Quo vadis? (miniserie televisiva)

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.
Jump to navigation Jump to search

Quo vadis?

Miniserie TV

Questa voce non contiene l'immagine della fiction televisiva. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Quo Vadis?

Lingua originale inglese
Paese Italia, Spagna, Svizzera, Francia, Regno Unito
Anno

1985

Genere drammatico
Episodi 6
Regia Franco Rossi
Soggetto Henryk Sienkiewicz (romanzo)
Sceneggiatura Ennio De Concini, Francesco Scardamaglia, Franco Rossi
Rete televisiva Rai 1
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Quo vadis?, miniserie televisiva del 1985, regia di Franco Rossi.

Incipit[modifica]

Anno decimo dell'Impero di Nerone.
Caio Petronio a Marco Vinicio.
Carissimo nipote, la tua ultima lettera mi annuncia finalmente il tuo ritorno. Spero che tre anni di guerra non ti abbiano cambiato troppo.
Preparati a ritrovare una Roma diversa. Nerone ha allontanato Seneca, cerca di governare da solo. Si vive come sospesi, la gente ha paura.
Àuguri e indovini scoprono ovunque i segni del fato. Qualcosa di spaventoso, dicono, sta per accadere, perché Roma ha perso il favore degli dèi. (Petronio)

Episodio 1[modifica]

  • Balbillo: Altre comete sono apparse nel cielo, e sempre l'influsso dell'astro ha provocato rovina ai potenti. Essa indica un mutamento di regno.
    Nerone: Mutamento di regno?
    Balbillo: Sì, stella cometa significa mutamento di regno.
  • Nerone è come Roma: è tutto e l'esatto contrario di tutto. (Petronio)
  • Gli dèi hanno nomi diversi, ma uno soltanto è il nome del Dio. Se scopri quel nome, l'amore cambierà la tua vita. (Oracolo del dio Mopso) [a Marco]
  • Io non ho altro Dio che me stesso. (Nerone)

Episodio 2[modifica]

  • Petronio: Poter disporre totalmente di una donna amata non è sopportabile per un uomo che abbia un minimo di sensibilità. Poter fare di qualcuno quello che si vuole sembra il massimo della libertà, ma invece c'è quasi qualcosa... qualcosa che... qualcosa di minaccioso in tutto questo.
    Eunice: Se una donna ama un uomo, fa tutto quello che lui vuole.
    Petronio: Forse l'amore ha bisogno di limiti. Bisogna che qualcosa ti sfugga sempre, per poterla cercare. O forse no. Appena provi a spiegarlo, l'amore diventa un sentimento banale.

Episodio 3[modifica]

  • Ho scoperto che la paura è la forma di tortura più efficace. (Petronio)

Altri progetti[modifica]