrolio salirà a 150 dollari al barile e quello del gas a 5.000 dollari per 1.000 metri cubi.
    2. Il Regno Unito rientrerà nell'UE.
    3. L'UE crollerà dopo il ritorno del Regno Unito; l'euro non sarà più utilizzato come valuta dell'UE.
    4. La Polonia e l'Ungheria occuperanno le regioni occidentali dell'ex Ucraina.
    5. Verrà creato il Quarto Reich, che comprenderà il territorio della Germania e dei suoi satelliti, cioè la Polonia, gli Stati baltici, la Cechia, la Slovacchia, la Repubblica di Kiev e altri paesi emarginati.
    6. Scoppierà la guerra tra la Francia e il Quarto Reich. L'Europa sarà divisa, e la Polonia sarà spartita.
    7. L'Irlanda del Nord si separerà dal Regno Unito e si unirà alla Repubblica d'Irlanda.
    8. La guerra civile scoppierà negli Stati Uniti, con la California e il Texas che diventeranno Stati indipendenti. Il Texas e il Messico formeranno uno Stato alleato. Elon Musk vincerà le elezioni presidenziali in alcuni Stati che, dopo la fine della nuova guerra civile, saranno stati assegnati al GOP.
    9. Tutti i più grandi mercati azionari e le attività finanziarie lasceranno gli Stati Uniti e l'Europa per trasferirsi in Asia.
    10. Il sistema di gestione monetaria di Bretton Woods crollerà, portando al crollo del FMI e della Banca Mondiale. Euro e dollaro smetteranno di circolare come valute di riserva globali. Al loro posto verranno utilizzate attivamente le valute fiat digitali.
    Auguri di buona stagione a tutti voi, amici anglosassoni, e ai loro maialini felicemente ammiccanti![8]
  • Le consegne di armi straniere all’Ucraina avvicinano l’apocalisse nucleare.[9]
  • [Riferendosi all'ipotetico arresto di Vladimir Putin a seguito del mandato di cattura emesso dall Corte penale internazionale (Cpi)] Immaginiamo - ovviamente, questa è una situazione che non si verificherà mai, sì - ma immaginiamo che accada effettivamente. Un presidente in carica di una potenza nucleare viene, per esempio, in Germania, e viene arrestato. Cosa sarebbe questo? Una dichiarazione di guerra contro la Federazione Russa! In questo caso, tutti i nostri mezzi volerebbero al Bundestag, all'ufficio del Cancelliere e così via[10]
  • Perché l'Ucraina scomparirà? Perché nessuno ne ha bisogno.[11]
  • La nuova Piccola Russia del modello del 1991 è costituita da territori tagliati artificialmente, molti dei quali sono originariamente russi, strappati accidentalmente nel ventesimo secolo. [...] I pezzi di Russia, chiamati Ucraina in base ai confini del 1991, sono solo un malinteso generato dal crollo dell'Urss.[11]
  • Dopo l'attacco terroristico di oggi, non ci sono altre opzioni se non l'eliminazione fisica di Zelensky. Non è nemmeno necessario firmare l'atto di resa incondizionata. Anche Hitler, come sai, non l'ha firmato.[12]
  • [Sull'Attentato al Crocus City Hall] La Russia ucciderà i leader ucraini se sono coinvolti nell’attentato a Mosca.[13]

Lettera inviata ad alcuni capi di stato e governo annunciando il riconoscimento dell'indipendenza di Ossezia del Sud e Abkhazia il 26 agosto 2008; La repubblica, 27 agosto 2008

  • L'aggressione del regime di Mikhail Saakashvili contro l'Ossezia del Sud ha cancellato le vite di molti dei nostri cittadini, compresi i militari che facevano parte del contingente multinazionale per il mantenimento della pace. Avendo dato l'ordine criminale di attaccare l'Ossezia del Sud, Saakashvili contava di realizzare un'operazione lampo e di mettere la comunità internazionale di fronte al fatto compiuto di una "sistemazione" del conflitto tra la Georgia e l'Ossezia del Sud alle condizioni di Tbilisi.
  • Da quando, all'inizio degli anni '90, il presidente georgiano Gamsakhurdia lanciò l'appello per una "Georgia per i georgiani" e abolì gli Stati autonomi dell'Abkhazia e dell'Ossezia del Sud, ordinando di prendere d'assalto Sukhumi e Tskhinvali, la Russia fece tutto quanto in suo potere per impedire il genocidio e le pulizie etniche. La Russia, come mediatrice e pacificatrice, voleva arrivare a una soluzione politica dei conflitti. Allo stesso tempo, ci siamo sempre basati sul riconoscimento dell'integrità territoriale della Georgia.
  • I nostri insistenti appelli a Tbilisi per la stipula di accordi sull'impegno al non uso della forza in Abkhazia e Ossezia del Sud sono stati respinti dalla dirigenza georgiana e ignorati dall'Unione europea e dalla Nato. Nella notte dell'8 agosto 2008 Tbilisi ha fatto la sua scelta, iniziando la guerra contro il popolo sudosseto il quale - stando alle dichiarazioni di Saakashvili - è considerato una parte del suo Stato. Con il suo ordine criminale di iniziare la guerra, il presidente georgiano ha cancellato di propria mano tutte le speranze per il ristabilimento dell'integrità territoriale e la coesistenza pacifica di sudosseti, abkhazi e georgiani in un unico Stato. I popoli dell'Abkhazia e dell'Ossezia del Sud si sono espressi più volte con referendum a favore dell'indipendenza delle proprie Repubbliche. Ciò che è successo in Ossezia del Sud e si stava pianificando di fare anche in Abkhazia ha fatto traboccare il vaso della pazienza.
  • Basandosi sulla situazione che si è venuta a creare, tenendo conto della volontà espressa dai popoli dell'Abkhazia e dell'Ossezia del Sud, attenendosi alle disposizioni dello statuto Onu e alla dichiarazione sui principi e il diritto internazionale riguardanti le relazioni amichevoli tra gli Stati, all'atto finale di Helsinki e agli altri documenti internazionali di parte, è stata presa la decisione del riconoscimento da parte della Federazione Russa dell'indipendenza della Repubblica di Abkhazia e della Repubblica dell'Ossezia del Sud.

Intervista di Vladimir Solov'ev, Russiaintranslation.com, 10 settembre 2018

  • Le mie valutazioni rimangono le stesse: senza la condotta irresponsabile, immorale e criminale di Saakashvili e dei suoi seguaci, non ci sarebbe stata alcuna guerra.
  • Nel 2008 il governo georgiano guidato dal presidente ha dato il via libera all'aggressione ed è successo quello che è successo. Non era inevitabile. È stata senza dubbi una scelta soggettiva di Saakashvili e del suo entourage.
  • All'inizio non sembrava male. Durante il nostro primo incontro, quando sono entrato in carica, ha detto che avrebbe voluto ripristinare i rapporti, che si aspettava di essere amici – in generale, ha detto molte parole piacevoli. [...] Ricordo chiaramente che dall'inizio del luglio 2008 interruppe le comunicazioni. Allora non gli detti molta importanza, ma ora sono incline a pensare che questa fosse una linea già elaborata. Lui, da un lato, si aspettava che il nuovo capo della Federazione Russa avrebbe preso un'altra posizione nel rapporto con il suo governo e con lui personalmente. In altre parole, si aspettava semplicemente che non avremmo interferito nei processi che sarebbero occorsi, non reagendo in alcun modo alle azioni intraprese contro le nostre forze di pace e, cosa più importante, verso i cittadini della Federazione Russa che vivevano in Abkhazia e in Ossezia del Sud. D'altra parte, penso che a quel tempo avesse già tenuto consultazioni su larga scala con i suoi protettori. In questo caso si tratta principalmente degli Stati Uniti d'America.
  • La Georgia ha iniziato l'aggressione, questa è la conclusione più importante. Questo non può essere cancellato dalla storia.
  • La Russia ha ricevuto una cosa importante: la pace. Siamo stati in grado di proteggere i nostri cittadini, e sono molti, che vivono in Abkhazia e nell'Ossezia meridionale. Non abbiamo il rompicapo di un possibile altro attacco in cui dovremo intervenire, proteggere i nostri cittadini, proteggere la nostra sicurezza e dare una risposta. Nella regione è tutto chiaro. E questa è la cosa più importante.
  • La NATO, che si è conservata, sta cercando di circondare la Federazione Russa. Non si tratta di far piacere la leadership politica della Russia, non si tratta di alcuni principi ideologici o differenze di valori, si tratta di cose semplici che sono assolutamente ovvie per qualsiasi persona.
  • La NATO non solo continua a esistere, si sta espandendo. Sempre più paesi stanno cercando di essere coinvolti nell'alleanza dell'Atlantico del Nord . Non possiamo trattare questa cosa con indifferenza, perché nessuno ha abolito la parità nucleare nel mondo, nessuno ha cancellato il fatto che è estremamente importante per i leader militari capire la relazione tra le forze strategiche nucleari dei diversi stati.
  • Mentre l'anello intorno al nostro paese inizia a contrarsi – il numero di paesi membri della NATO sta aumentando sempre di più – non possiamo fare a meno di preoccuparci. Perché in questo caso non si tratta solo delle forze strategiche nucleari che si avvicinano ai confini russi diventando armi nucleari strategiche, ma anche di armi tattiche non nucleari che, avendo un'alta precisione, sono in grado di causare danni colossali. In altre parole, l'allargamento della NATO è una minaccia assoluta per la Federazione Russa. Si tratta di una sfida incondizionata.
  • Per noi l'Abkhazia e l'Ossezia del Sud sono stati indipendenti con cui abbiamo rapporti amichevoli e in cui ci sono delle nostre basi militari. Un altro paese che li vede come un proprio territorio potrebbe portare a conseguenze molto gravi.
  • La carriera di Saakashvili in Georgia è con ogni probabilità conclusa, cosa che credo sia molto buona per la Georgia.

Sulla ribellione del Gruppo Wagner, Adnkronos.com, 24 giugno 2023

  • Non consentiremo a pazzi criminali ed ai loro sostenitori di prendere il potere nel Paese.
  • Lo sviluppo degli eventi attuali dimostra che le azioni di coloro che hanno organizzato la ribellione militare si adattano pienamente allo schema di un colpo di stato ben congegnato e orchestrato.
  • Se l'arsenale nucleare della Russia finisse sotto il controllo dei banditi, il mondo intero sarebbe sull'orlo della distruzione.

Citazioni su Dmitrij Medvedev

[modifica]
  • Al Cremlino c'è un sognatore... che sogna un futuro migliore per la Russia, mentre il Paese va in tutt'altra direzione. Noi non vorremmo sogni e articoli, ma decreti, leggi, proposte. (Oleg Orlov)
  • Chiunque pensi che la situazione in Russia migliorerà quando Dmitrij Medvedev salirà al potere si inganna. I russi sono pieni di battute su come lui sia semplicemente un servo di Putin. (Elena Tregubova)
  • I suoi compagni di gioventù già raccontano come Medvedev fosse stato un buon amico, disponibile e con un forte senso dell'umorismo; ci sono testimonianze sul suo lavoro volontario durante l'estate in un'azienda agricola come raccoglitore di patate. Con tutto ciò, non suscita una simpatia immediata e non ha l'abilità di Putin nel conquistare la gente. (Demetrio Volcic)
  • Il quarantaduenne Medvedev fece sembrare Putin un capo carismatico. Poco più alto di un metro e cinquanta (la statura esatta è un segreto rigorosamente protetto, ma i pettegolezzi non mancano così come le foto di Medvedev seduto su un cuscino o in piedi su uno sgabello per arrivare al microfono) al suo fianco Putin sembrava un gigante. Era un avvocato e aveva lavorato nell'amministrazione di San Pietroburgo, non aveva mai guidato un lavoro di squadra né comandato alcunché, tantomeno un paese. Imitava il modo robotico con cui Putin pronunciava i suoi discorsi parola per parola, con la differenza che ogni sillaba di Putin aveva un suono minaccioso, mentre Medvedev sembrava avere la voce di un sintetizzatore elettronico. (Maša Gessen)
  • L'ex presidente russo è una piccola persona dimenticata dalla Storia che cerca di mostrarsi seria e minacciosa, ma che in realtà suscita solo pietà. (Mychajlo Podoljak)
  • Ma lui non è un politico. È uno schiavo del regime. Non è uno che può parlare liberamente. E questi che stanno intorno a Putin, non capiscono che si stanno suicidando. (Julija Tymošenko)
  • Medvedev deve tutto a Putin e speriamo che glielo perdoni. Questo è il suo lato debole che potrebbe però anche essere uno dei vantaggi, in quanto ci sarà una copertura paterna. Medvedev dà del «voi» a Putin ancora oggi, forse non in privato (anche se in russo l'uso del «tu» e del «lei» ha infinite sfumature sulle quali lo straniero poco ci capisce anche quando russofono). (Demetrio Volcic)
  • Medvedev dovrebbe bere meno vodka prima di andare su Telegram. (Dmytro Kuleba)
  • Medvedev è pronto a rischiare la vita di miliardi di persone per un piccolo pezzo di terra: miliardi di persone in America Latina, Africa e Asia che non sono coinvolte nel conflitto ucraino. Già nell’agosto del 2022 Medvedev aveva affermato che la proposta di punire la Russia per i crimini di guerra in Ucraina minacciava l’esistenza dell’umanità, dato l’arsenale nucleare di Mosca. Ancora una volta, da che pulpito parla Medvedev quando si esprime in questo modo, ovvero da una sua posizione soggettiva? Non include se stesso tra coloro che periranno, come se potesse in qualche modo sopravvivere alla catastrofe nucleare globale. (Slavoj Žižek)
  • Medvedev e Putin sono un dono di Dio per il vostro Paese. (Silvio Berlusconi)
  • Medvedev ha [...] dichiarato che la Russia "farà di tutto" per evitare che compaiano armi nucleari nelle mani dei "nostri vicini ostili" come "l’Ucraina nazista". Ma dal momento che è la Russia a minacciare l’esistenza stessa di un altro stato (l’Ucraina), quest’altro stato non ha forse il diritto di difendere la propria esistenza con armi tattiche nucleari? Dobbiamo quindi prendere sul serio l’idea che sia l’Ucraina a dover essere dotata di armi nucleari per stabilire una parità sostanziale con la Russia. (Slavoj Žižek)
  • Medvedev, in quanto essere umano, era ed è assolutamente irrilevante. Ciò che serviva era l'idea di un Medvedev qualsiasi, ossia l'idea di un presidente giovane e liberale che avrebbe riportato il paese sulla strada della modernità. Possiamo quasi immaginarci Putin e la sua cerchia in un laboratorio a progettare il Medvedev ideale. Doveva avere la faccia pulita e lo sguardo brillante, parlare un gergo riformista a uso e consumo dell'intellighenzia e mantenere un'espressione impassibile mentre ammetteva garbatamente che le cose in Russia non erano perfette ma che sarebbero migliorate. Questo Medvedev, d'altra parte, non doveva avere una base di potere, idee o ambizioni sue proprie. Infine, doveva essere più basso di Putin e con ancor meno carisma. In effetti, un'alchimia rara da trovare. (Garri Kasparov)
  • Oggi Medvedev ricopre una carica secondaria nella difesa, ma è stato capace di pronunciare parole di vero tenore razzista contro "gli occidentali" in generale, prendendosela in particolare con gli europei, più che con gli americani. Ha usato termini non troppo diversi da quelli che usava Mussolini quando si riferiva alle corrotte democrazie borghesi che odiava al punto di sopprimere con decreto squadrista l'uso del "lei" sostituito dal più proletario "voi". Ciò che sorprende è il contrasto fra l'immagine di un uomo sempre composto, silenzioso ed elegante, di cui il mondo e la stampa aveva sempre parlato pochissimo, il quale da un giorno all'altro cambia radicalmente linguaggio, a partire dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina. (Paolo Guzzanti)
  • Penso che Putin abbia rotto Medvedev quando gli ha fatto fare il cambio. Sono sicuro che si sia trattato di un atto di violenza psicologica. Si sa anche quando è successo. Alla fine dell'estate andarono a pescare e Medvedev tornò da quella gita depresso, riservato e cominciò a mostrare la sua debolezza. Si addormenterebbe. Si addormentava seduto in prima fila. Questa era una condizione nevrotica. Non avrebbe dovuto concludere questo accordo. (Gleb Pavlovskij)
  • Ricordi Medvedev? Non lo ricorda nessuno. (Nina Lvovna Chruščёva)
  • Se l'imperialismo russo avesse un volto, sarebbe quello di Medvedev. Un piccolo uomo con grandi insicurezze, che sprizza veleno verso l'Ucraina o minaccia il mondo come unico modo per affermarsi. L'Ucraina c'era, c'è e ci sarà. La domanda è dove sarà fra due anni Dmitri Medvedev. (Mychajlo Podoljak)

Note

[modifica]

Voci correlate

[modifica]

Altri progetti

[modifica]