Infelicità

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sull'infelicità.

  • Chiedi, domanda, guardati attorno... e vedrai che niente sfugge all'infelicità... Non c'è una sola persona su questa terra che sia felice per tutta la vita... (Budda)
  • Credimi, il soccorrere gl'infelici è cosa degna dei re. (Publio Ovidio Nasone)
  • Infelice a far mia degl'infelici | La sventura imparai. (Vincenzo Monti)
  • Il tossico seme della infelicità odierna non è forse rintracciabile in quel muto accalcarsi, in quello sfuggire/sfuggirsi, in quella perdita di identità individuale e collettiva? Certa frenesia metropolitana non somiglia all'angosciante fuga continua di criceti in una gabbia troppo stretta, costretti a rincorrere la propria coda? L'uomo contemporaneo cerca invano di scappare per non dover riconoscere l'ombra della propria anima, per non fare i conti con la propria inaudita infelicità. (Paolo Crepet)
  • L'infelicità è una palude dove non alberga che la resa, la rinuncia. (Paolo Crepet)
  • L'uomo coltiva la propria infelicità per avere il gusto di combatterla a piccole dosi. Essere sempre infelici, ma non troppo, è condizione sine qua non di piccole e intermittenti felicità. (Eugenio Montale)
  • La felicità o infelicità non si misura dall'esterno ma dall'interno. (Giacomo Leopardi)
  • La miseria o infelicità è prodotta da: mancanza di consapevolezza, o avidya, egoismo, passioni, avversioni, attaccamento alla vita e paura della morte. (Patañjali)
  • Ma ci sono due tipi di infelicità, uno "appropriato", l'altro no. Lei è triste e deluso perché desidera qualcosa che non ha: e ciò è utile, perché costituisce un incentivo o una motivazione per lottare e conquistarsi, appunto, quella cosa. Se fosse sereno o indifferente non si impegnerebbe mai. Se invece è depresso, arrabbiato col mondo, giù di corda, soffre di quell'altro tipo, che è sterile, e non aiuta affatto a ottenere ciò che si ambisce. (Albert Ellis)
  • Non credete mai di primo acchito all'infelicità degli uomini. Chiedete loro solo se riescono ancora a dormire. Se sì, va tutto bene. (Louis-Ferdinand Céline)
  • Quando si pensa ad un infelice, si pensa alla sua infelicità. Ma l'infelice non pensa alla sua infelicità; ha l'anima colma di qualsiasi pur minimo sollievo che gli sia concesso desiderare. (Simone Weil)
  • Se non ci fosse, a questo mondo, l'infelicità, ci potremmo credere in paradiso. (Simone Weil)
  • Si è infelici perché non si può essere tutto e il contrario di tutto. (Tiziano Scarpa)
  • Tutte le famiglie felici si somigliano; ogni famiglia infelice è invece disgraziata a modo suo. (Anna Karenina)
  • Tutti scoprono, più o meno presto nella loro vita, che la felicità perfetta non è realizzabile, ma pochi si soffermano invece sulla considerazione opposta: che tale è anche una infelicità perfetta. (Primo Levi)
  • Una ricetta sicura di infelicità? Il sommarsi di due «rimedi». (Silvio Ceccato)
  • Vi è solo | un unico | contrappeso | contro l'infelicità: | bisogna | cercarlo | e trovarlo | e questo è felicità. (Erich Fried)

Proverbi italiani[modifica]

  • Chi non ce l'ha all'uscio, ce l'ha alla finestra.
  • Chi porge un dito all'infelice, Dio gli porgerà tutta la mano.
  • Le rose cascano, le spine restano.
  • L'uomo è nato per penare.
  • Non c'è rosa senza spine.
  • Non tutti son felici quelli che sembrano tali.
  • Ogni magione ha la sua passione.
  • Ogni porta ha il suo martello.
  • Ognuno ha il suo impiccato all'uscio.
  • Ognuno ha la sua croce.
  • Spesso la bocca ride, mentre il cuore piange.
  • Spesso una lieta fronte nasconde un'anima turbata. Ogni cuore ha il suo dolore.
  • Tutti nascono piangendo, e nessuno muore ridendo.

Bibliografia[modifica]

  • Annarosa Selene, Dizionario dei proverbi, Pan libri, 2004. ISBN 8872171903

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]