Al 2020 le opere di un autore italiano morto prima del 1950 sono di pubblico dominio in Italia. PD

Alfonso Maria de' Liguori

From Wikiquote
Jump to navigation Jump to search
Alfonso Maria de' Liguori

Alfonso Maria de' Liguori (1696 – 1787), vescovo cattolico, compositore e santo italiano.

Citazioni di Alfonso Maria de' Liguori[edit]

  • Aspetto, fra giorni, il canonico Roberto che mi porti soccorso; e V. R. mi avvisi quando vuole soccorso, perché il cuore mio sta a Frosinone. (da Lettere)
  • Quanno nascette Ninno a Bettalemme | era nott' e pareva miezojuorno. | Mai le stelle – lustre e belle | se vedetteno accossì; | e 'a cchiù lucente | jett' a chiammà li Magge all'Uriente. || De pressa se scetajeno l'aucielle | cantanno de 'na forma tutta nova; | pe 'nsi agrille – co li strille | e zompanno 'a cca e da llà: | È nato, è nato, | dicevano, lo Dio che 'nce ha creato. || Co tutto ch'era vierno, Ninno bello, | nascetteno a migliara rose e sciure. | Pe 'nsi 'o ffieno sicco e tuosto | che fuje puosto – sotto a te, | se 'nfigliulette | e de frunnelle e sciure se vestette. || A no paese che se chiamma Ngadde | sciuretteno le bigne e ascette l'uva. | Ninno mio sapuritiello, | rappusciello – d'uva si tu | ca tutt'ammore, | faje doce 'a vocca, e po' 'mbriache 'o core. | No nc'erano nemmice per la terra, | la pecora pasceva c' 'o lione; | co 'a crapette – se vedette | 'o liupardo pazzeà; | l'urzo e 'o vitiello, | e co lo lupo 'n pace 'o pecoriello. ... || [...] || Viene, Suonno, da lo cielo, | viene e adduorme sto Nennillo; | pe pietà, ca è peccerillo; | viene, Suonno, e non tardà. | Gioia bella de sto core | vorria suonno arreventare, | doce doce pe te fare | st'uocchie belle addormentà. || Ma si tu p'essere amato | te si fatto bammeniello, | sulo ammore è 'o sunnariello | che dormire te po' fa. | Ment'è chesto può fa nonna, || Pe te st'arma è arza e bona; | t'amo, t'a... Uh! Sta canzona | già l'ha fatto addobbeà | T'amo, Dio – Bello mio; | t'amo, Gioia, t'a... (Pastorale, (1758)[1])

Massime spirituali che dee tenere un cristiano[edit]

  • A che serve guadagnarsi tutto il mondo, e perdere l'anima?
  • Ogni cosa finisce, l'eternità non finisce mai.
  • Si perda tutto e non si perda Dio.
  • Niun peccato, per leggiero che sia, è leggier male.
  • Se vogliamo piacere a Dio, bisogna che neghiamo noi stessi.
  • Quel che si fa per propria soddisfazione, tutto è perduto.
  • Per salvarci, bisogna che sempre temiamo di cadere.
  • Si muoia, e si dia gusto a Dio.
  • Il solo peccato è quel male che deve temersi. Quel che vuole Dio, tutto è buono, e tutto dee volersi.
  • Chi non vuole altro che Dio, sta sempre contento in ogni cosa che accade.
  • Debbo figurarmi, che nel mondo non vi sia altri, che Dio, ed io.
  • Tutto il mondo non può contentare il nostro cuore; solo Dio lo contenta.
  • Tutto il bene consiste nell'amar Iddio. E l'amare Dio consiste nel far la sua volontà.
  • Tutta la nostra ricchezza sta nel pregare. Chi prega ottiene quanto vuole.

Opere Ascetiche[edit]

  • Chi medita spesso i novissimi, cioè la morte, il giudizio e l'eternità dell'inferno e del paradiso, non cadrà in peccato; ma queste verità non si vedono con gli occhi, solamente si vedono colla mente.
  • Grande fu la speranza di S. Francesco di Sales. Stava egli certo che sempre Dio veglia a nostro bene, e perciò si vedea sempre sereno ed intrepido in mezzo 'a maggiori pericoli.
  • Ravviviamo la fede che vi è inferno e paradiso eterno; o l'uno o l'altro ci ha da toccare.

[Alfonso Maria de' Liguori,Opere Ascetiche, Ed. di Storia e Letteratura, 1933 ]

Citazioni su Alfonso Maria de' Liguori[edit]

  • S. Alfonso paragona la vita a un orologio. La vocazione è il perno. Spostate il perno: l'orologio non funziona più. (Natale Ginelli)

Altri progetti[edit]

  1. Citato in Le tradizioni di Natale e il Presepe, serie Monumenti e Miti della Campania Felix- Il Mattino, Pierro, Napoli, 1996, pp. 137-138.