Seme

Da Wikiquote, aforismi e citazioni in libertà.

Citazioni sul seme (in tutte le accezioni del termine e su semina, seminatore e seminare)

Seminatore (Van Gogh)
  • Avete seminato molto, ma avete raccolto poco; avete mangiato, ma non da togliervi la fame; avete bevuto, ma non fino a inebriarvi; vi siete vestiti, ma non vi siete riscaldati; l'operaio ha avuto il salario, ma per metterlo in un sacchetto forato. Così dice il Signore degli eserciti: Riflettete bene al vostro comportamento! Salite sul monte, portate legname, ricostruite la mia casa. (Bibbia)
  • Chi guarda ai venti non semina. (Isacco di Ninive)
  • D'uman seme sii concetto | putulente sta soietto: | si ben te vide del deritto, | non hai donne te essaltare. (Jacopone da Todi)
  • Dopo aver santificato le vostre anime con l'obbedienza alla verità, per amarvi sinceramente come fratelli, amatevi intensamente di vero cuore, gli uni gli altri, essendo stati rigenerati non da un seme corruttibile ma immortale, cioè dalla parole di Dio viva ed eterna. (Prima lettera di San Pietro)
  • Due persone possono andare d'accordissimo, parlare di tutto ed essere vicine. Ma le loro anime sono come fiori, ciascuno ha la sua radice in un determinato posto e nessuno può avvicinarsi troppo all'altro senza abbandonare la sua radice, cosa peraltro impossibile. I fiori effondano il loro profumo e spargono il loro seme perché vorrebbero avvicinarsi, ma il fiore non può fare niente perché il seme giunga nel posto giusto; tocca al vento che va e viene come vuole. (Hermann Hesse)
  • Il mezzo può essere paragonato a un seme, il fine a un albero; e tra mezzo e fine vi è esattamente lo stesso inviolabile nesso che c'è tra seme e albero. (Gandhi)
  • Il regno di Dio è come un uomo che getta il seme nella terra; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce; come, egli stesso non lo sa. Poiché la terra produce spontaneamente, prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga. Quando il frutto è pronto, subito si mette mano alla falce, perché è venuta la mietitura. (Gesù)
  • Il sangue dei martiri è il seme della Chiesa. (Tertulliano)
  • Impara nella semina, insegna nel raccolto, ed in inverno godi. (William Blake)
  • Inverno. Come un seme il mio animo ha bisogno del lavoro nascosto di questa stagione. (Giuseppe Ungaretti)
  • L'odio senza desiderio di vendetta è un seme caduto sul granito. (Honoré de Balzac)
  • Ling Tan alzò il capo. Nella risaia in cui stava con l'acqua fino alle ginocchia udì risuonare la voce alta e squillante di sua moglie. Perché mai la donna doveva chiamarlo ora a mezzo il pomeriggio, quando non era né ora di mangiare né ora di dormire? All'estremità più lontana della risaia i suoi due figli erano curvi sull'acqua, entrambi col braccio destro immerso contemporaneamente sì da parere le braccia di un sol uomo mentre piantavano i semi del riso. (Pearl S. Buck)
  • Oh! così questa troppo solida carne potesse fondersi, dimoiare e dissolversi in rugiada: o che l'Eterno non avesse stabilito la sua legge contro l'uccisione di sé! O Dio! o dio! come tediosi, vieti, insipidi e non profittevoli sembrano a me tutti gli usi di questo mondo! Come l'ho a schifo! O schifo! è un giardino non sarchiato che va in seme; piantacce andate in rigoglio e grossolane lo posseggono tutto. Che si dovesse venire a questo! Morto da soli due mesi! anzi, non da tanto, nemmeno due: un re così eccellente: ch'era, rispetto a questo, quel ch'è Iperione a un satiro; così amorevole per mia madre, che non poteva permettere che i venti del cielo visitassero troppo rudemente la sua faccia. (William Shakespeare)
  • Questo grande male... da dove proviene? come ha fatto a contaminare il mondo? Da che seme, da quale radice è cresciuto? Chi ci sta facendo questo? Chi ci sta uccidendo, derubandoci della vita e della luce, beffandoci con la visione di quello che avremmo potuto conoscere? La nostra rovina è di beneficio alla terra, aiuta l'erba crescere, il sole a splendere? Questo buio ha preso anche te? Sei passato per questa notte? (dal film: La sottile linea rossa)
  • Se le persone comuni che si eccitano e appassionatamente si angustiano per le volgari difficoltà della giornata ci strappano un sorriso di compassione, un'anima nella quale fu gettato il seme d'un grande destino e che deve attendere lo sviluppo di questa concezione, senza potere o dovere affrettare la felicità o la infelicità che ne scaturirà, ci ispira venerazione. (Johann Wolfgang von Goethe)
  • Su e giù, va e viene sempre inquieto, | fruga e becca fra gli spini: qua un seme, là una goccia ed una foglia | senza che di mangiare abbia gran voglia, | senza saper se voli o se cammini. | Somiglia alle ragazze più vivaci: | le tieni ferme solo con i baci. (Corrado Govoni)
  • Un nuovo vocabolo è come un seme fresco gettato nel terreno della discussione. (Ludwig Wittgenstein)

Dante Alighieri[modifica]

  • Ahi Pistoia, Pistoia, ché non stanzi | d'incenerarti sì che più non duri, | poi che 'n mal fare il seme tuo avanzi?
  • Considerate la vostra semenza: | fatti non foste a viver come bruti, | ma per seguir virtute e canoscenza.
  • Come d'autunno si levan le foglie | l'una appresso dell'altra, fin che 'l ramo | vede alla terra tutte le sue spoglie, | similmente il mal seme d'Adamo | gittansi di quel lito ad una ad una, | per cenni come augel per suo richiamo.

Johann Wolfgang von Goethe[modifica]

  • Perciò mi son dato alla magìa: chissà che per forza e per bocca di uno spirito qualche segreto non mi possa essere svelato, e ch'io non debba più parlare con sudata fatica di quello che non so, e conosca alfine ciò che nell'intimo tiene insieme il mondo, e veda ogni forza creatrice ed ogni seme, e non cavilli più sulle parole.
  • Se le persone comuni che si eccitano e appassionatamente si angustiano per le volgari difficoltà della giornata ci strappano un sorriso di compassione, un'anima nella quale fu gettato il seme d'un grande destino e che deve attendere lo sviluppo di questa concezione, senza potere o dovere affrettare la felicità o la infelicità che ne scaturirà, ci ispira venerazione.

Proverbi[modifica]

Bergamaschi[modifica]

  • Mèi ès ü gré de pir che ü fic de asen.
È meglio essere un seme di pera [quindi basso] che essere una cacca di asino.

Italiani[modifica]

  • Chi non semina non raccoglie.
  • Chi semina con l'acqua, raccoglie col paniere.
  • Chi semina odio, raccoglie pentimenti.
  • Chi semina zucche, non raccoglierà meloni.
  • Chi semina virtù, fama raccoglie.
  • Chi vuol di avena un granaio la sémini di febbraio.
  • Dove la natura non sparge il seme, invano ha arato l'arte.
  • Le passioni sono come le piante: crescono da piccoli semi.

Toscani[modifica]

  • A San Martino la sementa del poverino.
  • All'apparir degli uccelli non gettar seme in terra.
  • Andare scalzo e seminare fondo, non arricchì giammai persona al mondo.
  • Ara co' buoi e semina con le vacche.
  • Chi assai pone e non custode, assai tribola e poco gode.
  • Chi non semina non ricoglie.
  • Chi semina buon grano, ha poi buon pane; chi semina il lupino, non ha né pan né vino.
  • Chi semina con l'acqua, raccoglie col paniere.
  • Chi semina fave, pispola grano.
  • Chi semina in rompone raccoglie in brontolone.
  • Chi semina nella polvere, faccia i granaj di rovere.
  • Lavora o abborraccia, ma semina finché non diaccia.
  • O molle o asciutto, per San Luca semina.
  • Presto per natura, e tardi per ventura.
  • Quando canta l'Assiolo, contadin semina il fagiolo.
  • Quando mette la querciola, e tu semini la cicerchiola.
  • Tre cose vuole il campo: buon lavoratore, buon seme, buon tempo.
  • Uno semina, e un altro raccoglie.

Altri progetti[modifica]