Breaking Bad (seconda stagione)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Breaking Bad.

Breaking Bad, seconda stagione.

TriangleArrow-Right.svg Citazioni in ordine temporale.

Episodio 1, Tutto cambia[modifica]

  • Walt, io capisco che hai paura, che sei arrabbiato, frustrato e so anche che tutto questo è ingiusto però non posso accettare che ti sfoghi su di me! (Skyler)
  • [A Jesse] Come puoi pensare di uccidere un uomo se non sai neanche aprire un caricatore?! (Walter)
  • Secondo te ai cinesi capita mai di avere voglia di cibo americano? Voglia di hamburger, patatine, ali di pollo fritte e bibite gassate? Tutto take away. Oppure voglia di provare a usare forchetta e coltello. Me lo sono sempre chiesta. (Marie)
  • [Barzellette dalle serie televisive] Un muto dice a un sordo "Un cieco ci spia!" e poi aggiunge "Attento, un paralitico ci insegue!" (Steven Gomez)
  • [Visionando il filmato di videosorveglianza che riprende Walt e Jesse scassinare e rubare da una fabbrica di prodotti chimici]
    Steven Gomez: Guarda quei due. Sta a vedere che fanno.
    Hank: Che diavolo è?
    Steven Gomez: Termite. Così mi hanno detto. Brucia più o meno a 5000 gradi. James Bond la usa sempre nei suoi film.
    Hank: Però, sono dei professionisti. [Nel video Walt e Jesse trasportano goffamente il barile di metilammina] Ahah! No, ritiro quello che ho detto! Ma scusa, non potevano rubare una carriola? È così difficile spostarlo? Fatelo rotolare! È un barile, idioti!
  • Voglio trasformare questi semi in ricina [...] la ricina è un veleno potentissimo, letale anche in piccole dosi, ed è molto difficile da rilevare durante l'autopsia. [...] Alla fine degli anni '70 la ricina fu utilizzata dal KGB per assassinare un giornalista bulgaro. Modificarono la punta di un ombrello e gli iniettarono una piccolissima dose nella gamba. Stiamo parlando di un volume poco più grande della capocchia di uno spillo. (Walter)
  • Hank: Noi dobbiamo essere comprensivi. Dobbiamo avere pazienza e darle tutto l'aiuto possibile.
    Skyler: Oh, davvero?
    Hank: Sì...
    Skyler: [Isterica] Io ho bisogno d'aiuto. Io. La quasi quarantenne incinta con un figlio in arrivo che non era stata prevista. E con un marito malato di cancro che ogni tanto sparisce chissà dove, sta via per ore e a mala pena mi rivolge ancora la parola, con un figlio lunatico, intrattabile, con un conto corrente sempre in rosso e uno schifosissimo scaldabagno che da settimane ormai perde acqua marrone e fa marcire il pavimento del ripostiglio perché non abbiamo i soldi per farlo riparare! Ma che importa? Che vuoi che sia? Ora dovrei venire da te e chiederti "Ti prego, dimmi che cosa posso fare per aiutare quella stronza, viziata e ora anche cleptomane che ha sempre avuto bisogno di essere al centro dell'attenzione?" Perché di sicuro tra le due di sicuro è lei, è lei che ha davvero dei seri problemi! [Scoppia a piangere. Hank tenta di abbracciarla]
    Hank: Se vuoi posso dare un'occhiata allo scaldabagno...
  • Hank: [Ridacchiando, sulla scena di un delitto] Questa è bella! Abbiamo di fronte un uomo da record: il criminale più stupido del mondo! Non l'hanno ammazzato. Guardate: questo bestione cercava di prendere il cadavere dell'altro quando questa catasta dev'essere scivolata è rimasto gravemente ferito al braccio ed è morto dissanguato!
    Steven Gomez: Giustizia divina, finalmente!
    Hank: Già, finalmente! Ehi, vieni qui! Voglio farmi fare una foto insieme a lui! Mi raccomando, devi inquadrare anche il sangue! Ahahah!

Episodio 2, Grigliato[modifica]

  • Sono sempre contento di lavorare coi padri di famiglia: coinvolgi tanta gente. (Tuco)
  • Me lo aspettavo, io prevedo il futuro. È un dono che conservo qui, nel profondo della mente. Sapevo già che avrebbero cercato di arrestarmi. Gonzo... È stato lui a dirlo agli sbirri! Mi ha tradito, quel verme bastardo, mi ha tradito! Di lui mi fidavo, come di un fratello! Sono stato generoso con lui, sono stato generoso! Se troverò Gonzo gli strapperò le budella, lo spellerò tutto e userò la sua pellaccia per farmi un sacco da pugilato! Ogni volta che lo colpirò sarà una lezione per me stesso, perché non ci si deve mai... Mai fidare delle persone che si amano! (Tuco)
  • Chemioterapia e marijuana vanno d'accordo come la torta di mele e i tartufi. (Marie)
  • Jesse: Ti prego, no! Non mi sparare, non voglio morire!
    Tuco: Dimmi che cosa avete fatto, Walter!
    Jesse: [Senza farsi vedere scava nella sabbia e trova un sasso] Fermati! Non voglio morire! No!
    Tuco: [Ultime parole] Dimmi che avete fatto!
    Walter: Abbiamo cercato di avvelenarti. [Tuco si gira verso di lui] Abbiamo cercato di avvelenarti. Perché sei fuori di testa. Non sei altro che un povero bastardo che merita solo di morire!
    [Jesse lo colpisce col sasso e lo disarma del fucile d'assalto M16. Lotta corpo a corpo. Jesse riesce a prendergli la pistola che ha addosso e gli spara]
    Tuco: Aaaaah!
    Jesse: [Gli dà un calcio facendolo cadere in una fossa] Muori, bastardo!
    Walter: Morirà dissanguato.

Episodio 3, Punto da un'ape morta[modifica]

  • È Hank. È indistruttibile. (Marie)
  • Badger: Sei Willy Wonka! Sei Willy Wonka e io ho trovato il biglietto d'oro! Ahh, fammi salire sulla tua barca magica, navighiamo lungo il fiume di metanfetamina e cioccolato! Dove tieni l'efedrina?
    Jesse: Cuciniamo col sistema P2P, quello è un barile di metilammina in soluzione acquosa, in questo modo non serve l'efedrina.
  • Jesse: Che vuole dire? Che ho sparato a qualcuno? Con una pistola?
    Hank: Tu? No. L'unica cosa che spari sono le cazzate.
  • Wendy la prostituta: Dov'è la mia Root Beer? Coraggio. Devo fare pipì, ho il calo degli zuccheri, ho dei problemi di salute!
    Hank: Che tipo di problemi di salute? Astinenza da pene? Hai il cazzus interruptus?
  • Dottore, mia moglie è incinta di sette mesi di un bambino che non abbiamo voluto, mio figlio di quindici anni ha una paresi cerebrale, io sono decisamente troppo qualificato per insegnare chimica in un liceo, quando riesco a lavorare guadagno 43.700$ l'anno, ho visto tutti i miei colleghi e i miei amici superarmi in tutto, in ogni modo possibile, ed entro diciotto mesi sarò morto... e lei mi chiede perché sono scappato? (Walter)
  • [Hector "Tio" Salamanca viene interrogato per testimoniare contro Jesse]
    Jesse: Guardatelo bene! Non sa neanche su che pianeta si trova!
    Steven Gomez: Señor, siamo sul pianeta Marte?
    Hector "Tio" Salamanca: ...
    Steven Gomez:[nota di contestualizzazione o bibliografia] Siamo sul pianeta Saturno?
    Hector "Tio" Salamanca: ...
    Steven Gomez: Siamo sul pianeta Terra?
    Hector "Tio" Salamanca: [Ding!]
    Steven Gomez: Señor, oggi è venerdì?
    Hector "Tio" Salamanca: ...
    Steven Gomez: Oggi è lunedì?
    Hector "Tio" Salamanca: ...
    Steven Gomez: Oggi è martedì?
    Hector "Tio" Salamanca: [Ding!]
    Hank: Ok. Sembra che si sia con la testa. Procediamo.
    Steven Gomez: Señor, quest'uomo era a casa sua ieri?
    Hector "Tio" Salamanca: ...
    Steven Gomez: [Più insistente] Señor, quest'uomo era a casa sua ieri?
    Hector "Tio" Salamanca: ...
    Hank: Questo ragazzo era a casa sua, vero? Stava facendo affari con suo nipote Tuco?
    Steven Gomez: Señor, ha paura di quest'uomo?
    Hank: Naa, non ha paura. Forza, nonnetto. Non vuoi aiutarci?
    [Tio si fa la diarrea addosso]
    Steven Gomez: Oh, cazzo...
    Hank: Immagino sia un "no".
  • Krazy-8, Tuco...in qualche modo, ma non so come, è tutto collegato. Una semplice connessione. Solo che non la vedo... (Hank)
  • [Nudo, con indosso solo cappello e occhiali] Senti cara, io pensavo di andare un attimo al supermercato. A te serve qualcosa? Che so, una coca? Delle patatine? Che dici? (Walter)

Episodio 4, Giù[modifica]

  • Troveranno il succo d'arancia e di pompelmo per il quale come sapete non ho una passione ma... considerando tutti i polifenoli e il limonene che ha, non può che far bene. (Walter)
  • Walter: Non sa nemmeno chi sono i Boz Scaggs![1] Come educatori abbiamo fallito.
    Skyler: Sai, stavo pensando che non lo so nemmeno io chi sono.
  • Walter: Flynn! Lo sapevi che ora si fa chiamare "Flynn"?
    Skyler: Mh-mh.
    Walter: Ah, ah. Ok, Flynn. Va bene. Come Errol Flynn.
    Skyler: Al momento gli piace essere chiamato così.
    Walter: Cos'ha contro "Walter Junior"?
    Skyler: Non prenderla come un fatto personale. Vuole avere una sua identità.
  • Figliolo, non possiamo impedirti di distruggere la tua vita, ma non ci trascinerai a fondo con te. (Adam Pinkman, padre di Jesse)
  • E dov'è la colazione?[2] (Walter "Flynn" Jr.)
  • [A Jesse, caduto in un bagno chimico] Come mai sei blu?! (Walter)
  • Tu non pensi perché trovi troppo faticoso pensare, Signor Pinkman! [...] Siamo soci in cosa? Tu cosa fai di preciso, si può sapere, eh?! Sono io a fare la roba, no?! La cucino io! Tu invece che cosa fai? Solo il tossicodipendente! Sei uno squallido miserabile drogato! Sei troppo stupido anche per comprendere e seguire anche le più semplici ed elementari istruzioni! Troppo stupido! (Walter)

Episodio 5, Una pistola per Jesse[modifica]

  • Hank: Fanno sempre lo stesso nome: "Heisenberg". Almeno quei pochi con cui entriamo in contatto.
    George Merkert: Heisenberg?
    Hank: Sì, lo so. Potrebbe essere una leggenda metropolitana. Eppure ci dev'essere qualcuno che produce quella roba azzurra. Ad ogni modo, staremo in allerta.
    George Merkert: Sai perché gli squali sono in cima alla catena alimentare?
    Hank: Forse perché hanno tre file di denti e mangiano di tutto?
    George Merkert: Perché fanno migliaia di chilometri pur di raggiungere la loro preda.
    Hank: Sì, io l'avevo sentito.
    George Merkert: E tu sei il nostro squalo bianco.
  • Jane: E in più ci sono altre due mensilità anticipate. Tariffa NFLS. Senza rimborso.
    Jesse: Be', certo, la tariffa NFLS. È ovvio, già. [Jane Ride] Ok. È uno scherzo. Che vuol dire "NFLS"?
    Jane: Non Fare Lo Stronzo.
  • Jane: Come ti chiami, fra l'altro?
    Jesse: Jesse... ehm...Jesse Jackson.
    Jane: Sul serio?
  • [Cantando mentre distilla la birra in garage] E tutti i miei amici | vanno a festeggiare | questa grande occasione | con qualcosa di speciale | e perciò stasera brinderemo | con la ShraderBräu! | ShraderBräu! | Pom pom pom pom pom! | ShraderBräu! (Hank)
  • Io servo a te più di quanto tu servi a me, Walt. (Jesse)
  • Walter: Da dove vengono i criminali come quelli che hai...cioè, cosa pensi che li faccia diventare quello che sono?
    Hank: Ti posso rispondere come per gli scarafaggi. Tutto quello che so è che il mondo ne è pieno.
  • Hai incassato quindicimila dollari senza rischiare niente! Io ci sto in mezzo, so come funziona! Anche i miei ragazzi lo sanno e stanno attenti. Ma a volte non basta. E tu mentre noi rischiamo il culo te ne stai con la tua preziosa famiglia! Perché non la pianti di dare lezioni? (Jesse)

Episodio 6, Una lezione indimenticabile[modifica]

  • Monoalcheni, diolefini, sistemi trienici, polienici sono termini che possono fare venire un gran mal di testa. Però quando sarete presi dallo scoraggiamento – e succederà! – dovrete ricordare che c'è un elemento: il carbonio. Il carbonio è l'elemento fondamentale, non ci sarebbe vita se non ci fosse il carbonio in nessun luogo, in nessun luogo dell'universo. Tutto ciò che vive, ha vissuto o vivrà è a base di carbonio. [...] A me piace pensare... mi piace pensare che il diamante e la donna che lo porta al dito sono composti dalla stessa sostanza. Poi c'è il diamante sintetico. [...] Il dottor Hall ha ideato il primo procedimento riproducibile per la fabbricazione di diamanti sintetici. Lo ha ideato negli anni '50. Al giorno d'oggi si usano diamanti sintetici nella perforazione di pozzi petroliferi, in elettronica...hanno un mercato di miliardi di dollari. A quell'epoca Hall lavorava per la General Electric che con la sua invenzione ha realizzato guadagni incalcolabili. Sapete come la General Electric ha ricompensato Hall? Mh? Con un buono del tesoro da dieci dollari. [...] Hanno ricompensato il dottor Hall con un buono del tesoro stampato su carta composta da carbonio per quello che ha ottenuto dal... carbonio. (Walter)
  • Scopri chi sono, poi insieme mettiamo loro un bel sacco sulla testa, li leghiamo per bene, li portiamo al centro del deserto, li spogliamo nudi, e li seppelliamo fino al collo in un formicaio di formiche rosse. Era in un vecchio western. (Walter)
  • Gretchen Schwartz: Vediamo se ho capito bene. Noi ci siamo offerti di pagare tutte le tue cure senza alcuna condizione ed è un'offerta tra l'altro ancora valida che tu hai rifiutato per orgoglio o per altre ragioni e poi racconti a tua moglie che in realtà le paghiamo noi le tue cure? Ci hai coinvolti nelle tue squallide bugie e nostra insaputa e contro la nostra volontà! E ora te ne stai seduto tranquillo e vuoi convincermi che la cosa non mi riguarda?!
    Walter: Già. Sì, il concetto è più o meno questo.
    Gretchen Schwartz: Non ti riconosco più. Davvero Walt, che ti è successo? Ora sembri un'altra persona.
    Walter: Ma tu cosa vuoi saperne di come sono io, Gretchen? Che tipo di persona ti aspettavi che fossi esattamente? Quello che viene a implorare la tua carità? Così tu puoi sventolare il tuo libretto d'assegni come fosse una bacchetta magica che col suo tocco può farmi dimenticare il fatto che tu e Elliott mi avete tagliato fuori!?
    Gretchen Schwartz: Come puoi dire una cosa del genere?
    Walter: Con il frutto delle mie faticose ricerche voi state guadagnando milioni di dollari!
  • Schizzo: Ogni cassaforte ha il suo punto debole. Se costruissi casseforti dove lo metteresti il punto debole?
    Donna di Schizzo: Da nessuna parte. Le casseforti devono essere... foooorti!
    Schizzo: Il punto debole lo mettono sotto! Lo mettono sotto dove non si vede!
  • Donna di Schizzo: Non so più come dirtelo che non puoi trattarmi così!
    Schizzo: [Sotto al bancomat mentre cerca di scassinarlo] Lasciami in pace cretina! Piantala di disturbarmi! Non vedi che sto facendo una cosa molto importante?! Sono nel momento cruciale! Perciò invece di rompere dammi una mano, stupida vacca! E sta' zitta!
    Donna di Schizzo: Non chiamarmi "vacca"!
    Schizzo: E invece ti chiamo vacca perché sei una vacca! Una stupida vacca! Vacca! Vacca! Vacca! Vacca! Vacca! Vacca! Mi hai sentito, vacca?! Sentito vacca? Sei solo una stupida vacca e lo sanno tutti! Vacca! Vacca! Vacca! Vacca! Vacca!
    Donna di Schizzo: Non sono una vacca!
    Schizzo: [Ultime parole] Vacca! Vacca! Vacca! Vacca! Vacca!
    [Lei fa perdere l'equilibrio al bancomat facendolo cadere sulla testa di Schizzo]
    Jesse: No! No! Cosa fai?! No!
    [Ruba la metanfetamina dalla tasca di Schizzo]
    Donna di Schizzo: Non sono una vacca!

Episodio 7, Nero e azzurro[modifica]

  • La città si chiama Duke | Nuovo Messico lo stato | Tra la sua gente mafiosa | la sua fama si è propagata | A causa di una nuova droga | che i gringos hanno creato | Dicon che è di colore azzurro | e di pura qualità | Questa droga potente | che circola per la città | E i padroni della piazza | non sono riusciti a fermarla | Il Cartello si sta arrabbiando | gli hanno mancato di rispetto | Parlan di un certo "Heisenberg" | che ora controlla il mercato | Nessuno sa niente di lui | perché non lo hanno mai visto | Il Cartello ci tiene al rispetto | e non ha mai perdonato | Questo compare è già morto | ma non lo hanno ancora avvisato | La fama di Heisenberg | è arrivata fino a Michoacan | Da laggiù vogliono venire | a provare questo cristallo | Questa roba azzurra | è già diventata internazionale | Ora sì, gli sta bene, al Nuovo Messico il nome | Somiglia al Messico | Per tutta la droga che nasconde | Solo che c'è un capo gringo | come "Heisenberg" lo conoscono | Il Cartello si sta arrabbiando | gli hanno mancato di rispetto | Parlan di un certo "Heisenberg" | che ora controlla il mercato | Nessuno sa niente di lui | perché non lo hanno mai visto | Alla furia del Cartello | nessuno è mai sfuggito | Questo compare ora è morto | ma ancora non lo hanno avvisato (Negro y Azul: The Ballad of Heisenberg dei Los Cuates de Sinaloa)
La ciudad se llama Duke, Nuevo Mexico, el estado | Entre la gente mafiosa | Su fama se ha propagado | Causa de una nueva droga | Que los gringos han creado | Dicen que es color azul | Y que es pura calidad | Esa droga poderosa | que circula en la ciudad | Y los dueños de la plaza | no la pudieron parar | Anda caliente el cartel | Al respeto le faltaron | Hablan de un tal "Heisenberg" | Que ahora controla el mercado | Nadie sabe nada de él | Porque nunca lo han mirado | El cartel es de respeto | Y jamás ha perdonado | Ese compa ya está muerto | Nomás no le han avisado | La fama de "Heisenberg" | Ya llegó hasta Michoacán | Desde allá quieren venir | a probar ese cristal | Ese material azul | ya se hizo internacional | Ahora si le quedó bien | a Nuevo Mexico el nombre | A México se parece | en tanta droga que esconde | solo que hay un capo gringo, | por "Heisenberg" lo conocen. | Anda caliente el cartel | Al respeto le faltaron | Hablan de un tal "Heisenberg" | Que ahora controla el mercado | Nadie sabe nada de él | Porque nunca lo han mirado | A la furia del cartel | Nadie jamás ha escapado | Ese compa ya está muerto | Nomás no le han avisado.
  • Sai cos'è un legame? Una grande forza di attrazione... legame covalente, legame ionico... parlo dell'aggregazione di atomi e molecole per formare composti... i legami chimici sono quelli che formano la materia. I legami sono ciò che tengono insieme il mondo fisico, inclusi noi. (Walter)
  • [Nel nuovo ufficio di Hank, a El Paso, Texas]
    Hank: Ehi, e quello?
    Collega: Jesús Malverde, il patrono degli spacciatori.[3]
    Hank: Sì, sì, lo so anch'io chi è! Ci vanno tutti questi figli di puttana a pregare! "Por favor, señor santo nada anti-droga! Por favor!" [Ride tra sé e sé] Mi chiedevo solo perché lo tiene lì. Se dai la caccia ai nazisti che fai? Metti una svastica?
    Collega: Sun Tzu.
    Hank: "San che"?!
    Collega: Un generale cinese del sesto secolo diceva che se conosci il nemico come te stesso combatterai senza danno molte battaglie.
  • Tu sei un pesce palla. Un pesce palla. Pensaci, piccolo di dimensioni, non svelto, non molto astuto, facile vittima dei predatori, ma il pesce palla ha un'arma segreta no, lo sai... cosa fa il pesce palla Jesse? Il pesce palla si gonfia, il pesce palla si espande fino a diventare 4-5 volte più grande, ma perché, perché lo fa? Per mettere paura agli altri pesci, ecco perché, per spaventarli, così i predatori di cui parlavamo prima se la svignano, e questo sei tu, tu sei il pesce palla. Capisci, è tutta un'illusione, nient'altro...nient'altro che aria. Ora chi oserà mettersi contro il pesce palla Jesse? (Walter)
  • Tortuga: Mi chiamano "Tortuga". Sai che vuol, dire?
    Hank: Be', secondo me tradotto significa "figlio di puttana".
    Tortuga: Vuol dire tartaruga. Sono io. Mi prendo il mio tempo, però vinco sempre.
  • Jesse: È strano che un'artista di tatuaggi non abbia tatuaggi.
    Jane: È un impegno troppo grande.
  • Hola DEA. (Scritta sulla tartaruga)
  • Che c'è, Shrader? Non dirmi che non hai mai visto una testa mozzata sopra una tartaruga! (Detective di El Paso)
  • Dobbiamo aumentare i prezzi. Accaparrati il mercato e aumenta i prezzi: è la base dell'economia. (Walter)

Episodio 8, Conviene chiamare Saul[modifica]

  • Badger: Maybe, baby...
    Getz: Ciao. Senti... hai della roba?
    Badger: Non so di che parli amico.
    Getz: Va bene, come vuoi. Quello che intendevo dire è che hai roba da vendere te ne compro un paio di grammi.
    Badger: Per chi mi hai preso? È inutile, si vede che sei uno sbirro.
    Getz: Che cosa? Ma come ti viene in mente?
    Badger: Ah, be', per esempio, ehm...per quel furgone parcheggiato laggiù. È tuo vero?
    Getz: Quale furgone?
    Badger: Pensavi che passasse inosservato? È un furgone da sbirri! Guarda, laggiù ce n'è un altro uguale! "Duke City Flowers"?! Incredibile! Non potevate essere più originali? Eheheh!
    Getz: Sei fuori strada. Io voglio solo sballarmi.
    Badger: Il furgone del fiorista! Ah... Sai che dovreste provare? Il camion dei rifiuti. Sul serio, non sto scherzando. È un suggerimento. Se fai salire gli sbirri su un camion dei rifiuti a nessuno verrà mai da pensare che al posto dei netturbini c'è una squadra di sbirri! Se fossi in te ci penserei. [Urlando] Pensateci anche voi! Eheheh!
    Getz: Ho capito, me ne vado.
    Badger: Oh! Voi sbirri vi arrendete così?
    Getz: Non sono uno sbirro!
    Badger: Alzati la maglietta, fammi vedere che non hai microfoni!
    Getz: E va bene. Ma se lo faccio è soltanto per dimostrarti che hai torto! [Si alza la maglietta]
    Badger: [Prendendolo in giro] Ah! Sei troppo bianco! Mi accechi! Eheheh!
    Getz: Deficiente!
    Badger: Ehi, vieni qui, scherzavo! Avanti, non puoi andartene così. Siediti, coraggio. E poi non capisco di che ti lamenti. Gli addominali non ti mancano. Dico male?
    Getz: Dì quello che vuoi. Non so più tanto sicuro di volermi sballare, con i tuoi giochetti mi hai fatto passare la voglia.
    Badger: Ma dai, non fare così. In fondo ti ho soltanto chiesto di dimostrarmi che non sei uno sbirro.
    Getz: Che cos'altro devo fare per convincerti?
    Badger: Non lo so. Ho un'idea. Vai da quel tipo laggiù e dagli un pugno in faccia.
    Getz: Di chi parli? Di quello laggiù?
    Badger: Sì.
    Getz: No, mi romperebbe il culo!
    Badger: Eheheh! Hai ragione. Aaah... Serve un altra idea.
    Getz: Già. [Pausa] Ho trovato. Una cosa semplicissima. Quando domandi a uno sbirro se è uno sbirro, lui è obbligato a dire la verità. È scritto nella costituzione.
    Badger: Nella costituzione americana?
    Getz: Sicuro. Coraggio, fammi questa domanda.
    Badger: Sei uno sbirro?
    Getz: No, no. Così non va. Dev'essere una cosa ufficiale.
    Badger: Va bene. Lei è un agente di polizia?
    Getz: [Alza la mano in segno di giuramento] No, io non sono un agente di polizia.
    Badger: D'accordo. Sono centosettantacinque dollari.
    Getz: Però!
    Badger: Il prezzo è questo, amico.
    Getz: Ok.
    [Si scambiano i soldi e la droga]
    Badger: Tieni, amico. Divertiti.
    Getz: Alla prossima. [Si alza dalla panchina e fa per allontanarsi, poi facendo finta di doversi allacciare la stringa di una scarpa estrae la pistola per puntarla addosso a Badger] Polizia di Albuquerque! Sei in arresto! Mani in alto! [Arrivano i furgoni del fiorista con le sirene accese]
  • [Spot televisivo di Saul Goodman]
    Imputato #1: Avevo un buon lavoro, ma un giorno il mio capo mi ha accusato di furto! Mi conviene chiamare Saul!
    Imputato #2: Avevo bevuto a una festa, non facevo niente di male!
    Poliziotta: Signore, lei è in arresto.
    Imputato #2: Mi conviene chiamare Saul!
    Saul Goodman: Il mio nome è Saul Goodman. Sapevi di avere dei diritti? Lo dice la nostra costituzione e lo dico anch'io. Finché non si dimostra io credo che ogni uomo, donna o bambino sia innocente! Ed è per questo che intendo lottare per te! Ti conviene chiamare Saul! Chiama il 505 164! Ripeto 505 164! Parliamo spagnolo!
  • Saul: Signori, vi ho sentiti parlare del mio cliente. C'è qualcosa che dovete dirmi?
    Hank: Sì, il suo spot televisivo è spazzatura. [Gomez ride] Immagino che gli attori li abbia presi in un bordello.
    Saul: Sì, in quello dove lavora sua madre, tra l'altro fa ancora l'offerta del 3x2.
  • Ho passato tutta la vita ad avere paura, paura di disgrazie terribili che potevano accadere oppure no, per cinquant'anni ho vissuto nella paura, ritrovandomi sempre sveglio alle tre del mattino. Ma ora è diverso, da quando mi hanno diagnosticato il cancro ho iniziato a dormire bene. [...] Mi sono reso conto che è la paura la peggiore delle disgrazie; è la paura il vero nemico, perciò alzati va ad affrontare la vita reale e se il mondo è un bastardo allora colpiscilo con tutta la forza che hai. (Walter)
  • Da parte mia riceverai la miglior difesa che il denaro possa comprare. (Saul)
  • Il mio vero cognome è McGill. Sa, lo stile ebreo attira la gente del quartiere e così fingo anch'io di essere membro della tribù. (Saul)
  • Avere la coscienza pulita ha il suo prezzo. (Saul)
  • Saul: Walter, sono il suo legale. Tutti i suoi segreti con me sono al sicuro. Sono un avvocato, non un ricattatore. E un avvocato può essere utile anche ai narcotrafficanti. Soprattutto ai narcotrafficanti!
    Walter: Vuol farmi credere che lo sta facendo solo per bontà d'animo?
    Saul: No! Sta scherzando?! Non ha visto le mie tariffe orarie?

Episodio 9, 4 giorni fuori[modifica]

  • [A Jesse] Georgia O'Keeffe è una pittrice. Non conosci Georgia O'Keeffe? [...] Un po' di cultura non uccide. E forse ti piace anche... alcuni suoi dipinti sembrano delle vagine. (Jane)
  • Ciao, se vi conosco lasciate un messaggio. (Segreteria telefonica di Jesse)
  • Walter: Io me lo merito. Merito tutto questo...
    Jesse: Smettila subito! Ricorda che quello che hai fatto l'hai fatto per la tua famiglia! Giusto?
    Walter: Non sono riuscito a fare altro che deluderli, farli preoccupare e mentire. Accidenti, quante bugie! Non so nemmeno io quante ne ho dette! Non me lo ricordo più!
  • Walter: Jesse... il tuo corpo è pericolosamente a corto di sali minerali... sodio, potassio, calcio... e quando finiranno il cervello smetterà di comunicare con i tuoi muscoli, i polmoni non respireranno più, e il cuore non pomperà più. Se ti metti a camminare sotto il sole nel giro di un'ora sarai morto.
    Jesse: Ok, addesso piantala con questa lagna da depresso e fatti venire subito in mente qualcosa di scientifico!
    Walter: Qualcosa di scientifico, certo...
    Jesse: Su, muoviti! Tu sei in gamba! Tu sai ricavare il veleno persino dai fagioli! No? Senti, qui c'è tutto un laboratorio! Sta qui! Va bene? Perché non... non prendi questa roba chimica e non fai qualche strano miscuglio... un razzo di segnalazione per chiedere soccorso o puoi costruire una specie di robot teleguidato... che vada a cercare aiuto! Oppure una batteria o... no, perché non... perché non smontiamo qualche pezzo del camper e creiamo qualcosa di completamente diverso? Tipo un fuoristrada e ce ne andiamo via col fuoristrada!
  • Jesse: Che cosa costruiamo?
    Walter: L'hai detto tu.
    Jesse: Un robot?
    Walter: Una batteria.
    Jesse: Sì!
    Walter: Muoviti!
  • Walter: Una batteria è una cella galvanica, nient'altro che un anodo e un catodo separati da un elettrolite, giusto? [...] Da una parte c'è l'ossido di mercurio e la grafite delle pastiglie dei freni, questo è il catodo, cioè il polo positivo, è da qui che si produce la corrente che portiamo fuori, chiaro? E, ti faccio vedere, da quest'altra parte c'è l'anodo... questo... è zinco, quello che si trova nelle monete e nei metalli galvanizzati.
    Jesse: Quindi la spugna è l'elettrolita?
    Walter: Sì, cioè no, l'idrossido di potassio è l'elettrolita. Però sì, c'ho imbevuto le spugne. Bravo. E adesso che cosa utilizziamo per condurre la nostra splendida corrente? Quale specifico elemento? [agita un filo di rame]
    Jesse: Aaaaah... Un filo!
    Walter: No. Il rame.

Episodio 10, Game Over[modifica]

  • Vorrei fare un brindisi con la mia bibita analcolica. So che una festa non può certo ricompensare il vostro sostegno e la vistra davvero infinita cortesia, ma, che sia chiaro, Hank voglio che scorra un fiume di Margarita! Noi vogliamo... vogliamo ringraziarvi tutti in questi mesi be' abbiamo afforntato una sfida, per dirlo con un eufemismo, ma devo dire che Walt si è battuto da campione. Tesoro, sono proprio fiero di te. Va bene, la smetto con questa roba melensa, sì. Ma è la verità: è stato forte. E finalmente dopo tanto tempo siamo ottimisti per il futuro. Comunque io... oh, vorrei anche esprimere la mia gratitudine a due persone... due persone davvero speciali che oggi non sono potute venire, ma si scusano e mandano i loro auguri: Gretchen e Elliot Schwartz. Per quelli che non li conoscono dirò solo che... che sono... be', degli eroi. Sono dei nostri amici molto molto generosi che si sono offerti di pagare le spese per la terapia di Walt. E così è stato. Perciò... a Gretchen e Elliot! (Skyler)
  • È molto strano... quando ho saputo la diagnosi, cancro, mi sono chiesto: "Insomma, perché proprio a me?" Poi l'altro giorno, quando ho avuto la buona notizia [tumore in remissione], mi sono... mi sono chiesto la stessa cosa. (Walter)
  • Bisogna riconoscere che quei bastardi hanno una certa originalità, non c'è che dire: un detonatore al mercurio, una batteria da nove volt, più o meno un paio d'etti d'esplosivo, e quella gentaglia festeggia. (Hank)
  • È mio figlio! La mia bottiglia! La mia casa! (Walter)
  • Dover essere forti ti esaurisce ogni energia. (Ted Beneke)
  • [In un negozio Walter si ferma ad osservare il contenuto di un carrello della spesa]
    Walter: I fiammiferi non sono quelli giusti.
    Cliente: Cosa?
    Walter: I fiammiferi. Quelli non vanno bene. Il fosforo rosso si trova sulle strisce d'accensione, non sui fiammiferi. Devi prendere la scatola grossa. Quella da almeno duecento pezzi. Servono tante strisce d'accensione, chiaro? Quelli ne hanno una sola. E non prendere tutto nello stesso negozio! Compra un po' alla volta. Articoli diversi in diversi negozi così non generi sospetti. Mh? Mi segui oppure no?
    [Il cliente scappa via senza il carrello]
  • Restate fuori dal mio territorio. (Walter)

Episodio 11, Mandala[modifica]

  • Tomás Cantillo: Cos'hai a quell'orecchio?
    Christian "Combo" Ortega: [Ultime parole] Affari miei. Togliti di torno! Che aspetti? Sparisci!
    [Il bambino Tomás gli spara sette colpi di pistola uccidendolo]
  • Voi avete bisogno di entrare in affari con un vero professionista del ramo, qualcuno che tratti il vostro prodotto come una qualunque merce ad alto margine di guadagno, perché questo è. Qualcuno che prelevi il vostro prodotto e che acquisti l'intero stock. Qualcuno che è in questo commercio da più di vent'anni, e non è mai stato beccato. (Saul)
  • Uno dei miei amici che stava lavorando per me è stato ammazzato. È colpa mia. L'ho messo io a quell'incrocio. (Jesse)
  • Gus: [Parlando di Jesse] Io devo domandarle: come mai proprio lui?
    Walter: Perché fa quello che dico io e perché posso fidarmi.
  • Non ci si può mai fidare di un drogato. (Gus)
  • Skyler: Qui risulta quasi un milione di dollari di entrate non registrate. Ma non ti rendi conto che...
    Ted: Mi rendo conto che devo salvare l'azienda. Che devo salvare i vostri posti di lavoro, i vostri stipendi, le vostre pensioni e la possibilità di far studiare i vostri figli e anche i miei, ovviamente.
    Skyler: Questo non ti autorizza ad evadere le tasse!
    Ted: Ma io sono costretto! I conti parlano chiaro! Sono perseguitato dalle banche! Quelli del fisco sono autentiche sanguisughe! E se non cerco di...
    Skyler: Ted, per cose del genere si va in prigione!
    Ted: Mio padre ha creato l'azienda dal nulla e io non posso lasciarla andare in malora. I suoi dipendenti sono la mia famiglia. Io non posso chiudere solo perché abbiamo avuto due anni neri. Skyler, non mi denunciare. Ti prego.
  • [Jane fa provare per la prima volta l'eroina a Jesse]
    Jesse: Che effetto farà?
    Jane: Avrai freddo. Sta tranquillo passa. Poi, vedrai... Ci vediamo lì.

Episodio 12, Phoenix[modifica]

  • Skyler: [Parlando di Holly] Non è bellissima? Credo che sia la bambina più bella del mondo!
    Walt: Ha un ottimo patrimonio genetico. È naturale che sia così.
  • Jesse: Perché non avete dei computer? Siamo nel ventunesimo secolo.
    Walt: Cazzo ci fai qui?
    Jesse: No, fermo. Tu hai preso la roba. Ho sentito i messaggi in segreteria e ci sono arrivato.
    Walt: Ci sei arrivato, eh? Beh, congratulazioni Einstein.
  • Walter: Skyler, questa è carità!
    Skyler: Perché lo dici come se fosse... una parolaccia?
  • Walt: È una cosa assurda! Ho così tanti contanti che li conto pesandoli sulla bilancia del mio bagno. Però non posso spenderli! Non ne posso parlare con la mia famiglia! Tutti loro pensano che io sia a tanto così da essere sul lastrico! È assurdo!
    Saul: Be' è il motivo per cui i gangstar hanno gli amanti.
    Walt: Come?
    Saul: Le donne dei gangstar. Non ha mai visto La furia umana?
    Walt: Sì, certo ho visto La furia umana ma non capisco che relazione ci possa essere.
    Saul: Forse hai più bisogno di un'amante che di una moglie a cui non puoi dire i tuoi segreti.
    Walt: Lascia stare...
    Saul: Che senso hanno i soldi che non puoi spendere, eh? Se cade un albero e nessuno lo sente?[4] Be', hai capito il punto. Parlargliene è fuori discussione?
    Walt: Assolutamente!
    Saul: Be', vediamo cos'altro si può fare... C'è sempre il "Ehi, ho trovato una borsa piena di soldi sui binari del treno!"
    Walt: Sì, come no.
    Saul: No? Sembrava buona... Lo zio Murray. Ah, sì! Sì! Ho tanti ricordi felici dello zio Murray che mi sculaccia sulle sue ginocchia. Abbiamo perdso le tracce del vecchio pervertito anni fa. Ma ora è schiattato e mi ha lasciato i milioni."
    Walt: No. No. Non può essere la fortuna sfacciata oppure qualche parente immaginario che ci ha salvati! No! Io li ho guadagnati quei soldi! Sono miei! E adesso mio figlio ha creato un sito web, salvatewalterwhite.com, invitando a fare donazioni anonime! Hai idea di come questo possa farmi sentire?
    Saul: Guarda qui, ha PayPal e tutto il resto.
    Walt: Elemosina virtuale. Ecco che cos'è. Scuotere una tazza di latta davanti al mondo intero.
  • Era un insegnante delle superiori. Che può farti? darti un brutto voto? Mandarti dalla preside? (Jane) [A Jesse, parlando di Walter]
  • Se la bimba fa la nanna è contenta anche la mamma. | Bimba mia, non piangere così che la tua mamma è sempre qui. | Bimba mia, dormi serena che se no la mamma sarà in pena. | Bimba mia, stai bene qua insieme alla tua mamma e al tuo papà (Skyler) [Ninna nanne dalle serie televisive]
  • Jane: Sai che cos'è?
    Jesse: Una montagna di soldi.
    Jane: Questa è la libertà! È come dire "posso andare ovunque nel mondo! Posso decidere di essere chiunque!"
  • Donald Margolis: [Commentando una notizia del telegiornale] Hanno trovato l'acqua su Marte.
    Walt: Sì, pare di sì.
    Donald Margolis: Non so che farmene dell'informazione, ma per fortuna l'hanno trovata.
    Walt: Oh, be', a dire il vero potrebbero decidere di separare l'idrogeno dall'ossigeno ed utilizzarlo nella produzione di carburante per i viaggi spaziali. Praticamente di può traformare Marte in una grande stazione di servizio. Quindi è... già.... Viviamo in tempi incredibili.
    Donald Margolis: All'acqua su Marte!
    Walt: [Brindando con una birra scura doppio malto] All'acqua su Marte!

Episodio 13, Albuquerque[modifica]

  • Mike: Dirai così: ti sei svegliato, l'hai trovata e non sai altro. Ripeti. Per favore. "Mi sono svegliato, l'ho trovata e non so altro." Ripeti! [Gli tira uno schiaffo]
    Jesse: Mi sono svegliato, l'ho trovata e non so altro.
    Mike: Di nuovo.
    Jesse: Mi sono svegliato, l'ho trovata e non so altro.
    Mike: Di nuovo. Un'altra volta.
    Jesse: Mi sono svegliato, l'ho trovata e non so altro. Mi sono svegliato, l'ho trovata e non so altro. [Piange]
  • Ciao. Se telefonate per vendermi qualcosa non chiamate più. Gli amici invece lascino un messaggio in segreteria. [beep] (Segreteria telefonica di Jane)
  • Io l'amavo! Che mi importa di vivere se lei non c'è più? (Jesse)
  • Mi merito quello che mi capita. (Jesse)
  • Intervistatrice: È una brava persona, vero?
    Walter Junior: Altroché. Lo chieda a chiunque. Le diranno che è un grande padre, un grande insegnante, nessuno conosce la chimica meglio di lui. È un padre paziente, è sempre disponibile, lui è gentile con tutti, non fa mai cose contrarie alla legge. E mi ha insegnato a comportarmi come lui.
    Intervistatrice: Tuo padre è il tuo eroe?
    Walter Junior: Ah, sì, vero, signora. Assolutamente. Mio padre è il mio eroe.

Note[modifica]

  1. Cfr.: Boz Scaggs.
  2. Il personaggio di Walter Jr. appare molto spesso mentre fa colazione insieme alla famiglia, mentre non assume un ruolo rilevante nella trama principale. L'ossessione di Walter Jr. per la colazione è diventata una battuta ricorrente tra i fan e ha generato un internet meme. Cfr. (EN) Walt Jr. Loves Breakfast, knowyourmeme.com.
  3. Cfr. Jesús Malverde.
  4. Cfr.: If a tree falls in a forest

Altri progetti[modifica]