Vai al contenuto

Isa Miranda

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Isa Miranda in Malombra (1942)

Isa Miranda (1905 – 1982), attrice italiana.

Citazioni di Isa Miranda[modifica]

  • A Milano ho lavorato molto. Da “piccinina” a scatolaia, da commessa a mannequin, da modella per pittori e per cartoline illustrate a stenodattilografa. Lavorare era il mio orgoglio.[1]
  • Non sogno l'America bensì ho intenzione di lavorare molto in Italia e contribuire con ogni mio sforzo alla rinascita del cinema italiano.[2]
  • Tutto serve quando si è poveri e io sono molto povera. Tutto serve anche le bambole provvisorie: il mare è fatto di gocce d'acqua.[3]
  • Tutto si rompe nella vita. Tutto è provvisorio, my dear, niente dura: né il bene né il male, né il bello né il brutto.[3]

Citazioni su Isa Miranda[modifica]

  • Isa Miranda, con quel suo trasparente volto, sul quale i sentimenti spesso affiorano per dono istintivo e con ineffabile suggestione, ha tutto quello che occorre per essere l'anti-retorica attrice che noi aspettiamo. (Enrico Emanuelli)
  • Isa Miranda, già famosa prima che il film [La signora di tutti] uscisse (altra indicazione di come si debba risolvere il problema dei giovani) si è rivelata attrice già matura e piena di qualità. Fisicamente interessante, molto fotogenica, ha bella voce, ottima dizione, prestigio sul pubblico e comunicativa. (Enrico Roma)
  • [Nella Signora di tutti] la Miranda è qui al suo primo film di grande impegno, ché il precedente Tenebre non poteva certo porla in troppa luce. Il progresso è innegabile. Ma si direbbe che l'Ophüls l'abbia seguita, e talvolta costretta, con una vigilanza che rasenta la diffidenza: tanto da darle veramente respiro soltanto in alcuni primi piani. Ora la Miranda sta interpretando la figura di Nennele, in una riduzione di Come le foglie diretta dal Camerini; e il Camerini non è regista da seguire i suoi interpreti con diffidenza. Li aiuta, con molta intelligenza. Con i suoi suggerimenti, vedremo quasi certamente una Miranda nella sua più vera luce. (Mario Gromo)
  • La rivelazione del film [La signora di tutti] è Isa Miranda. [...] La sua espressione, la sua figura, piena di terribile, miserevole e stanca stupefazione, hanno molto contribuito a spiegare la natura del carattere della protagonista, che ne aveva veramente bisogno. (Sandro De Feo)
  • Negli occhi dell'Isa Miranda [...] c'era la malinconia di un mondo in crisi, la grigia esistenza di un proletariato di periferia, la miseria che ha carattere per lottare e, anche nella sconfitta, non perde la speranza. (Enzo Biagi)
  • Una grande interprete, alla quale mancarono le occasioni fortunate. Più importante, certo, di molte delle «dive» attuali, che non recitano con la faccia. (Enzo Biagi)
  • [Nella Signora di tutti] una memorabile I. Miranda, in bilico tra Greta Garbo e Marlene Dietrich. (il Morandini)

Note[modifica]

  1. Citato in Elena Mosconi, «Per vivere nei tuoi sogni ti guardo dormire». Vita letteraria di un’attrice, arabeschi.it, 13 gennaio 2019.
  2. Citato in Zoe Mori, Certezze e progetti d'Isa Miranda, La cinematografia italiana rivista settimanale, pag. 4, 1 dicembre 1945.
  3. a b Citato in Oriana Fallaci, Intervista con il mito, Rizzoli, 2010. ISBN 0870675931.

Filmografia[modifica]

Altri progetti[modifica]